50.876.088
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA GERMANIA SI RIAVVICINA ALLA RUSSIA. IL VICE DELLA MERKEL VOLA A MOSCA E INCONTRA PUTIN: LE SANZIONI DEVONO FINIRE.

giovedì 22 settembre 2016

MOSCA - Il vicecancelliere tedesco Sigmar Gabriel aveva subito mesi fa molte critiche dopo la sua visita in Russia, ovviamente perchè era stata considerata una visita "eretica" rispetto la "dottrina" americana dell'amministrazione Obama che dipinge la Russia come il "principale pericolo" per l'Occidente.

Da allora, nonostante gli attacchi politici in patria, il rapporto tra Germania e Russia e' migliorato e a causa di cio' il ministro e' nuovamente volato a Mosca. L'obiettivo del viaggio, spiega oggi il Der Spiegel, è il riavvicinamento politico ed economico ttra Germania e Russia, in barba alle sanzioni Usa e Ue.

Nell'incontro a Mosca con il presidente Putin, - riferisce il Der Spiegel - si e' parlato del bombardamento dei convogli delle Nazioni Unite in Siria per cui gli Usa accusano la Russia, accusa che il ministro degli Esteri russo ha dimostrato essere palesemente falsa. Ma in realtà, gli altri argomenti di discussione sono stati di carattere economico. Infatti il ministro dell'Economia - che è anche vicecancelliere - si e' recato in Russia con una delegazione di imprenditori. Gli scambi economici fra i due Paesi sono in difficolta' per le sanzioni, su cui il vicecancelliere e' sempre stato morbido, e dichiaratamente contrario.

Apprezzamenti d'amicizia sono stati espressi da Putin, che si e' detto fiducioso circa l'appianamento delle relazioni. "Basandoci su questo potenziale positivo, penso che possiamo trovare soluzioni per tutte le questioni complicate. Piu' si fa in fretta e meglio e'. I nostri amici rimangono amici", ha dichiarato Putin.

Dal canto suo Gabriel aveva dichiarato prima della partenza: "Abbiamo bisogno di un urgente interesse verso la stabilita' politica ed economica in Europa Orientale, Siria e Medio Oriente". Anche Matthias Schepp, direttore della Camera di commercio russo tedesca (AHK) a Mosca ha dichiarato: "le sanzioni sono controproducenti nel lungo periodo".

Secondo un sondaggio tra gli 800 membri del Parlamento tedesco, il 60 per cento chiede la fine delle sanzioni e il 21 per cento il loro alleggerimento. (Ed è "curioso" che questo dato, davvero clamoroso, non sia stato reso noto in Italia... -ndr)

"Buoni gli accordi economici contratti - scrive il Der Spiegel - e potrebbe esserci in discussione anche il progetto di costruzione di una linea ferroviaria ad alta velocita' tra Mosca e Kazan, progetto del valore di non meno di due miliardi di euro.

D'altra parte che la Germania abbia subito danni molto gravi per colpa delle sanzioni, è risaputo. L'export tedesco in Russia si e' dimezzato dal 2012, da 38 è ptrecipitato a meno di 21 miliardi di euro. Il numero di aziende tedesche con una presenza in Russia e' diminuito da circa 6000 a meno di 5500. L'economia tedesca ha temuto di perdere quote di mercato - per esempio, dalla Cina - a causa delle sanzioni. 

Ora, l'iniziativa del numero due del governo Merkel volato a Mosca a chiudere accordi commerciali e a dire a Putin che le sanzioni sono un disastro per la Germania, preannuncia un radicale cambiamento di rotta della politica estera tedesca, anche in vista delle prossime elezioni politiche del 2017, alle quali la Cancelliera Merkel arriverà da perdente, se non farà qualcosa di davvero importante per la Germania tale da provare a bilancire il disastro dell'immigrazione incontrollata di oltre un milione di migranti fatti arrivare nell'estate del 2015 senza aver capito che avrebbero prodotto enormi danni al Paese.

Redazione Milano


LA GERMANIA SI RIAVVICINA ALLA RUSSIA. IL VICE DELLA MERKEL VOLA A MOSCA E INCONTRA PUTIN: LE SANZIONI DEVONO FINIRE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

SIGMAR   GABRIEL   RUSSIA   MOSCA   PUTIN   SANZIONI   DISASTRO   MEKEL   GOVERNO   MIGRANTI   EXPORT   AZIENDE   TEDESCHE   BERLINO   FRONTIERE   GERMANIA   DER   SPIEGEL    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GOVERNO POLACCO: ''LE ENCLAVI MUSULMANE IN EUROPA AGISCONO DA BASI DI SUPPORTO PER I TERRORISTI ISLAMICI''

GOVERNO POLACCO: ''LE ENCLAVI MUSULMANE IN EUROPA AGISCONO DA BASI DI SUPPORTO PER I TERRORISTI

martedì 22 agosto 2017
LONDRA -  "E' ora che l'Europa si svegli e riconosca il problema dello scontro di civilta' causato dal fatto che enclavi musulmane agiscono da basi di supporto per i terroristi". Questa frase
Continua
 
DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI ITALIANI'' L'AMATA UE

DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI

domenica 20 agosto 2017
Siete ancora in vacanza o siete già tornati? Non ci siete andati? Tutto ciò è irrilevante, perchè c'è un gigantesco debito che vi aspetta a settembre sull'uscio di
Continua
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CONTRO LE BUGIE SUL BREXIT DELL'INFORMAZIONE A SENSO UNICO A SINISTRA, I FATTI: HONDA INVESTE 250 MILIONI IN INGHILTERRA

CONTRO LE BUGIE SUL BREXIT DELL'INFORMAZIONE A SENSO UNICO A SINISTRA, I FATTI: HONDA INVESTE 250
Continua

 
FRONT NATIONAL CREA L'ASSOCIAZIONE ''LA MIA CITTA' SENZA IMMIGRATI'' A CUI ADERISCONO SUBITO MOLTI SINDACI (E IN ITALIA?)

FRONT NATIONAL CREA L'ASSOCIAZIONE ''LA MIA CITTA' SENZA IMMIGRATI'' A CUI ADERISCONO SUBITO MOLTI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!