46.418.258
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA RIVOLUZIONE E' INIZIATA: STATI DELL'EST EUROPA SI UNISCONO PER COMBATTERE LA UE COME FECERO CONTRO L'URSS (THE TIMES)

giovedì 8 settembre 2016

LONDRA - "Gli Stati membri ex comunisti dell'Unione Europea - riferisce il quotidiano britannico The Times questa mattina in prima pagina - intendono sfruttare le ripercussioni del Brexit per una rivoluzione contro la Ue volta a bloccare gli accordi impositivi sui migranti e ad affermare il potere dei governi nazionali su quello di Bruxelles".

In sostanza, secondo l'autorevole giornale conservatore britannico, è il ritorno del nazionalismo in Europa come reazione alla minaccia di un sovrapotere - quello della Ue - percepito esattamente come fu il sovrapotere dell'Unione Sovietica sugli stati nazionali dell'Europa dell'est all'epoca della dittatura comunista. Proprio l'aver subito quella dittatura ha creato in questi popoli e questi stati gli anticorpi per identificare immediatamente i segnali di sovrapotere invasivo e restrittivo delle libertà. Questa, la ragione profonda per la "controrivoluzione" descritta oggi dal Times di Londra. 

"Ungheria, Polonia, Repubblica Ceca e Slovacchia, il cosiddetto Gruppo di Visegrad, si confronteranno con gli altri partner Ue a Bratislava la prossima settimana, in un vertice che mettera' in evidenza la distanza tra i paesi di recente appartenenza e i membri storici, impegnati in un progetto basato su frontiere e mercati aperti - prosegue il Times sottolinendo l'idem sentire di queste quattro nazioni".

"Il primo ministro ungherese, Viktor Orban, intende usare il dibattito per spingere l'Ue a spostarsi dal liberismo che ha dato enorme potere ai banchieri della Bce di decidere le sorti degli stati cancellando ogni identità che non sia asservita alla finanza, verso politiche orientate alla preservazione delle identita'storiche, religiose e nazionali".

"La Brexit e' una fantastica opportunita' per noi. Ci troviamo in un momento culturale storico. C'e' la possibilita' di una controrivoluzione culturale - ha dichiarato Orban. - A Bratislava il Gruppo di Visegrad sottolineerà che il voto del Regno Unito ha evidenziato l'ostilità popolare verso un'agenda europea aliena a molte comunità di paesi con storie ed esperienze diverse dell'immigrazione e della globalizzazione".

"L'alleanza centro-orientale si contrappone alle posizioni per ora rappresentate dai governi al potere in Germania, Francia, Italia, in particolare all'imposizione delle quote di rifugiati". Mentre Danimarca, Austria, Spagna, Portogallo, perfino la "socialdemocratica" Svezia hanno ormai posizioni molto critiche sull'immigrazione selvaggia in atto e sulla globalizzazione che prodotto povertà e guerre in tutto il mondo.

"Orban - prosegue il Times - esorta a lottare contro un'immigrazione che elimina le identita' storiche, convinto che solo quelle nazioni che hanno un'identita' storica, religiosa e nazionale sopravviveranno e saranno  forti. I paesi dell'Europa centrale sono contrari anche al piano di esenzione dai visti per l'area Schengen per i cittadini turchi".

" E tra un mese - conclude il Times - in Ungheria si terrà un referendum sul piano delle quote. Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha ammesso che l'Ue deve dare risalto alla stabilità, alla sicurezza e alla protezione prima di rilanciare il suo progetto. Nella riunione della prossima settimana, i vecchi leader Ue, alcuni sommersi dalle scofitte elettorali come Angela Merkel e l'intero governo austriaco, cercheranno di mostrarsi uniti, ma c'e' una profonda crisi. La controrivoluzione di Ungheria e Polonia è una visione potente quanto quella liberista e antinazionalista dei fondatori dell'Ue e, soprattutto, è popolare, diffusa ormai in tutti gli stati della Ue, non solo nei paesi ex comunisti".

Redazione Milano


LA RIVOLUZIONE E' INIZIATA: STATI DELL'EST EUROPA SI UNISCONO PER COMBATTERE LA UE COME FECERO CONTRO L'URSS (THE TIMES)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DATI UFFICIALI DEI FALLIMENTI IN ITALIA NEL 1° TRIMESTRE 2017: SONO TERRIFICANTI, 2 FALLIMENTI OGNI ORA, +36% DAL 2009

DATI UFFICIALI DEI FALLIMENTI IN ITALIA NEL 1° TRIMESTRE 2017: SONO TERRIFICANTI, 2 FALLIMENTI

mercoledì 26 aprile 2017
Fallimenti delle imprese italiane, numeri da spavento. Nei primi tre mesi del 2017 sono state infatti 2.998 le aziende italiane che hanno portato i libri in tribunale, il 16,8% in meno rispetto ad un
Continua
 
IL DIRETTORE DI FRONTEX DENUNCIA - SULLA STAMPA TEDESCA... - I TRAFFICI DELLE MAFIE LIBICHE IN COMBUTTA CON LE ONG

IL DIRETTORE DI FRONTEX DENUNCIA - SULLA STAMPA TEDESCA... - I TRAFFICI DELLE MAFIE LIBICHE IN

mercoledì 26 aprile 2017
I giornali e l'informazione in Italia ignorano la notizia, ma è di una estrema gravità. Così, ecco che per apprenderla bisogna leggere i quotidiani tedeschi, benchè
Continua
PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI DETENZIONE IN FRONTIERA

PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI

lunedì 24 aprile 2017
LONDRA - Nei mesi scorsi l'Ungheria e' stata fortemente criticata per aver creato campi in cui tenere immigrati e richiedenti asilo ma il governo ungherese non si e' fatto intimidire e ha continuato
Continua
 
E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E PIANI CRIMINALI

E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E

venerdì 21 aprile 2017
Le principali ONG impegnate nel traffico di africani verso l'Italia sono: Moas, Jugend Rettet, Stichting Bootvluchting, Médecins sans frontières, Save the children, Proactiva Open Arms,
Continua
FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE OMBRA PANAMENSI.

FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE

venerdì 21 aprile 2017
Gli sbarchi, certo, con i numeri che parlano di "un record senza precedenti" visto che "in poco piu' di 72 ore circa 8mila migranti sono approdati in Sicilia dopo una lunga traversata in mare", ma,
Continua
 
L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI TEMPORANEI (EUROPEI)

L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI

giovedì 20 aprile 2017
Al contrario dell'Italia l'Australia fa di tutto per proteggere i propri confini tant'e' che e' uno dei pochi se non l'unico paese ad essere riuscito a fermare l'arrivo di barconi carichi di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SONDAGGIO IN FRANCIA: MARINE LE PEN CERTAMENTE AL BALLOTTAGGIO, SOCIALISTI SCHIANTATI E SARKOZY RISCHIA IL PROCESSO

SONDAGGIO IN FRANCIA: MARINE LE PEN CERTAMENTE AL BALLOTTAGGIO, SOCIALISTI SCHIANTATI E SARKOZY
Continua

 
AUSTRIA: PUGNO DURO DELL'ESERCITO CONTRO MIGRANTI (DALL'ITALIA). NUOVA LEGGE AUTORIZZA ESPULSIONI IMMEDIATE CON LA FORZA

AUSTRIA: PUGNO DURO DELL'ESERCITO CONTRO MIGRANTI (DALL'ITALIA). NUOVA LEGGE AUTORIZZA ESPULSIONI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!