54.147.069
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SONDAGGIO IN FRANCIA: MARINE LE PEN CERTAMENTE AL BALLOTTAGGIO, SOCIALISTI SCHIANTATI E SARKOZY RISCHIA IL PROCESSO

mercoledì 7 settembre 2016

PARIGI -  Secondo l'ultimo sondaggio realizzato in Francia in vista delle elezioni presidenziali del 2017 dalla societa' di rilevazioni Tns Sofres-One Point per il quotidiano Le Figaro e pubblicato in Francia ieri sera, martedi' 6 settembre, la leader del Front National Marine Le Pen riuscira' facilmente a superare lo scoglio del primo turno confermando la solidita' del suo voto: in quella prima fase delle elezioni, il Front National dominerebbe tutti gli avversari, ad eccezione dell'ex primo ministro conservatore Alain Juppè, sempre ammesso che il variegato e diviso gruppo del centrodestra francese al momento capitanato da Sarkozy lo candidi, cosa improbabile. 

Marine Le Pen viene accreditata nel sondaggio di una forchetta che va dal 26 al 29 per cento delle intenzioni di voto: "Cio' conferma la nostra dinamica di ulteriore crescita" esulta il vice presidente del partito di destra, Florian Philippot.

Marine Le Pen al primo turno batterebbe anche l'ex presidente di destra Nicolas Sarkozy (che si fermerebbe al 27 per cento) e sarebbe sopravanzata solo nel caso che fosse appunto Alain Juppè a vincere le primarie di novembre del partito di centrodestra di potere, erede del gollismo, "I Repubblicani".

Ma questo accadrebbe solo se Sarkozy venisse rinviato a giudizio nell'inchiesta che lo vede indagato con altri del suo partito e del suo staff politico per finanziamenti illeciti e frode fiscale, reati molto gravi in Francia che potrebbero portarlo anche a dover scontare anni di carcere, se fosse condannato.

Tuttavia, il contraccolpo della caduta giudiziaria di Sarkozy si rifletterebbe direttamente sui Repubblicani portandoli fuori gioco senza epr questo avvantaggiare i socialisti, che tutti i sondaggi danno "abbattuti" dalla presidenza Hollande.

Juppeè - con Sarkozy a processo - al primo turno raccoglierebbe teoricamente il 33 per cento dei suffragi, ma grava un'ombra su questa stima che potrebbe anche valere il 10%.

In base al sondaggio le prossime presidenziali saranno in ogni caso una enorme delusione per la sinistra, che non riuscirebbe a raggiungere il secondo turno quale che sia il proprio candidato di punta: le intenzioni di voto accreditate al presidente in carica Francois Hollande (che tuttavia non ha ancora annunciato la propria candidatura) vanno dal 15 ad appena l'11 per cento.

Meglio di lui - si fa per dire, meglio - farebbe Emmanuel Macron, il giovane ex ministro dell'Economia dimessosi la scorsa settimana proprio con l'intenzione, a parere di tutti i commentatori politici, di candidarsi alle presidenziali: ma con intenzioni di voto oscillanti al primo turno tra il 15 ed il 20 per cento, anche Macron verrebbe escluso dal secondo turno e battuto dalla Le Pen e dal candidato dei Repubblicani.

Restando solo nell'ambito degli elettori di sinistra, comunque, secondo il sondaggio Jean-Luc Mèlenchon sarebbe "il miglior candidato di sinistra alle presidenziali 2017" con il 23 per cento dei favori; ma tra gli elettori di tutte le tendenze raccoglierebbe appena dal 10 al 13 per cento dei suffragi.

Quindi, anche se al momento non è chiaro chi effettivamente sfiderà Marine Le Pen al ballottaggio, è viceversa chiarissimo che non sarà un candidato socialista o di sinistra estrema. Il duello elettorale per il nuovo presidente della Repubblica, in Francia si svolgerà tutto a destra. 

Redazione Milano


SONDAGGIO IN FRANCIA: MARINE LE PEN CERTAMENTE AL BALLOTTAGGIO, SOCIALISTI SCHIANTATI E SARKOZY RISCHIA IL PROCESSO




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A PORTARLA ALLO SFACELO

ECCO LA STORIA DELLA BANDA DI BANCHIERI GANGSTER - LEGATI AL PD - CHE HA COMANDATO IN MPS FINO A

martedì 21 novembre 2017
Il vertice del Monte dei Paschi di Siena ha messo in atto "un insieme di attivita' dolose" facendo "di tutto per occultare le operazioni e soprattutto le perdite realizzate". Il direttore generale
Continua
 
PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN CAMBIO? NIENTE!)

PER COPRIRE IL BUCO NEI CONTI UE DELLA BREXIT, L'ITALIA DOVRA' DARE UN MILIARDO L'ANNO IN PIU' (IN

martedì 21 novembre 2017
LONDRA - Tutti coloro che soffrono per le politiche di austerita' imposte dalla UE saranno furiosi di sapere che questa istituzione malefica costa ogni anno 140 miliardi di euro (280mila miliardi
Continua
LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO STIPENDI, AUMENTO TASSE

LA FINLANDIA DI KATAINEN BUCO NERO DELL'EUROZONA PER DISOCCUPAZIONE, CROLLO DEL PIL, TAGLIO

sabato 18 novembre 2017
Il “mitico” commissario della UE Katainen ha alzato per l’ennesima volta il ditino contro l’Italia colpevole di “non fare abbastanza” per abbattere il debito
Continua
 
MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO TUTTO, IN QUESTI ANNI

MICIDIALE STRONCATURA DEI GOVERNI PD E DI RENZI DA PARTE DELLA STAMPA TEDESCA: HANNO SBAGLIATO

mercoledì 15 novembre 2017
BERLINO - L'Italia, vista dai quotidiani tedeschi, è un coacervo di questioni economiche e finanziarie incancrenite e minacciata da elezioni il cui risultato quasi certamente andrà di
Continua
CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL 2040

CLAMOROSO: LE FORZE ARMATE TEDESCHE PREVEDONO CHE LA UE NON REGGERA' A LUNGO, DISSOLUZIONE ENTRO IL

martedì 14 novembre 2017
LONDRA - I membri della nostra classe politica italiana al governo, ovvero il Pd e i suoi sodali, non fanno che ripetere fino alla nausea che il futuro dell'Italia e' all'interno della UE. Ma la UE
Continua
 
DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI MEZZO MILIONE DI AFRICANI

DUE MILIONI DI ITALIANI FUGGITI ALL'ESTERO PER CERCARE LAVORO E I GOVERNI PD HANNO PORTATO QUI

venerdì 10 novembre 2017
Altro che sola fuga di cervelli. C'è un nuovo ciclo di emigrazione italiana in corso, in larga misura frutto della crisi economica, che ha portato all'estero MILIONI di italiani di diverse
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DANIMARCA: FAVOREVOLI ALL'USCITA DALLA UE AL 56% E PER IL DANISH PEOPLE'S PARTY IL PERICOLO NON E' PUTIN E' BRUXELLES!

DANIMARCA: FAVOREVOLI ALL'USCITA DALLA UE AL 56% E PER IL DANISH PEOPLE'S PARTY IL PERICOLO NON E'
Continua

 
LA RIVOLUZIONE E' INIZIATA: STATI DELL'EST EUROPA SI UNISCONO PER COMBATTERE LA UE COME FECERO CONTRO L'URSS (THE TIMES)

LA RIVOLUZIONE E' INIZIATA: STATI DELL'EST EUROPA SI UNISCONO PER COMBATTERE LA UE COME FECERO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!