43.260.730
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
++++++ La Commissione Ue ha inviato all'Italia la lettera con la richiesta di aggiustamento dei conti ++++++

AGOSTO STA PER FINIRE E LA CATASTROFE MPS STA PER ABBATTERSI SU TUTTI I RISPARMIATORI ITALIANI: PRONTA RAPINA DI STATO

lunedì 22 agosto 2016

Mentre  l’Inghilterra celebra il boom di turismo per effetto della Brexit (ma come, non dovevano arrivare le sette piaghe d’Egitto contro la perfida Albione?) e l’Italia celebra un meraviglioso “+0,00%” di crescita di PIL nel secondo trimestre di quest'anno 2016 che invece doveva essere - secondo Renzi - di rilancio e crescita, le manovre sulle banche sembrano passate in secondo piano. Peccato che la bomba MPS sia tutt’altro che disinnescata: l’istituto senese è stato sonoramente bocciato dagli stress test della BCE, tanto che il suo CET 1, in scenario avverso, risulterebbe addirittura negativo.

In suo soccorso è arrivato Atlante 2, che ha manifestato l’intenzione di acquistare gli NPL (crediti marci) di MPS al doppio del valore di mercato pur di alleggerire il bilancio della banca. Tutto risolto? Non proprio: prima di tutto perché non tutti gli invitati a sottoscrivere il capitale di Atlante 2 hanno accettato di entrare, vedasi alla voce casse previdenziali, ed anche le altre banche e compagnie di assicurazioni che hanno deciso di metter mano al portafoglio, l’hanno fatto con cautela, e non è detto che i capitali privati siano sufficienti a rimettere in piedi l’istituto di Rocca Salimbeni, anche perché a fianco degli NPL acquistati da Atlante 2 è previsto pure un aumento di capitale da 5 miliardi di cui si sta occupando JP Morgan.

Una valanga di miliardi euro che, se non arrivassero, porterebbero al bail in di MPS, scatenando a catena quello delle altre banche italiane in bilico, a partire da Unicredit, altra banca che necessita di circa 6 miliardi di euro di aumento di capitale per rafforzarsi (e siamo a 11 sommando solo queste due banche).

Certo, sono cifre decisamente inferiori rispetto ai 19 miliardi che servirebbero a Deutsche Bank per rimettersi in carreggiata, ma non sono nemmeno noccioline, soprattutto visto i paletti posti dalla normativa ue riguardo gli aiuti di stato (paletti voluti dai tedeschi dopo aver sistemato le proprie banche a seguito della crisi del 2008).

Lo stato ha le mani legate e l’ex sindaco di Firenze non ha minimamente l’idea di provare a sbattere i pugni contro gli oligarchi Ue per fare ciò che hanno fatto gli altri stati, lui è tutto concentrato sul pranzo al mare di Ventotene offerto - a spese dei contribuenti italiani - sia al fallimentare Hollande, il più disprezzato presidente che la Francia abbia mai avuto, che alla Merkel, schiantata nei sondaggi tedeschi, per parlottare del nulla, compiacendosi l'un l'altro della catastrofe migranti che hanno tutti e tre assieme, provocato.

In ogni caso, cari lettori, il punto è che il risparmio degli italiani è abbondantemente capiente per appianare i buchi bancari, e i “mercati” ben lo sanno, così come lo sanno gli oligarchi Ue ed entrambi non vedono l’ora di metterci le mani sopra.

Soprattutto è da rimarcare, come ben racconta marketwatch, che “in realtà, l’Italia non ha affatto una crisi bancaria. Ha una crisi valutaria. L’euro ha succhiato la domanda fuori dall’economia e ha ucciso la crescita. Il risultato? Le sofferenze sono salite alle stelle. Ora sta frenando il governo dal salvare il settore finanziario. Il primo ministro Matteo Renzi può nascondere la magagne, ma fino a quando il paese non trova il modo di vivere con l’euro, o una via d’uscita dalla zona euro, nessuno dei suoi problemi sarà risolto.”

Ecco, cari lettori, il problema è proprio questo: potremmo anche riuscire a salvare MPS, potremmo anche riuscire a raddrizzare temporaneamente il sistema bancario nazionale, ma se non si prenderà consapevolezza che la radice dei problemi è la moneta unica, non risolveremo alcun problema.

Il problema è che la moneta unica ha distrutto il tessuto industriale italiano per effetto di un cambio valutario fisso (ricordiamoci che l’euro non è niente di più e niente di meno di un rapporto di cambio fisso tra le valute precedenti) completamente errato e sbilanciato. In un normale sistema economico, il rapporto di cambio di sarebbe ribilanciato tramite le normali dinamiche di cambio, ma essendo questa possibilità interdetta, le problematiche si stanno ripercuotendo sull’intero sistema economico e, ovviamente sulle banche.

Ora, visto che sono state salvate fiori di banche colpevoli di aver bruciato migliaia e migliaia di miliardi in speculazioni assurde, perché non dovrebbero essere salvate le nostre?

Luca Campolongo

Fonti

http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2016/8/10/MPS-Le-manovre-di-amichetti-e-furbetti-sulla-banca-di-Siena/718200/

http://www.6sicuro.it/banca/salvataggio-mps

http://vocidallestero.it/2016/07/23/litalia-non-e-in-crisi-bancaria-e-in-crisi-da-euro/

 

 


AGOSTO STA PER FINIRE E LA CATASTROFE MPS STA PER ABBATTERSI SU TUTTI I RISPARMIATORI ITALIANI: PRONTA RAPINA DI STATO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MPS   UE   DEBITI   RAPINA   RISPARMI   BANCHE   ITALIA   RENZI   GOVERNO   BCE   DEUTSCHE   BANK   JP   MORGAN   EURO   UNICREDIT   BAIL   IN   HOLLANDE   VENTOTENE   MERKEL    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
 
IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione
Continua
IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la
Continua
 
SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo
Continua
L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione
Continua
 
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''PIL PRO CAPITE ITALIANO OGGI PIU' BASSO DEL 1998, QUANDO L'ITALIA DISSE SI' ALL'EURO''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''PIL PRO CAPITE ITALIANO OGGI PIU' BASSO DEL 1998, QUANDO L'ITALIA
Continua

 
MPS PER NON FALLIRE HA DISPERATO BISOGNO DI MILIARDI CASH E L'ITALIA NE HA DATI 50 AL FONDO ''SALVA STATI'': LI RIPRENDA!

MPS PER NON FALLIRE HA DISPERATO BISOGNO DI MILIARDI CASH E L'ITALIA NE HA DATI 50 AL FONDO ''SALVA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua

PRIMO MINISTRO BRITANNICO: ''MODELLO UE INCOMPATIBILE CON LA NOSTRA

17 gennaio - LONDRA - Il modello dell'Ue e delle istituzioni sovranazionali ''non era
Continua

THERESA MAY: ''VIA DAL MERCATO UNICO E DA CORTE DI GIUSTIZIA E

17 gennaio - LONDRA - L'atteso di scorso di Theresa May sulla Brexit è arrivato ed
Continua

TAJANI PUO' FARCELA, DOPO LA CAPRIOLA DEI LIBERALI CHE HANNO

17 gennaio - BRUXELLES - ''Da Grillo a Berlusconi in meno di una settimana'': i
Continua

RUSSIA PRONTA A COOPERARE CON USA, UE E NATO CON RISPETTO RECIPROCO

17 gennaio - MOSCA - La Russia e' pronta a cooperazione con gli Stati Uniti, l'Unione
Continua

SCANDALO MOTORI DIESEL SI ALLARGA ANCHE ALLA RENAULT

16 gennaio - PARIGI - Lo scandalo dei motori diesel ''truccati'' si allarga. Oltre a,
Continua

ISTAT: E' UFFICIALE, 2016 L'ANNO DELLA DEFLAZIONE IN ITALIA (DAL

16 gennaio - Italia in deflazione nel 2016. In media d'anno, i prezzi al consumo
Continua

BORIS JOHNSON: ''BREXIT, TRUMP PER UN ACCORDO RAPIDO CON IL REGNO

16 gennaio - BRUXELLES - ''Una gran bella notizia'': così il ministro degli Esteri
Continua

SETTE CLANDESTINI INDIVIDUATI AD ASTI SU UN TRENO PROVENIENTE DALLA

16 gennaio - ASTI - Sette uomini, cinque algerini e due marocchini, sono stati
Continua
Precedenti »