74.161.764
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA / COSTO MIGRANTI: NEL 2015 LO STATO HA SPESO 3.180.000 EURO IN CONTANTI AL GIORNO, NEL 2016 SARA' IL DOPPIO

giovedì 21 luglio 2016

Mentre gli italiani sono sempre più poveri a causa delle folli politiche degli ultimi tre governi, capitanati da premier infinitamente più attenti ad ubbidire supinamente agli ordini degli oligarchi della Ue in salsa germanica piuttosto che a fare gli interessi dei propri cittadini, scopriamo che i “profughi” che vengono recuperati dalla nostra marina praticamente sulle coste libiche, sono ben coccolati, pasciuti e tutelati.

Gli stessi immigrati che poi si macchiano della maggioranza dei crimini commessi sul nostro suolo.

I dati che andiamo ad analizzare sono forniti direttamente dal ministero degli interni, per cui nessuno può dire che non siano attendibili o non veritieri e sono tratti dal Rapporto sull’accoglienza di migranti e rifugiati in Italia, ottobre 2015.

Secondo tale rapporto, i costi per il solo 2015 dell’accoglienza di questi “profughi” è pari a 1.161.000.000 euro o, tradotto in lire: 2.248.009.470.000, duemila e duecento miliardi del vecchio conio! Se preferite sapere cosa sono costati al giorno in euro, allora si tratta di 3.180.000 euro e spiccioli, tutti prelevati dalle esangui casse dello stato italiano.

La cosa interessante è che secondo lo stesso ministero, solo il 6% di tutti i “profughi” arrivati in Italia nel 2015 ha visto accolta la domanda di rifugiato, un 25% è stato accolto per motivi “umanitari”, un altro 19% per motivi “sussidiari” ed al restante 50% sono state respinte le domande. Ma il governo Renzi è magnanimo - con i soldi dei contribuenti italiani - li sta mantenendo tutti a spese nostre.

Che quello dei “profughi” sia un business appare oltremodo chiaro da come vengono spesi i famosi 35 euro pro capite che lo stato eroga per ciascuno di loro: 13,16 se ne va per “costi per il personale”, 4,3 per “oneri relativi all’adeguamento”, 8,24 per “spese generali per l’assistenza”, 2,15 per “l’integrazione”, 1,31 per le immancabili “consulenze”, 0,3 per i “costi indiretti” e 5,21 per “altre spese”. Un bel calderone dove onlus, coop e associazioni di “volontariato” varie, possono vivere e sguazzare allegramente.

Le circolari ministeriali parlano di 6 mesi per la permanenza nei centri di accoglienza, prorogabili al massimo di altri 6 e di 30 giorni per la valutazione se la domanda di asilo può o meno essere accolta, mentre la permanenza reale invece veleggia tranquillamente sui 18 mesi, con un esborso complessivo a “profugo” di 38.325 euro.

Dicevamo che la maggior parte dei reati è perpetrata da stranieri in Italia: il 33% della popolazione carceraria è fatta di stranieri, a fronte di un 5,8% di extracomunitari sul totale della popolazione. I numeri sono impietosi: stiamo importando criminalità dall’estero. Non solo: non passa giorno che ci siano proteste e sollevazioni da parte dei “profughi” per il cibo non gradito, per la mancanza dei collegamenti internet e di altre frivolezze che a 4.600.000 di italiani sono precluse.

Sì, perché più di quattro milioni e mezzo di italiani vivono in stato di povertà assoluta. Cosa significa vivere in povertà assoluta? Per l’ISTAT, una famiglia di due persone residente in una città del nord è considerata in povertà assoluta se ha meno di 792,63 euro da spendere al mese a valore corrente per l’acquisto di beni e servizi considerati essenziali. E' facile e al tempo stesso orribile osservare che ogni "profugo", ogni migrante, insomma chiunque arrivi dalla Libia o da altrove in Italia "richiedendo asilo" ogni mese incassa tra contante e servizi resi (vitto,alloggio, abiti, wi-fi, tessere telefoniche, perfino sigarette) più di mille euro: 1.050 per la precisione.

Perché ho sempre virgolettato la parola “profughi”? Perché ho bene in mente le immagini di coloro che scappavano dalla guerra del Vietnam, scheletrici ed emaciati, o delle disperate immagini che giungono dall’Africa dove la gente muore di fame, mentre quelli che vedo sbarcare salvati dalla nostra marina sono belli muscolosi, in forma e per la maggior parte maschi. Quei maschi che dovrebbero, di norma, pensare a proteggere le proprie famiglie dal nemico se sono in guerra e non darsela a gambe da codardi lasciando anziani, donne e bambini alla mercè dei nemici.

Non è che, forse, stiamo destinando miliardi di euro ai “bisognosi” sbagliati, che forse dovremmo usare quelle risorse per piani di sviluppo sul territorio africano, senza costringere (ammettendo che lo facciano veramente per disperazione e non per mero calcolo economico) la popolazione a sradicarsi dalla propria terra?

In famiglia abbiamo avuto emigranti in Australia, ed oltre ad aver lasciato il cuore in Italia, quando sono andati nel nuovo continente, non hanno preteso di imporre i propri gusti ed i propri costumi, ma hanno umilmente chiesto “con permesso” e si sono adattati alle regole, agli usi ed ai costumi locali. Ecco, tutto questo non riesco a vederlo in molti dei “profughi” che giungono nel nostro paese.

Luca Campolongo

Fonti:

http://www.lenius.it/quanti-sono-gli-immigrati-in-italia-e-in-europa/

http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/495542/Presenze-costi-strutture-I-numeri-dell-accoglienza-dei-migranti-in-Italia

http://cds.redattoresociale.it/File/Associato/439915.pdf

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/09/19/migranti-un-miliardo-per-laccoglienza-spreco-di-denaro-in-germania-lasilo-e-concesso-in-3-mesi-in-italia-si-arriva-a-18/2041952/

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2016-07-14/istat-italia-record-negativo-quasi-46-milioni-persone-poverta-assoluta-102830.shtml?uuid=ADsK2is

http://www.istat.it/it/prodotti/contenuti-interattivi/calcolatori/soglia-di-poverta

 


INCHIESTA / COSTO MIGRANTI: NEL 2015 LO STATO HA SPESO 3.180.000 EURO IN CONTANTI AL GIORNO, NEL 2016 SARA' IL DOPPIO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

MIGRANTI   COSTO   EURO   SPESE   POVERI   ITALIANI   LIBIA   BARCONI   CLANDESTINI   RESPINTI   RENZI   GOVERNO   BISOGNOSI   AFRICA   EUROPA   UE   MASCHI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
INCHIESTA / L'ALTRA FACCIA DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS: IL TRACOLLO DELL'ECONOMIA A LIVELLO PLANETARIO

INCHIESTA / L'ALTRA FACCIA DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS: IL TRACOLLO DELL'ECONOMIA A LIVELLO

mercoledì 29 gennaio 2020
La Cina e la comunita' internazionale osservano con crescente preoccupazione le ricadute della propagazione del nuovo ceppo di coronavirus sull'economia del paese asiatico, che potrebbe rallentare
Continua
 
''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE CANCELLARE ISRAELE E' ANTISEMITA

''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE

giovedì 16 gennaio 2020
A dieci giorni dalla ricorrenza del Giorno della Memoria in omaggio alle vittime dell'Olocausto, la Lega ha organizzato a Roma il convegno 'Le nuove forme dell'antisemitismo'. A Palazzo Giustiniani,
Continua
UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL BUCO-BREXIT DI 15 MLD/ANNO

UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL

lunedì 13 gennaio 2020
LONDRA - Pochi giorni fa, il parlamento britannico ha approvato a larga maggioranza la legge che stabilisce che la Gran Bretagna lascera' definitivamente l'Unione Europea il 31 Gennaio del 2020. Al
Continua
 
CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI E FORMARE FAMIGLIE

CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI

martedì 7 gennaio 2020
LONDRA - Negli ultimi anni, in diversi Paesi e' aumentato il numero di coloro che sono contrari al libero movimento delle persone all'interno della UE in quanto questa politica ha visto le nazioni
Continua
GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA (CRISI IN ARRIVO)

GOVERNO TEDESCO TRABALLA, CSU PROPONE UN ''RIMPASTO'' SOSTITUENDO INNANZITUTTO IL MINISTRO

martedì 7 gennaio 2020
BERLINO - In vista delle elezioni che si terranno in Germania nel 2021, e' necessario "un rimpasto e un ringiovanimento" del governo federale, attualmente formato dalla Grande coalizione tra Unione
Continua
 
EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA, GOVERNICCHIO CONTE S'AFFLOSCIA

EUROZONA IN GINOCCHIO NEL 2020, DECOLLA CON LA BREXIT IL REGNO UNITO, MOLTO BENE GLI USA,

giovedì 2 gennaio 2020
Il dodici dicembre 2019 - archiviato molto in fretta dalla solita stampa serva ue italiana -  sarà festeggiato negli anni a venire come il giorno del trionfo della democrazia sulle elites
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BAIL IN DELLE BANCHE ITALIANE CANCELLERA' 31 MILIARDI DI EURO DI RISPARMI: LA COMMISSIONE UE NON VUOLE ALTRE SOLUZIONI

BAIL IN DELLE BANCHE ITALIANE CANCELLERA' 31 MILIARDI DI EURO DI RISPARMI: LA COMMISSIONE UE NON
Continua

 
IL GOVERNO RENZI VUOLE SPENDERE I SOLDI DEI FONDI PENSIONE PRIVATI PER SALVARE LA BANCA DEL PD FALLITA. QUALE? MPS.

IL GOVERNO RENZI VUOLE SPENDERE I SOLDI DEI FONDI PENSIONE PRIVATI PER SALVARE LA BANCA DEL PD
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

MEGA BOOM DELL'OCCUPAZIONE IN GRAN BRETAGNA GRAZIE ALLA BREXIT

18 febbraio - LONDRA - L'economia britannica ha creato posti di lavoro a un ritmo
Continua

542 MALATI DI CORONAVIRUS SULLA NAVE DA CROCIERA DIAMOND PRINCESS

18 febbraio - Altre 88 persone a bordo della nave da crociera Diamond Princess,
Continua

BENETTON PROVANO A VENDERE AUTOSTRADE PER L'ITALIA (CAUSE

17 febbraio - ''Fonti ben informate e vicine al dossier confermano che la famiglia
Continua

SECONDO IL PD, LA MAGGIORANZA VA ''STABILIZZATA'' ALLARGANDOLA

17 febbraio - ''Il ragionamento di Bettini, alias Zingaretti, secondo cui la
Continua

CINA: GOVERNO DECIDE CHE TUTTI I PEDAGGI NELL'INTERA RETE VIARIA

17 febbraio - PECHINO - Il governo cinese deve essersi reso conto che l'epidemia di
Continua

UN ITALIANO MALATO TRA I PASSEGGERI EVACUATI DALLA DIAMOND PRINCESS

17 febbraio - Un italiano che si trovava a bordo della Diamond Princess, la nave
Continua

EPIDEMIA CORONAVIRUS DILAGA SULLA NAVE DIAMOND PRINCESS: 454 MALATI

17 febbraio - TOKYO - I test hanno accertato altri 99 contagiati sulla nave da
Continua

SALVINI: VOGLIONO CANCELLARE I DECRETI SICUREZZA. PAZZESCO.

17 febbraio - ''Pazzesco. Con tutti i problemi che ci sono in Italia qual e' la loro
Continua

BMW CHIUDE TRE FABBRICHE IN CINA PER COLPA DEL CORONAVIRUS

30 gennaio - Bmw sta chiudendo tre delle sue fabbriche nella città cinese di
Continua

GERMANIA: IMPENNATA CLAMOROSA DELLA DISOCCUPAZIONE: +200.000 A

30 gennaio - Il numero di disoccupati in Germania è aumentato di quasi 200.000 a
Continua

ANCHE EGYPT AIR BLOCCA TUTTI I VOLI DA E PER LA CINA DAL 1°

30 gennaio - IL CAIRO - La compagnia di bandiera egiziana EGYPT Air ha annunciato la
Continua

ANCHE AIR FRANCE FERMA I VOLI DA E PER LA CINA

30 gennaio - PARIGI - Dopo British Airways e Lufthansa, anche la compagnia di
Continua

AGGIORNAMENTO DALLA CINA: 7.711 MALATI CORONAVIRUS, 170 MORTI 1.370

30 gennaio - I contagi da coronavirus sono 7.711 e si registrano 1.370 casi in
Continua

BLOCCATA A CIVITAVECCHIA NAVE MSC CON 7.000 PERSONE A BORDO: SI

30 gennaio - Una nave da crociera MSC è bloccata a Civitavecchia a causa della
Continua

RUSSIA CHIUDE TUTTE LE FRONTIERE TERRESTRI CON LA CINA. BLOCCATO

30 gennaio - MOSCA - La Russia ha deciso di chiudere i confini con la Cina a causa
Continua

COMPAGNIA AEREA LUFTHANSA INTERROMPE A TEMPO INDETERMINATO VOLI

29 gennaio - La compagnia aerea tedesca Lufthansa ha annunciato la cancellazione di
Continua

VIROLOGO BURIONI: MORTALITA' CORONAVIRUS SIMILE ALLA SPAGNOLA DEL

29 gennaio - La mortalità del coronavirus cinese ''non è bassa, circa il 2%, ed è
Continua

BRITANNICI RIMPATRIATI DALLA CINA IN QUARANTENA IN BASE MILITARE

29 gennaio - LONDRA - Sono circa duecento i cittadini britannici che il governo di
Continua

MELONI: GRAZIE A PLASTIC E SUGAR TAX MESSE DA PD&M5S COCA COLA VA

16 gennaio - ''Grazie alla plastic tax e alla sugar tax lo storico impianto Coca Cola
Continua

MARINE LE PEN ANNUNCIA LA CANDIDATURA ALLE PRESIDENZIALI DEL 2022

16 gennaio - PARIGI - Marine Le Pen, presidente del Rassemblement National (erede
Continua
Precedenti »