42.333.396
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA DOMANDA FONDAMENTALE E': A CHI GIOVA L'EURO? E LA RISPOSTA E': NON CERTO ALL'ITALIA (WASHINGTON POST IN PRIMA PAGINA)

giovedì 14 luglio 2016

WASHINGTON - "La crisi europea di cui il Brexit e' stato catalizzatore - avverte Matt O'Brien sul quotidiano Washington Post - attraversa una fase di calma apparente: i mercati stanno rimbalzando, i timori si stanno dissipando e alcuni si chiedono addirittura se il Regno Unito finira' davvero per lasciare l'Unione. Ma la nuova premier britannica, Theresa May, afferma oggi che Brexit significa Brexit, benchè sia ben noto che la sua posizione era contraria all'uscita del paese dall'Ue". 

"Illudersi però che con questo i problemi europei siano risolti - specie quelli finanziari - sarebbe un gravissimo errore. Vada come vada, il referendum britannico ha dimostrato che l'Europa non ha fatto abbastanza per impedire alla politica di disgregarla. Gli investitori lo hanno compreso benissimo - scrive O'Brien - e lo stesso hanno fatto i cittadini. Diversi paesi europei si candidano a ripetere il colpo assestato all'Unione dal Brexit, dunque, e tra questi figura soprattutto l'Italia".

"L'Italia - contina l'articolo del Washington Post di oggi - non perche' nel paese sia gia' numericamente maggioritaria una forza politica espressamente euroscettica, quanto per la commistione di gravi problemi economici, finanziari e politici che si profilano all'orizzonte e rischiano di gettare il paese in una gravissima crisi"

"E' ormai noto che il voto referendario britannico abbia assestato un duro colpo non al Regno Unito ma all'Italia: ed e' proprio quest'ultima il luogo dove la battaglia per l'euro, l'Unione Europea e forse persino gli Stati Uniti d'Europa non sara' vinta, ma potrebbe benissimo essere persa, a prescindere dall'andamento dell'indice americano Standard & Poor's 500 che sicuramente mostra al momento un buon andamento dei mercati globali".

"La domanda fondamentale da porsi - scrive in prim pagina uno dei più letti ed autorevoli quotidiani americani - è: a chi giova l'euro? E la risposta è: non certo all'Italia. A dimostrarlo sono anzitutto le banche italiane, che pure oggi dipendono dalla Bce per la loro liquidità, come del resto il paese ne dipende per garantire la sostenibilità del proprio debito pubblico. Il modello di business delle  banche italiane non funziona in un contesto in cui i creditori devono pagare interessi risibili. Le banche italiane hanno perso moltissimi soldi a causa della crisi - il 17 per cento dei loro crediti e' deteriorato - e non sembrano avere molti strumenti a disposizione per recuperarli".

"Allo stato attuale delle cose - scrive il Washington Post - l'unica buona notizia e' che la bancarotta dell'Italia e' un processo cosi' graduale da non costituire un problema nell'immediato, e forse nemmeno nel prossimo futuro". Sarebbe lecito immaginare, in un paese dal debito pubblico elevato come quello italiano, che la posizione dell'Europa contraria al salvataggio delle banche a spese dei contribuenti sia politicamente popolare. In Italia, pero', le cose stanno altrimenti. Il perche' e' presto detto: i titolari delle obbligazioni bancarie che sarebbero chiamati a partecipare alle perdite degli istituti di credito sono spesso piccoli e medi risparmiatori, che con le loro banche hanno da decenni un rapporto di fiducia spesso tradito".

"Il caso di Banca Etruria, con il suicidio di un pensionato che ha perso i propri risparmi, ha dato al governo Renzi un'idea ben chiara delle conseguenze politiche del Bail-in, ed e' per questo che il governo italiano e' deciso ad evitare a tutti i costi uno scenario analogo per le maggiori banche del paese. L'Unione europea attraversa un frangente estremamente problematico. E in Italia come altrove, i problemi economici e finanziari hanno effetti politici ben rappresentati dall'ascesa di partiti euroscettici o anti-establishment, come il Movimento 5 Stelle. L'Europa è un luogo dove tutto, anche il fatto più paradossale, è possibile. I paesi come l'Italia non faranno il necessario per lasciare l'euro, perche' cio' probabilmente danneggerebbe nell'immediato le loro economie. Ma l'Unione europea non fara' il necessario per invogliarli a restare, perche' cio' significherebbe violare i suoi contraddittori regolamenti".

"L'Unione europea e in special modo l'eurozona scontano insomma un paradossale stallo tra economia e politica: ma tale precario equilibrio potrebbe cambiare molto presto, se al potere in uno o piu' Stati già a partire da questo autunno in Austria, salissero forze nazionaliste. Le forze politiche contrarie all'Unione europea e all'euro, allora - conclude l'editorialista O'Brien - avranno la loro vendetta". 

Redazione Milano


LA DOMANDA FONDAMENTALE E': A CHI GIOVA L'EURO? E LA RISPOSTA E': NON CERTO ALL'ITALIA (WASHINGTON POST IN PRIMA PAGINA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

WASHINGTON   POST   STAMPA   AMERICANA   USA   EURO   UE   BANCHE   DIFFICOLTA'   BAIL IN   RENZI   ETRURIA   SUICIDIO   GOVERNO   NAZIONALISTE   M5S   BREXIT   LONDRA   BRUXELLES    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CONTINUA IL BOOM ECONOMICO BRITANNICO, INDICI DELLO SVILUPPO DELLE IMPRESE SALGONO COME MAI PRIMA D'ORA. E' BREXIT BOOM

CONTINUA IL BOOM ECONOMICO BRITANNICO, INDICI DELLO SVILUPPO DELLE IMPRESE SALGONO COME MAI PRIMA

mercoledì 7 dicembre 2016
LONDRA - La verità detta con tre parole è: mai così bene. A sentire i sostenitori della UE la vittoria del Brexit avrebbe causato alla Gran Bretagna poverta' e recessione ma
Continua
 
NAZIONALIZZARE, SALVARE E RIVENDERE MPS, CARIGE, BANCHE VENETE, BANCA ETRURIA & SORELLE E' UN GRANDE AFFARE PER L'ITALIA

NAZIONALIZZARE, SALVARE E RIVENDERE MPS, CARIGE, BANCHE VENETE, BANCA ETRURIA & SORELLE E' UN

martedì 6 dicembre 2016
Ricordate le previsioni degli analisti “qualificati” prima del referendum qualora avesse vinto  il NO? Crollo della borsa, spread alle stelle, siccità, carestia, morte dei
Continua
L'INTERVISTA / ROBERTO MARONI: PERSONALMENTE, VORREI TORNASSE IL MATTARELLUM, UN'OTTIMA LEGGE ELETTORALE MAGGIORITARIA

L'INTERVISTA / ROBERTO MARONI: PERSONALMENTE, VORREI TORNASSE IL MATTARELLUM, UN'OTTIMA LEGGE

lunedì 5 dicembre 2016
Abbiamo cercato al telefono Roberto Maroni, Governatore della Lombardia e figura di primissimo piano della Lega, per chiedergli qual è la sua idea, la sua proposta, per la nuova legge
Continua
 
DIMISSIONI? SOLO DI FACCIATA: LA CERCHIA RENZIANA DEL PD CONFERMA CHE IL CAPO VUOLE RESTARE AL POTERE, DIMISSIONI BUFALA

DIMISSIONI? SOLO DI FACCIATA: LA CERCHIA RENZIANA DEL PD CONFERMA CHE IL CAPO VUOLE RESTARE AL

lunedì 5 dicembre 2016
ROMA -  Da stentare a crederci, eppure è quanto rilanciano le agenzie:"Resta in campo e dara' battaglia. Di fatto questo referendum si e' trasformato in una vera e propria elezione
Continua
IL PARLAMENTO SLOVACCO APPROVA A LARGHISSIMA MAGGIORANZA UNA LEGGE CHE DI FATTO VIETA L'ISLAM E LE SUE ORGANIZZAZIONI

IL PARLAMENTO SLOVACCO APPROVA A LARGHISSIMA MAGGIORANZA UNA LEGGE CHE DI FATTO VIETA L'ISLAM E LE

lunedì 5 dicembre 2016
LONDRA - Alcuni mesi fa la Slovacchia ha attratto molte critiche per aver rifiutato di accettare rifugiati di religioni musulmane ma se qualcuno pensa che il governo abbia fatto dietrofront si
Continua
 
LA VITTORIA DEL NO CONSEGNA ALLE FORZE CHE L'HANNO OTTENUTA L'ONORE DI CAMBIARE L'ITALIA, NON LA COSTITUZIONE! CORAGGIO!

LA VITTORIA DEL NO CONSEGNA ALLE FORZE CHE L'HANNO OTTENUTA L'ONORE DI CAMBIARE L'ITALIA, NON LA

lunedì 5 dicembre 2016
E' l'alba di una nuova stagione per l'Italia. E non è l'inverno, che arriva. Noi di questo giornale abbiamo combattuto contro l'arroganza, l'ignoranza, e la stupidità di un ormai ex
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CLAMOROSO: LA SINISTRA TEDESCA (DIE LINKE, CHE GOVERNA LANDER) PROPONE IL REFERENDUM PER FAR USCIRE LA GERMANIA DALLA UE

CLAMOROSO: LA SINISTRA TEDESCA (DIE LINKE, CHE GOVERNA LANDER) PROPONE IL REFERENDUM PER FAR USCIRE
Continua

 
APOCALISSE A NIZZA: TERRORISTA ISLAMICO COMPIE UNA STRAGE SULLA PROMENADE, 84 MORTI E DECINE DI FERITI.

APOCALISSE A NIZZA: TERRORISTA ISLAMICO COMPIE UNA STRAGE SULLA PROMENADE, 84 MORTI E DECINE DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SALVINI: ''IL FANTASMA DI GENTILONI COME PREMIER?''

10 dicembre - MILANO - ''Il fantasma Gentiloni come Premier? Uno che ha ingoiato ogni
Continua

SARDEGNA, LA GIUNTA REGIONALE VA IN PEZZI, TRAVOLTA DAL COLOSSALE

7 dicembre - CAGLIARI - Il Pd si sgretola in Sardegna. ''L'assessora regionale
Continua

IL TESORO SBUGIARDA (BUFALA) DELLA STAMPA DI TORINO: NIENTE FONDO

7 dicembre - ''Smentiamo che sia in preparazione una richiesta di prestiti al Fondo
Continua

LA LEGA CHIEDE UFFICIALMENTE CHE LA CORTE COSTITUZIONALE ANTICIPI

6 dicembre - ROMA - PARLAMENTO - La Lega - riunita con il segretario Matteo Salvini -
Continua

RENZI HA NOMINATO LA COMANDANTE DEI VIGILI DI FIRENZE ''CONSIGLIERE

6 dicembre - Nonostante il crollo del governo, ha una sorta di assicurazione a vita
Continua

CORTE COSTITUZIONALE: UDIENZA SU ITALICUM IL 24 GENNAIO (ADDIO

6 dicembre - La Corte costituzionale ha fissato per l'udienza del 24 gennaio 2017 la
Continua

SALVINI: ANDIAMO A COSTRUIRE UNA GRANDE ALLEANZA PER SCONFIGGERE

6 dicembre - ''Con Forza Italia ci sono stati contatti positivi. Noi andiamo a
Continua

''EFFETTO SCHIANTO RENZI'' COME ''EFFETTO BREXIT'': LA BORSA VOLA,

6 dicembre - MILANO - BORSA - Ora si può parlare apertamente di ''effetto Renzi''
Continua

LO SPREAD NON CRESCE, AL CONTRARIO CROLLA: OGGI A 158 PUNTI (1,92%)

6 dicembre - Altro sbugiardamento delle ''fosche previsioni'' dei soliti ''analisti''
Continua

LA MERKEL: ANCHE IN PROFUGHI VERRANNO RISPEDITI A CASA LORO (IN

6 dicembre - BERLINO - ''Non tutti'' i profughi entrati in Germania potranno
Continua
Precedenti »