43.275.404
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA DOMANDA FONDAMENTALE E': A CHI GIOVA L'EURO? E LA RISPOSTA E': NON CERTO ALL'ITALIA (WASHINGTON POST IN PRIMA PAGINA)

giovedì 14 luglio 2016

WASHINGTON - "La crisi europea di cui il Brexit e' stato catalizzatore - avverte Matt O'Brien sul quotidiano Washington Post - attraversa una fase di calma apparente: i mercati stanno rimbalzando, i timori si stanno dissipando e alcuni si chiedono addirittura se il Regno Unito finira' davvero per lasciare l'Unione. Ma la nuova premier britannica, Theresa May, afferma oggi che Brexit significa Brexit, benchè sia ben noto che la sua posizione era contraria all'uscita del paese dall'Ue". 

"Illudersi però che con questo i problemi europei siano risolti - specie quelli finanziari - sarebbe un gravissimo errore. Vada come vada, il referendum britannico ha dimostrato che l'Europa non ha fatto abbastanza per impedire alla politica di disgregarla. Gli investitori lo hanno compreso benissimo - scrive O'Brien - e lo stesso hanno fatto i cittadini. Diversi paesi europei si candidano a ripetere il colpo assestato all'Unione dal Brexit, dunque, e tra questi figura soprattutto l'Italia".

"L'Italia - contina l'articolo del Washington Post di oggi - non perche' nel paese sia gia' numericamente maggioritaria una forza politica espressamente euroscettica, quanto per la commistione di gravi problemi economici, finanziari e politici che si profilano all'orizzonte e rischiano di gettare il paese in una gravissima crisi"

"E' ormai noto che il voto referendario britannico abbia assestato un duro colpo non al Regno Unito ma all'Italia: ed e' proprio quest'ultima il luogo dove la battaglia per l'euro, l'Unione Europea e forse persino gli Stati Uniti d'Europa non sara' vinta, ma potrebbe benissimo essere persa, a prescindere dall'andamento dell'indice americano Standard & Poor's 500 che sicuramente mostra al momento un buon andamento dei mercati globali".

"La domanda fondamentale da porsi - scrive in prim pagina uno dei più letti ed autorevoli quotidiani americani - è: a chi giova l'euro? E la risposta è: non certo all'Italia. A dimostrarlo sono anzitutto le banche italiane, che pure oggi dipendono dalla Bce per la loro liquidità, come del resto il paese ne dipende per garantire la sostenibilità del proprio debito pubblico. Il modello di business delle  banche italiane non funziona in un contesto in cui i creditori devono pagare interessi risibili. Le banche italiane hanno perso moltissimi soldi a causa della crisi - il 17 per cento dei loro crediti e' deteriorato - e non sembrano avere molti strumenti a disposizione per recuperarli".

"Allo stato attuale delle cose - scrive il Washington Post - l'unica buona notizia e' che la bancarotta dell'Italia e' un processo cosi' graduale da non costituire un problema nell'immediato, e forse nemmeno nel prossimo futuro". Sarebbe lecito immaginare, in un paese dal debito pubblico elevato come quello italiano, che la posizione dell'Europa contraria al salvataggio delle banche a spese dei contribuenti sia politicamente popolare. In Italia, pero', le cose stanno altrimenti. Il perche' e' presto detto: i titolari delle obbligazioni bancarie che sarebbero chiamati a partecipare alle perdite degli istituti di credito sono spesso piccoli e medi risparmiatori, che con le loro banche hanno da decenni un rapporto di fiducia spesso tradito".

"Il caso di Banca Etruria, con il suicidio di un pensionato che ha perso i propri risparmi, ha dato al governo Renzi un'idea ben chiara delle conseguenze politiche del Bail-in, ed e' per questo che il governo italiano e' deciso ad evitare a tutti i costi uno scenario analogo per le maggiori banche del paese. L'Unione europea attraversa un frangente estremamente problematico. E in Italia come altrove, i problemi economici e finanziari hanno effetti politici ben rappresentati dall'ascesa di partiti euroscettici o anti-establishment, come il Movimento 5 Stelle. L'Europa è un luogo dove tutto, anche il fatto più paradossale, è possibile. I paesi come l'Italia non faranno il necessario per lasciare l'euro, perche' cio' probabilmente danneggerebbe nell'immediato le loro economie. Ma l'Unione europea non fara' il necessario per invogliarli a restare, perche' cio' significherebbe violare i suoi contraddittori regolamenti".

"L'Unione europea e in special modo l'eurozona scontano insomma un paradossale stallo tra economia e politica: ma tale precario equilibrio potrebbe cambiare molto presto, se al potere in uno o piu' Stati già a partire da questo autunno in Austria, salissero forze nazionaliste. Le forze politiche contrarie all'Unione europea e all'euro, allora - conclude l'editorialista O'Brien - avranno la loro vendetta". 

Redazione Milano


LA DOMANDA FONDAMENTALE E': A CHI GIOVA L'EURO? E LA RISPOSTA E': NON CERTO ALL'ITALIA (WASHINGTON POST IN PRIMA PAGINA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

WASHINGTON   POST   STAMPA   AMERICANA   USA   EURO   UE   BANCHE   DIFFICOLTA'   BAIL IN   RENZI   ETRURIA   SUICIDIO   GOVERNO   NAZIONALISTE   M5S   BREXIT   LONDRA   BRUXELLES    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
 
IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione
Continua
IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la
Continua
 
SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo
Continua
L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione
Continua
 
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CLAMOROSO: LA SINISTRA TEDESCA (DIE LINKE, CHE GOVERNA LANDER) PROPONE IL REFERENDUM PER FAR USCIRE LA GERMANIA DALLA UE

CLAMOROSO: LA SINISTRA TEDESCA (DIE LINKE, CHE GOVERNA LANDER) PROPONE IL REFERENDUM PER FAR USCIRE
Continua

 
APOCALISSE A NIZZA: TERRORISTA ISLAMICO COMPIE UNA STRAGE SULLA PROMENADE, 84 MORTI E DECINE DI FERITI.

APOCALISSE A NIZZA: TERRORISTA ISLAMICO COMPIE UNA STRAGE SULLA PROMENADE, 84 MORTI E DECINE DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua

PRIMO MINISTRO BRITANNICO: ''MODELLO UE INCOMPATIBILE CON LA NOSTRA

17 gennaio - LONDRA - Il modello dell'Ue e delle istituzioni sovranazionali ''non era
Continua

THERESA MAY: ''VIA DAL MERCATO UNICO E DA CORTE DI GIUSTIZIA E

17 gennaio - LONDRA - L'atteso di scorso di Theresa May sulla Brexit è arrivato ed
Continua

TAJANI PUO' FARCELA, DOPO LA CAPRIOLA DEI LIBERALI CHE HANNO

17 gennaio - BRUXELLES - ''Da Grillo a Berlusconi in meno di una settimana'': i
Continua

RUSSIA PRONTA A COOPERARE CON USA, UE E NATO CON RISPETTO RECIPROCO

17 gennaio - MOSCA - La Russia e' pronta a cooperazione con gli Stati Uniti, l'Unione
Continua

SCANDALO MOTORI DIESEL SI ALLARGA ANCHE ALLA RENAULT

16 gennaio - PARIGI - Lo scandalo dei motori diesel ''truccati'' si allarga. Oltre a,
Continua

ISTAT: E' UFFICIALE, 2016 L'ANNO DELLA DEFLAZIONE IN ITALIA (DAL

16 gennaio - Italia in deflazione nel 2016. In media d'anno, i prezzi al consumo
Continua

BORIS JOHNSON: ''BREXIT, TRUMP PER UN ACCORDO RAPIDO CON IL REGNO

16 gennaio - BRUXELLES - ''Una gran bella notizia'': così il ministro degli Esteri
Continua
Precedenti »