43.342.685
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ECONOMIST: ''COL BAIL I RISPARMIATORI ITALIANI PERDERANNO 200 MILIARDI, RENZI CADRA' E CON LUI CADRANNO EURO E UE''

venerdì 8 luglio 2016

LONDRA - La crisi bancaria italiana e' il tema di copertina dell'ultimo numero del settimanale britannico The Economist, una delle principali testate d'informazione finanziaria al mondo.

"Gli investitori sono straordinariamente nervosi dopo il voto del Regno Unito per l'uscita dall'Unione Europea, che pero' - secondo l'autorevole periodico - non spiega tutto il malessere attuale. L'Italia e' la quarta potenza economica europea e una delle piu' deboli, con un debito pubblico del 135 per cento del prodotto interno lordo, un tasso di occupazione degli adulti superiore solo a quello della Grecia, una crescita stagnante soffocata dall'eccesso di regolamentazione e dalla scarsa produttivita' e sofferenze bancarie per 360 miliardi di euro".

Questa, la descrizione dell'Italia presentata dall'Economist, letto da tutta l'alta finanza modiale.

"Non sorprende che gli investitori siano fuggiti: i titoli azionari delle grandi banche si sono quasi dimezzati da aprile; la preoccupazione piu' immediata riguarda la solvibilita' di Monte dei Paschi di Siena. Per le sue dimensioni il caos bancario italiano e' pericoloso - prosegue l'Economist -.  E' inoltre un esempio dei mali che affliggono l'area dell'euro: la tensione tra le regole di Bruxelles e le esigenze delle politiche nazionali e il conflitto tra creditori e debitori: entrambi sono la conseguenza di riforme finanziarie incomplete".

Incomplete perchè la Germania non vuole accettare la garanzia dei conti correnti di tutta la zona euro, pensando di dover ripianare con i propri soldi i dissesti altrui, ora che c'è il bail in. Prima, ha ripianato i propri, di dissesti, con quasi 300 miliardi di euro di soldi pubblici e prima ancora, ha salvato le sue banche dal tracollo greco usando il Fondo di salvataggio bancario Ue finanziato anche dall'Italia con oltre 40 miliardi di euro, ma questo l'Economist non lo scrive.

"L'Italia ha bisogno di una grande e audace pulizia del sistema bancario - continua l'articolo -. Coi capitali privati in fuga e il fondo salva-banche quasi esaurito, cio' richiedera' un'iniezione di denaro pubblico. Le nuove regole dell'eurozona, pero', escludono bail-out a spese degli stati prima che gli obbligazionisti si siano fatti carico delle perdite. Il principio del bail-in, non far pagare il conto ai contribuenti, e' giusto. Nella maggior parte dei paesi le obbligazioni bancarie sono detenute da grandi investitori istituzionali che conoscono i rischi e possono affrontare le perdite, ma in Italia obbligazioni bancarie per circa 200 miliardi di euro sono detenute da investitori al dettaglio. Costringere questi obbligazionisti a subire le perdite danneggerebbe gravemente il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, dissolvendo la sua speranza di una vittoria nel referendum costituzionale d'autunno".

L'Economist ha il pregio, in questo caso, dire quello che Matteo Renzi si rifiuta di rendere pubblico: se verrà applicato il bail in alle banche italiane, gli italiani verranno letteralmente rapinati di 200 miliardi di euro di risparmi, una cifra mostruosa che getterebbe l'intera popolazione italiana sul lastrico.

"La politica, pero', gioca un ruolo anche nei paesi creditori. La Germania sostiene giustamente che l'Italia e' responsabile dei suoi problemi: e' stata imperdonabilmente lenta nell'affrontarli, forse perche' le sue banche regionali sono strettamente legate alla politica locale. L'indulgenza verso l'Italia potrebbe avere un costo politico per la Germania, dove si votera' l'anno prossimo. Ma la pressione dei mercati sulle banche italiane non si allentera' finche' non sara' recuperata la fiducia e cio' non avverra' senza fondi pubblici"

"Se le regole del bail-in saranno applicate rigidamente, il grido dei risparmiatori nuocera' gravemente alla fiducia in Renzi e aprira' le porte al Movimento 5 stelle, che attribuisce i problemi economici del paese all'euro (non solo l'M5S, anche la Lega di Salvini è sulle medesime posizioni). Crescera' la sensazione che l'Italia trae scarso beneficio dall'unione monetaria, mentre soffre per i suoi vincoli. Se gli italiani perdessero la fiducia nell'euro - sentenzia l'Economist - la moneta unica non sopravviverebbe".

"Non giova seguire le regole alla lettera, se cio' porta alla fine della moneta unica. Quindi la risposta giusta e' consentire al governo italiano di iniettare nelle banche vulnerabili abbastanza denaro da sedare i timori di una crisi sistemica. Questo salvataggio dovrebbe avvenire a condizione che una riforma del sistema costringa i piccoli istituti a fondersi. La direttiva sul bail-in, inoltre, dovrebbe essere modificata per offrire uno scudo agli investitori retail che gia' detengono obbligazioni bancarie. Una lezione del Brexit - conclude il settimanale - e' che sorvolare sulle preoccupazioni degli elettori non e' una strategia sostenibile. L'architettura finanziaria farraginosa dell'area dell'euro lo fa due volte, scansando le paure dei paesi creditori come di quelli debitori. Non funzionera' per sempre". 

Redazione Milano.


L'ECONOMIST: ''COL BAIL I RISPARMIATORI ITALIANI PERDERANNO 200 MILIARDI, RENZI CADRA' E CON LUI CADRANNO EURO E UE''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ECONOMIST   UE   EURO   ITALIA   BAIL IN   GERMANIA   MPS   BANCHE   SALVATAGGIO   FONDI   DENARO   STATO   M5S    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
VIRGINIA RAGGI HA PRESENTATO OGGI LA GIUNTA CINQUE STELLE DEL COMUNE DI ROMA (NEANCHE UN POLITICO TRA DI LORO)

VIRGINIA RAGGI HA PRESENTATO OGGI LA GIUNTA CINQUE STELLE DEL COMUNE DI ROMA (NEANCHE UN POLITICO
Continua

 
LA SVIZZERA RESPINGE A CENTINAIA AL GIORNO ORDE DI MIGRANTI AFRICANI CHE ENTRANO ILLEGALMENTE DALLA FRONTIERA ITALIANA

LA SVIZZERA RESPINGE A CENTINAIA AL GIORNO ORDE DI MIGRANTI AFRICANI CHE ENTRANO ILLEGALMENTE DALLA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

E IL GOVERNO LA CHIAMA ''RIPRESA'': RALLENTERA' LA CRESCITA DEI

20 gennaio - Rallenta la crescita dei consumi delle famiglie, che si stabilizzerà
Continua

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua
Precedenti »