63.335.156
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

WALL STREET JOURNAL: ''HILLARY CLINTON NELLA LISTA DEI MENO RICERCATI DALL'FBI...'' (E INTANTO IL SUO CONSENSO PRECIPITA)

mercoledì 6 luglio 2016

Ieri sera, in Italia la notizia è stata presentata dai maggiori telegiornali come una definitiva assoluzione di Hillary Clinton da parte dell'Fbi, invece è vero l'esatto contrario: "La democratica Hillary Clinton, candidata del suo partito alla presidenza Usa, ha violato la legge dirottando la corrispondenza ufficiale ad un server di posta elettronica privato durante il suo mandato quadriennale da segretario di Stato".

Queste sono state le esatte parole pronunciate ieri dal direttore dell'Fbi, James Comey, nel corso della attesissima audizione pubblica di ieri.

"Al termine di accurate indagini durate diversi anni, per stabilire se e come segreti di Stato e informazioni confidenziali siano stati dirottati verso il server privato di Clinton, l'Fbi ha raccolto prove di potenziali violazioni degli statuti riguardanti la gestione delle informazioni classificate" ha aggiunto.

L'agenzia d'investigazione federale, pero', non raccomanda alcuna imputazione penale a carico della politica democratica, che vede cosi' sollevarsi una spada di Damocle dalla sua campagna per la Casa Bianca, ma per la Clinton, che ha inaugurato una settimana di campagna elettorale a bordo dell'Air Force One del presidente Obama, la vittoria è soltanto formale, perchè nella sostanza tutti gli americani hanno capito che è colpevole.

Nel corso della sua audizione, infatti, Comey ha smantellato l'intera linea difensiva dell'ex segretaria di Stato, e l'ha accusata di aver adottato una condotta "estremamente sconsiderata".

Lo scorso marzo 2015, e di nuovo pochi giorni fa, Clinton aveva affermato di non aver "mai inviato informazioni confidenziali a nessuno via e-mail". Comey ha parlato invece di uno scambio di informazioni riservate tramite server privati tra la Clinton, i suoi collaboratori e personale esterno al dipartimento di Stato, pur ammettendo che l'Fbi non puo' stabilire con certezza se tale fuga di informazioni sia stata volontaria: solo per questa ragione, Comey non ha raccomandato alcuna incriminazione.

La Clinton, inoltre, ha consegnato spontaneamente alle autorita' federali circa 30 mila mail tra quelle dirottate sul suo server privato, circa la meta' del totale, tra l'altro, e tra queste, 110 contenevano informazioni riservate, e circa 2 mila sono state poi riconosciute come classificate dagli investigatori dell'Fbi.

E non basta: l'Fbi ha rinvenuto almeno una mail contenente segreti di Stato e due mail confidenziali tra quelle che la Clinton ha rifiutato di consegnare alle autorita', oltre a migliaia di mail "ufficiali" che la Democratica aveva invece "etichettato" come personali.

La Clinton ha assicurato in piu' occasioni che il suo server di posta elettronica privato non e' mai stato bersaglio di attacchi informatici, ma il direttore dell'Fbi ha spiegato ieri che e' praticamente impossibile stabilire se tali attacchi siano avvenuti o meno.

Il direttore dell'Fbi, inoltre, ha confermato che l'indagine a carico di Clinton aveva rilevanza penale, e non era un semplice controllo di sicurezza, come affermato invece dalla diretta interessata e dalla sua campagna elettorale.

Queste incongruenze, e una serie di altre bugie elencate dal "Washington Post", dimostrano, secondo il quotidiano, che il caso e' assai piu' grave di quanto sinora ipotizzato, a prescindere dalla mancata richiesta di una incriminazione.

Dello stesso parere anche il "Wall Street Journal", che sarcasticamente titola: "Clinton nella lista dei meno ricercati dell'Fbi".

Secondo il quotidiano finanziario, l'audizione pubblica del direttore dell'Fbi segna una sconfitta per lo stato di Diritto; a provarlo sarebbero le stesse parole di Comey, che ieri ha affermato: "Non voglio negare che in circostanze simili, una persona che avesse tenuto la stessa condotta non avrebbe subito sanzioni di sicurezza o amministrative".

"Dalle stesse dichiarazioni di Comey - accusa il Wall Street Journal -  emerge un doppio standard: uno per il candidato democratico alla presidenza, e un altro per la gente comune. Non sorprende che così tanti elettori ritengano Washington un covo di corruttori". 

Intanto, tutti i sondaggi negli Stati Uniti concordano nel mostrare un tracollo verticale del consenso per la candidata democratica, che oggi raccoglie solo il 25% del favore dell'elettorato, contro un dato quasi doppio dello sfidante repubblicano Donald Trump, che si attesta in una forbice tra il 38 e il 43%.

Redazione Milano


WALL STREET JOURNAL: ''HILLARY CLINTON NELLA LISTA DEI MENO RICERCATI DALL'FBI...'' (E INTANTO IL SUO CONSENSO PRECIPITA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CLINTON   HILLARY   BUGIARDA   INCAPACE   COLPEVOLE   PENALE   INDAGINE   FBI   MAIL   SICUREZZA   NAZIONALE   SEGRETI   STATO   WASHINGTON   POST   WALL   STREET   JOURNAL   COMEY   OBAMA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI POPOLI E ALLE AUTONOMIE''

GOVERNATORE DELLA LOMBARDIA FONTANA: ''BISOGNA CERCARE DI CAMBIARE L'EUROPA: PIU' ATTENZIONE AI

mercoledì 19 settembre 2018
MILANO - Autonomie locali ed Europa è stato il tema al centro del convegno 'A glocal vision for the future of Europe', summit organizzato dall'Ecr , l'European conservatives & reformist
Continua
 
RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO COMBINATO DA MIO PADRE

RAGAZZA PAKISTANA (CHE VIVE E HA STUDIATO IN ITALIA) CHIEDE AIUTO DAL PAKISTAN: NO AL MATRIMONIO

martedì 18 settembre 2018
MILANO - L'assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia, Riccardo De Corato, in una nota commenta la notizia di una ragazza pachistana, che ha inviato una lettera alla
Continua
NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO VINO MARSALA CINESE

NELLA BLACK LIST DI PRODOTTI CINESI COLPITI DA DAZI VOLUTI DAL PRESIDENTE TRUMP C'E' ANCHE FALSO

martedì 18 settembre 2018
I dazi imposti dal presidente Trump alla Cina fanno emergere la concorrenza sleale, oltre che la pessima qualità dei prodotti, messa in atto dal gigante asiatico anche ai danni dell'Italia.
Continua
 
SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA (LIBERO GIA' DOMANI?)

SPACCIATORE DEL BANGLADESH ARRESTATO PER STRADA A ROMA MENTRE VENDE LE TREMENDE PASTIGLIE DI YABA

lunedì 17 settembre 2018
ROMA - Un 31enne del Bangladesh, senza fissa dimora e con precedenti, è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione Roma Quadraro perché sorpreso in via Labico, pronto a spacciare
Continua
QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO PAESI A RICOSTRUIRLI''

QUEL ''LEGHISTA'' DEL DALAI LAMA: ''L'EUROPA APPARTIENE AGLI EUROPEI, I RIFUGIATI TORNINO NEI LORO

lunedì 17 settembre 2018
LONDRA - L'Europa appartiene agli europei e tutti i rifugiati dovrebbero ritornare ai loro paesi per ricostruirli. Questo e' cio' che pensano tutte le persone di buonsenso, ma la vera sorpresa sta
Continua
 
SALVINI: I VALORI VERI NON SONO LA FINANZA, MA IL DIRITTO ALLA VITA AL  LAVORO ALLA SICUREZZA, ALLA CONCRETA FELICITA'

SALVINI: I VALORI VERI NON SONO LA FINANZA, MA IL DIRITTO ALLA VITA AL LAVORO ALLA SICUREZZA, ALLA

domenica 16 settembre 2018
"Hanno capito che il loro tempo e' finito, stanno tornando i valori veri che non sono la finanza ma il diritto alla vita, al lavoro, alla sicurezza alla felicita' ad avere piedi piantati per terra.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CECA FAVOREVOLE A INDIRE IL REFERENDUM PER LASCIARE LA UE: 75% DEI CITTADINI PER L'USCITA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CECA FAVOREVOLE A INDIRE IL REFERENDUM PER LASCIARE LA UE: 75% DEI
Continua

 
IL PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA STIGLITZ: ''SI PARLA DI PRESUNTI VANTAGGI DELL'IMMIGRAZIONE, MA PER L'EUROPA NON E' VERO''

IL PREMIO NOBEL PER L'ECONOMIA STIGLITZ: ''SI PARLA DI PRESUNTI VANTAGGI DELL'IMMIGRAZIONE, MA PER
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

UNGHERIA: L'ONU DIFFONDE BUGIE SULL'UNGHERIA NON SAREMO MAI UN

19 settembre - GINEVRA - Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto ha accusato
Continua

WALL STREET JOURNAL: ''FACEBOOK DA ANNI ACCEDE A INFORMAZIONI

19 settembre - NEW YORK - Si preannuncia uno scandalo enorme, che potrebbe portare il
Continua

COORDINATORE DELLA LEGA NORD SARDEGNA: ATTENTATO PER UCCIDERMI

19 settembre - SASSARI - ''Volevano uccidermi. In giornata presentero' un esposto alla
Continua

MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO: ''LAVORIAMO PER ABOLIRE IL

19 settembre - ''Stiamo lavorando all'abolizione del superticket (la tassa di 10 euro
Continua

ESPLOSIONE NELLA NOTTE IN UNO STABILE DOVE RISIEDONO 24

19 settembre - VERONA - E' un passante l'unico ferito in modo non grave dell'esplosione
Continua

L'OLANDA SI ''ACCORGE'' DELL'INVASIONE AFRICANA DELLA UE... (E

19 settembre - AMSTERDAM - Il ministro dell'Interno olandese, Mark Harbers, ha scritto
Continua

L'UNGHERIA SI RIBELLA E RIGETTA LA CONDANNA UE: ACCUSE INGIUSTE E

18 settembre - BUDAPEST - L'Ungheria si ribella all'aggressione Ue. Il Parlamento
Continua

LE MONDE SI ACCORGE CHE MARINE LE PEN POTREBBE VINCERE LE ELEZIONI

18 settembre - Sottovalutare il peso politico della presidente del Rassemblement
Continua

SALVINI: EFFICACE PRIMO UTILIZZO DEL TASER. COMPLIMENTI ALLE FORZE

18 settembre - Primo utilizzo del Taser. È successo ieri sera a Reggio Emilia, quando
Continua

VERTICE DI SALISBURGO SUI MIGRANTI SARA' L'ENNESIMO BUCO NELL'ACQUA

18 settembre - BRUXELLES - Al vertice di Salisburgo il premier Giuseppe Conte
Continua
Precedenti »