43.314.890
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA GERMANIA VIETA ALL'ITALIA DI SALVARE LE BANCHE CON 40 MILIARDI PUBBLICI, MA NE HA SPESI 259 PER LE SUE, DI BANCHE

martedì 5 luglio 2016

Germania batte Italia 10 a 1. No, non si tratta di una futile, inutile partitella tra 22 ragazzotti viziati, ma della percentuale di PIL usata dalle rispettive nazioni per salvare le proprie banche.

Sì, cari lettori, la Germania, la paladina dell’austerità, del bail in (paghino i cittadini, i risparmiatori, non gli stati), dell’assoluto rigore e divieto di aiuti statali alle banche, nel periodo 2008-2012 ha usato la bellezza di 259 miliardi di denaro pubblico per salvare le proprie banche, contro i 15 dell’Italia.

Una volta sistemata la pattumiera interna, i tedeschi, Schauble in testa, si sono fatti promotori del bail in e della linea dura contro le banche in dissesto. Ennesima dimostrazione, se mai ve ne fosse bisogno, del fatto che la Germania è un po’ più uguale delle altre nazioni all’interno della ue ed è libera di fare i propri interessi a danno di tutti gli altri.

Non ci credete? Bene: all’inizio della crisi greca, lo stato italiano era esposto verso il paese ellenico per 1,9 miliardi; a febbraio 2015 la cifra era lievitata a 40! Il motivo? Semplice: gli aiuti dati dagli stati della ue alla Grecia sono serviti a quest’ultima a ripianare l’esposizione che i cittadini greci avevano verso le banche tedesche.

Alla luce del rigore e dell’austerità, se una banca presta i propri soldi alla persona sbagliata, ci rimette lei ed i suoi soci, per il mondo crucco, invece, devono pagare gli stati “vassalli”. Cito testualmente da un articolo di Carlo Clericetti: “Ecco dunque il capolavoro tedesco: distribuire a tutti gli altri europei i problemi delle loro banche (e di quelle francesi) pretendendo poi che il disastro che ne è derivato sia colpa di tutti gli altri tranne che loro. E riuscendo a far passare l’idea che la successiva crisi dei debiti pubblici non sia stata provocata dalla gestione del problema greco – dissennata da un punto di vista generale, ma perfettamente funzionale ai loro interessi – ma dal fatto che gli altri paesi dovevano fare “i compiti a casa””. In poche parole è sintetizzata la politica predatoria della Germania a danno di tutte le altre nazioni (con un occhio di riguardo per la Francia, sia mai che poi si tiri troppo la corda) ed il naturale sbocco del Regno Unito verso la Brexit. D’altra parte, dei 240 miliardi di euro dati alla Grecia, 160 sono finiti agli istituti tedeschi e, in parte francesi, e solo 46 per abbattere il debito pubblico ellenico!

Il punto è che il sistema bancario tedesco è quanto di più opaco esista al mondo: il 90% del sistema creditizio tedesco è composto da piccole banche che sfuggono, per precisa volontà del governo federale che ha sempre rifiutato qualsiasi ingerenza al riguardo, al controllo della BCE e la cui situazione patrimoniale è decisamente drammatica. Basti pensare che solo 6 landensbanken rientrano nella vigilanza della BCE e nessuna sparkassen. Un vero e proprio territorio di nessuno in cui gli aiuti di stato più o meno mascherati, la fanno da padrona. D’altra parte le landensbanken sono partecipate ampiamente dai lander, l’equivalente delle nostre regioni per cui possiamo dire che sono direttamente sotto il controllo (e l’ombrello) pubblico.

Se questo poi non bastasse, in certi casi la commissione ue è di larghe vedute nel considerare “non” aiuti di stato interventi di salvataggio in terra tedesca, come nel caso della HSH Nordbank.

A questo dobbiamo aggiungere la mina vagante di Deutsche Bank, più volte definita dalla stampa economica come la “più seria minaccia all’economia globale”. E  non potrebbe essere altrimenti dato che ha in pancia derivati pari a 20 volte il pil tedesco. E non può certo dirsi una coincidenza che dopo l’ennesimo, pesante, allarme su Deutsche Bank, i “falchi” rigoristi germanici si siano subito scagliati contro le banche italiane e contro qualsiasi possibilità di salvataggio che non passi dalla troika (i cui scandalosi e fallimentari risultati sono sotto gli occhi di tutti, in Grecia) o dall’azzeramento dei risparmi dei cittadini italiani.

Ora siamo alla prova del nove: il premier non eletto può finalmente far vedere di essere un politico a dispetto di tutte le gaffes e le menzogne raccontate fino ad ora, intervenendo a sostegno del sistema bancario italiano attraverso la mano pubblica ed infischiandosene dei grugniti provenienti da Berlino e Bruxelles, oppure confermare l’idea di essere un mero burattino nelle mani delle oligarchie nordiche e far arrivare gli elicotteri della troika in Italia per spolpare quel poco che è rimasto di aziende e risparmi dei cittadini.

Noi speriamo nella prima soluzione, ma siamo quasi certi che assisteremo alla seconda, e questo significherà la fine del nostro paese e, soprattutto, dei suoi cittadini, mentre la Germania, dall’alto dei suoi intrallazzi, delle sue truffe (ricordatevi sempre lo scandalo Volkswagen), delle sue banche marce e putride, potrà brindare sul cadavere del più pericoloso concorrente per le sue aziende.

Luca Campolongo

Fonti

http://www.ilgiornale.it/news/economia/salvataggio-nascosto-delle-banche-tedesche-1076311.html

http://it.ibtimes.com/banche-e-aiuti-di-stato-perche-la-germania-e-piu-uguale-degli-altri-1427714#

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2016-01-05/salvare-banche-tedesche-e-costato-7percento-pil-080353.shtml?uuid=ACcIoK4B

http://formiche.net/2016/05/08/germania-banche-salvataggi/

http://clericetti.blogautore.repubblica.it/2015/02/10/quanto-ci-e-costato-salvare-le-banche-tedesche/


LA GERMANIA VIETA ALL'ITALIA DI SALVARE LE BANCHE CON 40 MILIARDI PUBBLICI, MA NE HA SPESI 259 PER LE SUE, DI BANCHE




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione
Continua
 
IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'FBI INTERROGA HILLARY CLINTON E LE SUE QUOTAZIONI PRECIPITANO: SOLO IL 31% HA FIDUCIA IN LEI, CONTRO IL 56% PER TRUMP

L'FBI INTERROGA HILLARY CLINTON E LE SUE QUOTAZIONI PRECIPITANO: SOLO IL 31% HA FIDUCIA IN LEI,
Continua

 
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CECA FAVOREVOLE A INDIRE IL REFERENDUM PER LASCIARE LA UE: 75% DEI CITTADINI PER L'USCITA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CECA FAVOREVOLE A INDIRE IL REFERENDUM PER LASCIARE LA UE: 75% DEI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua

THERESA MAY: ''MEGLIO NESSUN ACCORDO CON LA UE CHE UN CATTIVO

17 gennaio - LONDRA - La Gran Bretagna lascerebbe l'Ue senza un accordo commerciale
Continua
Precedenti »