43.419.080
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ROYAL BANK OF SCOTLAND: ''O L'ITALIA VIOLA LE REGOLE UE SULLE BANCHE O LE LASCIA FALLIRE IN MASSA ALTRO NON C'E' DA FARE''

venerdì 1 luglio 2016

NEW YORK - Da almeno otto mesi, scrivono Edward Robinson, Sonia Sirletti e Tom Beardsworth su "Businessweek", un quesito riecheggia nelle stanze del potere di Roma, Bruxelles e Francoforte: "Come gestire la delicata situazione del settore bancario italiano?".

"Gravati da 360 miliardi di crediti deteriorati e dagli strascichi di una gravissima recessione economica cui e' seguita una ripresa anemica, gli istituti di credito italiani sono progressivamente scivolati verso lo stesso tipo di crisi cui altri paesi europei hanno fatto fronte anni fa".

"A differenza di allora, pero', - prosegue l'articolo di Businessweek - il governo italiano deve misurarsi con un quadro di norme e regolamenti comunitari assai piu' stringente e gravoso, che proibisce, tra le altre cose, interventi diretti dello Stato a sostegno delle banche. L'ultimo tentativo di Roma di invertire la tendenza - il fondo di garanzia Atlante, finanziato dalle stesa banche italiane e a dalla Casa depositi e prestiti per soccorrere gli istituti in maggiore difficolta' - non e' riuscito a convincere gli investitori".

"Di fronte all'ulteriore scossone impresso al settore bancario nazionale dal referendum sulla Brexit, il governo italiano ha avanzato una serie di ipotesi, inclusa quella di un intervento diretto dello Stato tramite l'emissione di debito pubblico per 40 miliardi di euro. Si tratta di una mossa disperata, da parte di un paese gravato da un enorme debito pubblico; ma anche dell'unica alternativa possibile al fallimento degli istituti di credito in difficolta', le cui perdite, in virtu' del bail-in approvato dai paesi europei, dovrebbero essere ripianate dai correntisti, da tutti gli obbligazionisti, e da tutti gli azionisti".

"La Germania, pero', ha gia' messo le mani avanti, ribadendo la propria opposizione a qualunque intervento esterno al perimetro dei regolamenti comunitari. Alcuni analisti, pero', ritengono che Bruxelles dovrebbe rassegnarsi a concedere un'eccezione. L'Ue deve isolare gli effetti dell'uscita del Regno Unito dall'Unione europea e assicurarsi che non si tramutino in una crisi sistemica - avverte Brunello Rosa, managing director di Roubini Global Economics, societa' di consulenza con sede a New York citato nell'articolo".

"Se non lo fara', lo scenario peggiore sarebbe l'aumento dell'incertezza a livelli intollerabili e la diffusione della frustrazione politica attraverso la Ue - sostiene Rosa -. Le gravi difficolta' del sistema bancario italiano pesano dunque come un'ipoteca non solo sull'immediato futuro del paese, ma anche e soprattutto su quello dell'intero progetto europeo".

"Ma autorizzare un intervento diretto dello Stato italiano a sostegno delle banche e' una decisione tutt'altro che semplice - come sottolineano gli autori dell'editoriale -. Un salvataggio bancario italiano evocherebbe i peggiori frangenti della crisi del 2008 e 2009, quando i governi su entrambe le sponde dell'Atlantico furono costretti a salvare i loro sistemi finanziari attingendo alle finanze pubbliche. Sarebbe anche un duro colpo ai tentativi dell'Ue di tutelare i contribuenti dalle sbandate del mondo finanziario".

"Di fronte alle obiezioni della cancelliera tedesca Merkel, il premier italiano Matteo Renzi pare aver fatto un passo indietro - afferma Businessweek -. Non abbiamo mai chiesto di cambiare le regole, ha puntualizzato. Anche Carlo Messina, l'ad di Intesa Sanpaolo, una delle banche meglio capitalizzate in Italia, e' contrario a qualunque forma di soccorso pubblico alle banche, come ha dichiarato in un intervista al quotidiano tedesco Boersen-Zeitung".

"Il governo italiano sta valutando il da farsi con la Commissione europea. Il presunto piano da 40 miliardi potrebbe assumere la forma di obbligazioni convertibili subordinate, o di un nuovo fondo Atlante pubblico "dal calibro di un bazooka", partecipato ancora una volta dalla Cdp.

Secondo Howard Davies, presidente di Royal Bank of Scotland Group Plc, "qualunque sia il piano studiato dal governo italiano, quasi certamente le banche italiane avranno bisogno di iniezioni di capitale da parte di qualche entita' di Stato. Quel che e' certo, conclude l'editoriale, e' che "quanto tentato sinora dall'Italia non ha funzionato. La soluzione ideale non esiste: si tratta di abbandonare alcune banche al loro destino, o di violare le regole europee recentemente approvate; in entrambi i casi, l'Italia pare giocarsi l'ultima possibilita' di evitare la crisi".

Nella serata di ieri, la Commissione europea ha concesso all'Italia di costituire un fondo di "garanzia" da 150 miliardi di euro che verrebbe usato solo in caso di "necessità" per garantire le obbligazioni emesse da banche in difficoltà di liquidità. Nel contempo, il bail in è stato sospeso fino al 31 dicembre 2016.

Si tratta, comunque, di un provvedimento estremo che non ha tranquillizzato i mercati finanziari dell'eurozona a tanto meno ha fatto risalire il valore delle azioni in Borsa. 


ROYAL BANK OF SCOTLAND: ''O L'ITALIA VIOLA LE REGOLE UE SULLE BANCHE O LE LASCIA FALLIRE IN MASSA ALTRO NON C'E' DA FARE''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BANCHE   ITALIANE   FALLIMENTO   UE   COMMISSIONE   BREXIT   BUSINESSWEEK   RENZI   CAPITALI   BAIL IN   ROYAL   BANK   SCOTLAND   INTESA   SANPAOLO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

lunedì 23 gennaio 2017
Donald Trump? "Sono abbastanza ottimista, sembra un moderato". Vladimir Putin? "In politica estera e' quello che dice le cose piu' sensate". Dal settimanale francese Le Journal du Dimanche Beppe
Continua
 
SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO

lunedì 23 gennaio 2017
Mentre i giudici della Consulta preparano le loro toghe in vista della seduta di domani, nasce un  asse tra Lega e Movimento cinque stelle sulla legge elettorale. Tanto Beppe Grillo quanto
Continua
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
 
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
 
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NOTIZIA CENSURATA IN ITALIA: IN SLOVACCHIA E' INIZIATA LA RACCOLTA FIRME PER IL REFERENDUM PER L'USCITA DALLA UE

NOTIZIA CENSURATA IN ITALIA: IN SLOVACCHIA E' INIZIATA LA RACCOLTA FIRME PER IL REFERENDUM PER
Continua

 
LA CORTE COSTITUZIONALE D'AUSTRIA HA ANNULLATO IL BALLOTTAGGIO! SI RIVOTERA' PER HOFER O PER IL VERDE VAN DER BELLEN

LA CORTE COSTITUZIONALE D'AUSTRIA HA ANNULLATO IL BALLOTTAGGIO! SI RIVOTERA' PER HOFER O PER IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!