44.300.079
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

ALLA RUSSIA FA BENE IL BREXIT: ORA E' DIVENTATA UN ''PARADISO PER GLI INVESTITORI'' SCRIVONO GLI ANALISTI. E PUTIN SORRIDE

giovedì 30 giugno 2016

MOSCA - Il Brexit fa male alla Ue e al tempo stesso rafforza gli stati che ne sono sempre rimasti fuori o peggio che la Ue ha "punito" con delle grottesche sanzioni. Si tratta della Russia, ovviamente, che sta traendo grandi benefici dall'uscita del Regno Unito dalla gabbia dell'Unione. La Russia  certamente sul medio termine ci guadagna dal punto di vista politico, ma il dato sorprendentemente è un altro: quello economico.

Il Brexit alla Russia fa bene. Non a caso, nonostante la contrazione dei prezzi del petrolio, il rublo si e' apprezzato sia nei confronti dell'euro sia del dollaro.

Questo perche', a fronte della turbolenza mondiale, la Russia si e' mostrata immune e resistente sul piano finanziario e bancario al Brexit grazie proprio alla fuga dei capitali Ue e americani dopo le sanzioni per la Crimea, che hanno fatto del mercato finanziario russo dopo il Brexit un "paradiso per gli investitori".

E Putin sorride. A pubblicare una dettagliata analisi della situazione post-Brexit e' RBK, testata finanziaria di area liberale di anima indipendente.

"In Russia - nota - dopo i risultati del referendum britannico il calo del MICEX - la Borsa di Mosca denominata in rubli - e' stato pari a 3,28% ma lo stesso giorno e' cominciata la risalita".

Bene poi i titoli delle compagnie russe quotate a a Londra: martedi' Lukoil ha registrato una crescita dell'1,25% e Novatek dell'1,27%. Col segno piu' anche il prezzo delle obbligazioni russe.

Una performance positiva dovuta in parte a un paradosso. "Le sanzioni - spiegano al fondo Ashmore - hanno aiutato la Russia ad adattarsi e a ridurre la dipendenza dalle banche americane ed europee, perche' il paese e' di fatto isolato da loro". E così solo le banche Ue e alcune americane hanno subito un tracollo micidiale per il Brexit, quelle russe invece sono rimaste tranquillamente a guardare da lontano la finanza Ue in fiamme.

Cosi', nel panico post voto e nella fame di beni rifugio, Mosca e' apparsa improvvisamente appetibile. "Abbiamo aumentato la nostra posizione in Gazprom perche' il colosso del gas e l'area-Brexit non sono legati", ha sottolineato ad esempio il Deka Investment GmbH.

L'interesse degli investitori e' legato anche al basso prezzo degli asset che lo erano pure nel 2014, ma allora erano poco attraenti vista la spirale sanzioni-embargo in cui si erano contrapposte Russia e Ue-Usa mentre ora grazie al Brexit "c'e' una ripresa" - per la Banca Centrale "modesta" ma gia' "in corso" - e l'inflazione cala. Il greggio e' poi tornato a valori "stabili".

Le conseguenze del Brexit potrebbero persino essere "positive" perche' l'uscita del Regno Unito - analizza Sberbank CIB - puo' provocare una "scissione nella posizione dell'Ue sulle sanzioni". E qui si passa al dividendo piu' squisitamente politico.

Il presidente francese Francois Hollande ha invitato Putin in visita a Parigi a ottobre; il presidente russo, con tempismo perfetto, ha avviato alla normalizzazione le relazioni con la Turchia, rimuovendo l'ostacolo principale alla realizzazione del South Stream in salsa ottomana. "Con l'uscita del Regno Unito dall'Ue, paese piu' prono ad ascoltare gli Usa, sara' piu' facile per i vertici russi trattare con le altre nazioni europee", commenta Alexander Baunov del Carnagie Institute di Mosca.

"Uno dei sogni piu' ambiti della diplomazia russa", continua, "e' quello di stabilire relazioni individuali con ogni stato europeo: il Brexit rende questo sogno molto piu' realizzabile". Al contempo, un'Europa "destabilizzata" e "in pezzi" è contraria agli interessi russi, visti i rapporti commerciali solidi che c'erano con l'Europa, prima delle grottesche sanzioni Ue imposte alla stessa Ue dall'amministrazione Obama.

Ma il vento del cambiamento ora spira nella giusta direzione. Nulla sarà più come prima, in Europa e la Russia sta tornando ad essere lo sbocco naturale degli investimenti e dei mercati del Vecchio Continente. Tutto grazie al Brexit.

Redazione Milano



ALLA RUSSIA FA BENE IL BREXIT: ORA E' DIVENTATA UN ''PARADISO PER GLI INVESTITORI'' SCRIVONO GLI ANALISTI. E PUTIN SORRIDE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

PUTIN   RUSSIA   BREXIT   BANCHE   INVESTIMENTI   UE   SANZIONI   EMBARGO   MICEX   BORSA   MOSCA   NOVATEK   RBK   EUROPA   REGNO   UNITO   LONDRA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua
 
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente
Continua
TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO FA TANTA PAURA ALLA UE

TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO

giovedì 23 febbraio 2017
"Il presidente Trump riafferma il primato della politica sulla finanza". A dirlo in un'intervista con Labitalia Maurizio Primanni, ceo di Excellence Consulting, società di consulenza nel
Continua
 
SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE DIVENTARE SUBITO PRESIDENTE)

SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE

giovedì 23 febbraio 2017
PARIGI - Crescono del 2,5 per cento rispetto a inizio febbraio per il leader del partito Front National, Marine Le Pen, le possibilita' di vincere al primo turno le elezioni presidenziali
Continua
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL SETTIMANALE TIME: ''LA UE NON E' MAI BRILLATA MA ADESSO SUONA LA CAMPANA A MORTO PER COLPA DI IMMIGRATI E DISOCCUPATI''

IL SETTIMANALE TIME: ''LA UE NON E' MAI BRILLATA MA ADESSO SUONA LA CAMPANA A MORTO PER COLPA DI
Continua

 
NOTIZIA CENSURATA IN ITALIA: IN SLOVACCHIA E' INIZIATA LA RACCOLTA FIRME PER IL REFERENDUM PER L'USCITA DALLA UE

NOTIZIA CENSURATA IN ITALIA: IN SLOVACCHIA E' INIZIATA LA RACCOLTA FIRME PER IL REFERENDUM PER
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!