43.362.082
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CAMERON ANNUNCIA LE DIMISSIONI, BORIS JOHNSON - LEADER DEI CONSERVATORI E DEL FRONTE DEL BREXIT - SI PREPARA A GOVERNARE

venerdì 24 giugno 2016

LONDRA - La reazione di David Cameron è stata immediata, dopo la vittoria del Brexit, a differenza della lentezza di altri governi sconfitti alle elezioni, come quello italiano domenica scorsa. Il primo ministro del Regno Unito, David Cameron, parlando all'esterno della residenza di Downing Street meno di due ore dopo la vittoria della Brexit nel referendum sull'appartenenza all'Unione Europea, ha annunciato le sue dimissioni, subito in primo piano sul quotidiano "The Guardian" e su tutta la stampa nazionale britannica.

"Sono stato assolutamente chiaro riguardo alla mia convinzione che la Gran Bretagna fosse piu' forte, piu' sicura e migliore all'interno dell'Unione Europa. E ho chiarito che il referendum riguardava solo questo, non il futuro di un singolo politico, incluso me stesso. Ma il popolo britannico ha deciso molto chiaramente di percorrere un'altra strada e per questo penso che abbia bisogno di una nuova leadership per seguire tale direzione", ha esordito Cameron.

"Faro' tutto il possibile per stabilizzare la nave nelle prossime settimane e nei prossimi mesi. Ma non penso che sarebbe giusto per me cercare di essere il capitano che guidera' il paese verso la prossima destinazione", ha aggiunto, sottolineando che la decisione non e' stata presa alla leggera. Cameron non ha indicato una tabella di marcia, ma, a suo avviso, il suo successore dovrebbe insediarsi entro l'inizio del congresso del Partito conservatore, a ottobre.

Il primo ministro dimissionario ha spiegato che il paese ha partecipato a una gigantesca prova di democrazia, di cui essere orgogliosi. Ha rassicurato i mercati e gli investitori sulla solidita' dell'economia e i connazionali residenti all'estero sul fatto che i cambiamenti non saranno immediati. Ha detto che coinvolgera' i governi di Scozia, Galles e Irlanda del Nord nella rinegoziazione.

Ha ringraziato tutti quelli che hanno partecipato alla campagna referendaria, in cui ha combattuto "con la testa e con il cuore", e si e' detto orgoglioso di cio' che ha fatto come premier, pensando di prendere decisioni importanti, non di schivarle. Ha concluso dichiarando di amare il suo paese, di esssere stato onorato nel servirlo e di essere convinto che trovera' il modo per sopravvivere al di fuori dell'Ue.

Mentre tramonta la premiership di Cameron, il principale partito di opposizione non festeggia, anzi piange. Il referendum sull'Ue conferma, infatti, la crisi profonda del Labour: nelle sue roccaforti elettorali, sottolinea il tabloid "Mirror", la classe operaia ha votato in massa per la Brexit, contro l'indicazione del partito. I risultati accrescono la pressione sul leader, Jeremy Corbyn, accusato di non essersi impegnato abbastanza nella campagna referendaria. Il cancelliere ombra dello Scacchiere, John McDonnell, ha ammesso che il voto esprime una diffusa disaffezione, non solo per il partito, ma per la politica in generale. L'Ukip, il Partito per l'indipendenza del Regno Unito, spera segretamente di poter contendere ai laboristi i loro collegi tradizionali. 

Ma il vero volto nuovo della politica britannica è certamente Boris Johnson, che date le dimissioni da sindaco di Londra e nella posizione di figura di spicco del partito Conservatore, è stato forse più addirittura di Nigel Farage  capo degli indipendentisti dell'Ukip il fautore della vittoria del Brexit. Johnson con altissima probabilità sarà il nuovo primo ministro britannico, dato che ai primi di ottobre i Tory a congresso decideranno non solo il nuovo leader ma soprattutto il nuovo capo del governo.

Sarà Johnson a concludere la fine della permanenza della Gran Bretagna nella Ue e l'inizio di uan vera nuova era del Regno Unito, dell'Europa e del mondo.

Redazione Milano


CAMERON ANNUNCIA LE DIMISSIONI, BORIS JOHNSON - LEADER DEI CONSERVATORI E DEL FRONTE DEL BREXIT - SI PREPARA A GOVERNARE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BREXIT   CAMERON   JOHNSON   CONSERVATORI   TORY   LONDRA   CORBYN   NIGEL   FARAGE   GRAN   BRETAGNA   UKIP   SCOZIA   GALLES   IRLANDA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CAMBIA LA STORIA D'EUROPA E DEL MONDO GRAZIE AL POPOLO BRITANNICO. E' UN GRANDE GIORNO PER LIBERTA' E L'INDIPENDENZA

CAMBIA LA STORIA D'EUROPA E DEL MONDO GRAZIE AL POPOLO BRITANNICO. E' UN GRANDE GIORNO PER LIBERTA'
Continua

 
MARINE LE PEN: ''E' DIMOSTRATO CHE E' POSSIBILE USCIRE DALLA UE. REFERENDUM ANCHE IN FRANCIA'' E SALVINI: ORA REFERENDUM

MARINE LE PEN: ''E' DIMOSTRATO CHE E' POSSIBILE USCIRE DALLA UE. REFERENDUM ANCHE IN FRANCIA'' E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

E IL GOVERNO LA CHIAMA ''RIPRESA'': RALLENTERA' LA CRESCITA DEI

20 gennaio - Rallenta la crescita dei consumi delle famiglie, che si stabilizzerà
Continua

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua
Precedenti »