50.710.097
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

CAMERON ANNUNCIA LE DIMISSIONI, BORIS JOHNSON - LEADER DEI CONSERVATORI E DEL FRONTE DEL BREXIT - SI PREPARA A GOVERNARE

venerdì 24 giugno 2016

LONDRA - La reazione di David Cameron è stata immediata, dopo la vittoria del Brexit, a differenza della lentezza di altri governi sconfitti alle elezioni, come quello italiano domenica scorsa. Il primo ministro del Regno Unito, David Cameron, parlando all'esterno della residenza di Downing Street meno di due ore dopo la vittoria della Brexit nel referendum sull'appartenenza all'Unione Europea, ha annunciato le sue dimissioni, subito in primo piano sul quotidiano "The Guardian" e su tutta la stampa nazionale britannica.

"Sono stato assolutamente chiaro riguardo alla mia convinzione che la Gran Bretagna fosse piu' forte, piu' sicura e migliore all'interno dell'Unione Europa. E ho chiarito che il referendum riguardava solo questo, non il futuro di un singolo politico, incluso me stesso. Ma il popolo britannico ha deciso molto chiaramente di percorrere un'altra strada e per questo penso che abbia bisogno di una nuova leadership per seguire tale direzione", ha esordito Cameron.

"Faro' tutto il possibile per stabilizzare la nave nelle prossime settimane e nei prossimi mesi. Ma non penso che sarebbe giusto per me cercare di essere il capitano che guidera' il paese verso la prossima destinazione", ha aggiunto, sottolineando che la decisione non e' stata presa alla leggera. Cameron non ha indicato una tabella di marcia, ma, a suo avviso, il suo successore dovrebbe insediarsi entro l'inizio del congresso del Partito conservatore, a ottobre.

Il primo ministro dimissionario ha spiegato che il paese ha partecipato a una gigantesca prova di democrazia, di cui essere orgogliosi. Ha rassicurato i mercati e gli investitori sulla solidita' dell'economia e i connazionali residenti all'estero sul fatto che i cambiamenti non saranno immediati. Ha detto che coinvolgera' i governi di Scozia, Galles e Irlanda del Nord nella rinegoziazione.

Ha ringraziato tutti quelli che hanno partecipato alla campagna referendaria, in cui ha combattuto "con la testa e con il cuore", e si e' detto orgoglioso di cio' che ha fatto come premier, pensando di prendere decisioni importanti, non di schivarle. Ha concluso dichiarando di amare il suo paese, di esssere stato onorato nel servirlo e di essere convinto che trovera' il modo per sopravvivere al di fuori dell'Ue.

Mentre tramonta la premiership di Cameron, il principale partito di opposizione non festeggia, anzi piange. Il referendum sull'Ue conferma, infatti, la crisi profonda del Labour: nelle sue roccaforti elettorali, sottolinea il tabloid "Mirror", la classe operaia ha votato in massa per la Brexit, contro l'indicazione del partito. I risultati accrescono la pressione sul leader, Jeremy Corbyn, accusato di non essersi impegnato abbastanza nella campagna referendaria. Il cancelliere ombra dello Scacchiere, John McDonnell, ha ammesso che il voto esprime una diffusa disaffezione, non solo per il partito, ma per la politica in generale. L'Ukip, il Partito per l'indipendenza del Regno Unito, spera segretamente di poter contendere ai laboristi i loro collegi tradizionali. 

Ma il vero volto nuovo della politica britannica è certamente Boris Johnson, che date le dimissioni da sindaco di Londra e nella posizione di figura di spicco del partito Conservatore, è stato forse più addirittura di Nigel Farage  capo degli indipendentisti dell'Ukip il fautore della vittoria del Brexit. Johnson con altissima probabilità sarà il nuovo primo ministro britannico, dato che ai primi di ottobre i Tory a congresso decideranno non solo il nuovo leader ma soprattutto il nuovo capo del governo.

Sarà Johnson a concludere la fine della permanenza della Gran Bretagna nella Ue e l'inizio di uan vera nuova era del Regno Unito, dell'Europa e del mondo.

Redazione Milano


CAMERON ANNUNCIA LE DIMISSIONI, BORIS JOHNSON - LEADER DEI CONSERVATORI E DEL FRONTE DEL BREXIT - SI PREPARA A GOVERNARE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BREXIT   CAMERON   JOHNSON   CONSERVATORI   TORY   LONDRA   CORBYN   NIGEL   FARAGE   GRAN   BRETAGNA   UKIP   SCOZIA   GALLES   IRLANDA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CAMBIA LA STORIA D'EUROPA E DEL MONDO GRAZIE AL POPOLO BRITANNICO. E' UN GRANDE GIORNO PER LIBERTA' E L'INDIPENDENZA

CAMBIA LA STORIA D'EUROPA E DEL MONDO GRAZIE AL POPOLO BRITANNICO. E' UN GRANDE GIORNO PER LIBERTA'
Continua

 
MARINE LE PEN: ''E' DIMOSTRATO CHE E' POSSIBILE USCIRE DALLA UE. REFERENDUM ANCHE IN FRANCIA'' E SALVINI: ORA REFERENDUM

MARINE LE PEN: ''E' DIMOSTRATO CHE E' POSSIBILE USCIRE DALLA UE. REFERENDUM ANCHE IN FRANCIA'' E
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!