63.977.120
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

''L'ECONOMIA ITALIANA E' SUL PUNTO DI CROLLARE E LA RESPONSABILITA' E' DELL'INTRODUZIONE DELL'EURO'' (THE INDEPENDENT)

martedì 21 giugno 2016

LONDRA - "Dopo il successo del Movimento 5 stelle nelle ultime elezioni amministrative, il presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, le cui riforme non  hanno dato gli effetti sperati, probabilmente comprende che cosa volesse dire Benito Mussolini affermando governare gli italiani non è impossibile, è semplicemente inutile", scrive in prima pagina oggi sul quotidiano britannico The Independent l'esperto di mercati finanziari e stimato economista, Satyajit Das.

"L'economia italiana si e' contratta del 10% dal 2007, dopo una tripla recessione. La disoccupazione è al 12-13 per cento, intorno al 40% quella giovanile. Consumi e investimenti sono fiacchi. Il danno è a lungo termine, dato che è andato distrutto il 15% della capacita' industriale con conseguenze sull'occupazione e il potenziale di crescita" si legge nelle prime righe dell'articolo.

"Le piccole imprese - prosegue l'Independent - un tempo la forza dell'economia nazionale, soffrono del calo delle vendite e della redditività e della carenza di finanziamenti. Dopo anni di deficit, l'Italia registra un avanzo delle partite correnti dell'1,9%, riflesso più del deterioramento dell'economia che di una variazione nei commerci".

Ed è un'analisi chiara quanto spietata: "Le banche sono alle prese con prestiti inesigibili o dubbi per 150-200 miliardi di euro, con la conseguente limitazione del credito all'economia. Il debito dell'economia reale dello Stato, delle famiglie e delle imprese è del 259% del prodotto interno lordo, il 55% in piu' rispetto al 2007", ma questi dati non vengono diffusi, in Italia. Gli italiani ne restano all'oscuro. L'informazione "non vede" e non "vuol vedere".

"Gli investimenti internazionali - continua l'economista - sono al -32% del Pil. Il disavanzo è al 3% del Pil, il vero dato percentuale del debito pubblico al 140%. Le tasse non raccolte in Italia ogni anno ammontano a 160 miliardi di euro".

E ora l'analisi sulla situazione italiana pubbicata dall'Independent questa mattina arriva al cuore della catastrofe in corso: "La crisi del debito dell'area dell'euro è stata sicuramente un fattore negativo anche per l'Italia, ma al cuore dei problemi c'e' la crescita stentata causata dall'introduzione della moneta unica. La produttivita' aumenta lentamente. L'economia e' sempre piu' sbilanciata tra produttori di fascia alta, come quelli del lusso, e comparti che non riescono a competere. A ciò si aggiunge il divario tra Nord e Sud. Le debolezze strutturali sono numerose: la difficoltà di avviare un'impresa, le infrastrutture datate, una spesa per l'istruzione inferiore al 5% del Pil contro una media Ocse del 6,3% e un burocratismo leggendario".

"Le tasse in Italia - conclude Satyajit Das - rappresentano il 46% del Pil, ma secondo la Banca Mondiale la pressione fiscale effettiva in Italia è del 65% contro una media degli stati che formano l'Unione europea del 41%. Inoltre, le dimensioni del settore pubblico non sono proporzionate alla qualità dei servizi effettivamente erogati e le cose non vanno meglio nel settore privato, dominato da società monopolistiche o oligopolistiche collegate tra loro. In ultimo ma non per ultimo il livello della corruzione in Italia è alto e il suo costo è stimato dalla Corte dei Conti italiana in circa sessanta miliardi di euro all'anno, pari al 4% del Pil. L'economia italiana, l'Italia, è sul punto di crollare".

Redazione Milano


''L'ECONOMIA ITALIANA E' SUL PUNTO DI CROLLARE E LA RESPONSABILITA' E' DELL'INTRODUZIONE DELL'EURO'' (THE INDEPENDENT)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI ZUCCHERO

LA COMMISSIONE UE RIFIUTA LA PROPOSTA DEL MINISTRO CENTINAIO A DIFESA DELLA PRODUZIONE ITALIANA DI

lunedì 15 ottobre 2018
"Sono molto preoccupato per il futuro del comparto e della produzione dello zucchero in Italia. Faremo di tutto per aiutare i nostri produttori". Cosi' il ministro delle Politiche agricole Gian Marco
Continua
 
PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI IMPRENDITORI SONO D'ACCORDO)

PRIMA L'ITALIA / INCHIESTA SULLA LEGGE FORNERO: PERCHE' ABOLIRLA CON QUOTA 100 (ANCHE GLI

lunedì 15 ottobre 2018
In questi giorni è tutto un fiorire di attacchi e critiche al governo sul DEF e sull’abolizione della legge fornero. Ovviamente lo spread ha iniziato a salire (ma siamo ancora a poco
Continua
SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON SAREBBE PEGGIORE

SONDAGGIO FRIENDS OF EUROPE (FINANZIATO ANCHE DALLA UE): 64% EUROPEI PENSA CHE SENZA UE LA VITA NON

lunedì 15 ottobre 2018
LONDRA - Non passa giorno che i mezzi di informazione non dicano quanto sia essenziale la UE per tutti i cittadini e politici di sinistra e giornali - il 99% dei giornali italiani è
Continua
 
GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E SOVRANISTA. E' SALVINI''

GIANCARLO GIORGETTI: ''IL CENTRODESTRA DEL PASSATO NON ESISTE PIU'. IL CAMBIAMENTO E' POPULISTA E

domenica 14 ottobre 2018
Lega sempre più coesa intorno al suo Capitano, Forza Italia sempre più divisa, tra latitanza del 'grande capo', rendite di posizione e rese dei conti interne. Il centrodestra a trazione
Continua
GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA'' (OLIMPIADI INVERNALI 2026)

GOVERNATORE FONTANA A MOSCA: ''FINCHE' NON AVREMO CATTURATO L'ORSO... INCROCIAMO LE DITA''

giovedì 11 ottobre 2018
MOSCA - "Finché non avremo catturato l'orso, non saremo sicuri: incrociamo le dita". Così il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana, a margine di un incontro con il
Continua
 
COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO CRISI BANCARIE''

COLOSSO MONDIALE JPMORGAN: ''ITALIA STABILE, BTP SONO UN'OPPORTUNITA' DI INVESTIMENTO, NON VEDIAMO

giovedì 11 ottobre 2018
NEW YORK - La decisione del governo di fissare il rapporto deficit/Pil al 2,4 per cento ha colto di sorpresa quei fondi esteri che a settembre avevano comprato BTp sulla scommessa che l'esecutivo
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LE MONDE DENUNCIA: ''CHE FINE HA FATTO L'IMMENSO TESORO DI GHEDDAFI ALL'ESTERO? PERCHE' NON VIENE RESO AL POPOLO LIBICO?''

LE MONDE DENUNCIA: ''CHE FINE HA FATTO L'IMMENSO TESORO DI GHEDDAFI ALL'ESTERO? PERCHE' NON VIENE
Continua

 
FINANCIAL TIMES PUBBLICA OGGI L'ULTIMISSIMO SONDAGGIO PRIMA DEL VOTO SUL BREXIT DI DOMANI: ''LEAVE 45% - REMAIN 44%''

FINANCIAL TIMES PUBBLICA OGGI L'ULTIMISSIMO SONDAGGIO PRIMA DEL VOTO SUL BREXIT DI DOMANI: ''LEAVE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!