43.452.503
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LE MONDE DENUNCIA: ''CHE FINE HA FATTO L'IMMENSO TESORO DI GHEDDAFI ALL'ESTERO? PERCHE' NON VIENE RESO AL POPOLO LIBICO?''

venerdì 17 giugno 2016

LIBIA - Cinque anni dopo la rivolta popolare del 2011 in Libia, paravento per nascondere in realtà l'aggressione alla Libia perpetrata principalmente dalla Francia di Sarkozy e dalla Gran Bretagna (con alle spelle l'amministrazione Obama) che volevano eliminare Gheddafi pensando con questo di mettere le mani sulle immense ricchezze petrolifere libiche, non un centesimo del tesoro nascosto all'estero da Gheddafi e' stato restituito alle autorita' libiche, ovvvero al governo "riconosciuto" da Onu e Ue, ma evidentemente "inadatto" a tornare in possesso di quell'immenso tesoro.

Curioso, vero? I "salvatori" europei (e americani) del popolo libico hanno rubato i beni del popolo libico.

Non che l'attuale governo - riconosciuto anche dall'Italia - non abbia tentato, scrive sul quotidiano francese "Le Monde" il caporedattore del settimanale "Jeune Afrique" Seidik Abba: ma la caccia alle ricchezze investite per quarant'anni in tutto il mondo dal defunto Gheddafi si e' finora rivelata infruttuosa.

I paesi che subito dopo il rovesciamento del regime avevano annunciato la pronta restituzione di quei fondi, strada facendo hanno perso - per così dire... - entusiasmo: e, a giustificazione della loro reticenza, oggi citano il timore che quei soldi possano finire in cattive mani a causa dell a perdurante instabilita' della Libia.

Dietro questa argomentazione di apparente buon senso, scrive Abba sul "Monde", si nascondono però altri motivi: innanzitutto l'importanza delle somme in gioco. In assenza di libri contabili accurati, si stima che ammontino tra i 100 ed i 400 miliardi di dollari (da 90 a 360 miliardi di euro) i fondi piazzati da Gheddafi in Sudafrica, Stati Uniti, Italia, Svizzera e Gran Bretagna e senza contare gli investimenti immobiliari a Parigi, le immense estensioni di terreni acquistati lungo il Fiume Niger, gli hotel del gruppo Laico e quello a Timbuctu' in Mali. E chissà cos'altro ancora.

Secondo il giornalista africano, a far luce sulla reale estensione del "tesoro" di Gheddafi potrebbero essere essenzialmente due persone: l'ex capo dei servizi segreti Moussa Koussa, che oggi vive da milirdario nel Golfo Persico dopo aver soggiornato per un certo periodo, sembre da nababbbo, a Londra, e soprattutto l'ex capo del gabinetto ristretto di Gheddafi, Bechir Salah.

Era lui infatti a controllare i fondi sovrani libici, a cominciare dal fondo Libyan Investment Authority (Lia): la Francia nel 2011 ne organizzò, per "servizi resi alla Nazione", l'esfiltrazione (cioè la fuga protetta dai servizi segreti francesi) dalla Libia verso la Tunisia e poi lo ha accolto a Parigi prima di "incoraggiarlo" a partire per altre destinazioni con tutto il suo carico di segreti. Oggi costui vive indisturbato in Sudafrica.

In conclusione, secondo Sedik Abba l'importanza delle somme in gioco spinge i Paesi che le ospitano a non offrire alcuna collaborazione alla loro restituzione al popolo libico, e nonostante il fatto che in questo momento la Libia ne avrebbe estremo bisogno, i piu' ottimisti ormai ritengono che solo una piccolissima parte di quell'enorme tesoro nascosto tornera' ai suoi legittimi proprietari. 

Ora, alla luce di questa circostanziata denuncia di Le Monde, una domanda si pone: il governo Renzi che intende fare, come intende procedere rispetto l'immenso tesoro di Gheddafi in Italia? Si tratta di rilevantissime partecipazioni di capitale in banche, compagnie industriali e molto altro ancora. 

Cosa vuol fare, il governo Renzi? Tacere e depredare il popolo libicho delle sue legittime proprietà in Italia? 

Redazione Milano.


LE MONDE DENUNCIA: ''CHE FINE HA FATTO L'IMMENSO TESORO DI GHEDDAFI ALL'ESTERO? PERCHE' NON VIENE RESO AL POPOLO LIBICO?''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

LIBIA   TESORO   GHEDDAFI   LE   MONDE   FRANCIA   SARKOZY   ITALIA   RENZI   ABBA   SVIZZERA   STATI   UNITI   SUDAFRICA   GRAN   BRETAGNA   GOVERNO   RAPINA   ONU   UE   AGGRESSIONE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CAPO SINDACATO EGIZIANO AMBULANTI: ''REGENI ERA UNA SPIA, L'HO REGISTRATO E L'HO DENUNCIATO ALLA POLIZIA''

CAPO SINDACATO EGIZIANO AMBULANTI: ''REGENI ERA UNA SPIA, L'HO REGISTRATO E L'HO DENUNCIATO ALLA

martedì 24 gennaio 2017
IL CAIRO - EGITTO - Giulio Regeni "era una spia, l'ho indotto a parlare e l'ho registrato". Resta convinto della sua versione il capo del sindacato dei venditori ambulanti egiziano, Muhammad
Continua
 
AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI PERICOLOSI DELINQUENTI)

AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI

martedì 24 gennaio 2017
BERLINO -  Detto e fatto: come aveva promesso rivolgendosi alla Csu, componente di destra del blocco centrista Cdu che sorregge il suo governo, Angela Merkel ha dato il via alle espulsioni di
Continua
DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

lunedì 23 gennaio 2017
Donald Trump? "Sono abbastanza ottimista, sembra un moderato". Vladimir Putin? "In politica estera e' quello che dice le cose piu' sensate". Dal settimanale francese Le Journal du Dimanche Beppe
Continua
 
SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO

lunedì 23 gennaio 2017
Mentre i giudici della Consulta preparano le loro toghe in vista della seduta di domani, nasce un  asse tra Lega e Movimento cinque stelle sulla legge elettorale. Tanto Beppe Grillo quanto
Continua
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
 
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
WALL STREET JOURNAL ACCUSA APERTAMENTE OBAMA DI NASCONDERE LA VERITA' SULL'ISLAM RADICALE E DI ESSERE UN VIGLIACCO.

WALL STREET JOURNAL ACCUSA APERTAMENTE OBAMA DI NASCONDERE LA VERITA' SULL'ISLAM RADICALE E DI
Continua

 
''L'ECONOMIA ITALIANA E' SUL PUNTO DI CROLLARE E LA RESPONSABILITA' E' DELL'INTRODUZIONE DELL'EURO'' (THE INDEPENDENT)

''L'ECONOMIA ITALIANA E' SUL PUNTO DI CROLLARE E LA RESPONSABILITA' E' DELL'INTRODUZIONE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!