50.662.230
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PANICO A BRUXELLES E TERRORE A LONDRA (TRA I FILO-UE) ADESSO ANCHE IL POPOLARISSIMO ''THE SUN'' SI SCHIERA PER IL BREXIT

martedì 14 giugno 2016

LONDRA - Ormai ci siamo, il referendum sull'uscita del Regno Unito dalla Ue sarà tra solo nove giorni e  il vento sembra essere girato decisamente a favore dei pro-Brexit che, oltre a essere in testa nei sondaggi, da oggi possono contare anche sull'endorsement del Sun, il quotidiano più venduto nel Regno Unito.

"BeLEAVE in Britain", è lo slogan che campeggia oggi sulla prima pagina del tabloid che vanta 4,5 milioni di lettori. "Credi nella Gran Bretagna", un efficace gioco di parole che contiene il termine "uscita(dall'Ue)". "Stiamo per prendere la più grande decisione politica della nostra vita. Il Sun esorta tutti a votare per l'Uscita" dall'Ue, al referendum del 23 giugno, scrive il popolare quotidiano, proprietà di Rupert Murdoch, il magnate australiano dei media. Ostacolato "dall'espansione dello Stato federale tedesco", il futuro del Regno Unito sarebbe "ben più oscuro" se rimanesse nel blocco dei 28, prosegue il giornale, che vede in una Brexit l'opportunità di "riaffermare" una sovranità compromessa dalla "dittatura di Bruxelles".

"E' la nostra chance di rendere la Gran Bretagna migliore, di riprenderci la nostra democrazia, di preservare i valori e la cultura di cui andiamo fieri a giusto titolo", argomenta ancora il Sun, primo quotidiano del Regno a prendere così apertamente posizione a favore della Brexit. Anche se non è sorprendente da parte di un giornale consideratore conservatore, l'endorsement del Sun è senz'altro un nuovo colpo al campo pro-Ue capitanato dal Primo ministro tory David Cameron, che deve già fare i conti con una serie di sondaggi che da alcuni giorni danno la Brexit in testa. Anche oggi le truppe del "Leave" contavano sei punti di vantaggio (53%) nelle intenzioni di voto, secondo un rilevamento Icm pubblicato dal Guardian, e sette in un sondaggio YouGov per il Times.

Risultato: il panico si è ormai diffuso fra le fila dei pro-Ue, hanno spiegato al Times e al Guardian fonti della campagna.

Per tentare di riguadagnare terreno, i sostenitori dello status quo hanno organizzato per oggi una nuova offensiva che ha visto in prima linea i sindacati e ancora una volta il Labour, dopo l'intervento di ieri di Gordon Brown. Questa volta a scendere nell'agone insieme a 11 dirigenti sindacali nella sede di Londra del Tuc (Trade Union Congress), principale centrale sindacale del Paese, è stato niente meno che il leader del partito, Jeremy Corbyn, finora regolarmente accusato di non fare abbastanza per mobilitare le sue truppe, ed altri alti esponenti del partito. P

rendendo la parola, Corbyn ha accusato Boris Johnson e Nigel Farage - i due campioni dell'uscita del Paese dal blocco dei 28 -, di esseree "lupi travestiti da pecore" e i pro-Brexit di dire "nient'altro che bugie". In un comunicato diffuso prima dell'evento al Tuc, i dirigenti del Labour hanno messo in guardia contro le conseguenze di una eventuale Brexit, che potrebbe costare, secondo loro, 525.000 posti di lavoro nel settore pubblico. Ma all'opinione pubblica appaiono solo bugie dettate dalla paura di perdere, quelle del Labour.

Per colmare lo svantaggio, il campo del "Remain" potrebbe anche tentare di capitalizzare sul parere reso pubblico oggi - guada caso... - dalla Corte di giustizia dell'Ue che ha accordato al Regno Unito il diritto di limitare alcuni aiuti sociali ai migranti europei, argomento chiave della campagna. L'approccio restrittivo di Londra in materia aveva ottenuto l'avallo degli altri 27 Stati membri dell'Ue nell'accordo negoziato lo scorso febbraio da David Cameron e sulla base del quale lo stesso premier si è lanciato nella campagna a favore del mantenimento del Paese nell'Unione, ma alcuni Paesi Ue hanno fatto ricorso e comunque non accettano la sentenza "pilotata proprio oggi" della Corte Ue, scrivono ad esempio i quotidiani polacchi.  

Intanto alle 20 italiane è previsto un nuovo dibattito capace di infiammare ancora la campagna: è in programma un duello fra due strenui difensori dei due campi avversi: il conservatore ed ex sindaco di Londra Boris Johnson, capofila dei fautori della Brexit, e Alex Salmond, deputato del partito indipendentista scozzese (Snp), pro-europeo convinto. Ma i sondaggi danno avanti il Brexit anche in Scozia.

Redazione Milano


PANICO A BRUXELLES E TERRORE A LONDRA (TRA I FILO-UE) ADESSO ANCHE IL POPOLARISSIMO ''THE SUN'' SI SCHIERA PER IL BREXIT


Cerca tra gli articoli che parlano di:

SONDAGGIO   BREXIT   VITTORIA   FARAGE   TIMES   GUARDIAN   YOUGOV   BORIS   JOHNSON   LABOUR   TORY   CONSERVATORI   CAMERON   LONDRA   UE   BRUXELLES   THE SUN    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
DAILY MAIL: ''MOLTI TERRORISTI DELL'ISIS IN FUGA DALLA LIBIA MISCHIATI AI MIGRANTI AFRICANI STANNO ARRIVANDO IN ITALIA''

DAILY MAIL: ''MOLTI TERRORISTI DELL'ISIS IN FUGA DALLA LIBIA MISCHIATI AI MIGRANTI AFRICANI STANNO
Continua

 
IN DANIMARCA GLI EUROSCETTICI SONO SALITI AL 42% E SE VINCERA' IL BREXIT, REFERENDUM ANCHE IN DANIMARCA IN POCHI MESI

IN DANIMARCA GLI EUROSCETTICI SONO SALITI AL 42% E SE VINCERA' IL BREXIT, REFERENDUM ANCHE IN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!