89.350.083
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CRESCONO ANCORA LE SOFFERENZE BANCARIE, LA SITUAZIONE DEGLI ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI SI FA SEMPRE PIU' PERICOLOSA.

venerdì 10 giugno 2016

Il sistema bancario italiano va sempre peggio, questo mostrano i dati che descrivono l'ennesimo aumento dei crediti diventati inesigibili che ormai deveno essere considerati perdite da ripianare. Infatti, i prestiti in sofferenza delle banche italiane in aprile risalgono a 198,3 miliardi (196,9 miliardi le consistenze a fine marzo). Lo indica la Banca d'Italia nel Supplemento al Bollettino statistico 'Moneta e banche'. Le sofferenze del settore, al valore di realizzo, ammontano a 83,9 miliardi.

Questo dato è molto importante: sta a significare che per evitare il fallimento dell'intero sistema-banche dell'Italia, le medesime devono in tempi brevi iniettare fortissimi capitali freschi, in contanti. Si tratta di almeno 100 miliardi di euro. E dove mai li troverebbero 100, se per un aumento di capitale di un solo miliardo di euro il Banco Popolare si trova in difficoltà? 

La fotografia scattata da via Nazionale indica che le sofferenze lorde per 140 miliardi riguardano prestiti alle imprese, per 37,4 miliardi le famiglie consumatrici e per 15,9 miliardi quelle produttrici (le partite iva).

Il problema vero è che le banche italiane sono strapiene non solo di crediti diventati inesigibili, ma anche di "cambiali" di stato, ovvero di Bot, Btp e altre emissioni. Questo le paralizza, perchè questi capitali sono congelati e il programma di acquisti di titoli di stato varato della Bce - con la Germania contrarissima - per quanto esteso non riesce a comprare a sufficienza titoli di stato italiani dalle banche italiane che li detengono. Perchè? Perchè ne hanno troppi in cassa.

Addirittura è aumentato ad aprile 2016 - ultimo dato disponibile - l'ammontare dei titoli di Stato italiani detenuti dalle banche del Paese. Secondo il supplemento statistico di Bankitalia, le banche detengono 405,5 miliardi di euro in titoli di Stato, con un aumento di quasi 5 miliardi rispetto al mese precedente. In aumento, in particolare la consistenza dei Btp che supera i 290 miliardi (283 miliardi a marzo), in aumento anche Bot (da 19,4 a 21,6 miliardi) e Cct (da 60,6 a 61,4 milairdi) mentre in deciso calo i Ctz a 18,8 miliardi, rispetto ai 24 miliardi del mese precedente. 

Di fatto, le banche private italiane stanno facendo da cassa per lo stato italiano, come se fossimo ancora negli anni Ottanta quando solo con rarissime eccezioni, tutte le principali banche del Paese erano pubbliche. In che è semplicemente pazzesco. Ed è la Banca d'Italia a "imporlo" ovvero "consigliarlo" senza possibilità di dire no. 

Esiste una via d'uscita, un modo per impedire la catastrofe?

Catastrofe che - va detto - sarebbe rappresentata dal bail in di molte banche italiane, ad iniziare da Mps, per continaure con la Popolare di Vicenza, Veneto Banca, una serie non modesta di Casse di Credito Cooperativo e altre ancora. Ma una catastrofe che si materializzerà non solo col dissesto degli istituti di credito affondati dalle sofferenze, ad esempio quelli citati.

Infatti, anche le principali banche nazionali, in testa Unicredit (che comunque ha circa 50 miliardi di euro di sofferenze in pancia, fossero pochi) di fronte a uno scenario del genere saranno chiamate a iniettare potenti capitali freschi per reggere lo shock, e non è affatto sicuro ci riescano.

La domanda principale alla quale rispondere ora è: quando accadrà?

Ci sono due date-limite dopo le quali se tutto rimarrà com'è ora, la catastrofe bancaria italiana esploderà. La prima data è quella della fine del QE voluto e imposto da Draghi alla guida della Bce. Dal giorno dopo, la rete di sicurezza che mantiene calmi - all'apparenza - i mercati finanziari non ci sarà più e inizieranno forti turbolenze, che ovviamente punteranno sugli "anelli deboli" della catena della finanza dell'eurozona. E quelli italiani, assieme a quelli della Grecia, della Spagna e del Portogallo, soni di gran lunga i sistemi bancari più fragili e più esposti alle speculazioni su scala mondiale.

Nessuna delle grandi centrali speculative planetarie si lascerà sfuggire la ghiotta occasione.

Ma pure ammesso che non accadrà - fatto che razionalmente non avrebbe senso - l'altra decisiva data limite, al di là di prevedbili e imprevedibili eventi politici shock (Brexit, voto in Spagna, voto in Germania, voto in Italia, presidenziali in Francia)  sarà l'autunno del 2019 quando Mario Draghi finirà il proprio mandato a capo della Bce. 

Lontanissimo? Proprio no. Diciamo dopodomani, nella misurazione del tempo che usano i mercati finanziari globali, abituati ad anticipare le mosse anche di parecchio.

Ebbene, non è una questione di probabilità: è certo al 100% che il suo successore sarà tedesco. Si conosce perfino il nome: l'attuale governatore della Bundesbank, Jens Weidmann. E' bene sapere che costui non è solo un "falco": è il re di tutti i "falchi" della finanza tedesca. 

Che significa? Presto detto: la Bce imporrà il bail in - come Weidmann già più volte ha detto - a tutte le banche (italiane) non in grado di reggersi in piedi da sole nel mercato. Inoltre, Weidmann è colui che ha proposto un limite all'acquisto dei titoli di stato da parte delle banche (italiane). Ed è sempre la stessa persona che ha già più volte sgridato Draghi perchè "tiene i tassi a zero". Quindi, non appena nominato li rialzerà, e con questo lo spread schizzerà alle stelle.

Ecco, sinteticamente il quadro della situazione è questo. E non c'è a essere ottimisti o pessimisti. Questi sono fatti, non opinioni.

Redazione Milano


CRESCONO ANCORA LE SOFFERENZE BANCARIE, LA SITUAZIONE DEGLI ISTITUTI DI CREDITO ITALIANI SI FA SEMPRE PIU' PERICOLOSA.




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO TRAVOLGE. NUOVE ELEZIONI

RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO

giovedì 14 gennaio 2021
AMSTERDAM - La coalizione di governo guidata dal premier Mark Rutte si riunira' domani per decidere se rassegnare le dimissioni a fronte delle crescenti polemiche riguardanti il caso di oltre 20mila
Continua
 
LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

martedì 12 gennaio 2021
Il nostro giornale ospita in apertura quanto scrive Matteo Renzi. Alcune delle sue posizioni sono apertamente condivisibili, e non temiamo di dirlo pubblicamente: "Il 22 luglio 2020 Italia Viva
Continua
MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

mercoledì 30 dicembre 2020
''Oltre alle vittime, nel nostro Paese più di 72 mila morti per Covid dall'inizio della pandemia, contiamo 390 mila imprese cancellate e più di 200 mila professionisti che hanno cessato
Continua
 
LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE HA NASCOSTO L'EPIDEMIA

LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE

martedì 29 dicembre 2020
Alla fine, le menzogne del regime comunista cinese vengono a galla.  A Wuhan, la città cinese in cui ha avuto origine l'epidemia di coronavirus lo scorso dicembre, i casi di covid
Continua
AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO TUTTI BENE.

AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO

domenica 27 dicembre 2020
MILANO - Sono partite dall'ospedale milanese di Niguarda, dove sono arrivate poco prima delle 8 del mattino, le prime fiale di vaccino anti-covid destinate alla Lombardia. Sono sono state suddivise e
Continua
 
INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!  (FUCILATA DI ASSOIMPREDIL)

INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!

giovedì 24 settembre 2020
MILANO - "L'invito rivolto dall'Assessore Maran al Consiglio Comunale di Milano a fare la guerra santa contro la Regione Lombardia, approvando provvedimenti che blocchino gli effetti della legge
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LE BANCHE ITALIANE NON POSSONO ESSERE SALVATE DAL ''FONDO ATLANTE'' PERCHE' NON HA IL DENARO PER FARLO (BAIL IN GLOBALE)

LE BANCHE ITALIANE NON POSSONO ESSERE SALVATE DAL ''FONDO ATLANTE'' PERCHE' NON HA IL DENARO PER
Continua

 
CREDITI MARCI DELLE BANCHE ITALIANE SALGONO A 198 MILIARDI DI EURO (+2% DAL 2015) SITUAZIONE ESPLOSIVA, ALTRO CHE BREXIT

CREDITI MARCI DELLE BANCHE ITALIANE SALGONO A 198 MILIARDI DI EURO (+2% DAL 2015) SITUAZIONE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

UDC: NO UNANIME ALLA FIDUCIA A CONTE AL SENATO

18 gennaio - ''La segreteria nazionale Udc, che si e' riunita nel pomeriggio, alla
Continua

AL CENTRODESTRA NON FU PERMESSO DA MATTARELLA FORMARE UN GOVERNO DI

18 gennaio - “Governo di minoranza accettabile? No, nel 2018 non fu permesso a
Continua

VERTICE DEL CENTRODESTRA ALLA CAMERA

18 gennaio - E' in corso a Montecitorio, il vertice del centrodestra per fare il
Continua

MATTEO SALVINI: ''CREDONO DI RISOLVERE QUESTA CRISI AFFIDANDOSI A

18 gennaio - Matteo Salvini: ''Renzi l'ha fatto nascere questo governo e adesso dopo
Continua

NEL 2020 ITALIA IN DEFLAZIONE E' LA TERZA VOLTA DAL 1954 (ALTRE DUE

18 gennaio - ''Nel 2020, la diminuzione dei prezzi al consumo in media d'anno (-0,2%)
Continua

TOTI: SE INVECE DEL CSX FOSSE STATO IL CDX A COMPORTARSI COSI' COME

18 gennaio - ''Vorrei capire cosa sarebbe successo se il centrodestra avesse dato
Continua

ARRIVA SAVIANO E PIERLUIGI BATTISTA LASCIA IL CORRIERE DELLA SERA

18 gennaio - ''Qui cane Enzo sta cercando le parole per dirci che si, dal 31 gennaio
Continua

SALVINI: SE CONTE NON HA IN NUMERI, DUE STRADE: VOTO O GOVERNO DI

18 gennaio - ''Oggi il problema per molte famiglie e' la salute con i vaccini che
Continua

FRANCESCHINI: ''NON BISOGNA VERGOGNARSI DI CERCARE VOTI IN AULA''

14 gennaio - ''In questa legislatura sono nati due governi tra avversari alle
Continua

CENTRODESTRA UNITO: CONTE VENGA IN PARLAMENTO E PRENDA ATTO DELLA

14 gennaio - ''Non c'e' piu' tempo per tatticismi o giochi di potere: il centrodestra
Continua

BERLUSCONI IN OSPEDALE NEL PRINCIPATO DI MONACO, CONDIZIONI SERIE.

14 gennaio - MILANO - E' stato Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Silvio
Continua

NUOVO ESSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO, GUIDO GUIDESI: RILANCIAMO

14 gennaio - MILANO - ''Dalla prossima settimana mi confronterò con tutti i
Continua

ZINGARETTI: ''IMPOSSIBILE QUALSIASI GOVERNO CON ITALIA VIVA,

14 gennaio - ''C'è un dato che non può essere cancellato dalle nostre analisi. Ed
Continua

IL PD HA DECISO CONTE DEVE VENIRE IN PARLAMENTO: VOTO DI FIDUCIA O

14 gennaio - MONTECITORIO - ''Come gruppo dei democratici vogliamo che la crisi venga
Continua

PD: ''I COSIDDETTI RESPONSABILI NON CI SONO, RISCHIO CONCRETO

14 gennaio - ''I cosiddetti responsabili non ci sono, la maggioranza dopo lo strappo
Continua

MATTEO SALVINI: ''L'UNICA STRADA SONO LE ELEZIONI''

14 gennaio - ''O trovano una nuova maggioranza, affidandosi ai Mastella, oppure la
Continua

FRATELLI D'ITALIA: ''CONTE RIMETTA IL MANDATO E SI VOTI''.

14 gennaio - ''L'atto conclusivo di questa esperienza fallimentare del governo Conte
Continua

GDF DI BERGAMO NEGLI UFFICI DI ALTI DIRIGENTI DEL MINISTERO DELLA

14 gennaio - La Guardia di Finanza di Bergamo sta acquisendo documenti anche negli
Continua

GDF BERGAMO DENTRO MINISTERO SALUTE E ISS A ROMA: INCHIESTA SUL

14 gennaio - BERGAMO - La Gdf di Bergamo, oltre che negli uffici del Ministero della
Continua

LEGA: MATTARELLA EVITI DI DARE INCARICO A CONTE CON MAGGIORANZE

14 gennaio - ''Non è possibile fingere che nulla sia accaduto e aspettare che Conte
Continua
Precedenti »