50.025.220
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SCIOPERI A TEMPO INDETERMINATO CONTRO HOLLANDE, FRANCIA NEL CAOS, E SALE ANCHE L'ALLARME TERRORISMO ISLAMICO

martedì 7 giugno 2016

PARIGI - Disperato e rinchiuso all'Eliseo, Hollande non sa più che fare: la Francia gli si è rivoltata contro, gli scioperi dilagano e tutto il sistema ferroviario è in tilt per le proteste contro la sua - sciagurata - legge sul lavoro, rifiutata in massa dai francesi, come indicano continui sondaggi che mostrano concordemente come oltre l'80% dei cittadini disprezza tanto Hollande quanto il suo governo socialista capitanato dall'evanescente Valls.

Così, benchè ii moltiplichino gli appelli del governo a porre termine allo sciopero dei ferrovieri francesi, ed alle altre agitazioni sindacali nei servizi e nei trasporti pubblici in vista dell'apertura dei Campionati europei di calcio 2016 che la Francia ospitera' a partire da venerdi' prossimo 10 giugno, la situazione è a dire poco drammatica. E Hollande oggi ha tentato l'ultimo appello da presidente della Repubblica contro le vaste masse che protestano.

Hollande, apertamente ispirandosi ad una celebre frase pronunciata nel lontano 1936 dal fondatore del Partito comunista francese, Maurice Thorez, in un'intervista pubblicata questa mattina ha dichiarato: "In certi momenti bisogna saper porre fine ad uno sciopero".

In una giornata caratterizzata dal settimo sciopero nelle ferrovie statali Sncf in meno di due mesi, proclamato dalla centrale sindacale Cgt, il disprezzato Hollande ha  fatto appello al "senso di responsabilita'" dei sindacati: lo sciopero, ha dichiarato, "sta dando un'immagine che non corrisponde alla realta' della Francia, il paese che e' la prima destinazione turistica del mondo".

Riferendosi in particolare alla situazione nelle Sncf, Hollande ha detto: "Nessuno capirebbe un proseguimento dello sciopero a detrimento dello stato di salute delle ferrovie, del regolare svolgimento degli Europei 2016 e, soprattutto, dei viaggiatori che devono spostarsi ogni giorno per raggiungere il loro posto di lavoro".

Peccato che con quel "nessuno capirebbe" Hollande non si riferisca di certo ai suoi connazionali, che invece capiscono e appoggiano gli scioperi contro la legge sul lavoro con percentuali che superano costantemente il 60%.

Ad ogni modo, nonostante l'offerta di un accordo presentata ieri, lunedi' 6 giugno, dalla direzione della Sncf, oggi praticamente tutte le linee ferroviarie francesi sono nel caos, provocato da annullamenti di treni, ritardi di molte ore su tutte le tratte, e disagi a catena in tutte le stazioni a causa di uno sciopero che, iniziato per motivi legati ai negoziati sul contratto nazionale, è virato verso lo scontro frontale contro il governo socialista, diventato il simbolo del peggio per i lavotratori di Francia.

Lo stesso è accaduto in tante altre agitazioni sociali registrate nelle ultime settimane: il movimento di protesta, nelle ferrovie come in altri settori, ha via via assunto un significato politico con la rivendicazione, da parte di tutti i sindacati, che il governo ritiri la riforma del Codice del lavoro. La contestatissima legge approdera' al Senato a meta' giugno - in pieno campionato europeo di calcio - per un secondo esame in vista della sua approvazione definitiva che potrebbe addirittura essere fatta d'imperio da Hollande.

Ormai, la Francia è completamente paralizzata dagli scioperi, ma ad aggravare la situazione ci pensa anche l'allarme terrorismo islamico. Alcni giorni fa, è stato fermato un corriere che stava per entrare in Francia conuna decina di mitragliatori Kalashnikov e oltre un quintale di esplosivo ad alto potenziale. Era diretto a Parigi. 

Redazione Milano


SCIOPERI A TEMPO INDETERMINATO CONTRO HOLLANDE, FRANCIA NEL CAOS, E SALE ANCHE L'ALLARME TERRORISMO ISLAMICO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

PARIGI   EUROPEI   CALCIO   SCIOPERI   FERROVIE   CAOS   HOLLANDE   VALLS   TERRORISMO   ISLAMICO   MINACCIA   ESPLOSIVI   MITRA   KALASHNIKOV   SENATO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN LIBIA E GRANDI AFFARI

LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN

venerdì 28 luglio 2017
Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, riferiscono i quotidiani britannici "Financial Times", "The Guardian" e "The Telegraph", e' intervenuto per la prima volta nell'industria nazionalizzando
Continua
 
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
 
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
 
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL BREXIT E' IN TESTA E IN GERMANIA IL 29% - OGGI - E' A FAVORE DEL GERMANEXIT (IN ITALIA LA PERCENTUALE E' DEL 57%)

IL BREXIT E' IN TESTA E IN GERMANIA IL 29% - OGGI - E' A FAVORE DEL GERMANEXIT (IN ITALIA LA
Continua

 
BALLOTTAGGIO PER L'ELEZIONE DEL PRESIDENTE AUSTRIACO FALSATO DA BROGLI E TRUFFE. FPOE RICORRE ALLA CORTE COSTITUZIONALE

BALLOTTAGGIO PER L'ELEZIONE DEL PRESIDENTE AUSTRIACO FALSATO DA BROGLI E TRUFFE. FPOE RICORRE ALLA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!