50.011.639
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DATI EUROSTAT DIMOSTRANO CHE L'EURO E' UNA SCIAGURA PER L'ITALIA PARAGONABILE SOLO ALLA SECONDA GUERRA MONDIALE.

lunedì 30 maggio 2016

Chi ancora avesse avuto dubbi o perplessità sul fatto che l'euro sia una sciagura per l'Italia, ora può prendere atto della realtà a prova di qualsiasi smentita: è vero. Pe iniziare a spiegarlo, cominciamo con dire che è ancora peggiorato nel 2015 il rapporto tra il Pil pro capite italiano e quello medio dell'Unione Europea. Lo rileva il Centro Studi Promotor analizzando i dati dell'Istituto di statistica della Ue, Eurostat, il quale sottolinea come nel 2014 il Pil pro capite italiano era sceso al di sotto di quello medio dell'Unione dell'1,9%.

Nel 2015 lo scarto negativo è addirittura del 3%. Alla faccia della sventolata "ripresa economica e occupazionale" fatta dal governo Renzi, i veri dati economici indicano che l'Italia sta letteralmente precipitando. Ma questo è solo l'inizio dell'analisi.

Perchè lo studio mette a confronto la situazione del 2001 con quella del 2015. Nel 2001, che è l'anno che ha preceduto l'adozione dell'euro da parte dell'Italia, il Pil pro capite italiano (espresso in euro) era di 27.800 euro. Nel 2015 il valore corrispondente è stato di 25.500 euro con un calo dell'8,27%.

La gravità del dato è evidente in assoluto anche perché nessun altro paese dell'Unione ha avuto una penalizzazione così forte tra il 2001 e il 2015.

La situazione dell'Italia risulta però ancora più preoccupante se si confronta il Pil pro capite italiano con quello medio dell'Unione.

Nel 2001 il valore dell'Italia superava quello medio del 18,8%. Nel 2015, come si accennava prima, siamo scesi sotto la media del 3%. Dallo studio del Centro Studi Promotor oltre alla penalizzazione dell'Italia emergono anche altri aspetti tutt'altro che trascurabili.

Innanzitutto va segnalato il fatto che un notevole miglioramento in termini di Pil pro capite nei quindici anni considerati lo hanno ottenuto i paesi dell'est che, dopo la caduta del muro di Berlino, hanno gradualmente adottato l'economia di mercato e sono poi entrati nell'Unione, ma evitando accuratamente di adottare la valuta unica europea.

Secondo il Csp vanno però evidenziati anche i risultati ottenuti da paesi economicamente avanzati come la Germania che - grazie all'euro disegnato a unico beneficio della Germania - ha visto il suo scarto dal reddito medio pro capite dell'Unione passare da +25,6% del 2001 a +29,7% del 2015. In sostanza i tedeschi grazie all'euro hnno vito aumentate il Pil pro capite quasi del 30% mentre in Italia è calato nel medesimo arco di tempo quasi del 9%. 

Per la Francia vi è stato invece un peggioramento in termini relativi in quanto lo scarto del Pil pro capite di questo paese dalla media UE è passato dal +26,1% del 2001 al +19,6% del 2015, ma va detto ancora affinchè sia chiaro in modo definitivo  che la Francia è rimasta comunque tra i paesi con Pil pro capite superiore alla media europea mentre l'Italia tra tutti i paesi della Ue è l'unico ad essere passato dal gruppo dei paesi sopra la media al gruppo dei paesi sotto la media.

L'euro, quindi, dati alla mano, ha devastato l'Italia.

Ma al di là del caso clamoroso dell'Italia, dall'elaborazione del Centro Studi Promotor emerge anche la penalizzazione subita dagli altri paesi mediterranei della zona euro per colpa dell'euro.

In particolare per la Spagna, tra il 2001 e il 2015, lo scarto tra il Pil pro capite e quello medio della Ue è passato da -5,6%nel 2001 a -12,2% nel 2015. Per il Portogallo si è scesi da -29,9% del 2001 a -36,9% del 2015, per Cipro da -10,7% a -21,7% e per la Grecia da -22,2% a -35,4%.

Secondo Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor, "le cause del forte peggioramento del Pil pro capite in termini relativi, oltre che in termini assoluti, dell'area meridionale della zona euro sono indubbiamente molte e complesse, ma dai dati emerge con grande chiarezza l'esigenza di rinegoziare i trattati nell'ambito della UE e della zona euro, in quanto non è certo compatibile con lo spirito dell'Unione, che allo sviluppo dei paesi più ricchi del Nord dell'Eurozona e di quelli dell'Est - senza euro - si contrapponga l'impoverimento e il declino di un'area di grande importanza non solo economica e sociale, ma anche strategica come l'area dei paesi dell'Europa mediterranea".

Questa analisi - quindi - chiarisce definitivamente che l'euro è la più grande disgrazia che ha colpito l'Italia dopo quella della Seconda Guerra Mondiale.

Redazione Milano


DATI EUROSTAT DIMOSTRANO CHE L'EURO E' UNA SCIAGURA PER L'ITALIA PARAGONABILE SOLO ALLA SECONDA GUERRA MONDIALE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

EUROSTAT   DATI   ITALIA   GERMANIA   GRECIA   FRANCIA   DISASTRO   ECONOMIA   PIL   PRO CAPITE   RENZI   GOVERNO   CENTRO   STUDI   PROMOTOR    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
 
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
 
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua
 
A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU RADDOPPIATA, IVA 25%)

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU

venerdì 21 luglio 2017
In queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL SINDACO DEL PD DI VENTIMIGLIA E TUTTI I SUOI CONSIGLIERI ABBANDONANO IL PD PER PROTESTA CONTRO IL CAOS MIGRANTI!

IL SINDACO DEL PD DI VENTIMIGLIA E TUTTI I SUOI CONSIGLIERI ABBANDONANO IL PD PER PROTESTA CONTRO
Continua

 
SPECIALE / STANNO PER ARRIVARE IN ITALIA DALLA LIBIA 800.000 MIGRANTI, SECONDO L'INTERPOL! QUASI UNA MILANO DI AFRICANI!

SPECIALE / STANNO PER ARRIVARE IN ITALIA DALLA LIBIA 800.000 MIGRANTI, SECONDO L'INTERPOL! QUASI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!