56.241.400
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

RIVOLTA DI POPOLO IN FRANCIA CONTRO IL GOVERNO HOLLANDE-VALLS E PIU' DEL 60% DEI FRANCESI STA CON GLI SCIOPERANTI

giovedì 26 maggio 2016

PARIGI -  Lo scontro tra il governo socialista Hollande-Valls sulla contestatissima legge sul "lavoro", una specie di versione francese dell'italico Jobs Act, è arrivato al calor bianco. La Francia si sta davvero fermando.

Dieci delle 19 centrali nucleari francesi in sciopero contro la riforma del lavoro hanno registrato un forte calo della produzione di energia elettrica, pari nel complesso a 5.000 megawatt, secondo dati diffusi dal sindacato francese CGT.

Un portavoce del gestore rete elettrica francese Rte Lha detto che lo sciopero "per il momento" non comporta grossi problemi di forniture di energia. Laurent Langlard, della Federazione miniere ed energia della CGT, ha spiegato all'Agenzia France Presse che il calo produttivo è stato registrato negli impianti dove è stato possibile, perchè molti impianti sono "non manovrabili", ferme o in manutenzione.

"Tutte le centrali hanno votato per scioperare e 12 hanno ridotto la produzione durante la notte" ha detto Marie-Claire Cailletaud, portavoce della FNME-CGT.

Durante la giornata "certamente si renderà necessario importare" energia dall'estero, ha aggiunto.

Cailletaud ha parlato di "black out nelle Yvelines" e aggiunto che saranno possibili altre interruzioni di corrente locali. "Tra il 50% e l'80% dei lavoratori dei siti sono in sciopero e ci dicono mentendo ai francesi che la mobilitazione cala!" ha detto.

Secondo la società elettrica EDF a livello nazionale il 9,89% dei dipendenti è in sciopero, ma nelle centrali atomiche basta uno sciopero del 5% dei lavoratori per ridurre drasticamente la produzione. Il 21 gennaio scorso, in occasione di uno sciopero unitario di categoria dei sindacati del settore elettrico, si era registrato un calo produttivo complessivo di 12.000 megawatt, ma lo sciopero in realtà riguardò 48 ore, mentre adesso in appena 12 ore - da ieri sera - la produzione è calata di 5.000 megawatt, una quantità impressionante che lascia intendere una caduta produttiva fino a 20.000 megawatt entro domani.

Arnaud Pacot, delegato della Cgt per la centrale atomica di Nogent sur Seine, a un centinaio di chilometri da Parigi, riferisce che qui la produzione è stata ridotta da 350 megawatt. L'accesso a molti depositi petroliferi continua a essere interdetto a causa dei picchetti, nonostante lo sgombero di 11 di essi da parte delle forze di sicurezza negli ultimi giorni, e sei delle otto raffinerie del Paese sono del tutto o parzialmente chiuse, come conferma l'Unione francese delle industrie petrolifere.

Intanto, il primo ministro socialista Valls - che ha raccolto stamattina l'incondizionato appoggio del ministro delle Finanze tedesco Schaeuble "entusiasta" di questa nuova legge sul lavoro - ha annunciato che saranno possibili "modifiche migliorative" della legge, ma non il suo ritiro. I sindacati hanno replicato che "non se ne parla nemmeno" di modifiche, va cancellato. 

La conseguenza delle proteste, secondo Valls, è che tra il 20 e 30% dei benzinai del Paese hanno chiuso le pompe di benzina, un numero inferiore rispetto a ieri, quando si contava almeno un terzo di distributori chiusi nel Paese, ma le associazioni di categoria smentiscono. Più del 50% dei distributori è senza carbutante. E i picchetti continuano a bloccare i centri industriali più importanti, come la fabbrica di sottomarini nucleari del gruppo Dcns a Cherbourg. Azioni simili sono in corso in altri punti strategici come i ponti di Normandia e di Tancarville sulla Senna, in prossimità del porto di Le Havre, all'aeroporto di Nantes, alla perifieria di Tolosa, e sulla linea ferroviaria tra Parigi e Brest, o sull'autostrada A63 tra Bordeaux e Bayonne.

Oggi nuove manifestazioni sono state organizzate in tutto il Paese e questa sera a Parigi interverrà il leader della protesta, il segretario generale della Cgt, Philippe Martínez. Le proteste sono approvate da gran parte della popolazione. Secondo un sondaggio dell'istituto Ifop, il 62% dei francesi sta dalla parte dei manifestanti. Il punto più criticato del progetto è la modifica dell'articolo 2, he stabilisce la priorità della negoziazione all'interno dell'impresa, a scapito dei contratti collettivi.

In Francia, ormai, è penuria di carburanti, le linee ferroviarie funzionano a ritmo lentissimo e da fine mese è stato annunciato lo sciopero generale "a oltranza" di tutto il settore ferroviario, mentre il trasporto aereo a sua volta si fermerà il 2-3-4 giugno, lasciando a terra tutti gli aerei.  La situazione, secondo la grande stampa francese, sta peggiorando di ora in ora e l'uso della forza messo in atto dal governo contro gli scioperanti ha ottenuto l'effetto contrario al voluto, cioè ha aumentato il consenso della protesta.

Redazione Milano


RIVOLTA DI POPOLO IN FRANCIA CONTRO IL GOVERNO HOLLANDE-VALLS E PIU' DEL 60% DEI FRANCESI STA CON GLI SCIOPERANTI




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
FRANCIA: RIVOLTA GENERALE DEL PAESE CONTRO HOLLANDE E IL SUO GOVERNO. FERMI TRENI CENTRALI ATOMICHE AEREI RAFFINERIE

FRANCIA: RIVOLTA GENERALE DEL PAESE CONTRO HOLLANDE E IL SUO GOVERNO. FERMI TRENI CENTRALI ATOMICHE
Continua

 
DOPPIO CLAMOROSO SCOOP DEL TIMES E DEL FINANCIAL TIMES: ''C'E' UN PIANO SEGRETO UE SE VINCE IL BREXIT: ESERCITO EUROPEO''

DOPPIO CLAMOROSO SCOOP DEL TIMES E DEL FINANCIAL TIMES: ''C'E' UN PIANO SEGRETO UE SE VINCE IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CALDEROLI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO ESPELLEREMO TUTTI I CLANDESTINI

12 gennaio - ''Due immigrati clandestini, un nigeriano e un marocchino, martedi'
Continua

FACEBOOK CENSURA LE NOTIZIE, LE SINISTRE GLOBALI NON RIESCONO A

12 gennaio - Facebook ha introdotto cambiamenti radicali all'algoritmo che ci fa
Continua

TUTTO IL CENTRODESTRA SOSTIENE ATTILIO FONTANA: CONFERENZA STAMPA A

11 gennaio - MILANO - 'Al lavoro!Piu' Lombardia. Fontana presidente' e' la scritta in
Continua

BRUNETTA: ''PRONTO IL PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. LO PRESENTEREMO

11 gennaio - ''Nella giornata di oggi chiuderemo il lavoro, positivo e proficuo, del
Continua

MACRON STA PER PRESENTARE LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE DI STAMPO

11 gennaio - PARIGI - Il presidente francese Emmanuel Macron si prepara alla prova
Continua

MATTEO SALVINI: ''AVREI PREFERITO CHE MARONI SI RICANDIDASSE, MA HA

11 gennaio - MILANO - ''MARONI mi ha detto di avere fatto in Lombardia tutto quello
Continua

BERLUSCONI: ATTILIO FONTANA CANDIDATO PRESIDENTE IN LOMBARDIA VA

10 gennaio - MILANO - ''Non c'è nulla che ci allontana da Salvini che ha indicato un
Continua

LE SOFFERENZE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO CONTINUANO INESORABILI

10 gennaio - A novembre 2017 - ultimo dato disponibile - le sofferenze nette sui
Continua

BERLUSCONI: ''MAI UN GOVERNO DI LARGHE INTESE COL PD. MAI''

9 gennaio - ''Non c'e' mai stata e non ci sara' neanche in futuro'' la possibilita'
Continua

CLAUDIO BORGHI: ''APPENA LA LEGA AL GOVERNO, PREPARERA' LA

9 gennaio - ''Un secondo dopo che la Lega siederà al Governo, metterà in atto
Continua
Precedenti »