45.050.724
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FRANCIA: RIVOLTA GENERALE DEL PAESE CONTRO HOLLANDE E IL SUO GOVERNO. FERMI TRENI CENTRALI ATOMICHE AEREI RAFFINERIE

mercoledì 25 maggio 2016

PARIGI - Questa mattina si sono aggiunti a tutti gli altri in sciopero, anche i lavoratori delle centrali atomiche di Francia e così si va verso la paralisi totale della nazione contro Hollande e il suo governo.

In Francia si moltiplicano a dismisura le manifestazioni e gli scioperi contro la legge di riforma del Codice del lavoro proposta dalla ministra Myriam El Khomri: ieri il segretario generale del sindacato Cgt, Philippe Martinez, ha fatto appello ad "una estensione degli scioperi dovunque ed in ogni settore".

Al movimento si sono aggiunti - tra ieri e oggi -  i lavoratori delle ferrovie statali Sncf e Sud-Rail: in agitazione gia' da diverse settimane nell'ambito del rinnovo del contratto collettivo, oggi mercoledi' 25 e domani giovedi' 26 maggio si asterranno dal lavoro ponendo in testa ai motivi della loro protesta proprio la richiesta al governo di ritirare la riforma del Lavoro.

E la situazione peggiorerà notevolmente nei prossimi giorni perche' la centrale sindacakle nazionale Cgt e tutti gli altri tre sindacati piu' rappresentativi dei ferrovieri hanno preannunciato uno sciopero duro e illimitato a partire dal 31 maggio prossimo; mentre ben sette sindacati hanno convocato una giornata di mobilitazione contro la riforma in tutte le maggiori citta' francesi per il 26 maggio, ed una manifestazione nazionale e' prevista per il 16 giugno a Parigi in concomitanza con l'approdo in Senato della contestatissima legge del governo socialista di Hollande e del suo primo ministro Valls.

Intanto continua e si accentua anche il braccio di ferro con il governo intorno alle forniture di carburanti: all'alba di stamane le forze dell'ordine, utilizzando anche cannoni ad acqua, hanno rotto l'assedio al deposito di carburanti di Douchy-les-Mines, nel nord del paese, che era bloccato dai picchetti sindacali sin dal 19 maggio scorso, ma un nuovo fronte di questa "guerra" si e' aperto a Brest, dove da ieri notte militanti del sindacato Force ouvrière e del movimento spontaneo Nuit Debout hanno occupato il principale accesso stradale al deposito di benzina di quella citta'.

La situazione degli approvvigionamenti di carburanti si e' ulteriormente complicata con l'entrata in sciopero di tutte e otto le raffinerie del paese. Il sito web del quotidiano progressista "Le Monde" pubblica oggi un reportage dalla raffineria di Le Havre: all'inviata speciale del giornale Angela Bolis i dirigenti locali della Cgt hanno espresso la ferma di intenzione di "non far uscire neppure una goccia di benzina", nonostante le difficolta' dovute alla necessita' di mantenere in funzione gli impianti di questo che e' classificato come "sito Seveso", per evitare possibili incidenti di natura tecnica dalle imprevedibili conseguenze sull'ambiente e sulla popolazione circostanti.

Ed è notizia di queste ore che il governo sta attingendo da ieri alle "riserve strategiche" già usate per il 20% al fine di rifornire almeno quanche distributore di benzina sulle autostrade, ma le scorte a questo ritmo finiranno entro 48 ore.

La Cgt inoltre, come detto prima, annuncia di estendere la mobilitazione alle centrali nucleari: ieri ha lanciato un appello ai lavoratori del gruppo energetico statale Edf, proprietario della maggioranza delle centrali, perche' diano inizio ad una serie di azioni di disturbo della produzione energetica in concomitanza con la giornata nazionale di protesta convocata oggi per costringere il governo a ritirare la riforma.

Da parte sua il governo ribadisce che non fara' marcia indietro e non ritirera' la legge gia' approvata dall'Assemblea Nazionale: l'esecutivo ha alzato i toni dello scontro e si mostra esser pronto alla prova di forza con la Cgt. Ieri il presidente Francois Hollande ha bollato il movimento di protesta come "opera di una minoranza"; mentre il primo ministro Manuel Valls ha dichiarato che "la Cgt trovera' una risposta estremamente ferma da parte del governo" ed ha assicurato che le forze dell'ordine "continueranno ad intervenire per rompere i blocchi intorno ai depositi di carburanti", allo scopo di difendere i "diritti dei consumatori" e la stessa "sicurezza nazionale".

Tuttavia, l'opinione pubblica è schierata in massa con gli scioperanti e contro il governo Valls-Hollande, che oggi è "gradito" solo dall'11% dei francesi, secondo un recentissimo sondaggio. D'altra parte, se il governo ritiene di usare la polizia per impedire gli scioperi, rischia di trovarsi contro anche le stesse forze dell'ordine, i cui sindacati hanno già fatto sapere che non "useranno la forza" contro i lavoratori che esercitano il "diritto di protesta" sancito dalla Costituzione.

La situazione sembra avviata a un innalzamento generale della tensione in Francia come non si vedeva dai tempi del Maggio '68 o - come scrive Le Figaro - dai tempi della Rivoluzione di Luglio...

(Per fortuna, non è più in uso da tempo la ghigliottina, signor Hollande... -ndr)

Redazione Milano


FRANCIA: RIVOLTA GENERALE DEL PAESE CONTRO HOLLANDE E IL SUO GOVERNO. FERMI TRENI CENTRALI ATOMICHE AEREI RAFFINERIE




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA' L'ACQUISTO DI BTP E BOT''

L'ECONOMIST: ''L'ITALIA E' IL PAESE CHE POTREBBE ABBATTERE LA UE NEL 2018, QUANDO LA BCE FINIRA'

venerdì 24 marzo 2017
LONDRA - "L'Unione Europea - osserva il settimanale britannico "The Economist" nella rubrica Charlemagne, dedicata agli affari europei - puo' anche essere una costruzione franco-tedesca, ma quando il
Continua
 
CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA ELETTORALE

CLAMOROSO / EMERGONO LE PROVE: OBAMA HA DAVVERO DATO ORDINE DI SPIARE LO STAFF DI TRUMP IN CAMPAGNA

giovedì 23 marzo 2017
WASHINGTON - Le agenzie di intelligence statunitensi hanno davvero intercettato figure della campagna elettorale di Donald Trump e del suo team di transizione presidenziale. Lo ha dichiarato ieri,
Continua
SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10% INVESTIMENTI +16%

SPETTACOLARE BOOM ECONOMICO DELL'UNGHERIA DI ORBAN: PIL +4% DISOCCUPAZIONE AL 4,3%, STIPENDI +10%

giovedì 23 marzo 2017
BUDAPEST - L'economia ungherese e' destinata a crescere a un tasso superiore al 4 per cento nel 2017 grazie a una crescita degli investimenti e dei consumi superiore di molto alla media
Continua
 
L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN SEGRETO)

L'EUROPARLAMENTO DECIDE DI AUMENTARE A 1,9 MILIARDI LA SPESA DEL PROPRIO BILANCIO (E LO HA FATTO IN

mercoledì 22 marzo 2017
LONDRA - Il parlamento europeo da sempre e' sotto accusa per il fatto che spreca i soldi dei contribuenti dei Paesi che malauguratamente hanno aderito alla Ue, tuttavia se qualcuno pensa che adesso
Continua
ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO PROCESSO PER USURA!

ALESSANDRO PROFUMO (APPENA NOMINATO AL VERTICE DI FINMECCANICA DA GENTILONI-PADOAN) E' FINITO SOTTO

mercoledì 22 marzo 2017
Alessandro Profumo finisce sotto processo per usura bancaria, reato molto grave. Il gup del Tribunale di Lagonegro, in provincia di Potenza, ha rinviato a giudizio l'ex presidente di Mps insieme a
Continua
 
ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO L'ITALIA. (LEGGERE)

ECCO VENTI OTTIME RAGIONI - PRESENTATE DAL POLO SOVRANISTA - PER LASCIARE LA UE CHE STA DEVASTANDO

lunedì 20 marzo 2017
ROMA - Dire NO alla Ue non basta, va spiegato chiaramente, perchè non è un "atto di fede politica", è la precisa constatazione che la Ue è una minaccia gravissima al
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
SONDAGGI MANIPOLATI: GLI AVVERSARI DEL BREXIT NON SONO IN TESTA. IL TIMES DI LONDRA PUBBLICA UN VERO SONDAGGIO DI YOUGOV

SONDAGGI MANIPOLATI: GLI AVVERSARI DEL BREXIT NON SONO IN TESTA. IL TIMES DI LONDRA PUBBLICA UN
Continua

 
RIVOLTA DI POPOLO IN FRANCIA CONTRO IL GOVERNO HOLLANDE-VALLS E PIU' DEL 60% DEI FRANCESI STA CON GLI SCIOPERANTI

RIVOLTA DI POPOLO IN FRANCIA CONTRO IL GOVERNO HOLLANDE-VALLS E PIU' DEL 60% DEI FRANCESI STA CON
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!