50.794.718
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SONDAGGI MANIPOLATI: GLI AVVERSARI DEL BREXIT NON SONO IN TESTA. IL TIMES DI LONDRA PUBBLICA UN VERO SONDAGGIO DI YOUGOV

mercoledì 25 maggio 2016

LONDRA - Tutta una serie di sondaggi - pagati da ambienti fermamante contrari al Brexit - hanno segnalato in questi giorni che gli "europeisti" britannici sarebbero tornati ad essere maggioranza e quindi la Gran Betagna rimarrebbe nella Ue senza problemi, superando brillantemente la prova suprema del referendum del prossimo 23 giugno.

Niente di più falso.

Secondo un sondaggio di YouGov - il più autorevole ed indipendente centro statistico a livello europeo - pubblicato oggi dal quotidiano britannico The Times, gli schieramenti per il "si'" e per il "no" all'appartenenza del Regno Unito all'Unione Europea sono appaiati, al 41 per cento, mentre gli indecisi sono il tredici per cento e il quattro per cento dichiara che non voterà.

Quindi, la partita è apertissima.

Il sondaggio entra nel dettaglio e illustra come solo il 35 per cento degli elettori che alle politiche del 2015 hanno votato per il Partito conservatore sostiene la causa europeista, contro il settanta per cento dei laboristi e il 72 per cento dei liberaldemocratici.

E non solo: tra gli anziani, diversamente da quanto indicato da altre indagini, l'euroscetticismo e' maggioritario, soltanto il 36 per cento degli over 65 e' per la permanenza nell'Unione.

Sul versante politico, il sondaggio di YouGov mette in evidenza che la popolarita' del primo ministro, David Cameron  e' in forte calo a causa dell'allarmismo sull'economia, definito dagli avversari "progetto paura": solo il 18 per cento si fida di Cameron sull'Unione europea.

Una catastrofe, per il primo ministro che ha legato la sua permanenza alla guida del governo alla vittoria contro il Brexit.

Mentre Boris Johnson, ex sindaco di Londra in prima fila nel campo antieuropeista, col 31 per cento e' ritenuto il piu' affidabile, seguito da Jeremy Corbyn, leader del Labour, col 28 e da Nigel Farage, leader dell'Ukip, il Partito per l'indipendenza del Regno Unito, col 22 per cento.

Effetto per nulla trascurabile della campagna pro e contro il Brexit è dato dalla forte ascesa delle credenziali di Johnson tra i possibili candidati a Downing Street per succedere a cameron, se fosse sconfitto al Brexit.  

Secondo il sondaggio YouGov per il 33 per cento dei sudditi di Sua Maestà la Regina Johnson sarebbe assolutamente all'altezza del ruolo di primo ministro e per di più lo pensa anche il sedici per cento degli europeisti, il 22 per cento dei laburisti, il 30 per cento dei Lib Dem e il 57 per cento dei nazionalisti dell'Ukip di Farage.

Solo l'undici per cento, invece, vede il cancelliere dello Scacchiere, George Osborne, attuale braccio destro di Cameron, come futuro premier: il consenso scende al sette per cento tra i "brexiteer", al sei tra i sostenitori del Labour e al cinque tra quelli dell'Ukip, mentre solo tra i liberaldemocratici sale al 14.

Come si vede, YouGov ha approfondito notevolmente l'analisi sulle conseguenze non della sconfitta ma della vittoria del Brexit e questo la dice lunga sulla manipolazione dell'informazione in Europa ed in Italia, specialmente, dove viene spacciata per vera l'avanzata dei contrari al Brexit, quando invece non è così, e anzi il più autorevole e "britannico" fra i quotidiani, The Times di Londra, pubblica un sondaggio dove già si parla della sostituzione di Cameron alla guida del Regno Unito.

Redazione Milano.

 


SONDAGGI MANIPOLATI: GLI AVVERSARI DEL BREXIT NON SONO IN TESTA. IL TIMES DI LONDRA PUBBLICA UN VERO SONDAGGIO DI YOUGOV


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BREXIT   SONDAGGIO   YOUGOV   LONDRA   REGNO   UNITO   GRAN   BRETAGNA   CAMERON   JOHNSON   FARAGE   UKIP   GOVERNO   UE   THE TIMES    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI ITALIANI'' L'AMATA UE

DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI

domenica 20 agosto 2017
Siete ancora in vacanza o siete già tornati? Non ci siete andati? Tutto ciò è irrilevante, perchè c'è un gigantesco debito che vi aspetta a settembre sull'uscio di
Continua
 
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''VITTORIA DI PIRRO, QUELLA DEL PRESIDENTE AUSTRIACO. LA DESTRA VINCERA' LE POLITICHE''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''VITTORIA DI PIRRO, QUELLA DEL PRESIDENTE AUSTRIACO. LA DESTRA
Continua

 
FRANCIA: RIVOLTA GENERALE DEL PAESE CONTRO HOLLANDE E IL SUO GOVERNO. FERMI TRENI CENTRALI ATOMICHE AEREI RAFFINERIE

FRANCIA: RIVOLTA GENERALE DEL PAESE CONTRO HOLLANDE E IL SUO GOVERNO. FERMI TRENI CENTRALI ATOMICHE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!