55.031.086
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

SCONTRO FRONTALE IN FRANCIA SULLA ''RIFORMA DEL LAVORO'': PAESE FERMO, CARBURANTI FINITI, POMPE CHIUSE, SCIOPERI A CATENA

martedì 24 maggio 2016

PARIGI - A differenza di quanto (non) accade in Italia, in Francia la lotta popolare contro un qualsivoglia provvedimento legislativo considerato un pericolo per i cittadini raccoglie ha sempre raccolto consensi enormi. Ed è esattamente quanto sta accadendo ora, contro a versione "alla Hollande" del Jobs Act renziano.

La lotta si sta facendo molto dura e il Paese è paralizzato. La Francia è bloccata dalla crisi dei carburanti: dopo l'intervento delle forze dell'ordine che nelle prime ore di questa mattina - mandate dal primo ministro socialista Valls - hanno sgomberato i picchetti di manifestanti che bloccavano gli accessi al deposito petrolifero di Fos-sur-Mer, nel dipartimento Bouches-du-Rhone, il sindacato nazionale Cgt ha proclamato uno sciopero immediato in tutte e otto le raffinerie del paese.

Se si considera che lo sciopero riguarda anche il terminale petrolifero di Le Havre e che sono in agitazione i lavoratori di diversi depositi, e' chiaro che sulla Francia ormai aleggia un serio rischio di blocco generalizzato dei trasporti a causa della penuria di carburanti e che la centrale sindacale Cgt ha ingaggiato con il governo un vero e proprio braccio di ferro.

Aldila' di alcuni casi di vertenze aziendali e locali, infatti, la mobilitazione della Cgt che adesso blocca gli approvvigionamenti energetici in tutta la Francia avviene nell'ambito della ferma opposizione alla legge di "riforma" del Codice del lavoro che l'Assemblea Nazionale ha già approvato e che ai primi di giugno approdera' in Senato, dove per altro non verrà votata perchè Hollande ha deciso di avvalersi della prerogativa presidenziale - mai più usata dai tempi di De Gaulle -  di approvarla d'imperio con la sua sola firma.

Un'opposizione a questa controversa e contestatissima legge che negli ultimi due mesi si e' fatta sempre piu' dura, con manifestazioni in molte citta' francesi che sempre piu' spesso sono degenerate in incidenti e violentissimi scontri con la polizia.

In diverse aree della Francia il blocco dei carburanti si sta gia' facendo sentire questa mattina, con centinaia di stazioni di servizio chiuse e gli automobilisti costretti a ore di fila per rifornirsi da quelle ancora aperte.

Il primo ministro francese Valls, che si trova in Israele in missione diplomatica, ha definito le ultime azioni decise dalla Cgt come "un ricatto energetico", ha ribadito che la riforma del Lavoro non sara' ritirata ed ha promesso nuovi interventi delle forze dell'ordine per rimuovere i blocchi intorno ai depositi di carburanti ed alle raffinerie, ma ben poco potràà fare di fronte alla proclamazione dello sciopero dei lavoratori delle stesse raffinerie che Valls crede di "liberare" a manganellate di polizia.

La stessa centrale sindacale ed il suo segretario nazionale Philippe Martinez hanno ormai assunto il ruolo di leader della protesta contro la riforma del Lavoro e, piu' in generale, dell'opposizione alle politiche socio-economiche del governo. I francesi da parte loro solidarizzano con gli scioperanti e si chiedono come e quando lo scontro possa risolversi, dato che non esistono vie d'uscita negoziale, e intanto si stanno affrettando a fare incetta di benzina e diesel. 

La Francia intanto è avviata alla paralisi, che diverrà completa nell'arco di 24 ore. 

Redazione Milano


SCONTRO FRONTALE IN FRANCIA SULLA ''RIFORMA DEL LAVORO'': PAESE FERMO, CARBURANTI FINITI, POMPE CHIUSE, SCIOPERI A CATENA




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua
 
INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA MEGLIO GIOVENTU' NE VA!

INCHIESTA / MEDICI INGEGNERI ARCHITETTI: ITALIA ULTIMA IN EUROPA PER STIPENDI E COSI' LA NOSTRA

martedì 12 dicembre 2017
Nel 2016, ben 124.000 italiani sono emigrati all’estero e di questi il 39% aveva tra i 18 ed 34 anni, per la maggior parte con titolo di studio qualificato. Come mai una simile emorragia di
Continua
SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE IMPOSIZIONE DI MIGRANTI

SCONTRO FRONTALE UNGHERIA - UE: PARLAMENTO DI BUDAPEST VOTA RISOLUZIONE CONTRO L'INACCETABILE

martedì 12 dicembre 2017
BUDAPEST - Il parlamento ungherese ha approvato oggi la risoluzione che condanna la decisione del Parlamento europeo sulla riforma del sistema di asilo. Lo riferisce l'agenzia slovacca "Tasr" citando
Continua
 
CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN BEL GOLPE FRANCHISTA?

CATALOGNA: I SONDAGGI DANNO LA VITTORIA AL BLOCCO DI PARTITI INDIPENDENTISTI. RAJOY CHE FARA'? UN

martedì 12 dicembre 2017
BARCELLONA - La trategia repressiva decisa dal governo Rajoy contro la Catalogna si sta trasformando in un boomerang micidiale per Madrid. Il gruppo di partiti indipendentisti molto probabilmente
Continua
IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO ESSERE ESPULSI

IL MINISTRO DELL'INTERNO TEDESCO ACCUSA LA CHIESA CATTOLICA: NASCONDE CLANDESTINI CHE INVECE DEVONO

martedì 12 dicembre 2017
BERLINO - Il ministro dell'Interno tedesco, il cristiano democratico Thomas de Maizière (della Cdu, partito di orientamento cristiano simile alla vecchia Dc italiana), in un'intervista
Continua
 
TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA. GOVERNERA' DA SOLA

TRIONFO NAZIONALISTA ALLE ELEZIONI AMMINISTRATIVE IN CORSICA: 56,5% ALLA COALIZIONE NAZIONALISTA.

lunedì 11 dicembre 2017
AJACCIO - I nazionalisti in Corsica hanno stravinto le elezioni amministrative e, con in mano le chiavi della nuova "collettività territoriale unica" chiedono ora al governo di "fare bene i
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
''NIENTE MOSCHEA, NIENTE MINARETI IN TURINGIA! L'ISLAM CI VUOLE COLONIZZARE!'' (ALTERNATIVA PER LA GERMANIA ALL'ATTACCO)

''NIENTE MOSCHEA, NIENTE MINARETI IN TURINGIA! L'ISLAM CI VUOLE COLONIZZARE!'' (ALTERNATIVA PER LA
Continua

 
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''VITTORIA DI PIRRO, QUELLA DEL PRESIDENTE AUSTRIACO. LA DESTRA VINCERA' LE POLITICHE''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''VITTORIA DI PIRRO, QUELLA DEL PRESIDENTE AUSTRIACO. LA DESTRA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!