50.838.947
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

GERMANIA IN RECESSIONE SE IL BREXIT VINCE E INTANTO PIU' DI 5 MILIONI DI STRANIERI ''RUBANO'' POSTI DI LAVORO AGLI INGLESI

giovedì 19 maggio 2016

BERLINO - L'inimmaginabile potrebbe prendere forma il 23 giugno prossimo: se vincerà il Brexit, non solo la Gran Bretagna abbandonerà la Ue: l'effetto economico più forte non riguarderà i sudditi di Sua Maestà la Regina d'Inghiterra, ma la Germania.

L'ansia cresce tra le aziende tedesche. La questione "Brexit" e' particolarmente scottante anche ai piani alti del mondo economico tedesco. I britannici usciranno veramente dall'Unione Europea? Tra poco piu' di cinque settimane si terra' il temuto referendum in Gran Bretagna: nel peggiore dei casi, rivela uno studio della banca Dz, la Brexit costerebbe all'economia tedesca 45 miliardi di euro solo nel 2017 e la Germania improvvisamente entrerebbe in recessione.

A trarne profitto sarebbe sicuramente solo una categoria professionale: quella dei consulenti e degli avvocati che devono preparare le aziende ad una nuova situazione europea e per cui potranno chiedere lauti compensi. Ma ancora non si e' arrivati a questo punto.

Di avvertimenti e scenari apocalittici se ne e' parlato a sufficienza: "Penso che il danno provocato dalla Brexit sarebbe enorme innanzitutto per la Germania", ha dichiarato Markus Kerber, amministratore delegato capo della Confindustria tedesca (Bdi).

In effetti, c'e' molto in gioco: le due economie, infatti, sono fortemente interdipendenti: negli ultimi 25 anni, secondo Bdi, il commercio bilaterale e' piu' che raddoppiato. Secondo i dati dell'Ufficio Affari Esteri, piu' di 2.500 aziende tedesche detengono filiali in Gran Bretagna, dove impiegano circa 370 mila dipendenti: l'1 per cento di tutti gli occupati britannici. Al contrario, in Germania sono attive circa 3 mila aziende britanniche, ma in buona parte solo a titolo azionario. Nel 2015 la Germania ha esportato nel Regno Unito merci per un valore complessivo di 90 miliardi di euro: inoltre, il dieci per cento degli investimenti esteri diretti in Gran Bretagna proviene proprio dalla Germania. 

Tuttavia, confrontando i dati principali delle economie britannica e tedesca, si scopre facilmente che il Regno Unito è in solidissima crescita, la Germania in stentata e faticosa rimonta dalla stagnazione: il Pil atteso Oltremanica per il 2016 potrebbe sfiorare un +3%, mentre quello tedesco se arriverà a +1,5% ci sarà da festeggiare, a Berlino.

Da qui, le fortissime preoccupazioni tedesche: ammesso e non concesso che il Brexit a breve possa provocare una contrazione economica nel Regno Unito, il punto di partenza è così solido da non impensierire quanto quello che invece accadrebbe in Germania, dove uno sbilancimento negativo già di solo l'1,6% getterebbe - appunto - il paese nella recessione, mentre al massimo dimezzerebbe la crescita, in Gran Bretagna.

Regno Unito che, nel frattanto, è alle prese con un dato "esplosivo" che riguarda il numero strabiliante di lavoratori stranieri. L'immigrazione comunitaria nel Regno Unito ha raggiunto un livello record, riferisce il quotidiano britannico The Times. Il numero dei cittadini dell'Unione Europea che lavorano in Gran Bretagna è arrivato a 2,2 milioni. Sull'aumento ha inciso, in particolare, l'afflusso dai paesi fondatori dell'Ue, come la Spagna, il Portogallo, l'Italia e la Francia: l'anno scorso il loro incremento e' stato del 22%, da 797 a 974 mila.

I lavoratori romeni e bulgari sono aumentati di 46 mila unità, arrivando a 232 mila; quelli dell'Europa dell'est - Polonia e Paesi baltici - di 30 mila, arrivando a 974 mila. Carlos Vargas-Silva, ricercatore del Migration Observatory dell'Universita' di Oxford, spiega che la migliore condizione dell'economia britannica, con un basso tasso di disoccupazione, e' stato il principale fattore di attrazione e che il fenomeno dell'afflusso di immigrati dai paesi membri storici e' diventato piu' rilevante negli ultimi anni, ma è altrettanto evidente che una massa simile sia ben oltre il limite sopportabile dal welfare britannico, e pensare possa aumentare ancora - senza il Brexit - porterebbe al collasso sia il sistema sanitario che quello pensionistico.

Gli stranieri che lavorano Oltremanica sono complessivamente 5,2 milioni - precisa ancora The Times - tre milioni dei quali extracomunitari. Il tasso di occupazione e' al livello piu' alto dall'inizio delle misurazioni, nel 1971: 74,2 per cento, pari a 31,5 milioni di persone, soprattutto per l'aumento dell'occupazione femminile, al 69,2 per cento, ma un sistema in equilibrio deve prevedere non solo fasi di espansione economica come quella attuale, e nel caso di una frenata dell'economia in Gran Bretagna, è evidente che molti cittadini del Regno Unito si troveranno disoccupati per colpa dell'enorme afflusso di stranieri che hanno preso il loro posto di lavoro. 

Redazione Milano.


GERMANIA IN RECESSIONE SE IL BREXIT VINCE E INTANTO PIU' DI 5 MILIONI DI STRANIERI ''RUBANO'' POSTI DI LAVORO AGLI INGLESI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GERMANIA   BREXIT   RECESSIONE   REGNO   UNICO   LONDRA   BERLINO   CONFINDUSTRIA   LAVORATORI   ROMENI   BULGARI   SPAGNA   ITALI   PORTOGALLO   IMMIGRATI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento

GOVERNO POLACCO: ''LE ENCLAVI MUSULMANE IN EUROPA AGISCONO DA BASI DI SUPPORTO PER I TERRORISTI

martedì 22 agosto 2017
LONDRA -  "E' ora che l'Europa si svegli e riconosca il problema dello scontro di civilta' causato dal fatto che enclavi musulmane agiscono da basi di supporto per i terroristi". Questa frase
Continua
 
DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI ITALIANI'' L'AMATA UE

DEBITO PUBBLICO ALLE STELLE OGNI FAMIGLIA DOVRA' RISPONDERNE PER 144.900 EURO E LO ''CHIEDERA' AGLI

domenica 20 agosto 2017
Siete ancora in vacanza o siete già tornati? Non ci siete andati? Tutto ciò è irrilevante, perchè c'è un gigantesco debito che vi aspetta a settembre sull'uscio di
Continua
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BLOOMBERG SCOPERCHIA IL VERMINAIO LIBIA: I MIGRANTI VERSO L'ITALIA MANDATI DALL'ISIS CHE CI GUADAGNA E COMPRA ARMAMENTI

BLOOMBERG SCOPERCHIA IL VERMINAIO LIBIA: I MIGRANTI VERSO L'ITALIA MANDATI DALL'ISIS CHE CI
Continua

 
FORMIDABILE ATTO D'ACCUSA CONTRO LA ''PIOVRA'' USA IN EUROPA E NEL MONDO DI PAUL CRAIG ROBERTS (WALL STREET JOURNAL)

FORMIDABILE ATTO D'ACCUSA CONTRO LA ''PIOVRA'' USA IN EUROPA E NEL MONDO DI PAUL CRAIG ROBERTS
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!