56.232.915
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

UNA FAMOSA BANCA TEDESCA ACCUSA DEUTSCHE BANK: DEBITI INSORMONTABILI, 55.000 MILIARDI DI TITOLI TOSSICI. PUO' FALLIRE.

mercoledì 18 maggio 2016

A furia di nascondere la polvere sotto il tappeto, prima o dopo le magagne saltano fuori. Se poi non si tratta di polvere, ma di letame, il puzzo ed il problema diventano ancora maggiori, se non insormontabili.

Ieri Barenberg Bank, il più antico istituto di credito tedesco, fondato nel lontano 1590, ha lanciato un pesante allarme sullo stato di salute di una banca europea, affermando che i suoi debiti appaiono “insormontabili” e che in una situazione di mercato come quello attuale, essa è “alle prese con un circolo vizioso di cui si fatica ad intravedere l’uscita”.

Se qualcuno di voi sta pensando che Barenberg si stia riferendo ad una qualche banca italiana, come ad esempio il Monte dei Paschi di Siena, si sbaglia di grosso: l’obiettivo di una critica così feroce e precisa è niente popò di meno che la “prestigiosa”, “potentissima”, “affidabilissima” Detusche Bank.

Esatto: gli analisti di Barenberg hanno lanciato un duro allarme sullo stato di salute del colosso tedesco che ha in pancia la “modesta” cifra di 55.000.000.000.000 (55.000 miliardi!) di euro di titoli tossici. Giusto per darvi un termine di paragone, l’intero debito pubblico italiano, considerato dai politici teschi un “crimine verso il virtuoso popolo tedesco” è di soli 2.200 e poco più miliardi di euro.

Avete capito, cari lettori?

I titoli tossici in pancia a Deutsche Bank sono 24 volte più grandi dell’intero debito pubblico italiano e 6 volte l’intero PIL europeo. Una bomba atomica sarebbe meno pericolosa di questa banca che, è bene ricordarlo, è stata accusata dall’Inghilterra di favorire il riciclaggio di denaro sporco indirizzato al terrorismo ed è sotto inchiesta in Italia con l’accusa aver destabilizzato il mercato sui titoli di stato italiani per “favorire” la caduta del governo Berlusconi.

D’altra parte i numeri sono impietosi: nel primo trimestre gli utili sono scesi del 58% ed i ricavi del 22%, tanto che Banca Barenberg ritiene assolutamente necessario un forte aumento di capitale per consentire a Detusche Bank di sopravvivere. E sia ben chiaro che questo aumento di capitale deve - sottolineato: deve - essere compiuto con denaro proveniente dal libero mercato di capitali, e non con denaro pescato dalle floride casse dello Stato tedesco, altrimenti Deutsche Bank verrà messa sotto accusa dalla Commissione europea. Se il potente aumento di capitale abortisse, allora la Deutsche Bank sarebbe a richio di bail in come una Banca Etruria qualsiasi. O di fallimento.

E a confermare il pessimo stato di salute finanziaria di Detusche Bank arriva una notizia raggelante.

Deutsche Bank sta cercando disperatamente di rastrellare denaro fresco in ogni modo: in Belgio Deutsche Bank è arrivata a dare il 5% di interesse - con il tasso di interesse portato dalla Bce a zero! - a chi conferisce denaro fresco e si impegna a vincolarlo per almeno 3 mesi. E' evidente sia una mossa dettata dalla estrema paura.

Si tratta, infatti,  di un tasso di rendimento assolutamente fuori mercato, elevatissimo per gli standard attuali e superiore perfino a quanto offerto da alcuni “titoli spazzatura”. Vi ricorda nulla?

A noi sì: le ultime mosse di Parmalat, quando emetteva obbligazioni a raffica a tassi elevati pur in presenza di una liquidità dichiarata enorme. Difatti il noto sito di analisi finanziaria zerohedge si chiede se il mostro (perché colosso ci appare del tutto fuori luogo vista la situazione) tedesco Deutsche Bank abbia problemi di liquidità.

Ora, una domanda sorge spontanea: com’è possibile che  un singolo istituto di credito abbia generato titoli tossici per 6 volte il pil dell’intera Europa? Dov’erano i governanti tedeschi, i fieri difensori della stabilità del mercato, dell’austerità, del rispetto dei vincoli? Hanno forse dormito?

Se fosse qeusto il caso, dovrebbero dimettersi immediatamente per aver sottovalutato una situazione che ha tutte le caratteristiche per travolgere l’intera economia mondiale. Al paragone, il crack della Lehman è uguale a quello della Cariferrara o della Carimarche. Se il governo Merkel sapeva e ha lasciato fare, è l'artefice di questo pericolo e dovrà pagarne il conto. Un conto che dovrà essere pagato nella stessa misura dagli oligarchi della Ue, così solerti nel massacrare la Grecia e nel bacchettare l’Italia, quanto teneri e paciosi con la Germania al cui interno s'annida una banca pericolante che per pessima gestione, spasmodica ricerca del guadagno a tutti i costi, anche a costo di violare buona parte del codice penale, viste le pesantissime accuse a suo carico in Gran Bretagna, ora potrebbe devastare l'Europa e tutto l'Occidente.

Detto questo, quanto scommettiamo che, a differenza delle banche italiane, Deutsche Bank alla fine in un modo o nell'altro verrà salvata con un intervento europeo, magari con una bella tassa sui popoli mediterranei “brutti, sporchi e cattivi che sono pieni di debito e con stati che danno troppe garanzie ai cittadini, mentre noi poveri tedeschi siamo austeri e rispettosi dei sacri parametri europei?”

E’ chiaro che un mostro del genere, che rischia di travolgere tutto e tutti, non verrà fatto saltare, ed è altrettanto chiaro che qualcuno sarà pronto a tagliare sanità e pensioni per dare il proprio contributo “per salvare la Ue, perché se salta Deutsche Bank, salta tutto". E quel qualcuno, avrà un accento spiccatamente toscano.

Luca Campolongo

Fonti

http://www.wallstreetitalia.com/deutsche-bank-nei-guai-beremberg-lancia-alert-capitale/

http://www.zerohedge.com/news/2016-05-14/liquidity-problems-deutsche-bank-offers-5-yields-if-depositors-lock-their-money-thre

http://www.wallstreetitalia.com/uk-deutsche-bank-ha-problemi-sistemici-di-riciclaggio-e-finanziamenti-a-terroristi/

 


UNA FAMOSA BANCA TEDESCA ACCUSA DEUTSCHE BANK: DEBITI INSORMONTABILI, 55.000 MILIARDI DI TITOLI TOSSICI. PUO' FALLIRE.


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BARENBERG   BANK   DEUTSCHE BANK   TITOLI   TOSSICI   DERIVATI   UE   GERMANIA   ITALIA   BANCA   ETRURIA   CARIMARCHE   BAIL IN   GERMANIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD ALL'SPD, TUTTA UNA RAPINA

LE SINISTRE ''EUROPEE'' SONO I PARTITI DI TASSE & BANCHIERI PER SPOLIARE IL CETO MEDIO: DAL PD

giovedì 11 gennaio 2018
BERLINO - Il possibile aumento dell'aliquota fiscale massima da parte di una nuova grande coalizione - preteso dal socialdemocratico SPD  per formare il nuovo governo - preoccupa molto i
Continua
 
CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA EUROPA CRESCONO (+2,4%)

CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE IN ITALIA CONTINUA INESORABILE ANCHE NEL 2017 (-1%) MENTRE IN TUTTA

mercoledì 10 gennaio 2018
La ripresa in Italia non c'è, anzi il Paese continua la discesa verso la povertà di massa. La prova sta nel continuo e inarrestabile calo del valore degi immobili, in assoluta contro
Continua
CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR. L'ALZHEIMER NON E' IMBATTIBILE

CONTRASTARE E RALLENTARE L'ALZHEIMER SI PUO' CON ''TRAIN THE BRAIN'' SVILUPPATO DAL CNR.

martedì 9 gennaio 2018
Le patologie neurodegenerative riguardano in Italia 1 milione 200 mila persone, di cui circa 800 mila hanno l'Alzheimer. "L'opinione diffusa che non ci siano speranze se ci si ammala e' vera, ma solo
Continua
 
CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA (O SALTANO UE E EURO)

CENTRODESTRA VINCERA' E DOPO LE ELEZIONI I VERTICI DELLA UE DOVRANNO SCENDERE A PATTI CON L'ITALIA

lunedì 8 gennaio 2018
"Il centrodestra vincerà le elezioni. Lo dicono tutti i sondaggi: uniti siamo tra il 37 e il 40%; il Movimento 5 stelle è staccato al 26-28%; quel che resta del Pd di Renzi sprofonda al
Continua
IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN DURO DEL FPOE!

IN AUSTRIA LA DESTRA NAZIONALISTA VA AL GOVERNO! KURZ CANCELLIERE, STRACHE SUO VICE, ALL'INTERNO UN

sabato 16 dicembre 2017
VIENNA - I nazionalisti vanno al governo in Austria, finalmente. E non solo, Vienna batte Berlino sul tempo, dato che in Germania un qualsiasi nuovo governo è ancora ben al di là
Continua
 
POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE IMPORCI. PUNTO E BASTA

POLONIA SLOVACCHIA UNGHERIA E REPUBBLICA CECA: NON ACCOGLIEREMO MAI MIGRANTI CHE LA UE VORREBBE

giovedì 14 dicembre 2017
BRUXELLES - Slovacchia, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria (noti anche come "Paesi Vysegrad") sono pronti a dare tutto il contributo economico possibile all'Italia, ma non accetteranno mai
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CENTRO STUDI DI ''IMPRESA LAVORO'' METTE IN GUARDIA TUTTI I CORRENTISTI: L'INTERO SISTEMA BANCARIO E' A RISCHIO FALLIMENTO

CENTRO STUDI DI ''IMPRESA LAVORO'' METTE IN GUARDIA TUTTI I CORRENTISTI: L'INTERO SISTEMA BANCARIO
Continua

 
LA COMMISSIONE UE VORREBBE BLOCCARE PRELIEVI E TRASFERIMENTI DI C/C IN ALTRO ISTITUTO SE LA BANCA ''FOSSE A RISCHIO''

LA COMMISSIONE UE VORREBBE BLOCCARE PRELIEVI E TRASFERIMENTI DI C/C IN ALTRO ISTITUTO SE LA BANCA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

CALDEROLI: QUANDO SAREMO AL GOVERNO ESPELLEREMO TUTTI I CLANDESTINI

12 gennaio - ''Due immigrati clandestini, un nigeriano e un marocchino, martedi'
Continua

FACEBOOK CENSURA LE NOTIZIE, LE SINISTRE GLOBALI NON RIESCONO A

12 gennaio - Facebook ha introdotto cambiamenti radicali all'algoritmo che ci fa
Continua

TUTTO IL CENTRODESTRA SOSTIENE ATTILIO FONTANA: CONFERENZA STAMPA A

11 gennaio - MILANO - 'Al lavoro!Piu' Lombardia. Fontana presidente' e' la scritta in
Continua

BRUNETTA: ''PRONTO IL PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. LO PRESENTEREMO

11 gennaio - ''Nella giornata di oggi chiuderemo il lavoro, positivo e proficuo, del
Continua

MACRON STA PER PRESENTARE LEGGE SULL'IMMIGRAZIONE DI STAMPO

11 gennaio - PARIGI - Il presidente francese Emmanuel Macron si prepara alla prova
Continua

MATTEO SALVINI: ''AVREI PREFERITO CHE MARONI SI RICANDIDASSE, MA HA

11 gennaio - MILANO - ''MARONI mi ha detto di avere fatto in Lombardia tutto quello
Continua

BERLUSCONI: ATTILIO FONTANA CANDIDATO PRESIDENTE IN LOMBARDIA VA

10 gennaio - MILANO - ''Non c'è nulla che ci allontana da Salvini che ha indicato un
Continua

LE SOFFERENZE DEL SISTEMA BANCARIO ITALIANO CONTINUANO INESORABILI

10 gennaio - A novembre 2017 - ultimo dato disponibile - le sofferenze nette sui
Continua

BERLUSCONI: ''MAI UN GOVERNO DI LARGHE INTESE COL PD. MAI''

9 gennaio - ''Non c'e' mai stata e non ci sara' neanche in futuro'' la possibilita'
Continua

CLAUDIO BORGHI: ''APPENA LA LEGA AL GOVERNO, PREPARERA' LA

9 gennaio - ''Un secondo dopo che la Lega siederà al Governo, metterà in atto
Continua
Precedenti »