61.591.915
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

BLOOMBERG SCOPERCHIA IL VERMINAIO LIBIA: I MIGRANTI VERSO L'ITALIA MANDATI DALL'ISIS CHE CI GUADAGNA E COMPRA ARMAMENTI

mercoledì 18 maggio 2016

NEW YORK - I rappresentanti di 21 paesi e quattro organizzazioni internazionali di massimo rilievo, incluse le Nazioni Unite, si sono impegnati - due giorni fa - a fornire armi al nuovo governo di unita' nazionale libico per far fronte alla minaccia dello Stato islamico e degli altri gruppi terroristici che operano nel paese.

Ma questa decisione concretamente che conseguenze provocherà? E' davvero un passo decisivo per la distruzione dell'isis in Libia, o innescherà una guerra dagli esiti potenzialmente devastanti anche per l'Italia? E soprattutto: le ondate di migranti verso l'Italia chi le organizza? Chi ci guadagna? 

Un'analisi di Bloomberg a firma di Gregory Viscusi prova a ipotizzare a quali soggetti finirebbero concretamente le armi, e quale sia in generale lo stato del paese nordafricano e svela anche chi gestisce la totalità del traffico di migranti verso l'Italia. Da notare che in Italia, la nazione più esposta alle conseguenze di una nuova catastrofe in Libia come quella scatenata dalla morte di Gheddafi, se non peggiore, nessun organo d'informazione dedica spazio a questa delicatissima questione...

In ogni caso, scrive Bloomberg: "La Libia e' ancora priva di un potere politico ben definito ed esteso all'intero territorio nazionale. Le elezioni del 2014 hanno portato alla nascita di due governi contrapposti, e il parlamento di Tobruk, riconosciuto dalla comunita' internazionale, sinora ha rifiutato di sostenere formalmente il nuovo governo di unita' nazionale mediato dalle Nazioni Unite, e guidato da Fayez al Sarraj. A complicare ulteriormente una situazione gia' inestricabile, lo Stato islamico ha istituito una presenza permanente nel paese e ora controlla la citta' costiera di Sirte".

A questa premessa per nulla rassicurante, segue: "Il generale Khalifa Haftar, auto-proclamatosi salvatore della Libia, comanda invece le milizie meglio organizzate del paese; combatte i gruppi estremistici, compreso l'Isis, e gode dell'appoggio del vicino Egitto, ma non ha giurato fedelta' al nuovo governo. In tutto, operano in Libia una dozzina di milizie armate di rilievo che si contendono il controllo del territorio e l'influenza politica. I piccoli gruppi e le bande locali, pero', si contano a centinaia. La Liba e' sotto embargo da parte dell'Onu sin dalla deposizione del dittatore Muammar Ghedafi, nel 2011".

Questo, sinteticamente, è il quadro della situazione militare sul campo, e che quadro!

Continua Bloomberg: "La fornitura delle armi al governo Sarraj non implicherebbe la fine dell'embargo, ma soltanto il ricorso a una serie di eccezioni previste dalle Nazioni Unite per contrastare l'avanzata del terrorismo nel paese. L'incontro organizzato lunedi' a Vienna dal segretario di Stato Usa John Kerry e dal suo omologo italiano, Paolo Gentiloni, ha fatto appello alla formazione di un comando miliare unificato che riunisca le forze militari fedeli alle amministrazioni di Tripoli e Tobruk. Secondo Mattia Toaldo, analista dell'European Council on Foreign Relations con sede a Londra, conseguire tale obiettivo richiederebbe come minimo diversi mesi, ma mettere assieme qualcosa che possa soddisfare il Consiglio di sicurezza dell'Onu potrebbe essere possibile nell'arco di alcune settimane".

Ma il passaggio decisivo dell'analisi di Bloomberg è il seguente: "La preoccupazione della comunita' internazionale ,del resto, e' giustificata: l'Isis si e' radicato in Libia come in nessun altro paese ad eccezione di Siria e Iraq. Stando alla Jamestown Foundation, nel paese nordafricano il sedicente califfato conta tra i 3 mila e i 6.500 combattenti, perlopiu' provenienti da milizie locali che hanno giurato fedelta' all'organizzazione terroristica. Il territorio costiero controllato dall'Isis consente inoltre ai terroristi di esercitare un monopolio sul traffico di esseri umani verso l'Europa, proprio mentre torna ad essere affollata la rotta migratoria del Mediterraneo centrale".

Quindi, per essere chiari: tutti i sedicenti "profughi" prelevati dai barconi e portati in Italia provengono dalle coste della Libia controllate dall'Isis, il quale Isis incamera ingentissimi guadagni da questo traffico di esseri umani, con i quali si rifornisce di armi per continuare ad espandersi in Libia. Nella sostanza, continuando a portare sedicenti profughi - in realtà migranti economici africani - in Italia, il governo italiano sta finanziando l'Isis in Libia e la sua espansione in tutto il Nord Africa.

Tornando a Bloomberg: "Le prospettive di unita' politico-istituzionale del paese sono incerte: per il momento, il generale Haftar e' il principale ostacolo sulla strada del pieno riconoscimento del governo di unita' nazionale. Lo scenario, pero', potrebbe presto cambiare: Haftar e' allettato dalla prospettiva di ricevere l'incarico di capo delle forze armate libiche, o un'altra posizione di rilievo nel contesto del nuovo ordine nazionale; il governo Sarraj ha creato una guardia presidenziale in cui potrebbero confluire le forze del generale, e che potrebbe essere la destinataria diretta delle armi fornite dalla comunita' internazionale. Sarraj si e' gia' recato in Egitto e avrebbe ricevuto il consenso del presidente Abdel Fattah al Sisi, una delle principali figure che sostengono Haftar. il rischio, ovviamente - conclude Bloomberg - e' che le armi fornite dalle potenze occidentali non vengano impiegate soltanto contro l'Isis, ma anche per regolare i conti con altre fazioni armate che operano nel paese".

Questa è la situazione. Che definire "esplosiva" è ancora poco.

Redazione Milano. 


BLOOMBERG SCOPERCHIA IL VERMINAIO LIBIA: I MIGRANTI VERSO L'ITALIA MANDATI DALL'ISIS CHE CI GUADAGNA E COMPRA ARMAMENTI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ISIS   LIBIA   BLOOMBERG   MIGRANTI   ARMI   ONU   TOBRUK   SIETE   MISURATA   HAFTAR   SARRAJ   ITALIA   GOVERNO   BARCONI   INVASIONE   MIGRANTI   AFRICANI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GRANDE STAMPA IN GERMANIA VEDE UN CAMBIAMENTO EPOCALE: ''COL TRAMONTO DELLA MERKEL, L'ALBA DELLA DESTRA AL POTERE''

LA GRANDE STAMPA IN GERMANIA VEDE UN CAMBIAMENTO EPOCALE: ''COL TRAMONTO DELLA MERKEL, L'ALBA DELLA
Continua

 
GERMANIA IN RECESSIONE SE IL BREXIT VINCE E INTANTO PIU' DI 5 MILIONI DI STRANIERI ''RUBANO'' POSTI DI LAVORO AGLI INGLESI

GERMANIA IN RECESSIONE SE IL BREXIT VINCE E INTANTO PIU' DI 5 MILIONI DI STRANIERI ''RUBANO'' POSTI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!