74.243.173
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

BLOOMBERG SCOPERCHIA IL VERMINAIO LIBIA: I MIGRANTI VERSO L'ITALIA MANDATI DALL'ISIS CHE CI GUADAGNA E COMPRA ARMAMENTI

mercoledì 18 maggio 2016

NEW YORK - I rappresentanti di 21 paesi e quattro organizzazioni internazionali di massimo rilievo, incluse le Nazioni Unite, si sono impegnati - due giorni fa - a fornire armi al nuovo governo di unita' nazionale libico per far fronte alla minaccia dello Stato islamico e degli altri gruppi terroristici che operano nel paese.

Ma questa decisione concretamente che conseguenze provocherà? E' davvero un passo decisivo per la distruzione dell'isis in Libia, o innescherà una guerra dagli esiti potenzialmente devastanti anche per l'Italia? E soprattutto: le ondate di migranti verso l'Italia chi le organizza? Chi ci guadagna? 

Un'analisi di Bloomberg a firma di Gregory Viscusi prova a ipotizzare a quali soggetti finirebbero concretamente le armi, e quale sia in generale lo stato del paese nordafricano e svela anche chi gestisce la totalità del traffico di migranti verso l'Italia. Da notare che in Italia, la nazione più esposta alle conseguenze di una nuova catastrofe in Libia come quella scatenata dalla morte di Gheddafi, se non peggiore, nessun organo d'informazione dedica spazio a questa delicatissima questione...

In ogni caso, scrive Bloomberg: "La Libia e' ancora priva di un potere politico ben definito ed esteso all'intero territorio nazionale. Le elezioni del 2014 hanno portato alla nascita di due governi contrapposti, e il parlamento di Tobruk, riconosciuto dalla comunita' internazionale, sinora ha rifiutato di sostenere formalmente il nuovo governo di unita' nazionale mediato dalle Nazioni Unite, e guidato da Fayez al Sarraj. A complicare ulteriormente una situazione gia' inestricabile, lo Stato islamico ha istituito una presenza permanente nel paese e ora controlla la citta' costiera di Sirte".

A questa premessa per nulla rassicurante, segue: "Il generale Khalifa Haftar, auto-proclamatosi salvatore della Libia, comanda invece le milizie meglio organizzate del paese; combatte i gruppi estremistici, compreso l'Isis, e gode dell'appoggio del vicino Egitto, ma non ha giurato fedelta' al nuovo governo. In tutto, operano in Libia una dozzina di milizie armate di rilievo che si contendono il controllo del territorio e l'influenza politica. I piccoli gruppi e le bande locali, pero', si contano a centinaia. La Liba e' sotto embargo da parte dell'Onu sin dalla deposizione del dittatore Muammar Ghedafi, nel 2011".

Questo, sinteticamente, è il quadro della situazione militare sul campo, e che quadro!

Continua Bloomberg: "La fornitura delle armi al governo Sarraj non implicherebbe la fine dell'embargo, ma soltanto il ricorso a una serie di eccezioni previste dalle Nazioni Unite per contrastare l'avanzata del terrorismo nel paese. L'incontro organizzato lunedi' a Vienna dal segretario di Stato Usa John Kerry e dal suo omologo italiano, Paolo Gentiloni, ha fatto appello alla formazione di un comando miliare unificato che riunisca le forze militari fedeli alle amministrazioni di Tripoli e Tobruk. Secondo Mattia Toaldo, analista dell'European Council on Foreign Relations con sede a Londra, conseguire tale obiettivo richiederebbe come minimo diversi mesi, ma mettere assieme qualcosa che possa soddisfare il Consiglio di sicurezza dell'Onu potrebbe essere possibile nell'arco di alcune settimane".

Ma il passaggio decisivo dell'analisi di Bloomberg è il seguente: "La preoccupazione della comunita' internazionale ,del resto, e' giustificata: l'Isis si e' radicato in Libia come in nessun altro paese ad eccezione di Siria e Iraq. Stando alla Jamestown Foundation, nel paese nordafricano il sedicente califfato conta tra i 3 mila e i 6.500 combattenti, perlopiu' provenienti da milizie locali che hanno giurato fedelta' all'organizzazione terroristica. Il territorio costiero controllato dall'Isis consente inoltre ai terroristi di esercitare un monopolio sul traffico di esseri umani verso l'Europa, proprio mentre torna ad essere affollata la rotta migratoria del Mediterraneo centrale".

Quindi, per essere chiari: tutti i sedicenti "profughi" prelevati dai barconi e portati in Italia provengono dalle coste della Libia controllate dall'Isis, il quale Isis incamera ingentissimi guadagni da questo traffico di esseri umani, con i quali si rifornisce di armi per continuare ad espandersi in Libia. Nella sostanza, continuando a portare sedicenti profughi - in realtà migranti economici africani - in Italia, il governo italiano sta finanziando l'Isis in Libia e la sua espansione in tutto il Nord Africa.

Tornando a Bloomberg: "Le prospettive di unita' politico-istituzionale del paese sono incerte: per il momento, il generale Haftar e' il principale ostacolo sulla strada del pieno riconoscimento del governo di unita' nazionale. Lo scenario, pero', potrebbe presto cambiare: Haftar e' allettato dalla prospettiva di ricevere l'incarico di capo delle forze armate libiche, o un'altra posizione di rilievo nel contesto del nuovo ordine nazionale; il governo Sarraj ha creato una guardia presidenziale in cui potrebbero confluire le forze del generale, e che potrebbe essere la destinataria diretta delle armi fornite dalla comunita' internazionale. Sarraj si e' gia' recato in Egitto e avrebbe ricevuto il consenso del presidente Abdel Fattah al Sisi, una delle principali figure che sostengono Haftar. il rischio, ovviamente - conclude Bloomberg - e' che le armi fornite dalle potenze occidentali non vengano impiegate soltanto contro l'Isis, ma anche per regolare i conti con altre fazioni armate che operano nel paese".

Questa è la situazione. Che definire "esplosiva" è ancora poco.

Redazione Milano. 


BLOOMBERG SCOPERCHIA IL VERMINAIO LIBIA: I MIGRANTI VERSO L'ITALIA MANDATI DALL'ISIS CHE CI GUADAGNA E COMPRA ARMAMENTI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ISIS   LIBIA   BLOOMBERG   MIGRANTI   ARMI   ONU   TOBRUK   SIETE   MISURATA   HAFTAR   SARRAJ   ITALIA   GOVERNO   BARCONI   INVASIONE   MIGRANTI   AFRICANI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
UN VELISTA ITALIANO ''PRIGIONIERO'' DENTRO L'EPICENTRO DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS RACCONTA L'INFERNO CHE HA ATTORNO

UN VELISTA ITALIANO ''PRIGIONIERO'' DENTRO L'EPICENTRO DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS RACCONTA

martedì 18 febbraio 2020
Il racconto di un "prigioniero" italiano che ri trova dentro l'epicentro dell'epidemia di coronavirus Uscite di sicurezza dell'hotel sbarrate con catena e lucchetto e ingresso unico, mascherina
Continua
 
LA SITUAZIONE DELLA CINA E' MOLTO PIU' GRAVE DI QUANTO VENGA RACCONTATO DAI MEDIA IL VIRUS STA UCCIDENDO L'ECONOMIA

LA SITUAZIONE DELLA CINA E' MOLTO PIU' GRAVE DI QUANTO VENGA RACCONTATO DAI MEDIA IL VIRUS STA

martedì 18 febbraio 2020
L'epidemia causata dal nuovo ceppo di coronavirus Covid-19, originata nella Cina centrale e poi diffusasi a livello internazionale, ha posto la diplomazia di Pechino in una situazione di stress senza
Continua
INCHIESTA / L'ALTRA FACCIA DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS: IL TRACOLLO DELL'ECONOMIA A LIVELLO PLANETARIO

INCHIESTA / L'ALTRA FACCIA DELL'EPIDEMIA DI CORONAVIRUS: IL TRACOLLO DELL'ECONOMIA A LIVELLO

mercoledì 29 gennaio 2020
La Cina e la comunita' internazionale osservano con crescente preoccupazione le ricadute della propagazione del nuovo ceppo di coronavirus sull'economia del paese asiatico, che potrebbe rallentare
Continua
 
''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE CANCELLARE ISRAELE E' ANTISEMITA

''LE NUOVE FORME DELL'ANTISEMITISMO'' CONVEGNO ORGANIZZATO DALLA LEGA. SALVINI: CHI VUOLE

giovedì 16 gennaio 2020
A dieci giorni dalla ricorrenza del Giorno della Memoria in omaggio alle vittime dell'Olocausto, la Lega ha organizzato a Roma il convegno 'Le nuove forme dell'antisemitismo'. A Palazzo Giustiniani,
Continua
UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL BUCO-BREXIT DI 15 MLD/ANNO

UE VORREBBE INCASSARE DIRETTAMENTE UNA PLASTIC TAX PAGATA DA TUTTI I CITTADINI PER COPRIRE IL

lunedì 13 gennaio 2020
LONDRA - Pochi giorni fa, il parlamento britannico ha approvato a larga maggioranza la legge che stabilisce che la Gran Bretagna lascera' definitivamente l'Unione Europea il 31 Gennaio del 2020. Al
Continua
 
CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI E FORMARE FAMIGLIE

CROAZIA ACCUSA LA UE DI NON FARE NULLA PER AIUTARE I GIOVANI A TROVARE LAVORO NELLE PROPRIE NAZIONI

martedì 7 gennaio 2020
LONDRA - Negli ultimi anni, in diversi Paesi e' aumentato il numero di coloro che sono contrari al libero movimento delle persone all'interno della UE in quanto questa politica ha visto le nazioni
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GRANDE STAMPA IN GERMANIA VEDE UN CAMBIAMENTO EPOCALE: ''COL TRAMONTO DELLA MERKEL, L'ALBA DELLA DESTRA AL POTERE''

LA GRANDE STAMPA IN GERMANIA VEDE UN CAMBIAMENTO EPOCALE: ''COL TRAMONTO DELLA MERKEL, L'ALBA DELLA
Continua

 
GERMANIA IN RECESSIONE SE IL BREXIT VINCE E INTANTO PIU' DI 5 MILIONI DI STRANIERI ''RUBANO'' POSTI DI LAVORO AGLI INGLESI

GERMANIA IN RECESSIONE SE IL BREXIT VINCE E INTANTO PIU' DI 5 MILIONI DI STRANIERI ''RUBANO'' POSTI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

PIRELLI: DUE DEI TRE STABILIMENTI IN CINA SONO CHIUSI, IL TERZO

19 febbraio - MILANO - L'impatto previsto del Coronavirus sui conti di Pirelli ''al
Continua

LA RUSSIA CHIUDE LE FRONTIERE AI CITTADINI CINESI, NON UNO ESCLUSO.

19 febbraio - PECHINO - ''Non e' un bando totale agli scambi tra persone dei due
Continua

BOLLETTINO DI GUERRA CORONAVIRUS: AD OGGI, 2004 MORTI E 74.000

19 febbraio - Sale a quota 2.004 il bilancio totale dei morti per malattia da nuovo
Continua

INCHIODATA DEL PIL DELLA CINA, FABBRICHE APERTE SONO SOLO IL

19 febbraio - La crescita del Pil in Cina potrebbe frenare a +3,5% nel primo
Continua

LA RUSSIA PREPARA UN PIANO PER RIDURRE DANNI DA BLOCCO FORNITURE

18 febbraio - MOSCA - La Russia sta preparando un piano d'azione per ridurre al minimo
Continua

ANCHE CHANEL CANCELLA LE SFILATE DEL PROSSIMO 21 MAGGIO A PECHINO

18 febbraio - Il CORONAVIRUS non risparmia l'industria della moda. Oltre a Prada, che
Continua

CORONAVIRUS: PRADA RINVIA A DATA DA DESTINARSI LE SFILATE IN

18 febbraio - Anche Prada, dopo la rinuncia di Chanel Metiers d'Art a sfilare a
Continua

GRANDI DIFFICOLTA' PER LE IMPRESE STRANIERE IN CINA: IMPIANTI FERMI

18 febbraio - PECHINO - Le imprese straniere stanno avendo grandi difficolta' nel far
Continua

STUDIO USA: 5.000.000 DI AZIENDE A RISCHIO NEL MONDO PER COLPA DEL

18 febbraio - Il coronavirus potrebbe avere un impatto sull'economia globale e
Continua

SALONE INTERNAZIONALE DELL'AUTO DI PECHINO RINVIATO A DATA DA

18 febbraio - PECHINO - Anche il Beijing auto show, il piu' grande evento dell'anno
Continua

INDICE ZEW PRECIPITA: LA GERMANIA VEDE NERISSIMO, CROLLO GLOBALE

18 febbraio - Brusco calo a febbraio dell'indice Zew, che è l'indice di fiducia delle
Continua

MEGA BOOM DELL'OCCUPAZIONE IN GRAN BRETAGNA GRAZIE ALLA BREXIT

18 febbraio - LONDRA - L'economia britannica ha creato posti di lavoro a un ritmo
Continua

542 MALATI DI CORONAVIRUS SULLA NAVE DA CROCIERA DIAMOND PRINCESS

18 febbraio - Altre 88 persone a bordo della nave da crociera Diamond Princess,
Continua

BENETTON PROVANO A VENDERE AUTOSTRADE PER L'ITALIA (CAUSE

17 febbraio - ''Fonti ben informate e vicine al dossier confermano che la famiglia
Continua

SECONDO IL PD, LA MAGGIORANZA VA ''STABILIZZATA'' ALLARGANDOLA

17 febbraio - ''Il ragionamento di Bettini, alias Zingaretti, secondo cui la
Continua

CINA: GOVERNO DECIDE CHE TUTTI I PEDAGGI NELL'INTERA RETE VIARIA

17 febbraio - PECHINO - Il governo cinese deve essersi reso conto che l'epidemia di
Continua

UN ITALIANO MALATO TRA I PASSEGGERI EVACUATI DALLA DIAMOND PRINCESS

17 febbraio - Un italiano che si trovava a bordo della Diamond Princess, la nave
Continua

EPIDEMIA CORONAVIRUS DILAGA SULLA NAVE DIAMOND PRINCESS: 454 MALATI

17 febbraio - TOKYO - I test hanno accertato altri 99 contagiati sulla nave da
Continua

SALVINI: VOGLIONO CANCELLARE I DECRETI SICUREZZA. PAZZESCO.

17 febbraio - ''Pazzesco. Con tutti i problemi che ci sono in Italia qual e' la loro
Continua

BMW CHIUDE TRE FABBRICHE IN CINA PER COLPA DEL CORONAVIRUS

30 gennaio - Bmw sta chiudendo tre delle sue fabbriche nella città cinese di
Continua
Precedenti »