89.279.448
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

BLOOMBERG SCOPERCHIA IL VERMINAIO LIBIA: I MIGRANTI VERSO L'ITALIA MANDATI DALL'ISIS CHE CI GUADAGNA E COMPRA ARMAMENTI

mercoledì 18 maggio 2016

NEW YORK - I rappresentanti di 21 paesi e quattro organizzazioni internazionali di massimo rilievo, incluse le Nazioni Unite, si sono impegnati - due giorni fa - a fornire armi al nuovo governo di unita' nazionale libico per far fronte alla minaccia dello Stato islamico e degli altri gruppi terroristici che operano nel paese.

Ma questa decisione concretamente che conseguenze provocherà? E' davvero un passo decisivo per la distruzione dell'isis in Libia, o innescherà una guerra dagli esiti potenzialmente devastanti anche per l'Italia? E soprattutto: le ondate di migranti verso l'Italia chi le organizza? Chi ci guadagna? 

Un'analisi di Bloomberg a firma di Gregory Viscusi prova a ipotizzare a quali soggetti finirebbero concretamente le armi, e quale sia in generale lo stato del paese nordafricano e svela anche chi gestisce la totalità del traffico di migranti verso l'Italia. Da notare che in Italia, la nazione più esposta alle conseguenze di una nuova catastrofe in Libia come quella scatenata dalla morte di Gheddafi, se non peggiore, nessun organo d'informazione dedica spazio a questa delicatissima questione...

In ogni caso, scrive Bloomberg: "La Libia e' ancora priva di un potere politico ben definito ed esteso all'intero territorio nazionale. Le elezioni del 2014 hanno portato alla nascita di due governi contrapposti, e il parlamento di Tobruk, riconosciuto dalla comunita' internazionale, sinora ha rifiutato di sostenere formalmente il nuovo governo di unita' nazionale mediato dalle Nazioni Unite, e guidato da Fayez al Sarraj. A complicare ulteriormente una situazione gia' inestricabile, lo Stato islamico ha istituito una presenza permanente nel paese e ora controlla la citta' costiera di Sirte".

A questa premessa per nulla rassicurante, segue: "Il generale Khalifa Haftar, auto-proclamatosi salvatore della Libia, comanda invece le milizie meglio organizzate del paese; combatte i gruppi estremistici, compreso l'Isis, e gode dell'appoggio del vicino Egitto, ma non ha giurato fedelta' al nuovo governo. In tutto, operano in Libia una dozzina di milizie armate di rilievo che si contendono il controllo del territorio e l'influenza politica. I piccoli gruppi e le bande locali, pero', si contano a centinaia. La Liba e' sotto embargo da parte dell'Onu sin dalla deposizione del dittatore Muammar Ghedafi, nel 2011".

Questo, sinteticamente, è il quadro della situazione militare sul campo, e che quadro!

Continua Bloomberg: "La fornitura delle armi al governo Sarraj non implicherebbe la fine dell'embargo, ma soltanto il ricorso a una serie di eccezioni previste dalle Nazioni Unite per contrastare l'avanzata del terrorismo nel paese. L'incontro organizzato lunedi' a Vienna dal segretario di Stato Usa John Kerry e dal suo omologo italiano, Paolo Gentiloni, ha fatto appello alla formazione di un comando miliare unificato che riunisca le forze militari fedeli alle amministrazioni di Tripoli e Tobruk. Secondo Mattia Toaldo, analista dell'European Council on Foreign Relations con sede a Londra, conseguire tale obiettivo richiederebbe come minimo diversi mesi, ma mettere assieme qualcosa che possa soddisfare il Consiglio di sicurezza dell'Onu potrebbe essere possibile nell'arco di alcune settimane".

Ma il passaggio decisivo dell'analisi di Bloomberg è il seguente: "La preoccupazione della comunita' internazionale ,del resto, e' giustificata: l'Isis si e' radicato in Libia come in nessun altro paese ad eccezione di Siria e Iraq. Stando alla Jamestown Foundation, nel paese nordafricano il sedicente califfato conta tra i 3 mila e i 6.500 combattenti, perlopiu' provenienti da milizie locali che hanno giurato fedelta' all'organizzazione terroristica. Il territorio costiero controllato dall'Isis consente inoltre ai terroristi di esercitare un monopolio sul traffico di esseri umani verso l'Europa, proprio mentre torna ad essere affollata la rotta migratoria del Mediterraneo centrale".

Quindi, per essere chiari: tutti i sedicenti "profughi" prelevati dai barconi e portati in Italia provengono dalle coste della Libia controllate dall'Isis, il quale Isis incamera ingentissimi guadagni da questo traffico di esseri umani, con i quali si rifornisce di armi per continuare ad espandersi in Libia. Nella sostanza, continuando a portare sedicenti profughi - in realtà migranti economici africani - in Italia, il governo italiano sta finanziando l'Isis in Libia e la sua espansione in tutto il Nord Africa.

Tornando a Bloomberg: "Le prospettive di unita' politico-istituzionale del paese sono incerte: per il momento, il generale Haftar e' il principale ostacolo sulla strada del pieno riconoscimento del governo di unita' nazionale. Lo scenario, pero', potrebbe presto cambiare: Haftar e' allettato dalla prospettiva di ricevere l'incarico di capo delle forze armate libiche, o un'altra posizione di rilievo nel contesto del nuovo ordine nazionale; il governo Sarraj ha creato una guardia presidenziale in cui potrebbero confluire le forze del generale, e che potrebbe essere la destinataria diretta delle armi fornite dalla comunita' internazionale. Sarraj si e' gia' recato in Egitto e avrebbe ricevuto il consenso del presidente Abdel Fattah al Sisi, una delle principali figure che sostengono Haftar. il rischio, ovviamente - conclude Bloomberg - e' che le armi fornite dalle potenze occidentali non vengano impiegate soltanto contro l'Isis, ma anche per regolare i conti con altre fazioni armate che operano nel paese".

Questa è la situazione. Che definire "esplosiva" è ancora poco.

Redazione Milano. 


BLOOMBERG SCOPERCHIA IL VERMINAIO LIBIA: I MIGRANTI VERSO L'ITALIA MANDATI DALL'ISIS CHE CI GUADAGNA E COMPRA ARMAMENTI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ISIS   LIBIA   BLOOMBERG   MIGRANTI   ARMI   ONU   TOBRUK   SIETE   MISURATA   HAFTAR   SARRAJ   ITALIA   GOVERNO   BARCONI   INVASIONE   MIGRANTI   AFRICANI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO TRAVOLGE. NUOVE ELEZIONI

RICORDATE IL SIGNOR RUTTE, IL PREMIER OLANDESE CHE INSULTO' L'ITALIA? SCANDALO FINANZIARIO LO

giovedì 14 gennaio 2021
AMSTERDAM - La coalizione di governo guidata dal premier Mark Rutte si riunira' domani per decidere se rassegnare le dimissioni a fronte delle crescenti polemiche riguardanti il caso di oltre 20mila
Continua
 
LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

LE RAGIONI DI RENZI PER MANDARE A QUEL PAESE CONTE

martedì 12 gennaio 2021
Il nostro giornale ospita in apertura quanto scrive Matteo Renzi. Alcune delle sue posizioni sono apertamente condivisibili, e non temiamo di dirlo pubblicamente: "Il 22 luglio 2020 Italia Viva
Continua
MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

MATTEO SALVINI SCRIVE AL CORRIERE DELLA SERA: ECCO I PROGETTI PER L'ITALIA. SIAMO PRONTI A GOVERNARE

mercoledì 30 dicembre 2020
''Oltre alle vittime, nel nostro Paese più di 72 mila morti per Covid dall'inizio della pandemia, contiamo 390 mila imprese cancellate e più di 200 mila professionisti che hanno cessato
Continua
 
LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE HA NASCOSTO L'EPIDEMIA

LA VERITA' VIENE A GALLA: 500.000 MALATI DI COVID A WUHAN, NON 50.000, IL REGIME COMUNISTA CINESE

martedì 29 dicembre 2020
Alla fine, le menzogne del regime comunista cinese vengono a galla.  A Wuhan, la città cinese in cui ha avuto origine l'epidemia di coronavirus lo scorso dicembre, i casi di covid
Continua
AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO TUTTI BENE.

AL VIA LE PRIME VACCINAZIONI CONTRO IL COVID ALL'OSPEDALE DI NIGUARDA A MILANO. I VACCINATI STANNO

domenica 27 dicembre 2020
MILANO - Sono partite dall'ospedale milanese di Niguarda, dove sono arrivate poco prima delle 8 del mattino, le prime fiale di vaccino anti-covid destinate alla Lombardia. Sono sono state suddivise e
Continua
 
INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!  (FUCILATA DI ASSOIMPREDIL)

INVECE DI FARE LA ''GUERRA SANTA'' ALLA REGIONE, LA GIUNTA DI MILANO E IL SINDACO LAVORINO!

giovedì 24 settembre 2020
MILANO - "L'invito rivolto dall'Assessore Maran al Consiglio Comunale di Milano a fare la guerra santa contro la Regione Lombardia, approvando provvedimenti che blocchino gli effetti della legge
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA GRANDE STAMPA IN GERMANIA VEDE UN CAMBIAMENTO EPOCALE: ''COL TRAMONTO DELLA MERKEL, L'ALBA DELLA DESTRA AL POTERE''

LA GRANDE STAMPA IN GERMANIA VEDE UN CAMBIAMENTO EPOCALE: ''COL TRAMONTO DELLA MERKEL, L'ALBA DELLA
Continua

 
GERMANIA IN RECESSIONE SE IL BREXIT VINCE E INTANTO PIU' DI 5 MILIONI DI STRANIERI ''RUBANO'' POSTI DI LAVORO AGLI INGLESI

GERMANIA IN RECESSIONE SE IL BREXIT VINCE E INTANTO PIU' DI 5 MILIONI DI STRANIERI ''RUBANO'' POSTI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

FRANCESCHINI: ''NON BISOGNA VERGOGNARSI DI CERCARE VOTI IN AULA''

14 gennaio - ''In questa legislatura sono nati due governi tra avversari alle
Continua

CENTRODESTRA UNITO: CONTE VENGA IN PARLAMENTO E PRENDA ATTO DELLA

14 gennaio - ''Non c'e' piu' tempo per tatticismi o giochi di potere: il centrodestra
Continua

BERLUSCONI IN OSPEDALE NEL PRINCIPATO DI MONACO, CONDIZIONI SERIE.

14 gennaio - MILANO - E' stato Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Silvio
Continua

NUOVO ESSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO, GUIDO GUIDESI: RILANCIAMO

14 gennaio - MILANO - ''Dalla prossima settimana mi confronterò con tutti i
Continua

ZINGARETTI: ''IMPOSSIBILE QUALSIASI GOVERNO CON ITALIA VIVA,

14 gennaio - ''C'è un dato che non può essere cancellato dalle nostre analisi. Ed
Continua

IL PD HA DECISO CONTE DEVE VENIRE IN PARLAMENTO: VOTO DI FIDUCIA O

14 gennaio - MONTECITORIO - ''Come gruppo dei democratici vogliamo che la crisi venga
Continua

PD: ''I COSIDDETTI RESPONSABILI NON CI SONO, RISCHIO CONCRETO

14 gennaio - ''I cosiddetti responsabili non ci sono, la maggioranza dopo lo strappo
Continua

MATTEO SALVINI: ''L'UNICA STRADA SONO LE ELEZIONI''

14 gennaio - ''O trovano una nuova maggioranza, affidandosi ai Mastella, oppure la
Continua

FRATELLI D'ITALIA: ''CONTE RIMETTA IL MANDATO E SI VOTI''.

14 gennaio - ''L'atto conclusivo di questa esperienza fallimentare del governo Conte
Continua

GDF DI BERGAMO NEGLI UFFICI DI ALTI DIRIGENTI DEL MINISTERO DELLA

14 gennaio - La Guardia di Finanza di Bergamo sta acquisendo documenti anche negli
Continua

GDF BERGAMO DENTRO MINISTERO SALUTE E ISS A ROMA: INCHIESTA SUL

14 gennaio - BERGAMO - La Gdf di Bergamo, oltre che negli uffici del Ministero della
Continua

LEGA: MATTARELLA EVITI DI DARE INCARICO A CONTE CON MAGGIORANZE

14 gennaio - ''Non è possibile fingere che nulla sia accaduto e aspettare che Conte
Continua

PIU' EUROPA INTIMA A CONTE DI VERIFICARE SUBITO SE HA ANCORA

14 gennaio - ''La crisi deve essere immediatamente parlamentarizzata: Conte vada
Continua

GERMANIA CON I CONTI IN ROSSO: DISAVANZO PUBBLICO CHIZZA AL 4,8%

14 gennaio - BERLINO - Con la crisi pandemica e le relative contromisure, nel 2020 la
Continua

FONTANA: LOMBARDIA PRIMA PER NUMERO VACCINATI E SOMMINISTRAZIONI

13 gennaio - MILANO - Lombardia ha superato le 100.000 vaccinazioni Anti Covid. Con
Continua
ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

ROBERTO MARONI E' TORNATO A CASA DALL'OSPEDALE E STA BENE

13 gennaio - VARESE - ''Finalmente sono tornato. Ringrazio il prof. Paolo Ferroli e
Continua

MATTEO SALVINI: ''SIAMO DISGUSTATI DA CONTE E RENZI, DAI LORO

13 gennaio - ''Siamo disgustati. Da settimane l'Italia è in balia dei capricci di
Continua

ROBERTO MARONI DIMESSO DAL BESTA DOPO L'INTERVENTO: CONDIZIONI

12 gennaio - MILANO - L'ex governatore della Lombardia, ed ex ministro dell'Interno,
Continua

FINANCIAL TIMES PREMIA PROGETTI DI REGIONE LOMBARDIA. MIGLIORI AL

12 gennaio - fDi Intelligence - servizio del Financial Times, il quotidiano di
Continua

TOTI: PARLAMENTARI DI CAMBIAMO NON DARANNO MAI VOTI A QUESTO GOVERNO

12 gennaio - ''In queste condizioni, i parlamentari di Cambiamo non daranno una mano
Continua
Precedenti »