46.407.298
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL ROS DEI CARABINIERI SMANTELLA UNA CELLULA TERRORISTICA ISLAMICA DELL'ISIS, ANNIDATA NEI ''CENTRI ACCOGLIENZA'' A BARI

martedì 10 maggio 2016

Non erano quattro esaltati, ma un gruppo di fuoco pronto a compiere stragi islamiche in Italia e in altre nazioni europee. Sono state trovate foto di siti sensibili, un catalogo di bersagli di possibili attentati che vanno da Bari a Roma passando per Londra e Parigi.

Cominciano a delinearsi i contorni dell'operazione anti terrorismo in corso a Bari che ha portato al fermo di due afghani sospettati di far parte di una 'cellula' del Is. Il provvedimento scaturisce da un'indagine avviata dal Nucleo Investigativo e dalla Sezione Anticrimine del capoluogo pugliese il 16 dicembre 2015, allorquando una pattuglia della Compagnia di Bari S. Paolo, durante un normale servizio preventivo, notava e controllava 4 afgani (due dei quali muniti di permesso di soggiorno, gli altri nella posizione di richiedenti asilo politico e domiciliati presso il Cara del capoluogo pugliese), mentre erano intenti ad effettuare riprese all'interno di un importante e rinomato centro commerciale della zona.

Da lì è nata tutta l'inchiesta arrivata agli arresti di questa mattina.

L'attivita' investigativa ha permesso di accertare come uno dei due regolari, un 30enne afgano, mantenesse stabili collegamenti telematici con un noto sito talebano, scaricando video e proclami inneggianti alla jihad e fotografie raffiguranti un noto capo carismatico talebano, ucciso durante un raid dell'aviazione statunitense, il 13 ottobre 2015, mentre come l'altro, un 28enne afgano, avesse effettuato sia il filmato girato nel menzionato centro commerciale, sia la ripresa dell'area d'imbarco, accessibile solo a seguito di check-in, dell'aeroporto di Bari - Palese.

Questo ultimo filmato è una prova evidente della volontà di compiere una strage all'aeroposto barese.

Entrambi rientravano in aereo in patria, il 18 dicembre 2016, ed è stata in quell'occasione che hanno fatto le riprese. Inoltre e sul conto di uno dei due stranieri in attesa di asilo, un 23enne afgano, e' stata documentata la disponibilita', in Gran Bretagna, di un'arma d'assalto modello M16, mitragliatore a ripetizione con un enorme volume di fuoco.

L'inchiesta ha tra l'altro messo in luce gli stretti contatti esistenti tra i 3 suddetti indagati, un pachistano 25enne e un ulteriore 29enne afgano, il primo regolare in Italia, l'altro in attesa di permesso di soggiorno, scoprendo che ambedue erano - fino all'arresto di stamattina - attivi nel favoreggiamento dell'immigrazione clandestina di connazionali mediante l'offerta, dietro il pagamento forti somme di denaro, di sostegno logistico e della possibilita' di regolarizzare la loro posizione in Europa attraverso documenti contraffatti, nonche' il reperimento di luoghi di dimora e biglietti aerei per muoversi in tutta Europa.

Una vera a propria rete, quindi, capace di organizzare attentati, muovere corrieri e stabilire basi logistiche non solo in Italia.

"L'indagine non e' terminata: siamo alla ricerca degli altri soggetti che non sono ancora stati catturati" ha detto il pm della Dda Roberto Rossi nel corso della conferenza stampa relativa all'indagine sul terrorismo internazionale che ha portato al fermo di questi afgani e del pakistano a Bari. Intanto proseguono anche le indagini sui cellulari sequestrati "anche noi come l'Fbi non siamo stati in grado di sbloccare l'iPhone" ha detto Rossi. 

Ma nei dispositivi elettronici in uso agli arrestati oltre a foto di obiettivi sensibili, di armi, in particolare in una e' ritratto uno degli indagati con una mitragliatrice americana, sono stati trovati anche una serie di canti islamici che sono di preparazione al martirio dei kamikaze. Il pm Roberto Rossi nel corso della conferenza stampa ha illustrato quanto trovato nei dispositivi informatici nel corso delle indagini sulla cellula barese sottolineando come si tratti di una tipologia di addestramento. 

"In questo caso si era passati dall'adesione di un'idea a volerla mettere in pratica" ha detto il Pm Roberto Rossi in conferenza stampa stamattina. E ha spiegato che le persone fermate sono accusate di associazione con finalità di terrorismo anche internazionale e di eversione dell'ordine democratico e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. Il procuratore di Bari, Giuseppe Volte ha ringraziato "i carabinieri che hanno svolto un'attenta analisi. Specifico che l'indagine l'abbiamo avviata grazie a loro e non grazie ai servizi".  E' stato il Ros dei Carabinieri, infatti, a compiere le indagini e gli arresti.

Redazione Milano.


IL ROS DEI CARABINIERI SMANTELLA UNA CELLULA TERRORISTICA ISLAMICA DELL'ISIS, ANNIDATA NEI ''CENTRI ACCOGLIENZA'' A BARI


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ISIS   ITALIA   SINDACO   TERRORISMO   CELLULA   ARMI   PROFUGHI   AFGANI   BARIM   ROS   CARABINIERI   STRAGI   AEROPORTO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DATI UFFICIALI DEI FALLIMENTI IN ITALIA NEL 1° TRIMESTRE 2017: SONO TERRIFICANTI, 2 FALLIMENTI OGNI ORA, +36% DAL 2009

DATI UFFICIALI DEI FALLIMENTI IN ITALIA NEL 1° TRIMESTRE 2017: SONO TERRIFICANTI, 2 FALLIMENTI

mercoledì 26 aprile 2017
Fallimenti delle imprese italiane, numeri da spavento. Nei primi tre mesi del 2017 sono state infatti 2.998 le aziende italiane che hanno portato i libri in tribunale, il 16,8% in meno rispetto ad un
Continua
 
IL DIRETTORE DI FRONTEX DENUNCIA - SULLA STAMPA TEDESCA... - I TRAFFICI DELLE MAFIE LIBICHE IN COMBUTTA CON LE ONG

IL DIRETTORE DI FRONTEX DENUNCIA - SULLA STAMPA TEDESCA... - I TRAFFICI DELLE MAFIE LIBICHE IN

mercoledì 26 aprile 2017
I giornali e l'informazione in Italia ignorano la notizia, ma è di una estrema gravità. Così, ecco che per apprenderla bisogna leggere i quotidiani tedeschi, benchè
Continua
PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI DETENZIONE IN FRONTIERA

PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI

lunedì 24 aprile 2017
LONDRA - Nei mesi scorsi l'Ungheria e' stata fortemente criticata per aver creato campi in cui tenere immigrati e richiedenti asilo ma il governo ungherese non si e' fatto intimidire e ha continuato
Continua
 
E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E PIANI CRIMINALI

E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E

venerdì 21 aprile 2017
Le principali ONG impegnate nel traffico di africani verso l'Italia sono: Moas, Jugend Rettet, Stichting Bootvluchting, Médecins sans frontières, Save the children, Proactiva Open Arms,
Continua
FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE OMBRA PANAMENSI.

FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE

venerdì 21 aprile 2017
Gli sbarchi, certo, con i numeri che parlano di "un record senza precedenti" visto che "in poco piu' di 72 ore circa 8mila migranti sono approdati in Sicilia dopo una lunga traversata in mare", ma,
Continua
 
L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI TEMPORANEI (EUROPEI)

L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI

giovedì 20 aprile 2017
Al contrario dell'Italia l'Australia fa di tutto per proteggere i propri confini tant'e' che e' uno dei pochi se non l'unico paese ad essere riuscito a fermare l'arrivo di barconi carichi di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TUTTI I SONDAGGI CONCORDANO: IL NUOVO SINDACO DI ROMA SI CHIAMERA' VIRGINIA RAGGI DEL MOVIMENTO 5 STELLE

TUTTI I SONDAGGI CONCORDANO: IL NUOVO SINDACO DI ROMA SI CHIAMERA' VIRGINIA RAGGI DEL MOVIMENTO 5
Continua

 
NEL SILENZIO PIU' ASSOLUTO DI TELEGIORNALI NAZIONALI E GRANDE STAMPA, UNA BANCA VENETA E' STATA LIQUIDATA (DI DOMENICA)

NEL SILENZIO PIU' ASSOLUTO DI TELEGIORNALI NAZIONALI E GRANDE STAMPA, UNA BANCA VENETA E' STATA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!