43.347.901
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

MOODY'S LANCIA L'ALLARME GENERALE SU EURO E UE: ''NON E' PIU' QUESTIONE DI VALUTARE SE, MA DI CAPIRE QUANDO CROLLERANNO''

lunedì 9 maggio 2016

LONDRA - La disintegrazione dell'Unione Europea non e' una questione di se ma di quando accadra' e tra i tanti a sostenere questa tesi e' Colin Ellis.

Questo signore non e' un comune euroscettico ma il capo analisti di Moody's, un'agenzia di rating le cui analisi geopolitiche sono tenute in grande considerazione dagli operatori finanziari di tutto il mondo.

In una intervista rilasciata al Daily Express, Ellis spiega come dalla crisi del 2008 la UE sia sotto pressione dall'esterno e dall'interno e questo sta avendo conseguenze disastrose che possono portare alla disintegrazione di questo blocco politico ma anche economico-finanziario, pensando all'Eurozona

La prima spinta alla disgregazione - secondo Moody's - proviene dal referendum sulla permanenza della Gran Bretagna nella UE del 23 giugno prossimo che potrebbe vedere il paese d'Oltremanica fuori dalla UE e questo potrebbe portare altri paesi quali Danimarca, Polonia e Repubblica Ceca di seguire l'esempio britannico indicendo un referendum.

Tale ipotesi non e' affatto campata in aria visto che movimenti euroscettici e nazionalisti sono in crescita in tutta Europa.

Certo il Brexit e' il fattore principale di questa spinta allo sgretolamento della UE ma non e' il solo fattore di rischio.

Un altro elemento da tenere in considerazione e' la debolezza dell'area euro e anche se gli analisti non si sono sbilanciati e' evidente che le loro preoccupazioni sono rivolte alla Grecia e all'eventuale rischio di default che potrebbe avere conseguenze catastrofiche nonche' alla situazione precaria delle banche che stanno subendo le conseguenze della politica di rigore voluta dalla Germania.

Ma il problema "euro" è ben più grande e ben più grave: "I critici del progetto europeo hanno da tempo denunciato la natura anti-democratica delle riforme messe in atto seguenti crisi del debito sovrano in Europa, che ha accompagnato la crisi finanziaria globale del 2008" - scrive l'autorevole portale di analisti finanziari di orientamento repubblicano e conservatore Breitbart.com 

Ma gli analisti di Moody's hanno un motivo diverso per aver criticato le riforme. Affermano che i sistemi messi in atto, tra cui il meccanismo europeo di stabilità, l'Autorità bancaria europea e di altre strutture tese a "rafforzare" il sistema, sono tutti opere incompiute. "La stessa l'integrazione dell'area euro rimane incompiuta, così come la creazione di una unità bancaria europea".

"Abbiamo visto notevoli cambiamenti istituzionali in Europa negli ultimi anni", ha detto Colin Ellis, raffinato analista ma innanzitutto amministratore delegato di Moody's e Chief Credit Officer EMEA. "Tuttavia, in termini politici ed economici, rimangono grandi vulnerabilità nella zona euro. In particolare, il mancato consolidamento dell'Eurozona in un'entità integrata ha lasciato le sue parti costitutive vulnerabili ad un gioco circolare distruttivo. Il risentimento per l'elevata disoccupazione e deflazione in alcuni stati, e quanto viene chiesto invece dalla Bce ad altri stati, primo dei quali la Germania, di assumersi un sempre maggiore onere finanziario caricandosi i rischi di nazioni come l'Italia che hanno un debito pubblico insostenibile, producono assieme un attacco concentrico che porta alla distruzione sia dell'euro che della Ue".

Quindi, il Brexit, la crisi della Grecia e anche la crescente instabilità politica perfino in Germania con l'ascesa del partito di destra AfD che si appresta a vincere le elezioni politiche del 2017, per Moody's si possono materializzare dentro un quadro che però è già corrotto.

In altre parole, gli analisti di Moody's temono che un Brexit come un Grexit  potrebbero portare al potere in Europa partiti nazionlisti e di destra mentre crolla l'Unione Europea.

Anche se l'Unione europea sopravvivesse alle sue sfide attuali date da Brexit e Grexit rimanendo in gran parte indenne, una '"piccola" crisi in futuro potrebbe minacciare la sostenibilità delle istituzioni attuali, se coincidesse con la vittoria dei partiti nazionalisti in stati chiave, cme la Germania, l'Italia, la Francia - fa capire Colin Ellis di Moody's.

"Questo crea l'impressione che la questione adesso sia diventata quando si rompe l'Unione europea, piuttosto che se si romperà".

Certo è quindi che cio' che gli analisti di Moody's stanno sottolineando non fa che confermare esattamente quanto i piu' attenti osservatori hanno detto tanti mesi fa, ma nonostante questo colpisce l'attitudine dei giornali di regime italiani a censurare questa notizia, perche' vogliono far credere che tutto vada bene.

Noi ovviamente non ci stiamo e per questo abbiamo deciso di dire la verita' anche se conoscerla puo' fare parecchio male.

GIUSEPPE DE SANTIS Londra


MOODY'S LANCIA L'ALLARME GENERALE SU EURO E UE: ''NON E' PIU' QUESTIONE DI VALUTARE SE, MA DI CAPIRE QUANDO CROLLERANNO''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

COLIN   ELLIS   MOODY'S   EURO   UE   CROLLO   BCE   GERMANIA   CADUTA   AFD   GREXIT   BREXIT    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / ECCO COSA E' ACCADUTO (E ACCADRA') A MPS E BANCHE VENETE

mercoledì 18 gennaio 2017
Riguardo le vicende del salvataggio del Monte dei Paschi di Siena, la banca più antica al mondo devastata dalla gestione in salsa piddina dei suoi vertici, abbiamo notato esercizi di stile
Continua
SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI, 62%: ISLAM PERICOLO)

SONDAGGIO IN FRANCIA: OLTRE IL 60% PER UNA SVOLTA NAZIONALISTA, COME IN USA (64%: TROPPI IMMIGRATI,

mercoledì 18 gennaio 2017
PARIGI - I venti nazionalisti che hanno portato Donald Trump al potere negli Stati Uniti, nei prossimi mesi stanno soffiando forte anche in Francia? Se lo chiede oggi, mercoledi' 18 di un freddissimo
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MICIDIALE ATTACCO DELLA DEUTSCHE BANK ALLA BCE A GUIDA DRAGHI: ''LA BCE E' LA MINACCIA NUMERO UNO PER L'EUROZONA'' (BOOM!)

MICIDIALE ATTACCO DELLA DEUTSCHE BANK ALLA BCE A GUIDA DRAGHI: ''LA BCE E' LA MINACCIA NUMERO UNO
Continua

 
CENTRO STUDI DI ''IMPRESA LAVORO'' METTE IN GUARDIA TUTTI I CORRENTISTI: L'INTERO SISTEMA BANCARIO E' A RISCHIO FALLIMENTO

CENTRO STUDI DI ''IMPRESA LAVORO'' METTE IN GUARDIA TUTTI I CORRENTISTI: L'INTERO SISTEMA BANCARIO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

E IL GOVERNO LA CHIAMA ''RIPRESA'': RALLENTERA' LA CRESCITA DEI

20 gennaio - Rallenta la crescita dei consumi delle famiglie, che si stabilizzerà
Continua

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua

ORDA DI 2.397 AFRICANI ARRIVATA DAL 1° GENNAIO AD OGGI (CATASTROFE)

17 gennaio - Sono gia' 2.397 gli africani sbarcati sulle coste italiane in questo
Continua
Precedenti »