61.557.970
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

MICIDIALE ATTACCO DELLA DEUTSCHE BANK ALLA BCE A GUIDA DRAGHI: ''LA BCE E' LA MINACCIA NUMERO UNO PER L'EUROZONA'' (BOOM!)

venerdì 6 maggio 2016

LONDRA - "Nell'ultimo secolo le banche centrali sono diventate le guardiane - purtroppo - della sicurezza economica e finanziaria, ma i loro errori possono avere conseguenze catastrofiche": e' la premessa di una dura critica alla Banca centrale europea, contenuta in un  articolo pubblicato da David Folkerts-Landau, capo economista di Deutsche Bank, sul "Financial Times".

E' un attacco diretto della principale banca tedesca alla Bce, senza mezzi termini e senza possibilità di un punto di mediazione, come se l'unica via d'uscita rimanessero le dimissioni di Mario Draghi.

"La condotta attuale della Bce indica qualcosa che non va - scrive l'autore -. Dopo i tassi di interesse ai minimi storici e il massiccio programma di alleggerimento quantitativo, la Bce e' passata ai tassi negativi e, nel caso in cui neanche questi servissero a stimolare la crescita e l'inflazione, pensa gia' all'helicopter money".

In pratica, regalare - cioè prestare senza interessi e con tempi di rientro enormemente dilatati - soldi ai cittadini dell'eurozona purchè li spendano e creino così mercato interno.

"L'Eurotower - prosegue l'articolo - come acquirente di ultima istanza del debito sovrano, sta sottoscrivendo la solvibilita' dei suoi paesi membri piu' indebitati, che non temono piu' l'aumento degli interessi in mancanza di riforme economiche: a sei anni dalla crisi del debito, l'indebitamento e' in aumento e il processo di riforma e' stato abbandonato".

In sostanza, la Bce non applica lo "stile Grecia" a paesi quali l'Italia, il Portogallo, la Spagna, perfino la Francia e il Belgio.

"Il risultato - continua a scrivere Folkerts-Landau - e' che l'area dell'euro e' piu' fragile che mai. I custodi della ricchezza, compagnie di assicurazione, fondi previdenziali e casse di risparmio, guadagnano a stento un rendimento. L'inflazione, prossima a zero, e' nettamente al di sotto dell'obiettivo programmato. Con la crescita anemica, i livelli di indebitamento di alcuni paesi, come l'Italia, sono insostenibili".

"La cosa peggiore - aggiunge l'economista capo della Deutsche Bank, la principale banca tedesca - e' che Francoforte sta venendo meno al suo mandato di promuovere la stabilita': il malcontento popolare per i tassi negativi e l'elevato tasso di disoccupazione alimentano l'ostilita' verso il progetto europeo. La politica monetaria e' diventata la minaccia numero uno per l'eurozona".

E' un'accusa gravissima, è come se Unicredit dichiarasse pubblicamente che la minaccia finanziaria numero uno per il Paese è la Banca d'Italia.

"Che fare? La priorita' - per Folkerts-Landau - e' interrompere la spirale negativa della sfiducia generata da una politica monetaria ultra espansiva: la Bce deve invertire la politica dei tassi negativi per far crescere la fiducia".

In pratica, è una richiesta ufficiale di dimissioni indirizzata a Draghi, perchè ovviamente l'attuale presidente della Bce non potrebbe mai sbugiardare sè stesso. E non basta. 

"A cio' si deve accompagnare il ritorno a una valutazione del rischio sovrano basata sul mercato, che incentivi i governi a intraprendere riforme strutturali, la Bce deve lasciare che siano i politici ad affrontare le crisi del debito che inevitabilmente seguiranno in alcuni paesi".

La Deutsche Bank sta invocando il default dell'Italia e dei Paesi dell'Eurozona in sistuazione pericolante, e non sono pochi, anche se l'Italia di gran lunga è quello messo peggio.

"Raramente - conclude l'articolo sul Fiancial Times il capo economista della Deutsche Bank - un'istituzione ha avuto un'influenza cosi' grande sul futuro economico e politico di un intero continente. Questo non e' il momento di seguire un discutibile dogma economico, ma di usare il buon senso: piu' la Bce insistera' con la sua politica monetaria non convenzionale, piu' grande sara' il danno che arrechera' al progetto europeo". 

Questo articolo ha un peso enorme. La Deutsche Bank è l'interfaccia diretta nel mercato finanziario tedesco ed europeo della Bundesbank, la banca centrale tedesca. E' impensabile poter affermare che sia stato un attacco solitario. La situazione è davvero allarmante: il mandato di Draghi volge al termeni, tra due anni verrà nominato un nuovo presidente della Bce e sarà tedesco.

Cosa faà e in che modo si muoverà è scritto in questo articolo: spiengerà al default innazitutto l'Italia.

Redazione Milano.


MICIDIALE ATTACCO DELLA DEUTSCHE BANK ALLA BCE A GUIDA DRAGHI: ''LA BCE E' LA MINACCIA NUMERO UNO PER L'EUROZONA'' (BOOM!)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

BCE   DRAGHI   EUROZONA   ITALIA   DEFAULT   DEUTSCHE   BANK   BUNDESBANK   BERLINO   GOVERNO   RENZI   GRECIA   BELGIO   PORTOGALLO   FRANCIA   FINANCIAL   TIMES   SPAGNA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI COLOSSI TEDESCHI E UE

ECONOMIA TEDESCA AD ALTO RISCHIO: BRIDGEWATER PUNTA 22 MILIARDI DI DOLLARI CONTRO SIEMENS E ALTRI

mercoledì 28 marzo 2018
Il Financial Times non fa sconti alla Germania e con un articolo che suona come un rumorosissimo campanello d'allarme svela dati e percentuali sull'economia e la finanza tedesca da spavento. "Chi
Continua
 
LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO (DAVVERO DA LEGGERE)

LE GRAN BUFALE SUI CIBI: SPINACI, HANANAS, PASTA, LATTE, GLUTINE, ZUCCHERO DI CANNA E TANTO ALTRO

martedì 27 marzo 2018
Le gran bufale sull'alimentazione e sui cibi che inondano il web e che vengono spacciate per verità scientifiche smascherate una volta per tutte. Ecco alcuni esempi:"I cibi senza glutine sono
Continua
TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO' NASCERE E SI TORNA AL VOTO

TUTTE LE IPOTESI DI GOVERNO RUOTANO SULL'ASSE LEGA-M5S. SENZA DI LORO, NESSUN ESECUTIVO PUO'

martedì 27 marzo 2018
Il ruolo di Forza Italia, ammesso e non concesso ne avrà mai uno, le divergenze sul programma, l'incognita delle ripercussioni sull'elettorato: i nodi che si stagliano sul binario
Continua
 
IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO ''MIGRANTI'' DI 1 MLD)

IL NUOVO GOVERNO AUSTRIACO TAGLIA LE TASSE E RIDUCE IL DEFICIT DELLO STATO A ZERO! (TAGLIO COSTO

lunedì 26 marzo 2018
LONDRA - Come tutti i paesi anche l'Austria deve varare la sua legge finanziaria ma il piano annunciato lo scorso mercoledì, e passato sotto silenzio per ciòc he riguarda
Continua
MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA ITALIA TERREMOTATA

MATTEO SALVINI VUOLE FAR NASCERE UN GOVERNO ''SUL PROGRAMMA'' DA FDI TIMIDA APERTURA ALL'M5S, FORZA

lunedì 26 marzo 2018
"Nel rispetto di tutto e tutti il prossimo premier non potra' che essere indicato dal centrodestra". Archiviata l'intesa con i Cinque Stelle sulle presidenze delle due Camere, Matteo Salvini
Continua
 
CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE PIU' STRIMINZITO

CGIA DI MESTRE: L'ITALIA PER COLPA DELLA UE E' IL PAESE PIU' TARTASSATO D'EUROPA E CON IL WELFARE

sabato 24 marzo 2018
Con tasse record in Ue e con una spesa sociale tra le più basse d'Europa, in Italia il rischio povertà o di esclusione sociale ha raggiunto livelli di guardia molto preoccupanti.
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
WALL STREET JOURNAL: ''IL VERO PERICOLO E' UNICREDIT BANCA DEBOLE PIENA DI CREDITI DETERIORATI IN UN'ECONOMIA MORIBONDA''

WALL STREET JOURNAL: ''IL VERO PERICOLO E' UNICREDIT BANCA DEBOLE PIENA DI CREDITI DETERIORATI IN
Continua

 
MOODY'S LANCIA L'ALLARME GENERALE SU EURO E UE: ''NON E' PIU' QUESTIONE DI VALUTARE SE, MA DI CAPIRE QUANDO CROLLERANNO''

MOODY'S LANCIA L'ALLARME GENERALE SU EURO E UE: ''NON E' PIU' QUESTIONE DI VALUTARE SE, MA DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!