46.353.371
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DALLE URNE BRITANNICHE EMERGE IL TRACOLLO LABURISTA E L'AVANZATA DELL'UKIP DI FARAGE: GLI ELETTORI VOGLIONO IL BREXIT

venerdì 6 maggio 2016

LONDRA - Adesso la paura serpeggia tra i sostenitori della permanenza della Gran Bretagna nell'Unione europea. Nel Regno Unito, prosegue il conteggio dei voti delle elezioni amministrative di ieri, e sta mostrando una forte frenata del partito laburista, la principale formazione europeista del Paese.

Cosi', iniziano ora a scrivere analisti e commentatori, l'avanzata dei Tory ma soprattutto dell'Ukip di Nigel Farage, formazione fortemente euroscettica, sarebbe un indicatore della 'pancia' del Regno Unito e potrebbe far prevedere il risultato del prossimo referendum sulla Brexit, in programma il 23 giugno.

Un'eventualita' spaventosa per David Cameron, il primo ministro Tory che, pur avendo indetto la consultazione referendaria, ha sempre detto di volere il regno di Sua Maesta' all'interno del recinto comunitario.

E un'eventualità terrorizzante per gli "europeisti", in vista della tenuta delle istituzioni comunitarie con un eventuale divorzio fra Londra e Bruxelles. E ora, appunto, le urne britanniche stanno parlando. E con il Labour che secondo le proiezioni e i primi risultati si avvia a guadagnare solo la citta' di Londra, perdendo un po' su tutti i fronti altrove, l'ipotesi del Brexit, l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea, si fa sempre piu' reale.

Gli exit poll effettuati a Londra danno comunque per quasi scontata la vittoria del candidato sindaco laburista, Sadiq Khan, avvocato di origine pachistana, musulmano praticante ma anche favorevole ai diritti gay. Proprio per aver votato a favore del matrimonio fra persone dello stesso sesso, da parlamentare laburista a Westminster, Khan ricevette nel 2013 diverse minacce di morte, vedendo il suo apparato di sicurezza rafforzato.

La vittoria del Labour in una delle piazze europee piu' importanti e in una metropoli come Londra sarebbe una consolazione per la dirigenza del partito, diviso ora piu' che mai per quel leader, Jeremy Corbyn, accusato di aver virato troppo a sinistra, ma non cambierebbe la sostanza del voto di ieri; una conferma che il popolo britannico potrebbe davvero far vincere il Brexit, nonostante la campagna martellante e brexit-fobica in corso senza tregua, al punto d'aver usato perfino Obama cone sponsor, con un esito però esattamente opposto al voluto.

E intanto si precisano i numeri della catastrofe elettorale laburista in Scozia, dove si è votato per il rinnovo del Parlamento di Edimburgo.

La leader dei nazionalisti dello Scottish National Party, Nicola Sturgeon, ha rivendicato una vittoria "storica". Lo spoglio dei voti non è ancora ultimato "ma è già chiaro che lo Snp ha ottenuto la terza elezione consecutiva al Parlamento" scozzese, ha commentato. "E questo è storico per l'Snp". Secondo gli ultimi risultati comunicati, ancora provvisori ma praticamente prossimi ad essere definitivi, lo Scottish National Party avrebbe ottenuto 58 seggi (46,8%, sette in meno della maggioranza di 65). Pesantissimo il risultato dei laburisti, che avrebbero perso 12 seggi, conquistandone solo 3 (22,9%), dietro ai Conservatori (6 seggi). Quattro i seggi ottenuti dai liberal-democratici. Di fatto, i laburisti in Scozia sono stati quasi cancellati.

E il Brexit a questo punto s'avvicina al galoppo.

Redazione Milano


DALLE URNE BRITANNICHE EMERGE IL TRACOLLO LABURISTA E L'AVANZATA DELL'UKIP DI FARAGE: GLI ELETTORI VOGLIONO IL BREXIT


Cerca tra gli articoli che parlano di:

LONDRA   ELEZIONI   BREXIT   LABURISTI   FARAGE   UKIP   SCOZIA   PARLAMENTO   SNP   CAMERON   UE   CONSERVATORI   REFERENDUM    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI DETENZIONE IN FRONTIERA

PUGNO DURO POLACCO CONTRO IL PERICOLO DI INVASIONE DI MIGRANTI: COME L'UNGHERIA, CAMPI DI

lunedì 24 aprile 2017
LONDRA - Nei mesi scorsi l'Ungheria e' stata fortemente criticata per aver creato campi in cui tenere immigrati e richiedenti asilo ma il governo ungherese non si e' fatto intimidire e ha continuato
Continua
 
E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E PIANI CRIMINALI

E' GEORGE SOROS A FINANZIARE L'INVASIONE AFRICANA DELL'ITALIA. ECCO NOMI, ORGANIZZAZIONI, NAVI E

venerdì 21 aprile 2017
Le principali ONG impegnate nel traffico di africani verso l'Italia sono: Moas, Jugend Rettet, Stichting Bootvluchting, Médecins sans frontières, Save the children, Proactiva Open Arms,
Continua
FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE OMBRA PANAMENSI.

FINALMENTE EMERGE UNA PRIMA VERITA' SULL'INVASIONE AFRICANA IN ITALIA: LE NAVI ONG BATTONO BANDIERE

venerdì 21 aprile 2017
Gli sbarchi, certo, con i numeri che parlano di "un record senza precedenti" visto che "in poco piu' di 72 ore circa 8mila migranti sono approdati in Sicilia dopo una lunga traversata in mare", ma,
Continua
 
L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI TEMPORANEI (EUROPEI)

L'AUSTRALIA RENDE ANCORA PIU' RESTRITTIVE LE CONDIZIONI DI IMMIGRAZIONE, ANCHE PER I LAVORATORI

giovedì 20 aprile 2017
Al contrario dell'Italia l'Australia fa di tutto per proteggere i propri confini tant'e' che e' uno dei pochi se non l'unico paese ad essere riuscito a fermare l'arrivo di barconi carichi di
Continua
QUATTRO CARDINALI SI RIBELLANO A PAPA BERGOGLIO, SABATO A ROMA PRENDE FORMA LA RIVOLTA: CONVEGNO PUBBLICO DEI RIBELLI

QUATTRO CARDINALI SI RIBELLANO A PAPA BERGOGLIO, SABATO A ROMA PRENDE FORMA LA RIVOLTA: CONVEGNO

mercoledì 19 aprile 2017
ROMA - Dopo i dubbi (in latino, "dubia") che quattro cardinali gli hanno indirizzato in una lettera - privata ma poi pubblicata - la ribellione a Papa Francesco prende la forma di un convegno a due
Continua
 
L'EURO-MARCO E' IL TRIONFO DEL PIANO DI WALTER FUNK, GOVERNATORE BUNDESBANK CON HITLER: SI CHIAMAVA ''MONETA-GENERALE''

L'EURO-MARCO E' IL TRIONFO DEL PIANO DI WALTER FUNK, GOVERNATORE BUNDESBANK CON HITLER: SI CHIAMAVA

martedì 18 aprile 2017
“La Germania dovrebbe, visto che è divenuta pacifica e ragionevole, prendersi tutto ciò che l’Europa e il mondo intero le ha negato in due grandi guerre, una sorta di
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL (REPUBBLICANO) WALL STREET JOURNAL E IL (DEMOCRATICO) WASHINGTON POST DANNO DONALD TRUMP VITTORIOSO SULLA CLINTON

IL (REPUBBLICANO) WALL STREET JOURNAL E IL (DEMOCRATICO) WASHINGTON POST DANNO DONALD TRUMP
Continua

 
WASHINGTON POST: ''LA ROTTA BALCANICA E' CHIUSA, L'ITALIA SARA' IL CANCELLO APERTO ALL'INVASIONE DI MIGRANTI IN EUROPA''

WASHINGTON POST: ''LA ROTTA BALCANICA E' CHIUSA, L'ITALIA SARA' IL CANCELLO APERTO ALL'INVASIONE DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!