50.667.659
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / UNICO MODO PER SALVARE L'ITALIA E' NAZIONALIZZARE LE BANCHE DECOTTE E USCIRE DALL'EURO

mercoledì 4 maggio 2016

Le nubi sul sistema bancario italiano sono sempre più nere e cariche di tempesta. Il previsto ed auspicato sbarco in borsa della Popolare di Vicenza è naufragato indecorosamente, lasciando 120.000 piccoli azionisti nell’impossibilità di liberarsi della carta straccia che si ritrovano oggi ad avere in mano. Ricordiamo, infatti, che le azioni della BPVI che a fine 2015 “valevano” 60 euro, oggi sono a 0,10 centesimi. Praticamente, chi ha investito in Popolare di Vicenza, oggi, per acquistare un caffè dovrebbe vendere 10 azioni!

Questo è accaduto nonostante il fondo Atlante sia intervenuto sottoscrivendo l’aumento di capitale della banca vicentina e detenendo al momento il 99,33% delle quote.

Già, il “famoso” fondo Atlante, quello che dovrebbe salvare il sistema bancario italiano con una dotazione di ben 4,2 miliardi di euro a fronte di 360 (trecentosessanta!) miliardi di euro di crediti marci.

Non sorprende che, fino ad ora, gli investitori stranieri si siano ben guardati dall’entrare nel capitale del fondo, lasciando la patata bollente nelle mani degli italiani e per la precisione:

Intesa San Paolo

Unicredit

UBI

Banca Popolare dell’Emilia Romagna

Banca Popolare di Milano

Credito Valtellinese

Banca Mediolanum

Monte dei Paschi

Popolare di Sondrio

Popolare di Bari

Banco Popolare

Cattolica Assicurazioni

Carige

Avete notato che tra i sottoscrittori del fondo salvabanche ci sono parecchi istituti di credito in stato comatoso? Compreso il grande malato per eccellenza: Unicredit, per il quale Moody’s lancia allarme rosso. Infatti se la sua partecipazione in Atlante fosse scorporata (come dovrebbe) dal suo patrimonio di vigilanza, il suo indice CET 1 scenderebbe da uno striminzito 10,73% a meno del 10, costringendo l’istituto di credito ad un aumento di capitale per tornare a rispettare i parametri regolamentari!

Cosa significa questo? Semplice: il sistema bancario italiano, al pari di molti altri, è marcio, cotto, putrefatto.

Probabilmente quello tedesco sta messo pure peggio, visto le perdite di Deutsche Bank e Commerz, oltre all’accusa di favorire il riciclaggio di denaro sporco (compreso quello legato al terrorismo) mosso dalle autorità inglesi alla prima, tuttavia questo non deve essere di consolazione per nessuno.

Certo, i tedeschi non possono permettersi di fare la morale a nessuno, perché se c’è qualcuno di moralmente ripugnante sono proprio loro ed il loro sistema bancario, considerato il più opaco a livello mondiale, ma questo non significa che non si debba puntare il dito sulla gestione spregiudicata dei nostri istituti di credito attuata negli ultimi anni dal loro management.

Cosa ci possiamo dunque aspettare per il futuro prossimo venturo? Lacrime e sangue per i risparmiatori italiani, che con molta probabilità vedranno pesantemente intaccati i propri sudati risparmi, magari sotto l’attacco della speculazione e delle manovre politiche tessute tra Berlino e Bruxelles, perché, questo è bene che lo sappiate, la Germania farà di tutto per spolpare i cittadini italiani, come fatto con i greci, per nascondere la voragine puzzolente rappresentata dalle sue banche, considerate “patrimonio nazionale” e quindi intoccabili.

Possibili contromisure? Sicuramente tenersi il più liquidi possibile e lontani dalle banche. Traduzione: tenere i contanti in una cassetta di sicurezza non è una decisione saggia.

Certo, avessimo un governo serio e non la macchietta degna più della commedia dell’arte che di una nazione evoluta, avremmo già assistito alla nazionalizzazione delle banche in crisi, all’arresto e relativo processo dei rispettivi manager ed un cortese saluto alla ue ed all’euro. Ma questo è appunto lavoro per statisti, non per guitti.

Luca Campolongo

Fonti

Leggi tutto: http://www.soldionline.it/notizie/azioni-italia/fondo-atlante-come-funziona-e-quali-banche-partecipano?cp=1

Leggi tutto: http://www.soldionline.it/notizie/azioni-italia/fondo-atlante-come-funziona-e-quali-banche-partecipano?cp=1

http://www.econopoly.ilsole24ore.com/2015/11/25/cosi-la-politica-ha-danneggiato-il-sistema-bancario-non-in-italia-in-germania/?refresh_ce=1

http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2016-05-03/oltre-danno-ora-anche-beffa-090756.shtml?uuid=ACEdjNKD

http://www.soldionline.it/notizie/azioni-italia/fondo-atlante-come-funziona-e-quali-banche-partecipano

 


L'ANALISI DI LUCA CAMPOLONGO / UNICO MODO PER SALVARE L'ITALIA E' NAZIONALIZZARE LE BANCHE DECOTTE E USCIRE DALL'EURO




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
 
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
 
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua
 
LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON VENGONO DIVULGATE)

LA BREXIT PRODUCE GRANDI INVESTIMENTI INDUSTRIALI... TEDESCHI IN GRAN BRETAGNA (LE NOTIZIE CHE NON

lunedì 31 luglio 2017
LONDRA - E' passato poco piu' di un anno da quando i cittadini britannici hanno votato per uscire dalla UE e tutte le previsioni catastrofiche fatte all'indomani di questo storico referendum non si
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ARRESTATO IL SINDACO PD DI LODI CHE E' STATO ASSESSORE PIU' VOLTE DELLA GIUNTA GUERINI. GUERINI E' IL NUMERO DUE DEL PD

ARRESTATO IL SINDACO PD DI LODI CHE E' STATO ASSESSORE PIU' VOLTE DELLA GIUNTA GUERINI. GUERINI E'
Continua

 
SPECIALE LIBIA / CRONACA DI UNA GUERRA CONTRO L'ISIS CHE STA PER SCOPPIARE INCENDIANDO TUTTO IL NORD AFRICA

SPECIALE LIBIA / CRONACA DI UNA GUERRA CONTRO L'ISIS CHE STA PER SCOPPIARE INCENDIANDO TUTTO IL
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!