48.435.848
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA RIVISTA ''TIME'': IL TRATTATO DI LIBERO SCAMBIO USA-UE E' SEGRETO OBAMA NON VUOLE SIA RESO PUBBLICO PRIMA DELLA FIRMA

lunedì 2 maggio 2016

Obama ha più volte ripetuto che l'accordo di libero scambio trans-Atlantico noto come "Ttip" rendera' la vita piu' semplice alle aziende di entrambe le sponde dell'Oceano. Finora, scrive pero' Simon Shuster sul periodico "Time", il muro di segretezza eretto attorno ai dettagli dell'accordo non ha fatto che alimentare l'opposizione dei cittadini europei al progetto.

Domanda senza risposta: perchè i contenuti dell'accordo sono segreti?

Facciamo un passo indietro.

Lo scorso febbraio la parlamentare tedesca di sinistra Katja Kipping ha ottenuto il permesso di consultare il testo dell'accordo, ma si e' trovata vincolata da una serie di condizioni rigidissime: ha avuto a disposizione appena due ore per valutare il complesso documento legale lungo centinaia di pagine, ed ha potuto farlo soltanto presso una sala blindata presso il ministero dell'Economia tedesco, non prima d'aver consegnato la giacca e tutti gli apparecchi elettronici in suo possesso.

Una guardia l'ha sorvegliata per l'intera durata della consultazione, e la parlamentare non ha potuto divulgare nulla in merito ai contenuti del documento. "Spero non sia un crimine parlarne", ha detto Kipping in una recente intervista concessa al giornalista di "Time".

"Non mi hanno citato sanzioni precise, ma hanno detto che non avrei potuto parlare o scrivere nulla di quanto ho letto". E cosi', scrive Kipping, l'intervista si e' trasformata "in un gioco delle 20 domande, in cui Kipping poteva confermare soltanto quanto non aveva letto nel documento".

Eppure, la testimonianza della parlamentare tedesca e' quanto di piu' dettagliato il pubblico possa sapere in merito al vasto accordo commerciale negoziato da Stati Uniti e Unione Europea a partire dal 2013. Siamo a livello di "colpo di stato".

I promotori dell'accordo affermano che il Ttip sciogliera' i legacci che bloccano gli investimenti e gli affari delle rispettive aziende, con un potenziale beneficio economico nell'ordine di 200 miliardi di dollari. Durante la sua recente visita in Europa, Obama ha spronato i leader del Vecchio continente ad approvare l'accordo, cosi' da poterlo firmare prima della fine del suo mandato presidenziale. Per il cancelliere tedesco Angela Merkel e gli altri sostenitori dell'accordo, pero', e' praticamente impossibile fugare i dubbi e i sospetti in merito a un accordo i cui contenuti sono tenuti cosi' caparbiamente segreti.

Il ministro dell'Economia tedesco, Sigmar Gabirel, contesta con durezza la gestione di questo importante progetto. "Credo sia folle. Non si tratta solo degli americani, ma anche degli europei. Abbiamo chiesto se sia possibile pubblicare quanto concordato, e ci e' stato risposto di no dagli americani", ha spiegato il ministro, riferendosi a un suo recente incontro con il segretario del Commercio Usa, Penny Pritzker.

Quest'aura impenetrabile di segretezza ha creato un bizzarro dilemma: il progetto concepito da Obama per cementare le relazioni politico-economiche tra le due sponde dell'Atlantico sta producendo l'effetto opposto. Il Ttip e' ormai additato come un tentativo delle leadership politiche di minare la sovranita' popolare, i diritti dei lavoratori e gli standard ambientali e di qualita' dei prodotti. Che è la verità.

Altrimenti, per quale motivo tutti i cittadini europei non hanno il diritto di sapere l'esatto contenuto di un accordo commerciale che poi li riguarderà personalmente?

L'accordo e' riusco a unire in una causa comune la destra e la sinistra tedesche, che negli ultimi anni hanno raccolto solo in quel paese milioni di firme contrarie al progetto. Anche nel caso il governo Usa si decidesse a rendere noti i contenuti dell'accordo prima della fine del mandato di Obama, conclude Jipping, il danno sarebbe ormai gia' fatto: l'opposizione pubblica e' tale che gran parte dei legislatori europei decideranno di non ratificare il trattato, pena scontri politici e sociali inimmaginabili, a partire proprio dalla Germania.

Redazione Milano.


LA RIVISTA ''TIME'': IL TRATTATO DI LIBERO SCAMBIO USA-UE E' SEGRETO OBAMA NON VUOLE SIA RESO PUBBLICO PRIMA DELLA FIRMA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

TTIP   USA   UE   TRATTATO   SEGRETO   OBAMA   TIME   KIPPING   SHUSTER   GERMANIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI DANNI) A STATO E CLIENTI

SALVATAGGIO ALL'ITALIANA: LA ''POLPA'' DELLE BANCHE VENETE VENDUTA PER 1 EURO. L'OSSO (8 MLD DI

giovedì 22 giugno 2017
Tanto tuonò che… non piovve, o meglio, piovve sostanza organica sulla testa degli obbligazionisti ed azionisti di Popolare di Vicenza e Venetobanca. In un comunicato ufficiale, si
Continua
 
IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI, QUINDI NON FARA' NULLA)

IL PARLAMENTO APPROVA UNA COMMISSIONCINA D'INCHIESTA SULLE BANCHE (CHE SCADRA' CON LE ELEZIONI,

mercoledì 21 giugno 2017
ROMA - L'aula della Camera ha approvato in via definitiva, dopo il precedente sì del Senato, la proposta di legge per l'istituzione di una commissione parlamentare bicamerale d'inchiesta sul
Continua
INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI FUGGITI: FALLIMENTI A BREVE

INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA PER BANCHE VENETE, CARIGE, MPS: OBBLIGAZIONI CONGELATE FONDI

lunedì 19 giugno 2017
I tempi stringono attorno al futuro di Popolare Vicenza e Venetobanca, i due istituti di credito che necessitano di circa 1,2 miliardi di euro di risorse per evitare il bail in. Il ministro delle
Continua
 
SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE... (COSTO 480 MILIONI)

SPRECHI UE / PALAZZO DEL PARLAMENTO DI BRUXELLES ''VA DEMOLITO'' PER COTRUIRNE UNO PIU' GRANDE...

lunedì 19 giugno 2017
LONDRA - I parassiti di Bruxelles sono bravissimi a sprecare il denaro da loro estorto ai contribuenti Ue per progetti faraonici e quindi non deve sorprendere se adesso vogliono demolire il palazzo
Continua
MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E APPROPRIAZIONE INDEBITA

MACRON GIA' TRABALLA: 2 MINISTRI (GIUSTIZIA E AFFARI EUROPEI) FINIRANNO A PROCESSO PER TRUFFA E

giovedì 15 giugno 2017
PARIGI - Si fa difficile in Francia la posizione del ministro della Giustizia, il centrista Francois Bayrou: su questo sono ormai concordi tutti i principali giornali francesi, con i conservatore "Le
Continua
 
DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI, STATO DI INSOLVENZA

DISASTRO: ALITALIA HA FATTO RICORSO AL TRIBUNALE FALLIMENTARE DI NEW YORK. FORNITORI NON PAGATI,

martedì 13 giugno 2017
NEW YORK - Alitalia ha fatto ricorso presso il tribunale fallimentare di New York, in base alle procedure concorsuali internazionali Usa per il fallimento. Lo riporta il Wall Street Journal,
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'AUSTRIA HA VARATO UNA NUOVA SEVERA ''LEGGE MIGRANTI'' CHE ALZA UNA BARRIERA INVALICABILE CONTRO L'INVASIONE DALL'ITALIA

L'AUSTRIA HA VARATO UNA NUOVA SEVERA ''LEGGE MIGRANTI'' CHE ALZA UNA BARRIERA INVALICABILE CONTRO
Continua

 
LA GRECIA E' IN BANCAROTTA PER COLPA DI UE-BCE-FMI USURAI: SU 86,9 MLD DI DEBITI CHE AVEVA, PRETESI 52,5 MLD D'INTERESSI

LA GRECIA E' IN BANCAROTTA PER COLPA DI UE-BCE-FMI USURAI: SU 86,9 MLD DI DEBITI CHE AVEVA, PRETESI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!