44.313.215
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA GERMANIA DECIDE DI BLOCCARE L'ASSISTENZA SOCIALE AGLI IMMIGRATI EUROPEI: NIENTE WELFARE PRIMA DI 5 ANNI DI PERMANENZA

venerdì 29 aprile 2016

BERLINO - Anche la Germania alza un muro, come ha fatto già la Gran Bretagna, per fermare l'immigrazione di cittadini della Ue, tagliando loro il welfare. Il ministro del Lavoro Andrea Nahles, infatti, ha pronunciato per la prima volta parole dure in materia di accoglienza e politiche sociali.

La ministra, che è anche esponente dell'Spd - si noti - intende limitare l'accesso alle prestazioni sociali ai cittadini europei che vivono in Germania. Chi e' senza lavoro e non ha versato i contributi in precedenza, in futuro non potra' piu' ricevere il sussidio di disoccupazione "Hartz IV": solo dopo cinque anni di permanenza in Germania, ha spiegato il ministro, i "migranti europei" potranno richiedere l'assistenza sociale dello Stato.

La decisione della ministra e' d'obbligo, scrive l'opinionista Dorothea Siems sul quotidiano "die Welt": ogni anno centinaia di migliaia di cittadini europei arrivano in Germania alla ricerca di un impiego. Molti, pero', dopo una breve ricerca rinunciano a trovare un'occupazione e richiedono le prestazioni sociali.

Nahles ha messo in chiaro che "la libera circolazione dei lavoratori in Europa non significa che il cittadino possa scegliere il sistema sociale che piu' gli aggrada".

In passato, ricorda Siems, anche la Corte Europea di Giustizia ha piu' volte sancito che i governi nazionali hanno il diritto a non concedere le prestazioni sociali ai cittadini Ue. La maggior parte dei cittadini tedeschi guarda con favore all'immigrazione di cittadini dalla Polonia, dalla Grecia o dalla Spagna, poiche' la considerano una fonte di arricchimento per il paese, "ma questo spirito di apertura al mondo potrebbe svanire presto se il paese dovra' 'alimentare' sempre piu' immigrati europei", conclude Siems. 

Queste decisioni del governo tedesco non sono sfuggite al governatore del Veneto, Luca Zaia: "Adesso vien da chiedersi se anche l'illuminata Germania, dopo l'illuminata Gran Bretagna che l'ha già fatto, siano diventate razziste e becere come fummo accusati di essere noi del Veneto quando proponemmo la stessa cosa, ad esempio per l'assegnazione delle case popolari con priorità agli italiani e per altri aspetti del cosiddetto welfare".  

E' questo il commento di Zaia alla notizia. "Nell'immaginario collettivo e nel politically correct - incalza il Governatore - la Germania e l'Inghilterra sono esempi luminosi, applicano tante buone pratiche che vanno seguite. Noi ci proviamo, ma immediatamente si alza il muro dei Governi, delle Giurisdizioni, delle Corti, che bocciano, respingono, annullano atti. Guardando a quei civilissimi Paesi - si chiede il Presidente del Veneto - non sarebbe il caso che costoro si ponessero almeno dei quesiti e avessero qualche dubbio su cosa sia più giusto fare per tutelare i cittadini?".  

"Sarebbe bello - conclude Zaia - un mondo in cui tutti potessero avere tutto, ma è pura utopia. Tutta l'Europa vive una fase storica di crisi e di difficoltà di finanza pubblica e il welfare è uno dei meccanismi pubblici più costosi. E' quindi realista che le poche risorse disponibili vadano utilizzate con priorità per i propri cittadini, giovani, pensionati, famiglie, disoccupati. In Germania, Gran Bretagna, e altri Paesi è azione virtuosa, da noi razzismo. Ma quale Europa è quella vera?"

Redazione Milano


LA GERMANIA DECIDE DI BLOCCARE L'ASSISTENZA SOCIALE AGLI IMMIGRATI EUROPEI: NIENTE WELFARE PRIMA DI 5 ANNI DI PERMANENZA




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua
 
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente
Continua
TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO FA TANTA PAURA ALLA UE

TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO

giovedì 23 febbraio 2017
"Il presidente Trump riafferma il primato della politica sulla finanza". A dirlo in un'intervista con Labitalia Maurizio Primanni, ceo di Excellence Consulting, società di consulenza nel
Continua
 
SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE DIVENTARE SUBITO PRESIDENTE)

SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE

giovedì 23 febbraio 2017
PARIGI - Crescono del 2,5 per cento rispetto a inizio febbraio per il leader del partito Front National, Marine Le Pen, le possibilita' di vincere al primo turno le elezioni presidenziali
Continua
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LO SCONTRO DRAGHI - GERMANIA PER IL FINANCIAL TIMES NON HA VIE D'USCITA INDOLORI: I TEDESCHI POTREBBERO MOLLARE L'EURO

LO SCONTRO DRAGHI - GERMANIA PER IL FINANCIAL TIMES NON HA VIE D'USCITA INDOLORI: I TEDESCHI
Continua

 
WALL STREET JOURNAL: ''IL VERO PERICOLO E' UNICREDIT BANCA DEBOLE PIENA DI CREDITI DETERIORATI IN UN'ECONOMIA MORIBONDA''

WALL STREET JOURNAL: ''IL VERO PERICOLO E' UNICREDIT BANCA DEBOLE PIENA DI CREDITI DETERIORATI IN
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!