89.448.538
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA LETTERA / Il parlamentare dell'Azerbaigian Azer Karimli scrive al nostro giornale e si rivolge a Matteo Salvini

sabato 23 aprile 2016

L`articolo pubblicato nel quotidiano  ``Il Nord"  nel 9 aprile, non riflette le verita` riguardo il conflitto tra l`Azerbaigian e l`Armenia (Nagorno Karabakh). Le opinioni espresse sono il prodotto della fantasia personale del l'ambasciatore armeno e della  macchina di propaganda e delle menzognedel governo armeno che occupa i territori dell`Azerbaigian.

La responsabilità dell’ultimo conflitto militare avvenuto nei territori dell’Azerbaigian, occupati da parte dell’Armena ricade completamente su Erevan.

Così, le Forze Armate dell`Azerbaigian  sono state costrette  ad addottare provvedimenti per rispondergli,  proprio a causa  delle provocazioni eseguite regolarmente sulla linea di confine da parte dell`esercito armeno, tenendo costantamente sotto minaccia di morte  i civili che vivono in prima linea dell`Azerbaigian.

Da oltre 25 anni le Forze Armate Armene occupano i territori dell`Azerbaigian riconosciuti da parte di tutti gli stati e organizzazioni internazionali .

Durante l`invasione dei territori storici e legali dell`Azerbaigian  da parte delle Forze Armate Armene, oltre di 1 millione di azeri sono stati sottoposti a pulizia etnica accompagnati dagli atti di genocidio e dai delitti di sangue .

Il genocidio svolto dalle Forze Armate Armene contro i civili azeri nella  citta` di  Khojaly e` stato riconosciuto ufficialmente  da parte di Repubblica Ceca, Bosnia-Erzegovina, Perù, Honduras, Pakistan, Colombia, Messico, dall'Organizzazione della Cooperazione Islamica che unisce l`Azerbaigian e circa 60 stati, da 17 Statidegli Stati Uniti, oltrechè condannato da parte di membri del parlamento di molti paesi del mondo.

Fino ad oggi rimangono ancora non eseguiti da parte dell`Armenia le risoluzionidel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite del 1993 (n. 822 , 853 , 874 e 884)sulla liberazione incondizionata delle aree occupate appartenenti alla Repubblica dell`Azerbaigian.  

Sono stati determinati i principi che 53 membri su 54 dell`UE, tranne l'Armenia,hanno votato sulla risoluzione del conflitto del Nagorno-Karabakh, nel vertice dell'OSCE a Lisbona del 2-3 dicembre del 1996. Questi principi contengono in modo inequivocabile la soluzione all`interno dell`integrita` territoriale.

Oltre questo, le risoluzioni del Parlamento europeo e dell'Assemblea Parlamentare del Consiglio Europeo e le dichiarazioni dell`OSCE, della Nato e riprese durante i vertici delle altre organizzazioni internazionali, hanno sottolineato l`importanza delritiro delle forze di occupazione dai territori dell’Azerbaigian e di risolvere il conflitto in conformità con i principi di base del Gruppo di Minsk dell'OSCE e dell'Atto finale di Helsinki .

Nonostante tutto questo, l'Armenia tiene sotto costante minaccia di guerra la regione, continuando la sua politica aggressiva senza prendere in considerazione il diritto internazionale e la volontà della comunità internazionale.

Devo sottolineare che durante gli ultimi avvenimenti nei territori dell’Azerbaigian,occupati dalle Forze Armate dell’Armenia, l’Azerbaigian è stato sostenuto nonsolo da parte della Turchia. Quasi tutte le organizzazioni internazionali ed i paesi leader hanno dato ragione all’Azerbaigan ed hanno richiamato l’Armenia alla cessazione dell’occupazione.

L’Azerbaigian è uno dei rari paesi dove le comunità religiose, le minoranze etniche e religiose vivono insieme, in modo pacifico e con la compressione reciproca e che ha tradizione multicultrale storica. Oggi, L’Azerbaigian si considera uno dei posti ideali per organizzare i forum umanitari internazionali ed ancora oggi nell’Azerbaigian tutti i monumenti religiosi, inclusa la chiesa armena a Baku sonopreservati dallo Stato. Pero’ l’Armenia ha distrutto tutti i monumenti religiosi e le tombe nei territori occupati dell’Azerbaigian.

Quando esponenti armeni parlano del diritto dell’autodeterminazione del popolo del Nagorno-Karabagh, non parlano del fatto della espulsione degli azeri che hanno lo stesso diritto. Non parla neanche di 7 regioni, oltre alKarabakh,  appartenenti all’Azerbaigian che sono tenuti sotto l’occupaizone da parte delle Forze Armate Armene. Nei principi di base dell’OSCE sulla stabilizzazione del Conflitto del Nagorno Karabakh, si sottolinea che il conflitto va risolto dando lo stato di autonomia al Nagorno Karabakh nei quadri dell’Integrita’ dei territori azeri. Percio’ le Forze Armate Armene devono uscire dai territori dell’Azerbaigian, i profughi azeri devono tornare alle loro case e la loro sicurezza deve essere garantita.

Tutti questi sono i principi apparsi sui documenti ammessi dalle organizzazioni internazionali per risolvere il conflitto. Il governo armeno dicendo menzogne, presentando le loro fantasie come realtà, cerca di distrarre l’attenzione dalla realtà e dai principi del diritto internazionale.

Sicuramente non ci si aspettava una posizione giusta da una persona come Armen Ashotyan che rappresenta un governo di un paese dove e’ stato ucciso il candidato alla presidenza. Questo non è una sorpresa per noi.

Per concludere vorrei rispondere al segretario della Lega Nord, in cui Salvini, dichiara la necessità di un riconoscimento formale dell'indipendenza del Nagorno Karabakh, sulla base del principio di autodeterminazione dei popoli, della storia del suo popolo e delle suetradizioni cristiane millenarie, ricordando che il conflitto del Nagorno Karabakh e l’occupazione del 20% dei territori dell’Azerbaigian nulla ha che vedere con questioni religiose. E’ chiaro che la dichiarazione di Salvini, il cui partito che rappresenta è sempre stato vicino all’Azerbaigian, è frutto di una mancata conoscenza della materia e che l’informazione errata ricevuta dall’Ambasciatore Armeno in Italia durante il loro incontro, lo abbia portato a considerazioni non corrispondenti ad alcuna verità storica. Per comprendere questa falsità basterebbevisitare l’Azerbaigian personalmente o dialogare con le migliaia di persone che hanno visitato l’Azerbaigian, ivi compresi gli esponenti della Lega Nord e di altri partiti politici, che spesso negli ultimi anni hanno viaggiato in Azerbaigian ed hanno potuto apprezzare il valore del multiculturalismo e della coesistenza religiosa così ampiamente diffuso nel nostro paese.

 

Presidente dell'Interparlamentare di amicizia Azerbaigian-Italia, On. Azer Karimli



 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TUTTE LE PREVISIONI DEL GOVERNO RENZI SI SONO DIMOSTRATE ERRATE (GIA' DOPO 4 MESI) RIMANE SOLO LA PATRIMONIALE A OTTOBRE

TUTTE LE PREVISIONI DEL GOVERNO RENZI SI SONO DIMOSTRATE ERRATE (GIA' DOPO 4 MESI) RIMANE SOLO LA
Continua

 
DONALD TRUMP A MATTEO SALVINI: ''TI AUGURO DI DIVENTARE PRESTO IL PREMIER ITALIANO'' (ENORME SUCCESSO DELL'INCONTRO)

DONALD TRUMP A MATTEO SALVINI: ''TI AUGURO DI DIVENTARE PRESTO IL PREMIER ITALIANO'' (ENORME
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

FDI: COME, I 5S NON VOGLIONO CESA MA SI TENGONO ZINGARETTI, ANCHE

22 gennaio - ''Il ragionamento del Movimento 5 Stelle sia simmetrico: se non si
Continua

131.090 PERSONE HANNO PRESO IL COVID SUL POSTO DI LAVORO (LO SCRIVE

22 gennaio - Le infezioni da nuovo Coronavirus di origine professionale denunciate
Continua

CIAMPOLILLO, LA TRAGEDIA DI UN SENATORE RIDICOLO

20 gennaio - ''Altro che Conte ter, benvenuti nel governo Ciampolillo I. Ammesso al
Continua

LA RUSSIA CHIEDE ALLA UE LA REGISTRAZIONE DEL VACCINO ANTI COVID

20 gennaio - MOSCA - Il Fondo russo per gli investimenti diretti (Rdif) ha presentato
Continua

E' UFFICIALE: L'EUROZONA E' IN DEFLAZIONE, LE NAZIONI UE SENZA EURO

20 gennaio - A dicembre 2020, il tasso di inflazione annuo dell'eurozona si e'
Continua

CONFCOMMERCIO: PIL GENNAIO 2021 -0,8% E -10,7% DA GENNAIO 2020

19 gennaio - Confcommercio stima per gennaio un calo congiunturale del Pil, al netto
Continua

UDC: NO UNANIME ALLA FIDUCIA A CONTE AL SENATO

18 gennaio - ''La segreteria nazionale Udc, che si e' riunita nel pomeriggio, alla
Continua

AL CENTRODESTRA NON FU PERMESSO DA MATTARELLA FORMARE UN GOVERNO DI

18 gennaio - “Governo di minoranza accettabile? No, nel 2018 non fu permesso a
Continua

VERTICE DEL CENTRODESTRA ALLA CAMERA

18 gennaio - E' in corso a Montecitorio, il vertice del centrodestra per fare il
Continua

MATTEO SALVINI: ''CREDONO DI RISOLVERE QUESTA CRISI AFFIDANDOSI A

18 gennaio - Matteo Salvini: ''Renzi l'ha fatto nascere questo governo e adesso dopo
Continua

NEL 2020 ITALIA IN DEFLAZIONE E' LA TERZA VOLTA DAL 1954 (ALTRE DUE

18 gennaio - ''Nel 2020, la diminuzione dei prezzi al consumo in media d'anno (-0,2%)
Continua

TOTI: SE INVECE DEL CSX FOSSE STATO IL CDX A COMPORTARSI COSI' COME

18 gennaio - ''Vorrei capire cosa sarebbe successo se il centrodestra avesse dato
Continua

ARRIVA SAVIANO E PIERLUIGI BATTISTA LASCIA IL CORRIERE DELLA SERA

18 gennaio - ''Qui cane Enzo sta cercando le parole per dirci che si, dal 31 gennaio
Continua

SALVINI: SE CONTE NON HA IN NUMERI, DUE STRADE: VOTO O GOVERNO DI

18 gennaio - ''Oggi il problema per molte famiglie e' la salute con i vaccini che
Continua

FRANCESCHINI: ''NON BISOGNA VERGOGNARSI DI CERCARE VOTI IN AULA''

14 gennaio - ''In questa legislatura sono nati due governi tra avversari alle
Continua

CENTRODESTRA UNITO: CONTE VENGA IN PARLAMENTO E PRENDA ATTO DELLA

14 gennaio - ''Non c'e' piu' tempo per tatticismi o giochi di potere: il centrodestra
Continua

BERLUSCONI IN OSPEDALE NEL PRINCIPATO DI MONACO, CONDIZIONI SERIE.

14 gennaio - MILANO - E' stato Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Silvio
Continua

NUOVO ESSESSORE ALLO SVILUPPO ECONOMICO, GUIDO GUIDESI: RILANCIAMO

14 gennaio - MILANO - ''Dalla prossima settimana mi confronterò con tutti i
Continua

ZINGARETTI: ''IMPOSSIBILE QUALSIASI GOVERNO CON ITALIA VIVA,

14 gennaio - ''C'è un dato che non può essere cancellato dalle nostre analisi. Ed
Continua

IL PD HA DECISO CONTE DEVE VENIRE IN PARLAMENTO: VOTO DI FIDUCIA O

14 gennaio - MONTECITORIO - ''Come gruppo dei democratici vogliamo che la crisi venga
Continua
Precedenti »