44.300.130
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

TUTTE LE PREVISIONI DEL GOVERNO RENZI SI SONO DIMOSTRATE ERRATE (GIA' DOPO 4 MESI) RIMANE SOLO LA PATRIMONIALE A OTTOBRE

venerdì 22 aprile 2016

Ormai è una costante: le previsioni economiche del regime renzista hanno la stessa credibilità ed affidabilità della pagina degli oroscopi sui quotidiani: nulla.

Vi ricordate le stime “trionfalistiche” su una crescita del PIL nel 2016 di “ben” l’1,6%? Tutto da rifare: se tutto va bene taglieremo il traguardo dell’1,2%, messo nero su bianco nel DEF 2016, che sbugiarda quanto scritto da Renzi, Padoan e compagnia bella appena qualche mese fa.

Un qualsiasi politico dotato di un briciolo di dignità si sarebbe già dimesso, soprattutto perché da quando questa sgangherata compagine di governo ha preso il potere, non ha mai centrato uno solo degli obiettivi di crescita proclamati ai quattro venti, rivedendoli puntualmente al ribasso e dando la colpa, ovviamente, a “fattori esterni”, “rallentamenti della crescita internazionale”, “eventi imprevedibili” e amenità varie.

Il fallimento delle previsioni, chiaramente, non è colpa di questo governo, ma di tutti, tranne che loro. Non sia mai che il ducetto fiorentino possa essere accusato di non saper fare il proprio mestiere: in fondo a calar le braghe con i tedeschi, farsi prendere in giro dai libici, turlupinare i risparmiatori a favore dei banchieri, tagliare la sanità e le pensioni agli italiani per foraggiare orde di falsi profughi è bravissimo ed è stato messo su quella poltrona proprio per questo motivo.

Chiaramente, se il PIL è rivisto al ribasso, vanno a ramengo anche tutte le stime riguardanti il risanamento dei conti pubblici, il rapporto deficit/pil e debito pubblico/pil.

Difatti il pareggio di bilancio, tanto caro agli oligarchi della ue, quelli della macelleria sociale a buon mercato, della difesa dei “mercati”, slitta ancora di un anno: dal 2018 al 2019.

Anche qui le scuse per giustificare il mancato rispetto degli impegni presi è ampio e variegato, compreso le spese “umanitarie” per i profughi.

Siamo sinceri: in questo, ovvero nel “piangere il morto per fregare il vivo”, il governo Renzi non è secondo a nessuno. Peccato che gli eurocrati, abituati a distruggere generazioni e vite umane con un click su una tastiera (l’esempio Grecia è lì a imperitura memoria di quanto la Ue sia simile, se non peggiore, al III Reich) senza alcun rimorso, non si lascino impietosire da un tremebondo Padoan, da un sorriso malizioso di linguetta-Boschi o da una renzata sparata ai microfoni per blandire il popolo italico.

Difatti Katainen, il responsabile del disastro finlandese, profeta indiscusso dell’austerità teutonica, il vate dei sacrifici lacrime e sangue che ha distrutto il suo stesso paese, ha prontamente alzato il ditino e bacchettato sul sedere il premier non eletto: “Flessibilità? L’Italia ne ha avuta anche troppa, ora basta!” ha prontamente ringhiato da Bruxelles.

Come dargli torto? Per l’ennesima volta l’Italia è andata a pietire deroghe ai patti sottoscritti con gli oligarchi circa il risanamento dei conti pubblici.

Il punto è che quei patti non andavano nemmeno sottoscritti, e andrebbero sicuramente ripudiati, ma per far questo servirebbe un governo serio, che abbia a cuore l’interesse dei propri cittadini, pronto a condurre l’italico stivale fuori dalla Ue e dall’euro: praticamente un vero governo.

Credete che un premier non eletto, circondato da un gruppo di ministri incapaci di sviluppare anche solo una previsione attendibile, possieda capacità, coraggio ed intelligenza tali da compiere questi passi?

Noi no, per cui sappiamo già come andrà a finire: nuovi tagli alla sanità (così si morirà un po’ prima, facendo contenti quelli del FMI che si lamentano dell’età troppo elevata degli italiani), nuove tasse, magari sulla casa, e balzelli vari. Ovviamente sarà tutto inutile e fra un paio di annetti, quando il governatore della Bundesbank prenderà il posto di Mario Draghi a capo della BCE, (sempre che non accada prima)  avremo pure una bella patrimoniale che brucerà definitivamente qui pochi risparmi che ci saranno rimasti.

Il tutto in nome dell’austerità teutonica e degli interessi degli oligarchi europei e della Germania. Ma attenzione, non è detto affatto che la patrimoniale arriverà tra due anni. Se Draghi - che sta traballando al vertice della Bce - cade prima, ad esempio questa estate, la patrimoniale sarà a ottobre.

Perchè, vi è sfuggito? Ieri Draghi in diretta-mondo ha preso letteralmente a calci la Germania, scordando volutamente o meno ha poca importanza, che ai tedeschi manca completamente la tolleranza quando si tratta di soldi, e specialmente quando si tratta di soldi loro, che Draghi sta falciando a piene mani con gli interessi zero. 

Quindi, non è più questione di se, ma di quando Draghi dovrà mollare la poltrona di numero uno della Bce. In autunno cadono le foglie...

Luca Campolongo

Fonti

http://notizie.tiscali.it/economia/articoli/def-pareggio-bilancio-slitta-2019/

http://www.corriere.it/economia/16_aprile_08/crescita-governo-taglia-stime-2016-l-economia-salira-dell-12percento-35a74b06-fd6f-11e5-820b-500d9d51558a.shtml

http://www.secoloditalia.it/2016/04/ue-schiaffo-renzi-flessibilita-litalia-ne-avuta-fin-troppa-basta/

http://www.libreidee.org/2014/04/il-fmi-vivete-troppo-a-lungo-la-pensione-sara-un-lusso/

 


TUTTE LE PREVISIONI DEL GOVERNO RENZI SI SONO DIMOSTRATE ERRATE (GIA' DOPO 4 MESI) RIMANE SOLO LA PATRIMONIALE A OTTOBRE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

PREVISIONI   ERRATE   DEF   CRESCITA   CRISI   GOVERNO   RENZI   PADOAN   UE   BCE   DRAGHI   PIL   MERCATI   TEDESCHI   BANCHE   DEBITO   RIBASSO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua
 
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente
Continua
TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO FA TANTA PAURA ALLA UE

TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO

giovedì 23 febbraio 2017
"Il presidente Trump riafferma il primato della politica sulla finanza". A dirlo in un'intervista con Labitalia Maurizio Primanni, ceo di Excellence Consulting, società di consulenza nel
Continua
 
SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE DIVENTARE SUBITO PRESIDENTE)

SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE

giovedì 23 febbraio 2017
PARIGI - Crescono del 2,5 per cento rispetto a inizio febbraio per il leader del partito Front National, Marine Le Pen, le possibilita' di vincere al primo turno le elezioni presidenziali
Continua
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
I DATI DELL'INVASIONE: 300.000 CLANDESTINI DAL 2014 3 MILIARDI E MEZZO DI SPESA/ANNO PER MANTENERLI, 300.000 IN ARRIVO

I DATI DELL'INVASIONE: 300.000 CLANDESTINI DAL 2014 3 MILIARDI E MEZZO DI SPESA/ANNO PER
Continua

 

LA LETTERA / Il parlamentare dell'Azerbaigian Azer Karimli scrive al nostro giornale e si rivolge a
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!