50.761.899
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LO SCONTRO DRAGHI - GERMANIA PER IL FINANCIAL TIMES NON HA VIE D'USCITA INDOLORI: I TEDESCHI POTREBBERO MOLLARE L'EURO

venerdì 22 aprile 2016

LONDRA - "Nell'ultimo mese - osserva l'editoriale non firmato del Financial Times attribuibile alla direzione pubblicato oggi - il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, e' stato sotto il costante attacco di politici tedeschi: tradizionalmente ostili alla politica monetaria espansiva, accusano le misure di stimolo della Bce, in particolare i tassi di interesse negativi, di spremere i risparmiatori, alimentando l'ascesa di partiti estremisti e mettendo in difficolta' le istituzioni finanziarie".

"Queste critiche - secondo il commento - sono inutili ed e' inaccettabile l'aperto tentativo di esercitare pressioni sulla Bce affinche' cambi strada o di chiedere una voce tedesca piu' forte nelle decisioni dell'Eurotower. E questo scontro, però, ha conseguenze che possono diventare estreme per Draghi o per il governo Merkel, a seconda di chi vincerà".

"Ieri Draghi in conferenza stampa a Francoforte alla sede della Bce ha reagito - prosegue l'articolo - affermando che la Banca centrale obbedisce alla legge e non ai politici e che il consiglio esecutivo e' unanime nella difesa della sua posizione e della sua indipendenza. E' assurdo dipingere la politica della Bce come il prodotto di una presidenza italiana: misure simili sono state prese in tutto il mondo sviluppato. Inoltre, i tassi di interesse negativi stanno funzionando, ha sottolienato Draghi".

Ma non era mai accaduto in passato che emergesse con tale potenza uno scontro tra uno stato dell'eurozona, in questo caso la Germania, e il vertice della Bce. Draghi, tuttavia, ha dovuto riconoscere i motivi di preoccupazione della Germania: i tassi di interesse negativi nel primo anno di applicazione non hanno impedito alle banche europee di diventare complessivamente piu' redditizie, ma hanno penalizzato le casse di risparmio tedesche.

"La risposta al problema, pero' - prosegue l'editoriale - non e', come alcuni politici conservatori tedeschi sembrano credere, premere sulla Bce affinche' faccia gli interessi di un singolo potente Stato membro. Come ha giustamente sottolineato Draghi, i fondi previdenziali e le compagnie di assicurazione statunitensi non sono crollati sotto il peso dei tassi di interesse negativi. Le istituzioni finanziarie della Germania, le cui perdite sono compensate dai guadagni in conto capitale dal programma di acquisto di bond della Bce, stanno soffrendo principalmente a causa della regolamentazione nazionale e del loro particolare modello di business".

Sarà pur vero, ma la Bce non può imporre a una rete enorme di banche - le Sparkasse tedesche, ossatura del sistema bancario della Germania - di cambiare la loro natura finanziaria creata in più di 60 anni di lavoro con la clientela per adattarsi, con perdite finanziarie devastanti, alle manovre estreme della Bce quali sono gli interessi a zero e perfino negativi, ultima cartuccia per provare a fermare la deflazione nella zona euro, senza che per altro si vedano risultati apprezzabili.

"Berlino deve assumersi la responsabilita' di questo problema - scrive ancora il Financial Times -  anche se e' politicamente sensibile per il governo, gia' esposto sul tema dell'accoglienza dei rifugiati. Il mandato della Bce e' riportare l'inflazione in linea con l'obiettivo, non offrire uno scudo al sistema tedesco del risparmio. Oltretutto, con la Germania che blocca altre iniziative, ci sono poche alternative al mantenimento per alcuni anni dei tassi di interesse al basso livello attuale. Ecco perche' Draghi, nonostante un discorso combattivo, e' stato cauto su un ulteriore allentamento".

Resta il fatto che l'obbiettivo della Bce non è stato raggiunto e non lo è ormai da tre anni. Tutte le decisioni prese da Draghi non hanno portato ai risultati annunciati. Neppure una. 

"Tentare di dipingere la politica monetaria della Bce come una battaglia tra interessi nazionali mina le fondamenta dell'unione monetaria europea. Cio' non e' nemmeno nell'interesse della Germania. Se Berlino vuole un'unione monetaria di successo - conclude il commento - deve smettere di cercare di creare un clone della Bundesbank". Oppure deve lasciare l'eurozona.

Infatti, lo scontro in atto tra la Germania e la Bce a guida Draghi ha solo due vie d'uscita, fermo restando che per la Germania lo stato attuale delle cose, conseguenza delle decisioni di Draghi, è insostenibile: la prima, che Draghi di le dimissioni, la seconda che la Germania si sganci dall'euro.

Redazione Milano


LO SCONTRO DRAGHI - GERMANIA PER IL FINANCIAL TIMES NON HA VIE D'USCITA INDOLORI: I TEDESCHI POTREBBERO MOLLARE L'EURO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DRAGHI   FINANCIAL   TIMES   GERMANIA   SPARKASSE   MERKEL   BERLINO   FRANCOFORTE   BCE   TASSI   NEGATIVI   INFLAZIONE   DEFLAZIONE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
COL CROLLO DELLA UE ARRIVA LA FINE DELL'EURO: NON SOPRAVVIVERA'. (COSA PENSATE DI FARE COI VOSTRI SOLDI?)

COL CROLLO DELLA UE ARRIVA LA FINE DELL'EURO: NON SOPRAVVIVERA'. (COSA PENSATE DI FARE COI VOSTRI
Continua

 
LA GERMANIA DECIDE DI BLOCCARE L'ASSISTENZA SOCIALE AGLI IMMIGRATI EUROPEI: NIENTE WELFARE PRIMA DI 5 ANNI DI PERMANENZA

LA GERMANIA DECIDE DI BLOCCARE L'ASSISTENZA SOCIALE AGLI IMMIGRATI EUROPEI: NIENTE WELFARE PRIMA DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!