44.322.997
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LO SCONTRO DRAGHI - GERMANIA PER IL FINANCIAL TIMES NON HA VIE D'USCITA INDOLORI: I TEDESCHI POTREBBERO MOLLARE L'EURO

venerdì 22 aprile 2016

LONDRA - "Nell'ultimo mese - osserva l'editoriale non firmato del Financial Times attribuibile alla direzione pubblicato oggi - il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, e' stato sotto il costante attacco di politici tedeschi: tradizionalmente ostili alla politica monetaria espansiva, accusano le misure di stimolo della Bce, in particolare i tassi di interesse negativi, di spremere i risparmiatori, alimentando l'ascesa di partiti estremisti e mettendo in difficolta' le istituzioni finanziarie".

"Queste critiche - secondo il commento - sono inutili ed e' inaccettabile l'aperto tentativo di esercitare pressioni sulla Bce affinche' cambi strada o di chiedere una voce tedesca piu' forte nelle decisioni dell'Eurotower. E questo scontro, però, ha conseguenze che possono diventare estreme per Draghi o per il governo Merkel, a seconda di chi vincerà".

"Ieri Draghi in conferenza stampa a Francoforte alla sede della Bce ha reagito - prosegue l'articolo - affermando che la Banca centrale obbedisce alla legge e non ai politici e che il consiglio esecutivo e' unanime nella difesa della sua posizione e della sua indipendenza. E' assurdo dipingere la politica della Bce come il prodotto di una presidenza italiana: misure simili sono state prese in tutto il mondo sviluppato. Inoltre, i tassi di interesse negativi stanno funzionando, ha sottolienato Draghi".

Ma non era mai accaduto in passato che emergesse con tale potenza uno scontro tra uno stato dell'eurozona, in questo caso la Germania, e il vertice della Bce. Draghi, tuttavia, ha dovuto riconoscere i motivi di preoccupazione della Germania: i tassi di interesse negativi nel primo anno di applicazione non hanno impedito alle banche europee di diventare complessivamente piu' redditizie, ma hanno penalizzato le casse di risparmio tedesche.

"La risposta al problema, pero' - prosegue l'editoriale - non e', come alcuni politici conservatori tedeschi sembrano credere, premere sulla Bce affinche' faccia gli interessi di un singolo potente Stato membro. Come ha giustamente sottolineato Draghi, i fondi previdenziali e le compagnie di assicurazione statunitensi non sono crollati sotto il peso dei tassi di interesse negativi. Le istituzioni finanziarie della Germania, le cui perdite sono compensate dai guadagni in conto capitale dal programma di acquisto di bond della Bce, stanno soffrendo principalmente a causa della regolamentazione nazionale e del loro particolare modello di business".

Sarà pur vero, ma la Bce non può imporre a una rete enorme di banche - le Sparkasse tedesche, ossatura del sistema bancario della Germania - di cambiare la loro natura finanziaria creata in più di 60 anni di lavoro con la clientela per adattarsi, con perdite finanziarie devastanti, alle manovre estreme della Bce quali sono gli interessi a zero e perfino negativi, ultima cartuccia per provare a fermare la deflazione nella zona euro, senza che per altro si vedano risultati apprezzabili.

"Berlino deve assumersi la responsabilita' di questo problema - scrive ancora il Financial Times -  anche se e' politicamente sensibile per il governo, gia' esposto sul tema dell'accoglienza dei rifugiati. Il mandato della Bce e' riportare l'inflazione in linea con l'obiettivo, non offrire uno scudo al sistema tedesco del risparmio. Oltretutto, con la Germania che blocca altre iniziative, ci sono poche alternative al mantenimento per alcuni anni dei tassi di interesse al basso livello attuale. Ecco perche' Draghi, nonostante un discorso combattivo, e' stato cauto su un ulteriore allentamento".

Resta il fatto che l'obbiettivo della Bce non è stato raggiunto e non lo è ormai da tre anni. Tutte le decisioni prese da Draghi non hanno portato ai risultati annunciati. Neppure una. 

"Tentare di dipingere la politica monetaria della Bce come una battaglia tra interessi nazionali mina le fondamenta dell'unione monetaria europea. Cio' non e' nemmeno nell'interesse della Germania. Se Berlino vuole un'unione monetaria di successo - conclude il commento - deve smettere di cercare di creare un clone della Bundesbank". Oppure deve lasciare l'eurozona.

Infatti, lo scontro in atto tra la Germania e la Bce a guida Draghi ha solo due vie d'uscita, fermo restando che per la Germania lo stato attuale delle cose, conseguenza delle decisioni di Draghi, è insostenibile: la prima, che Draghi di le dimissioni, la seconda che la Germania si sganci dall'euro.

Redazione Milano


LO SCONTRO DRAGHI - GERMANIA PER IL FINANCIAL TIMES NON HA VIE D'USCITA INDOLORI: I TEDESCHI POTREBBERO MOLLARE L'EURO


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DRAGHI   FINANCIAL   TIMES   GERMANIA   SPARKASSE   MERKEL   BERLINO   FRANCOFORTE   BCE   TASSI   NEGATIVI   INFLAZIONE   DEFLAZIONE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua
 
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente
Continua
TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO FA TANTA PAURA ALLA UE

TRUMP AFFERMA IL PRIMATO DELLA POLITICA - DEL POPOLO - SULLA BUROCRAZIA E I BANCHIERI. PER QUESTO

giovedì 23 febbraio 2017
"Il presidente Trump riafferma il primato della politica sulla finanza". A dirlo in un'intervista con Labitalia Maurizio Primanni, ceo di Excellence Consulting, società di consulenza nel
Continua
 
SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE DIVENTARE SUBITO PRESIDENTE)

SONDAGGIO BOMBA: MARINE LE PEN VITTORIOSA AL 1° TURNO DELLE PRESIDENZIALI (POTREBBE ANCHE

giovedì 23 febbraio 2017
PARIGI - Crescono del 2,5 per cento rispetto a inizio febbraio per il leader del partito Front National, Marine Le Pen, le possibilita' di vincere al primo turno le elezioni presidenziali
Continua
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
COL CROLLO DELLA UE ARRIVA LA FINE DELL'EURO: NON SOPRAVVIVERA'. (COSA PENSATE DI FARE COI VOSTRI SOLDI?)

COL CROLLO DELLA UE ARRIVA LA FINE DELL'EURO: NON SOPRAVVIVERA'. (COSA PENSATE DI FARE COI VOSTRI
Continua

 
LA GERMANIA DECIDE DI BLOCCARE L'ASSISTENZA SOCIALE AGLI IMMIGRATI EUROPEI: NIENTE WELFARE PRIMA DI 5 ANNI DI PERMANENZA

LA GERMANIA DECIDE DI BLOCCARE L'ASSISTENZA SOCIALE AGLI IMMIGRATI EUROPEI: NIENTE WELFARE PRIMA DI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!