71.141.701
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

VIOLENTA ACCUSA A DRAGHI DEL GOVERNO TEDESCO: ''E' IL MANDANTE DELL'ASCESA DI ALTERNATIVA PER LA GERMANIA'' (ADDIO DRAGHI)

lunedì 11 aprile 2016

BERLINO - Il governo tedesco ha un nuovo "bersaglio" contro cui scagliare fulmini e saette politiche, ed è un bersaglio che prima d'ora non era mai stato attaccato e la cui "distruzione" porterebbe in breve alla fine dell'euro. Avete letto bene.

"Sono frasi degne di nota quelle pronunciate negli scorsI giorni da diversi esponenti politici tedeschi", scrive l'editorialista Patrick Berna sul quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung.

Che continua così: "Il ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble accusa il governatore della Bce Mario Draghi di essere la causa dell'ascesa del partito euroscettico e nazionalista Alternativa per la Germania (AfD). Ad un convegno a porte chiuse, gli esperti di finanza dell'Unione di centro-destra hanno criticato la Bce, poiche' si starebbe muovendo sull'orlo del suo mandato relativo alla stabilita' della moneta".

E' un'accusa gravissima, quella di Schaeuble rivolta a Draghi, perchè non sta nell'abito delle decisioni, criticabili o meno che siano, relative alle scelte monetarie della Bce. Il ministro delle Finanze della Gemania accusa invece Mario Draghi di avere un ruolo politico decisivo - che non gli compete - nell'ascesa della principale forza politica antagonista al governo di Angela Merkel. In sostanza, Draghi è accusato dal governo tedesco di aiutare con le sue decisioni al vertice della Bce gli avversari del cancellierato. Quindi, Draghi è un avversario politico del governo della Germania.

E non è finita.

Prosegue il Frankfurter Allgemeine Zeitung: "Anche il ministro dei Trasporti ha trovato modo di lamentarsi: il crollo degli interessi (tagliati a zero da Draghi - ndr) ha creato un buco enorme nel sistema assicurativo dei pensionati. La politica monetaria della Banca Centrale Europea fa infuriare l'Unione di centro-destra: secondo la Bce, infatti, i prezzi non starebbero crescendo abbastanza velocemente. La Bce vuole un tasso di inflazione quasi del due per cento ma, da mesi, non riesce a raggiungere un tasso superiore allo zero. Di qui - scrive Patrik Berna - la pressione sempre maggiore della politica sulla Bundesbank, affinche' faccia tutto quanto le e' possibile moderare la politica espansiva dell'Eurotower".

E' in corso - quindi - uno scontro immane dentro l'esecutivo della Bce.

"All'atto dell'istituzione dell'unione monetaria, la Germania e' stata il paese che piu' ha premuto per una Banca Centrale Europea politicamente indipendente - scrive in un altro articolo Heike Goebel sempre sul quotidiano Frankfurter Allgemeine Zeitung pubblicato in contemporanea- . Berlino ha espresso orgoglio per la nascita di una banca centrale piu' indipendente addirittura della stimatissima Bundesbank. Ora, pero', il disagio della politica tedesca di fronte all'azione della Bce e di Mario Draghi e' evidente. La misura e' colma da quando l'Eurotower ha portato a zero il tasso guida ed ha portato il tasso di deposito in territorio negativo, cosi' da costringere le banche ad aumentare il credito: tutte misure che pesano fortemente sui risparmiatori". 

E risparmiatori sono anche alettori. Alternativa per la Germania li sta provando a raccogliere tutti. Ma prima che ciò possa accadere, Mario Draghi sarà allontanato dalla guida della Bce, oppure sarà la Germania a lasciarla.

Redazione Milano


VIOLENTA ACCUSA A DRAGHI DEL GOVERNO TEDESCO: ''E' IL MANDANTE DELL'ASCESA DI ALTERNATIVA PER LA GERMANIA'' (ADDIO DRAGHI)




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
AL PRIMO VOTO SEGRETO ALLA CAMERA, LA MAGGIORANZA PD-M5S-LEU E' BATTUTA CLAMOROSAMENTE: 309 A 235 (PER LE OPPOSIZIONI)

AL PRIMO VOTO SEGRETO ALLA CAMERA, LA MAGGIORANZA PD-M5S-LEU E' BATTUTA CLAMOROSAMENTE: 309 A 235

mercoledì 18 settembre 2019
Al primo voto segreto in Aula, la maggioranza non c'è più. E non si è trattato di una cossetta da nulla, ma di una autorizzazione a procedere all'arresto di un deputato di Forza
Continua
 
CONTE DIMEZZATO AL SENATO: GRUPPO RENZIANI SI FARA'. ALLEANZA DI GOVERNO (ANTE SCISSIONE) NON HA PIU' LA MAGGIORANZA

CONTE DIMEZZATO AL SENATO: GRUPPO RENZIANI SI FARA'. ALLEANZA DI GOVERNO (ANTE SCISSIONE) NON HA

martedì 17 settembre 2019
Nella narrazione della stampa, in testa il Corriere della Sera ormai pari all'Unità dei "bei tempi andati", dovevano essere solo un manipolo di senatori, in uscita dal Pd verso il gruppo
Continua
RENZI FORMA I GRUPPI AUTONOMI ALLA CAMERA E AL SENATO? CONTE-DI MAIO-M5S E QUEL RESTA DEL PD FINISCONO NEL TRITACARNE

RENZI FORMA I GRUPPI AUTONOMI ALLA CAMERA E AL SENATO? CONTE-DI MAIO-M5S E QUEL RESTA DEL PD

lunedì 16 settembre 2019
Oggi hanno "giurato" i sottosegretari del governo Conte, domani Renzi annuncerà la scissione del Pd. Cornuto e mazziato. Sembra la trama di un filmetto anni Settanta con la Fenech e Pozzetto,
Continua
 
NUOVO COMMISSARIO ALLA GIUSTIZIA DELLA COMMISSIONE UE E' SOTTO INDAGINE PER CORRUZIONE E RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO

NUOVO COMMISSARIO ALLA GIUSTIZIA DELLA COMMISSIONE UE E' SOTTO INDAGINE PER CORRUZIONE E

lunedì 16 settembre 2019
LONDRA - Se il buongiorno si vede dal mattino allora per il presidente della commissione europea Ursula Von der Leyen i prossimi mesi saranno pieni di guai. Infatti pochi giorni fa e' emerso che il
Continua
BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E CONTE? VEDE DI MAIO

BCE VEDE NERISSIMO: FA RIPARTIRE IL QE DA 20 MLD AL MESE, LA MERKEL DICE NO A PIU' SPESA PUBBLICA E

giovedì 12 settembre 2019
La BCE ha deciso di far ripartire gli acquisti del suo Quantitative Easing: infatti nella riunione del Consiglio Direttivo della Banca centrale europea che si è appena conclusa è stato
Continua
 
E' UFFICIALE, LA GERMANIA ENTRA IN RECESSIONE E LA MERKEL AVVISA PARITA' DI BILANCIO NON SI TOCCA (QUINDI TAGLI E TASSE)

E' UFFICIALE, LA GERMANIA ENTRA IN RECESSIONE E LA MERKEL AVVISA PARITA' DI BILANCIO NON SI TOCCA

mercoledì 11 settembre 2019
 "La Germania e' sull'orlo della recessione". L'allarme e' dell'Ifw che ha tagliato dallo 0,4% allo 0,2% le stime di crescita per quest'anno e dall'1,6 all'1% quelle per il prossimo. Molto
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL POPOLO ARMENO HA DIRITTO ALL'INDIPENDENZA, NAGORNO KARABAKH NON VA AGGREDITO (INCONTRO SALVINI-AMBASCIATORE ARMENO)

IL POPOLO ARMENO HA DIRITTO ALL'INDIPENDENZA, NAGORNO KARABAKH NON VA AGGREDITO (INCONTRO
Continua

 
REPUBBLICA CECA DICE BASTA ALL'ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI CRISTIANI: ''SCAPPANO E VANNO IN GERMANIA, NON NE VOGLIAMO PIU'!''

REPUBBLICA CECA DICE BASTA ALL'ACCOGLIENZA DEI PROFUGHI CRISTIANI: ''SCAPPANO E VANNO IN GERMANIA,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!