50.699.741
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

BOTTE DA ORBI TRA IL SOCIALISTA SANDERS E LA SIGNORA DI WALL STREET CLINTON, IL PARTITO DEMOCRATICO STA PER ESPLODERE

venerdì 8 aprile 2016

WASHINGTON -  Altro che gaffe di Donald Trump, che sembrano essere le uniche notizie riprese dai mezzi di "informazione" italiani. In primo piano sulla stampa americana non ci sono, c'è invece il durissimo scontro senza esclusione di colpi ingaggiato dai due candidati del Partito democratico alla presidenza degli Stati Uniti, Hillary Clinton e Bernie Sanders.

La contesa tra i due, iniziata come una "guerra dei cuscini", con critiche assai pacate e addirittura l'iniziale rifiuto di Sanders di attaccare direttamente la sua avversaria, ha subito una svolta improvvisa e inaspettata ieri, dopo che il senatore socialista del Vermont ha inflitto all'ex segretaria di Stato la settima sconfitta dall'inizio delle primarie, questa volta in Wisconsin.

"Sono arcistufa delle menzogne diffuse dalla campagna di Sanders sul mio conto", e' sbottata la Clinton durante un'intervista a "Politico", affermando che il suo avversario "e' un tipo nuovo di democratico, e in effetti non sono nemmeno sicura lo sia".

In un'altra intervista, questa volta al programma "Morning Joe" dell'emittente Msnbc, la Clinton ha detto di avere "pesanti riserve" in merito alla compatibilita' tra le credenziali politiche di Sanders e il ruolo di presidente degli Stati Uniti.

Il socialista settantenne ha reagito a queste pesanti critiche in maniera insolitamente agguerrita. "Lasciate che dica in risposta al segretario Clinton: io credo che sia lei a non essere qualificata, se tramite i suoi super-pac raccoglie decine di milioni di dollari da parte degli interessi particolari", ha affermato il senatore del Vermont a Philadelphia facendo riferimento alle potenti multinazionali che finanziano la Clinton per evidente interesse non alla sua politica, ma alle scelte in tema d'economia e finanza.

"E' lei a non essere qualificata se riceve 15 milioni di dollari da Wall Street attraverso i suoi super-pac" ha sottolineato Sanders.

Secondo il "Wall Street Journal", però, il tono e il contenuto delle critiche nasconde in realtà una generale pochezza contenutistica e programmatica: la Clinton, sostiene il quotidiano, "si e' spinta cosi' a sinistra per assecondare la rivoluzione progressista di Sanders che le differenze politiche da appianare sono assai poche".

La "Washington Post", invece, si chiede in un'analisi se la svolta conflittuale impressa dai due candidati democratici alla campagna elettorale non causera' danni permanenti al Partito. Questa preoccupazione - ammette il quotidiano da sempre schierato dalla parte del partito democratico - e' forte soprattutto tra i sostenitori della Clinton, che considerano la nomina di quest'ultima inevitabile e pretenderebbero che Sanders si limitasse semplicemente a lasciarle campo libero. Cosa che di sicuro non farà. Ma il cero pericolo per la Clinton è un altro: l'elettorato super liberal - che negli Usa equivale a socialista - sconfitto Sanders alla nomination, poi voterebbe la signora Clinton? 

Secondo molti sondaggi al riguardo, solo il 50% degli attuali sostenitori di Sanders andrebbe alle urne per votarla, e questo al di là perfino di chi sarà il candidato repubblicano, impedirà a Hillary Clinton di succedere a Obama alla Casa Bianca. 

Redazione Milano


BOTTE DA ORBI TRA IL SOCIALISTA SANDERS E LA SIGNORA DI WALL STREET CLINTON, IL PARTITO DEMOCRATICO STA PER ESPLODERE




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
VIOLENTO SCONTRO POLITICO DENTRO IL GOVERNO TEDESCO E ALTERNATIVA PER LA GERMANIA PROPONE DI CHIUDERE TUTTE LE MOSCHEE

VIOLENTO SCONTRO POLITICO DENTRO IL GOVERNO TEDESCO E ALTERNATIVA PER LA GERMANIA PROPONE DI
Continua

 
CLAMOROSO BALZO IN AVANTI DI ALTERNATIVA PER LA GERMANIA: E' SALITA AL 14% NAZIONALE IN UN MESE, ORA E' IL TERZO PARTITO

CLAMOROSO BALZO IN AVANTI DI ALTERNATIVA PER LA GERMANIA: E' SALITA AL 14% NAZIONALE IN UN MESE,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!