42.217.796
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

IL CASO CARIFE / RICHIESTA AL TAR DI ANNULLARE IL DECRETO SALVA BANCHE, SENTENZA IL 18 APRILE (PREPARATIVI DI TERREMOTO)

lunedì 4 aprile 2016

"Annullate il Salvabanche per la Carife": e' questa la richiesta della Fondazione Carife presentata negli atti giudiziari del ricorso contro il decreto Salvabanche del 22 novembre 2015 che ha messo in risoluzione, azzerandone obbligazioni subordinate e azioni, Carife, Etruria, Carichieti e Banca Marche.

La richiesta e' negli atti giudiziari presentati al Tar del Lazio che dovra' decidere, nel merito tra pochi giorni, il 18 aprile prossimo. Al centro degli atti presentati da Fondazione Carife c'e' una lettera di Bankitalia al Fondo interbancario, documento che e' stato citato, in modo sfumato da Riccardo Maiarelli, presidente di Fondazione Carife, all'incontro di domenica a Ferrara con un migliaio di risparmiatori e che - come spiega oggi il sito web della Nuova Ferrara - potrebbe essere il punto di svolta nella vicenda giudiziaria, perche' "prova" inoppugnabile per annullare il decreto che ha messo in risoluzione e liquidazione la Carife.

Annullamento che - se fosse deciso dal Tar del Lazio - provocherebbe un vero terremoto nel sistema bancario italiano, mettendo concretamente in dubbio la stessa esistenza del meccanismo del bail in.

Come aveva riferito Maiarelli, il documento conferma che "il caso Carife e' differente dagli altri (le altre banche interessate dal decreto salva-banche) per varie ragioni".

La prima ragione - espressa nel ricorso al Tar - e' che oltre la soluzione del Salvabanche (il Governo sostiene vi fosse solo questa), era in corso da tempo quella dell'intervento del Fondo Interbancario che dialogando con Bankitalia, diceva di avere 300 milioni in cassa per salvare Carife, con una azione che era stata deliberata dall'ultima assemblea, quella del 30 luglio 2015 e che avrebbe salvato, pur con sacrifici per azionisti e risparmiatori la Carife, ma non l'avrebbe messa in insolvenza come accaduto oggi dopo il decreto.

Il Fondo chiedeva lumi su cosa e come fare l'intervento su Carife e pertanto agli atti vi e' la corrispondenza tra Fondo e Bankitalia, citata copiosamente nel fascicolo in discussione al Tar del Lazio.

La Fondazione Carife chiede di annullare il decreto Salvabanche per "sopravvenuto difetto di presupposto", perche', mentre il Governo decideva di salvare-cancellare la banca cittadina, Bankitalia aveva gia' avviato la procedura per accogliere la richiesta del Fondo interbancario e lo aveva rassicurato.

Bankitalia scriveva al Fondo, nell'ottobre 2015: "Si comunica che questo istituto ha avviato il procedimento in oggetto a decorrere dalla data odierna: il termine di conclusione e' pari a 60 giorni lavorativi decorrenti dal 22 ottobre 2015. Entro il suddetto termine la Banca Centrale Europea adotta una decisione su proposta di Banca Italia e in mancanza di espresso rigetto entro lo stesso termine, l'istanza e' da intendersi accolta".

La Bce, dunque, avrebbe dovuto pronunciarsi entro il 22 dicembre 2015, non lo ha fatto e allora col principio del silenzio assenso l'intervento del Fondo Interbancario - di fatto - e' stato accolto.

Dunque su "tutti gli atti conseguenti e attuativi adottati si chiede la decadenza a catena", propone la Fondazione e gli atti sono quelli del decreto Salvabanche del 22 novembre 2015 che avrebbe dovuto tenere conto del procedimento in corso del Fondo.

Il Governo, pertanto, non avrebbe potuto ne' dovuto intervenire, per Carife perche' gia' un'altra soluzione era avviata con la garanzia di Bankitalia. O almeno, nell'altra ipotesi, la soluzione in corso del Fondo, si sarebbe dovuta stoppare e annullare.

L'udienza del prossimo 18 aprile e' dunque importante se non fondamentale per il futuro di Carife: i giudici del Tar dovranno esprimere un giudizio subito, nel merito, poiche' alla precedente udienza di marzo ritennero di non dover decidere sulla sospensiva richiesta ma vista l'importanza della questione, ritennero di andare direttamente al merito, rinviato appunto ad aprile.

Non e' questione di poco. Perche' riporterebbe tutto se accolta, al 30 luglio dello scorso anno con le azioni a 0.27 centesimi e i warrant dati in garanzia agli azionisti. Lo stesso Maiarelli alla platea di domenica al Comunale lo ha detto in modo netto: "Quell'intervento (il Salvabanche, ndr) e' stato adottato in modo assolutamente improprio".

Redazione Milano. 


IL CASO CARIFE / RICHIESTA AL TAR DI ANNULLARE IL DECRETO SALVA BANCHE, SENTENZA IL 18 APRILE (PREPARATIVI DI TERREMOTO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

SALVA   BANCHE   DECRETO   IMPROPRIO   CARIFE   TAR   LAZIO   BANKITALIA   GOVERNO   FONDAZIONE   RICORSO   BCE   RISPARMIATORI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CONTINUA IL BOOM ECONOMICO BRITANNICO, INDICI DELLO SVILUPPO DELLE IMPRESE SALGONO COME MAI PRIMA D'ORA. E' BREXIT BOOM

CONTINUA IL BOOM ECONOMICO BRITANNICO, INDICI DELLO SVILUPPO DELLE IMPRESE SALGONO COME MAI PRIMA

mercoledì 7 dicembre 2016
LONDRA - La verità detta con tre parole è: mai così bene. A sentire i sostenitori della UE la vittoria del Brexit avrebbe causato alla Gran Bretagna poverta' e recessione ma
Continua
 
NAZIONALIZZARE, SALVARE E RIVENDERE MPS, CARIGE, BANCHE VENETE, BANCA ETRURIA & SORELLE E' UN GRANDE AFFARE PER L'ITALIA

NAZIONALIZZARE, SALVARE E RIVENDERE MPS, CARIGE, BANCHE VENETE, BANCA ETRURIA & SORELLE E' UN

martedì 6 dicembre 2016
Ricordate le previsioni degli analisti “qualificati” prima del referendum qualora avesse vinto  il NO? Crollo della borsa, spread alle stelle, siccità, carestia, morte dei
Continua
L'INTERVISTA / ROBERTO MARONI: PERSONALMENTE, VORREI TORNASSE IL MATTARELLUM, UN'OTTIMA LEGGE ELETTORALE MAGGIORITARIA

L'INTERVISTA / ROBERTO MARONI: PERSONALMENTE, VORREI TORNASSE IL MATTARELLUM, UN'OTTIMA LEGGE

lunedì 5 dicembre 2016
Abbiamo cercato al telefono Roberto Maroni, Governatore della Lombardia e figura di primissimo piano della Lega, per chiedergli qual è la sua idea, la sua proposta, per la nuova legge
Continua
 
DIMISSIONI? SOLO DI FACCIATA: LA CERCHIA RENZIANA DEL PD CONFERMA CHE IL CAPO VUOLE RESTARE AL POTERE, DIMISSIONI BUFALA

DIMISSIONI? SOLO DI FACCIATA: LA CERCHIA RENZIANA DEL PD CONFERMA CHE IL CAPO VUOLE RESTARE AL

lunedì 5 dicembre 2016
ROMA -  Da stentare a crederci, eppure è quanto rilanciano le agenzie:"Resta in campo e dara' battaglia. Di fatto questo referendum si e' trasformato in una vera e propria elezione
Continua
IL PARLAMENTO SLOVACCO APPROVA A LARGHISSIMA MAGGIORANZA UNA LEGGE CHE DI FATTO VIETA L'ISLAM E LE SUE ORGANIZZAZIONI

IL PARLAMENTO SLOVACCO APPROVA A LARGHISSIMA MAGGIORANZA UNA LEGGE CHE DI FATTO VIETA L'ISLAM E LE

lunedì 5 dicembre 2016
LONDRA - Alcuni mesi fa la Slovacchia ha attratto molte critiche per aver rifiutato di accettare rifugiati di religioni musulmane ma se qualcuno pensa che il governo abbia fatto dietrofront si
Continua
 
LA VITTORIA DEL NO CONSEGNA ALLE FORZE CHE L'HANNO OTTENUTA L'ONORE DI CAMBIARE L'ITALIA, NON LA COSTITUZIONE! CORAGGIO!

LA VITTORIA DEL NO CONSEGNA ALLE FORZE CHE L'HANNO OTTENUTA L'ONORE DI CAMBIARE L'ITALIA, NON LA

lunedì 5 dicembre 2016
E' l'alba di una nuova stagione per l'Italia. E non è l'inverno, che arriva. Noi di questo giornale abbiamo combattuto contro l'arroganza, l'ignoranza, e la stupidità di un ormai ex
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CONFEDERCONTRIBUENTI LANCIA L'ALLARME: ''RIMBORSI NON FATTI, ORA C'E' LO SPETTRO DELLA LIQUIDAZIONE DELLE 4 NUOVE BANCHE''

CONFEDERCONTRIBUENTI LANCIA L'ALLARME: ''RIMBORSI NON FATTI, ORA C'E' LO SPETTRO DELLA LIQUIDAZIONE
Continua

 
LE FIGARO LANCIA L'ALLARME: ''360 MILIARDI DI CREDITI INESIGIBILI NELLE BANCHE ITALIANE, LA BCE POTREBBE STUFARSI PRESTO''

LE FIGARO LANCIA L'ALLARME: ''360 MILIARDI DI CREDITI INESIGIBILI NELLE BANCHE ITALIANE, LA BCE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

SARDEGNA, LA GIUNTA REGIONALE VA IN PEZZI, TRAVOLTA DAL COLOSSALE

7 dicembre - CAGLIARI - Il Pd si sgretola in Sardegna. ''L'assessora regionale
Continua

IL TESORO SBUGIARDA (BUFALA) DELLA STAMPA DI TORINO: NIENTE FONDO

7 dicembre - ''Smentiamo che sia in preparazione una richiesta di prestiti al Fondo
Continua

LA LEGA CHIEDE UFFICIALMENTE CHE LA CORTE COSTITUZIONALE ANTICIPI

6 dicembre - ROMA - PARLAMENTO - La Lega - riunita con il segretario Matteo Salvini -
Continua

RENZI HA NOMINATO LA COMANDANTE DEI VIGILI DI FIRENZE ''CONSIGLIERE

6 dicembre - Nonostante il crollo del governo, ha una sorta di assicurazione a vita
Continua

CORTE COSTITUZIONALE: UDIENZA SU ITALICUM IL 24 GENNAIO (ADDIO

6 dicembre - La Corte costituzionale ha fissato per l'udienza del 24 gennaio 2017 la
Continua

SALVINI: ANDIAMO A COSTRUIRE UNA GRANDE ALLEANZA PER SCONFIGGERE

6 dicembre - ''Con Forza Italia ci sono stati contatti positivi. Noi andiamo a
Continua

''EFFETTO SCHIANTO RENZI'' COME ''EFFETTO BREXIT'': LA BORSA VOLA,

6 dicembre - MILANO - BORSA - Ora si può parlare apertamente di ''effetto Renzi''
Continua

LO SPREAD NON CRESCE, AL CONTRARIO CROLLA: OGGI A 158 PUNTI (1,92%)

6 dicembre - Altro sbugiardamento delle ''fosche previsioni'' dei soliti ''analisti''
Continua

LA MERKEL: ANCHE IN PROFUGHI VERRANNO RISPEDITI A CASA LORO (IN

6 dicembre - BERLINO - ''Non tutti'' i profughi entrati in Germania potranno
Continua

PROPOSTA M5S: APPLICHIAMO L'ITALICUM ANCHE AL SENATO E POI SUBITO

5 dicembre - ''Ora ci troviamo con due leggi elettorali tra Camera e Senato molto
Continua
Precedenti »