50.702.019
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi
ATTACCO TERRORISTICO A Barcellona: 'Cadena Ser', almeno 13 morti in attentato

IL CASO CARIFE / RICHIESTA AL TAR DI ANNULLARE IL DECRETO SALVA BANCHE, SENTENZA IL 18 APRILE (PREPARATIVI DI TERREMOTO)

lunedì 4 aprile 2016

"Annullate il Salvabanche per la Carife": e' questa la richiesta della Fondazione Carife presentata negli atti giudiziari del ricorso contro il decreto Salvabanche del 22 novembre 2015 che ha messo in risoluzione, azzerandone obbligazioni subordinate e azioni, Carife, Etruria, Carichieti e Banca Marche.

La richiesta e' negli atti giudiziari presentati al Tar del Lazio che dovra' decidere, nel merito tra pochi giorni, il 18 aprile prossimo. Al centro degli atti presentati da Fondazione Carife c'e' una lettera di Bankitalia al Fondo interbancario, documento che e' stato citato, in modo sfumato da Riccardo Maiarelli, presidente di Fondazione Carife, all'incontro di domenica a Ferrara con un migliaio di risparmiatori e che - come spiega oggi il sito web della Nuova Ferrara - potrebbe essere il punto di svolta nella vicenda giudiziaria, perche' "prova" inoppugnabile per annullare il decreto che ha messo in risoluzione e liquidazione la Carife.

Annullamento che - se fosse deciso dal Tar del Lazio - provocherebbe un vero terremoto nel sistema bancario italiano, mettendo concretamente in dubbio la stessa esistenza del meccanismo del bail in.

Come aveva riferito Maiarelli, il documento conferma che "il caso Carife e' differente dagli altri (le altre banche interessate dal decreto salva-banche) per varie ragioni".

La prima ragione - espressa nel ricorso al Tar - e' che oltre la soluzione del Salvabanche (il Governo sostiene vi fosse solo questa), era in corso da tempo quella dell'intervento del Fondo Interbancario che dialogando con Bankitalia, diceva di avere 300 milioni in cassa per salvare Carife, con una azione che era stata deliberata dall'ultima assemblea, quella del 30 luglio 2015 e che avrebbe salvato, pur con sacrifici per azionisti e risparmiatori la Carife, ma non l'avrebbe messa in insolvenza come accaduto oggi dopo il decreto.

Il Fondo chiedeva lumi su cosa e come fare l'intervento su Carife e pertanto agli atti vi e' la corrispondenza tra Fondo e Bankitalia, citata copiosamente nel fascicolo in discussione al Tar del Lazio.

La Fondazione Carife chiede di annullare il decreto Salvabanche per "sopravvenuto difetto di presupposto", perche', mentre il Governo decideva di salvare-cancellare la banca cittadina, Bankitalia aveva gia' avviato la procedura per accogliere la richiesta del Fondo interbancario e lo aveva rassicurato.

Bankitalia scriveva al Fondo, nell'ottobre 2015: "Si comunica che questo istituto ha avviato il procedimento in oggetto a decorrere dalla data odierna: il termine di conclusione e' pari a 60 giorni lavorativi decorrenti dal 22 ottobre 2015. Entro il suddetto termine la Banca Centrale Europea adotta una decisione su proposta di Banca Italia e in mancanza di espresso rigetto entro lo stesso termine, l'istanza e' da intendersi accolta".

La Bce, dunque, avrebbe dovuto pronunciarsi entro il 22 dicembre 2015, non lo ha fatto e allora col principio del silenzio assenso l'intervento del Fondo Interbancario - di fatto - e' stato accolto.

Dunque su "tutti gli atti conseguenti e attuativi adottati si chiede la decadenza a catena", propone la Fondazione e gli atti sono quelli del decreto Salvabanche del 22 novembre 2015 che avrebbe dovuto tenere conto del procedimento in corso del Fondo.

Il Governo, pertanto, non avrebbe potuto ne' dovuto intervenire, per Carife perche' gia' un'altra soluzione era avviata con la garanzia di Bankitalia. O almeno, nell'altra ipotesi, la soluzione in corso del Fondo, si sarebbe dovuta stoppare e annullare.

L'udienza del prossimo 18 aprile e' dunque importante se non fondamentale per il futuro di Carife: i giudici del Tar dovranno esprimere un giudizio subito, nel merito, poiche' alla precedente udienza di marzo ritennero di non dover decidere sulla sospensiva richiesta ma vista l'importanza della questione, ritennero di andare direttamente al merito, rinviato appunto ad aprile.

Non e' questione di poco. Perche' riporterebbe tutto se accolta, al 30 luglio dello scorso anno con le azioni a 0.27 centesimi e i warrant dati in garanzia agli azionisti. Lo stesso Maiarelli alla platea di domenica al Comunale lo ha detto in modo netto: "Quell'intervento (il Salvabanche, ndr) e' stato adottato in modo assolutamente improprio".

Redazione Milano. 


IL CASO CARIFE / RICHIESTA AL TAR DI ANNULLARE IL DECRETO SALVA BANCHE, SENTENZA IL 18 APRILE (PREPARATIVI DI TERREMOTO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

SALVA   BANCHE   DECRETO   IMPROPRIO   CARIFE   TAR   LAZIO   BANKITALIA   GOVERNO   FONDAZIONE   RICORSO   BCE   RISPARMIATORI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CONFEDERCONTRIBUENTI LANCIA L'ALLARME: ''RIMBORSI NON FATTI, ORA C'E' LO SPETTRO DELLA LIQUIDAZIONE DELLE 4 NUOVE BANCHE''

CONFEDERCONTRIBUENTI LANCIA L'ALLARME: ''RIMBORSI NON FATTI, ORA C'E' LO SPETTRO DELLA LIQUIDAZIONE
Continua

 
LE FIGARO LANCIA L'ALLARME: ''360 MILIARDI DI CREDITI INESIGIBILI NELLE BANCHE ITALIANE, LA BCE POTREBBE STUFARSI PRESTO''

LE FIGARO LANCIA L'ALLARME: ''360 MILIARDI DI CREDITI INESIGIBILI NELLE BANCHE ITALIANE, LA BCE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!