43.432.289
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

THE ECONOMIST: ''IL CALO DI CONSENSI PER PARTITI SOCIALDEMOCRATICI NELLA UE NON HA PRECEDENTI. IL FUTURO E' DELLA DESTRA''

venerdì 1 aprile 2016

LONDRA - La crisi economica e politica della Grecia e' senza confronti, ma non lo e', invece, la crisi del Pasok, il Partito socialista, abbandonato dai lavoratori e scivolato al quattro per cento nel 2015: il centro-sinistra europeo ha subito una "pasokizzazione", osserva il settimanale britannico The Economist, ovvero un tracollo senza ritorno.

"Il calo del consenso delle forze socialdemocratiche su scala continentale non ha precedenti - scrive l'Economist -. Nei cinque Stati membri dell'Unione Europea in cui si e' votato l'anno scorso, hanno perso il potere in Danimarca o registrato i peggiori risultati della loro storia in Finlandia, Polonia e Spagna o subito vere e proprie disfatte, come i laburisti nel Regno Unito".

"Altrove il centrosinistra e' al governo: come socio di minoranza in Germania e nei Paesi Bassi o alla guida di coalizioni traballanti in Svezia, Portogallo e Austria, dove per altro i socialdemocratici si sono schierati su posizioni della destra al riguardo dell'immigrazione".

"E non basta - aggiunge l'Economist -. In Francia il presidente Hollande sprofonda nell'impopolarita', mentre in Italia il Partito democratico del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, sta cedendo terreno e forse il sidanco della capitale, Roma, al Movimento 5 Stelle".

"Bastioni come Londra e Amsterdam, la Catalogna e la Scozia, si sono sganciati dalla tradizionale presa del centro-sinistra. Dove sono finiti i voti perduti? Molti sono andati alle forze nazionaliste contrarie alla Ue e all'euro nell'Europa del sud, in quella del nord a forze conservatrici anch'esse nazionaliste. Ovunque in Europa, invece, ai partiti di destra contrari all'immigrazione di massa in corso".

"Ma a trarne vantaggio sono stati, sebbene in modo inferiore, anche i movimenti alternativi di sinistra, i liberali e il centro-destra. Si e' rafforzato, inoltre, il partito dell'astensione. La sinistra europea ha conosciuto altri momenti difficili, in particolare tra la fine degli anni Ottanta e l'inizio dei Novanta, per risollevarsi con leader come Tony Blair e Gerhard Schroder, che hanno sacrificato la difesa delle rigide regole del mercato del lavoro alla "terza via", una combinazione di riforme sociali, deregolamentazione e servizi pubblici fondati sulla crescita".

"Ma questi risultati alla prova del tempo si sono dimostrati illusori, se non del tutto sbagliati. Con la crisi economica degli anni Duemila la fiducia nel centrosinistra, nella cosiddetta socialdemocrazia incarnata negli Stati Uniti dal presidente Clinton, e' venuta meno . La crisi dell'euro, prevedibile quanto difficilmente risolvibile, con in più l'opposizione tra nord e sud dell'eurozona sull'austerita', ha esasperato i problemi".

E la lucidissima analisi dell'Economist così prosegue: "Tutti questi fattori congiunturali, comunque, non riescono a spiegare fino in fondo la gravita' del crollo del centro sinistra in tutta Europa. Vanno considerati, invece, quattro elementi che hanno reso l'ambiente europeo piu' ostile al centro-sinistra: i progressi della destra ora considerata affidabile rispetto un passato in cui non lo era, il cambiamento strutturale dell'economia provocato dalla crisi dell'euro che ha innescato una stagnazione definita da alcuni economisti addirittura secolare, la fine della paura del nazionalismo a livello sociale e infine la vra e propria scomparsa di classi sociali monolitiche".

"I partiti socialdemocratici appaiono sulla difensiva, mentre e' la destra in tutta Europa ad aver ereditato l'ambizione a modernizzare; alcune loro politiche sono migrate in altre forze, come M5S o Ciudadanos, altre volte sono mutati soggetti politici esistenti, che hanno sposato le idee della destra, (come la Lega in Italia -ndr). I partiti del centrosinistra resistono stancamente in alcune roccaforti, nelle quali potrebbero finire confinati. L'unica residua possibilità del centrosinistra in Europa rimane quella di trovare leader che piacciano alla gente e formare quindi governi di coalizione, sempre che i risultati elettorali lo consentano".

Redazione Milano


THE ECONOMIST: ''IL CALO DI CONSENSI PER PARTITI SOCIALDEMOCRATICI NELLA UE NON HA PRECEDENTI. IL FUTURO E' DELLA DESTRA''




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

lunedì 23 gennaio 2017
Donald Trump? "Sono abbastanza ottimista, sembra un moderato". Vladimir Putin? "In politica estera e' quello che dice le cose piu' sensate". Dal settimanale francese Le Journal du Dimanche Beppe
Continua
 
SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO

lunedì 23 gennaio 2017
Mentre i giudici della Consulta preparano le loro toghe in vista della seduta di domani, nasce un  asse tra Lega e Movimento cinque stelle sulla legge elettorale. Tanto Beppe Grillo quanto
Continua
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
 
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
 
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
NOTIZIA CENSURATA / MIGRANTI ISLAMICI ATTACCANO LA POLIZIA A STOCCOLMA, NOTTI DI SCONTRI, AUTO INCENDIATE

NOTIZIA CENSURATA / MIGRANTI ISLAMICI ATTACCANO LA POLIZIA A STOCCOLMA, NOTTI DI SCONTRI, AUTO
Continua

 
LE MONDE: ''L'ITALIA STA PER ESSERE INVASA DA 300.000 MIGRANTI ILLEGALI, TUTTI AFRICANI SENZA DIRITTO D'ASILO NELLA UE''

LE MONDE: ''L'ITALIA STA PER ESSERE INVASA DA 300.000 MIGRANTI ILLEGALI, TUTTI AFRICANI SENZA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!