44.363.787
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

PERICOLOSO MEMBRO DELL'ISIS ARRESTATO A SALERNO (ALGERINO ''MIGRANTE'') LA RETE DEL CALIFFATO NERO ESTESA IN ITALIA

domenica 27 marzo 2016

SALERNO - Le prove che l'isis è radicato in ItaIia? Eccole: i documenti falsi utilizzati da alcuni dei terroristi che hanno pianificato e realizzato gli attentati di Parigi del 13 novembre e la strage all'aeroporto e nella metropolitana di Bruxelles del 22 marzo, sono stati forniti da un'organizzazione della quale fa parte un algerino residente in Italia, arrestato ieri.

La prova del collegamento diretto tra i massacri di Parigi e di Bruxelles perpetrati da terroristi dell'isis e l'Italia e' Djamal Eddine Ouali, 40 anni, destinatario di un mandato d'arresto europeo emesso dalle autorita' del Belgio il 6 gennaio scorso, per i reati di partecipazione ad un'organizzazione dedita al falso documentale e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina: l'uomo e' stato arrestato dalla Polizia a Bellizzi, in provincia di Salerno.

Il suo nome, secondo quanto ricostruito dagli investigatori, era venuto fuori nel corso di una perquisizione effettuata in un covo di falsari a Saint-Gilles, un sobborgo di Bruxelles, ad ottobre del 2015, dunque qualche settimana prima delle stragi di Parigi: in quell'occasione i poliziotti trovarono e sequestrarono circa un migliaio di immagini digitalizzate, tutte riferibili a falsi documenti d'indentita'.

Secondo le autorita', dunque, Ouali faceva parte di una rete che, su larga scala, realizzava documenti falsi per terroristi islamici e soggetti che volevano uscire ed entrare dall'Europa senza rischiare di essere intercettati ai controlli. Ma non solo: tra le centinaia di falsi documenti trovati nel covo, ce ne erano tre che sono stati utilizzati da altrettanti terroristi islamici che hanno partecipato ai due attentati.

Uno di questi, intestato a Yassine Baghli, nato il 29 settembre del  1989, e' stato utilizzato dal decimo terrorista islamici della cellula dell'isis che ha colpito Parigi, colui che doveva farsi saltare in aria allo Stade de France e che all'ultimo si e' tirato indietro, arrestato dieci giorni fa proprio a Bruxelles: Abdeslam Salam. 

Il secondo documento, intestato a Samir Bouzid, nato l'8 luglio del 1977, e' stato invece utilizzato - sempre secondo gli investigatori - da Mohamed Belkaid, il terrorista islamico ucciso dalle forze speciali belghe durante il blitz del 15 marzo scorso nell'appartamento di rue de Dries a Forest dove si nascondeva proprio Salah Abdeslam, uno dei tagliagole dell'isis dell'ecatombe di Parigi.

L'ultimo falso documento d'identita', infine, intestato a Soufiane Kayal, nato il 28 agosto 1988 sarebbe servito a Najim Laachroui, uno dei due kamikaze islamici che si e' fatto saltare in aria martedi' scorso all'aeroporto di Zaventen.

Il collegamento diretto con l'Italia e' emerso quando l'algerino si e' rivolto alla questura di Salerno per chiedere il permesso di soggiorno, trattandosi del solito "povero migrante" arrivato coi barconi dalla Libia: i controlli effettuati dalla Polizia hanno consentito però di scoprire che un soggetto omonimo di quello che aveva presentato la richiesta era ricercato dal Belgio.

Tramite Interpol, nella serata di ieri le autorita' italiane hanno inviato ai colleghi belgi la foto dell'algerino che aveva presentato la richiesta di soggiorno e questi hanno confermato che si trattava proprio del soggetto che stavano cercando.

Immediatamente sono scattate le ricerche: gli uomini della Digos di Roma e di Salerno, quelli dell'Antiterrorismo e della Polizia Scientifica, si sono messi alla caccia di Ouali, che e' stato rintracciato e arrestato nel tardo pomeriggio mentre camminava lungo una strada a Bellizzi, comune della provincia di Salerno. Dell'arresto sono state immediatamente informate le autorita' belghe.

L'algerino sara' messo ora a disposizione della procura generale di Salerno per le procedure relative all'estradizione mentre il lavoro degli investigatori prosegue: bisognera' ricostruire i motivi della presenza di Ouali in Italia, capire con chi e' entrato in contatto, verificare la presenza nel nostro paese di altri appartenenti all'organizzazione terroristica islamica del califfato nero dell'isis.

Redazione Milano.


PERICOLOSO MEMBRO DELL'ISIS ARRESTATO A SALERNO (ALGERINO ''MIGRANTE'') LA RETE DEL CALIFFATO NERO ESTESA IN ITALIA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

ISIS   SALERNO   ALGERINO   PARIGI   BRUXELLES   STRAGI ATTENTATI   DOCUMENTI   FALSI   TERRORISTI   ISLAMICI   TAGLIAGOLE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DER SPIEGEL: ''ALTRO CHE FINE DELLA CRISI DELL'EUROZONA. PORTOGALLO, ITALIA, GRECIA PRONTE ALLA BANCAROTTA (DA EURO)''

DER SPIEGEL: ''ALTRO CHE FINE DELLA CRISI DELL'EUROZONA. PORTOGALLO, ITALIA, GRECIA PRONTE ALLA

martedì 28 febbraio 2017
BERLINO - "Sono trascorsi sette anni dallo scoppio della crisi greca e dal primo piano di aiuti europei. Oggi la Grecia ha fatto alcuni passi avanti - scrive il settimanale tedesco Der Spiegel - ma
Continua
 
DJ FABO E' MORTO IN SVIZZERA. AVEVA DECISO DI FARLO, MA IN ITALIA IL SUICIDIO ASSISTITO E' VIETATO

DJ FABO E' MORTO IN SVIZZERA. AVEVA DECISO DI FARLO, MA IN ITALIA IL SUICIDIO ASSISTITO E' VIETATO

lunedì 27 febbraio 2017
Sono 232 le persone che, dal 2015, si sono rivolte all'Associazione Luca Coscioni per chiedere informazioni su come ottenere l'eutanasia all'estero: di queste, 115 si sono poi effettivamente rivolte
Continua
GOVERNO SOCIALDEMOCRATICO AUSTRIACO VARA LA LEGGE CHE DA' IL LAVORO PRIMA AI CITTADINI AUSTRIACI, POI AGLI STRANIERI

GOVERNO SOCIALDEMOCRATICO AUSTRIACO VARA LA LEGGE CHE DA' IL LAVORO PRIMA AI CITTADINI AUSTRIACI,

lunedì 27 febbraio 2017
LONDRA - Alcuni mesi fa, il candidato del Freedom Party ha perso le elezioni presidenziali per un soffio ma se qualcuno crede che questo partito abbia perso influenza si sbaglia di grosso visto che
Continua
 
FRONTEX DENUNCIA: PIU' DI 300.000 AFRICANI GIA' IN LIBIA PRONTI AD ARRIVARE IN ITALIA CON LA COMPLICITA' DELLE ONLUS

FRONTEX DENUNCIA: PIU' DI 300.000 AFRICANI GIA' IN LIBIA PRONTI AD ARRIVARE IN ITALIA CON LA

lunedì 27 febbraio 2017
BRUXELLES - L'agenzia europea Frontex ha avvertito che centinaia di migliaia di migranti, provenienti perlopiu' dall'Africa Occidentale, sono in attesa di imbarcarsi verso l'Italia dalle coste della
Continua
FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO DI RENZI'' 11 ANNI

FINITO IL PROCESSO A VERDINI (PIU' ALTRI 45 IMPUTATI) CON LE RICHIESTE DI CONDANNA: PER ''L'AMICO

venerdì 24 febbraio 2017
Quarantacinque imputati, di cui 43 persone e 2 societa', 70 udienze e oltre 3.600 pagine processuali di impianto accusatorio. Sono alcuni dei numeri del processo per il crac dell'ex Credito
Continua
 
CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI VOI (STEPHEN BANNON)

CHE SIATE NAZIONALISTI ECONOMICI, POPULISTI, CONSERVATORI, LIBERTARI, VOGLIAMO POTER CONTARE SU DI

venerdì 24 febbraio 2017
Stephen K. Bannon, capo della strategia della Casa Bianca ed esponente della "Destra alternativa" statunitense ("Alt-Right"), ritenuto il vero ispiratore di molte posizioni espresse dal presidente
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
L'ULTIMA PORCATA DELLA UE: VUOLE FAR TOGLIERE LA DATA DI SCADENZA DELL'OLIO OLIVA PER FAVORIRE L'EXPORT TUNISINO

L'ULTIMA PORCATA DELLA UE: VUOLE FAR TOGLIERE LA DATA DI SCADENZA DELL'OLIO OLIVA PER FAVORIRE
Continua

 
FINANCIAL TIMES: ''RENZI RISCHIA DI PERDERE ELEZIONI E REFERENDUM COSTITUZIONALE PER COLPA DEI MIGRANTI ILLEGALI''

FINANCIAL TIMES: ''RENZI RISCHIA DI PERDERE ELEZIONI E REFERENDUM COSTITUZIONALE PER COLPA DEI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!