43.236.064
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

NEW YORK TIMES: C'E' L'OFFENSIVA MILITARE DELL'ISIS IN EUROPA E LA UE E' INCONCLUDENTE: LIBERA CIRCOLAZIONE E' SBAGLIATA

giovedì 24 marzo 2016

NEW YORK - Le bombe esplose all'aeroporto e dentro un vagone della metropolitana di Bruxelles sono soltanto l'ultimo episodio di quella che dovrebbe essere ormai considerata una vera e propria offensiva militare dello Stato islamico contro l'Europa, scrive Daniel Bayman sul "New York Times".

"Il carnaio di Bruxelles - continua Bayman - va osservato in prospettiva: gli Stati Uniti, i loro alleati e la Russia stanno colpendo duramente le basi dell'Isis in Siria e in Iraq, dove il gruppo terroristico appare costretto sulla difensiva, continuando a subire pesanti sconfitte militari. Il sedicente califfato si e' cosi' risolto ad aprire un nuovo fronte a dimostrazione della propria superiorita' globale sulle altre organizzazioni terroristiche. Il teatro di questa nuova offensiva militare e' proprio l'Europa".

"Dal 2014, l'Isis ha perduto il 40 per cento dei territori sotto il suo controllo in Iraq e altrettanto in Siria. E' stato dimezzato. Citta' importanti come Ramadi sono state sottratte ai terroristi, e Mosul, capitale di fatto dello Stato islamico in Iraq, potrebbe essere la prossima. Il Pentagono sostiene che l'Isis abbia perso almeno 10 mila combattenti. Si tratta di sconfitte doppiamente pesanti per l'Isis, che si era distinto da organizzazioni come al Qaeda proprio con la creazione di uno Stato di fatto a cavallo tra i due paesi mediorientali".

"Le sconfitte militari - prosegue questo articolo del New York Times - rappresentano per l'Isis soprattutto un danno d'immagine. Si tratta di una notizia buona in se', ma preoccupante per l'Europa: attentati d'alto profilo nelle capitali europee, come quelli dello scorso novembre a Parigi e di martedi' a Bruxelles, servono infatti allo Stato islamico proprio per riaffermare la propria superiorita' e difendere la propria immagine, da cui dipende il continuo reclutamento di terroristi e combattenti tra le sue file".

"Piu' di 5 mila cittadini europei si sono uniti al gruppo terroristico dal 2012; molti sono belgi e francesi. I servizi di sicurezza europei sono sopraffatti, date le regole di libera circolazione dentro la Ue, dove a chiunque e' concesso di transitare liberamente attraverso i confini europei e nazionali, mentre le relazioni tra le agenzie di sicurezza sono assai piu' limitate e circoscritte".

"La cooperazione sul fronte della sicurezza - continua a scrive Bayman -  rimarra' un problema anche dopo gli ultimi attentati: i problemi di natura tecnica potranno forse essere risolti, ma il problema di fondo, che è l'integrazione delle comunita' musulmane nella società degli Stati dell'Europa e' assai piu' complesso. I musulmani in Europa si sentono spesso alienati, e nutrono una profonda sfiducia e diffidenza nei confronti delle autorita' e delle forze dell'ordine. Quello europeo, insomma, e' un problema di fiducia e l'ascesa delle destre, che pure e' una reazione scontata all'atteggiamento e alle politiche remissive sinora messe in campo dalla politica dell'Unione europea e dalle autorita' dei singoli Stati spesso orientate al lassimo, all'accoglienza a tutti i costi, non fara' che aggravare la situazione".

Per il New York Times, quindi, così come stanno le cose possono solo peggiorare con altri devastanti attentati, stragi di massa, inconcludenza della politica Ue, libertà d'azione dei terroristi islamici in tutta l'Unione europea.  

Redazione Milano.


NEW YORK TIMES: C'E' L'OFFENSIVA MILITARE DELL'ISIS IN EUROPA E LA UE E' INCONCLUDENTE: LIBERA CIRCOLAZIONE E' SBAGLIATA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UE   EUROPA   NEW YORK   TIMES   GUERRA   ISIS   PARIGI   BRUXELLES   POLITICHE   TERRORISMO   ACCOGLIENZA   SBAGLIATE   IRAQ   SIRIA   PENTAGONO   RUSSIA   LASSISMO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo
Continua
 
L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione
Continua
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni
Continua
 
LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE DAL PESCECANE SOROS

LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE

lunedì 16 gennaio 2017
Mentre gli ultimi giorni della presidenza Obama consegneranno alla storia il peggior presidente che gli U.S.A. abbiano mai avuto, essendo impegnato allo spasimo a creare tensioni in mezzo mondo e
Continua
WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO IMMAGINARIO MAI ESISTITO''

WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO

lunedì 16 gennaio 2017
WASHINGTON - "Le elezioni presidenziali statunitensi coincidono assai di rado con una svolta permanente dell'ordine politico in quel paese - scrive l'editorialista John Steel Gordon sul Wall Street
Continua
 
DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA BIANCA (TENETEVI FORTE)

DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA

lunedì 16 gennaio 2017
La Brexit "una gran cosa" e con la Gran Bretagna Donald Trump vuole firmare un accordo commerciale vantaggioso per entrambi i Paesi, mentre l'Ue perderà altri pezzi e questo principalmente a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TUTTE LE DESTRE D'EUROPA INSORGONO DOPO LA STRAGE DI BRUXELLES: DOBBIAMO DEISLAMIZZARE L'EUROPA E CHIUDERE LE FRONTIERE

TUTTE LE DESTRE D'EUROPA INSORGONO DOPO LA STRAGE DI BRUXELLES: DOBBIAMO DEISLAMIZZARE L'EUROPA E
Continua

 
DONALD TRUMP: ''DA PRESIDENTE, L'IMPIEGO DI ARMI NUCLEARI TATTICHE CONTRO L'ISIS LO CONSIDERO UN'OPZIONE PRATICABILE''.

DONALD TRUMP: ''DA PRESIDENTE, L'IMPIEGO DI ARMI NUCLEARI TATTICHE CONTRO L'ISIS LO CONSIDERO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!