50.736.912
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

NEW YORK TIMES: C'E' L'OFFENSIVA MILITARE DELL'ISIS IN EUROPA E LA UE E' INCONCLUDENTE: LIBERA CIRCOLAZIONE E' SBAGLIATA

giovedì 24 marzo 2016

NEW YORK - Le bombe esplose all'aeroporto e dentro un vagone della metropolitana di Bruxelles sono soltanto l'ultimo episodio di quella che dovrebbe essere ormai considerata una vera e propria offensiva militare dello Stato islamico contro l'Europa, scrive Daniel Bayman sul "New York Times".

"Il carnaio di Bruxelles - continua Bayman - va osservato in prospettiva: gli Stati Uniti, i loro alleati e la Russia stanno colpendo duramente le basi dell'Isis in Siria e in Iraq, dove il gruppo terroristico appare costretto sulla difensiva, continuando a subire pesanti sconfitte militari. Il sedicente califfato si e' cosi' risolto ad aprire un nuovo fronte a dimostrazione della propria superiorita' globale sulle altre organizzazioni terroristiche. Il teatro di questa nuova offensiva militare e' proprio l'Europa".

"Dal 2014, l'Isis ha perduto il 40 per cento dei territori sotto il suo controllo in Iraq e altrettanto in Siria. E' stato dimezzato. Citta' importanti come Ramadi sono state sottratte ai terroristi, e Mosul, capitale di fatto dello Stato islamico in Iraq, potrebbe essere la prossima. Il Pentagono sostiene che l'Isis abbia perso almeno 10 mila combattenti. Si tratta di sconfitte doppiamente pesanti per l'Isis, che si era distinto da organizzazioni come al Qaeda proprio con la creazione di uno Stato di fatto a cavallo tra i due paesi mediorientali".

"Le sconfitte militari - prosegue questo articolo del New York Times - rappresentano per l'Isis soprattutto un danno d'immagine. Si tratta di una notizia buona in se', ma preoccupante per l'Europa: attentati d'alto profilo nelle capitali europee, come quelli dello scorso novembre a Parigi e di martedi' a Bruxelles, servono infatti allo Stato islamico proprio per riaffermare la propria superiorita' e difendere la propria immagine, da cui dipende il continuo reclutamento di terroristi e combattenti tra le sue file".

"Piu' di 5 mila cittadini europei si sono uniti al gruppo terroristico dal 2012; molti sono belgi e francesi. I servizi di sicurezza europei sono sopraffatti, date le regole di libera circolazione dentro la Ue, dove a chiunque e' concesso di transitare liberamente attraverso i confini europei e nazionali, mentre le relazioni tra le agenzie di sicurezza sono assai piu' limitate e circoscritte".

"La cooperazione sul fronte della sicurezza - continua a scrive Bayman -  rimarra' un problema anche dopo gli ultimi attentati: i problemi di natura tecnica potranno forse essere risolti, ma il problema di fondo, che è l'integrazione delle comunita' musulmane nella società degli Stati dell'Europa e' assai piu' complesso. I musulmani in Europa si sentono spesso alienati, e nutrono una profonda sfiducia e diffidenza nei confronti delle autorita' e delle forze dell'ordine. Quello europeo, insomma, e' un problema di fiducia e l'ascesa delle destre, che pure e' una reazione scontata all'atteggiamento e alle politiche remissive sinora messe in campo dalla politica dell'Unione europea e dalle autorita' dei singoli Stati spesso orientate al lassimo, all'accoglienza a tutti i costi, non fara' che aggravare la situazione".

Per il New York Times, quindi, così come stanno le cose possono solo peggiorare con altri devastanti attentati, stragi di massa, inconcludenza della politica Ue, libertà d'azione dei terroristi islamici in tutta l'Unione europea.  

Redazione Milano.


NEW YORK TIMES: C'E' L'OFFENSIVA MILITARE DELL'ISIS IN EUROPA E LA UE E' INCONCLUDENTE: LIBERA CIRCOLAZIONE E' SBAGLIATA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

UE   EUROPA   NEW YORK   TIMES   GUERRA   ISIS   PARIGI   BRUXELLES   POLITICHE   TERRORISMO   ACCOGLIENZA   SBAGLIATE   IRAQ   SIRIA   PENTAGONO   RUSSIA   LASSISMO    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO NORDADRICANO.

STRAGE ISLAMICA A BARCELLONA, PIU' DI 10 MORTI. L'AUTORE (CON ALTRI IN FUGA) E' UN ISLAMICO

giovedì 17 agosto 2017
BARCELLONA - La polizia catalana ha identificato il terrorista o uno dei terroristi che alla guida di un furgone ha investito e ucciso numerosi passanti sulla Rambla prima di darsi alla fuga a piedi.
Continua
 
MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA NAZIONALISTA DELLA FRANCIA

MACRON: PRIMA I LAVORATORI FRANCESI, POI TUTTI GLI ALTRI, INCLUSI QUELLI EUROPEI. STERZATA

lunedì 14 agosto 2017
LONDRA - Quando Emmanuel Macron e' stato eletto presidente della Francia tutti i sinistri di casa nostra hanno fatto a gara a dichiarare tale risultato come una vittoria contro il razzismo e il
Continua
PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO ''AFRICANO'' DELL'ITALIA

PADOAN AMMETTE D'AVER SBAGLIATO I CONTI DELLO STATO: MANCANO 5 MILIARDI, CHE SONO IL COSTO

sabato 12 agosto 2017
Il mitico ministro delle finanze “pierpiero” padoan, ha pubblicamente dichiarato, in perfetto rispetto della sua tradizione di non averne azzeccata una da quando siede su quella poltrona,
Continua
 
DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI PRESENTI NEL PAESE

DOPO LA MALESIA, ANCHE L'ALGERIA HA DECISO DI ESPELLERE - RIMPATRIANDOLI - I CLANDESTINI AFRICANI

lunedì 7 agosto 2017
LONDRA - Giorni fa avevamo riportato la notizia che la Malesia sta cacciando via tutti gli immigrati clandestini che da anni vivono nel suo territorio. Ebbene questo non e' affatto un caso isolato
Continua
RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I PRESTITI SEGNANO -2%

RIPRESA? SI' DELLE SOFFERENZE BANCARIE: I CREDITI MARCI SFONDANO IL MURO DEI 200 MILIARDI (+1%) E I

sabato 5 agosto 2017
Ripresa? Non si direbbe, dato che a salire non è l'economia italiana ma le sofferenze bancarie, e cioè i crediti elargiti dalle banche e non rimborsati da chi li ha ricevuti. "Tornano a
Continua
 
DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI: LE CASSE SONO VUOTE

DAL 2018 AL 2022 PIU' DI 900 MILIARDI DI TITOLI DI STATO DA RIFINANZIARE. IMPOSSIBILE RIMBORSARLI:

giovedì 3 agosto 2017
Secondo un’inchiesta di Unimpresa, nella prossima legislatura: 2018-2022, andranno a scadenza 900.143.000.000 di euro di debito pubblico, mettendo a serio rischio la stabilità ed il
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
TUTTE LE DESTRE D'EUROPA INSORGONO DOPO LA STRAGE DI BRUXELLES: DOBBIAMO DEISLAMIZZARE L'EUROPA E CHIUDERE LE FRONTIERE

TUTTE LE DESTRE D'EUROPA INSORGONO DOPO LA STRAGE DI BRUXELLES: DOBBIAMO DEISLAMIZZARE L'EUROPA E
Continua

 
DONALD TRUMP: ''DA PRESIDENTE, L'IMPIEGO DI ARMI NUCLEARI TATTICHE CONTRO L'ISIS LO CONSIDERO UN'OPZIONE PRATICABILE''.

DONALD TRUMP: ''DA PRESIDENTE, L'IMPIEGO DI ARMI NUCLEARI TATTICHE CONTRO L'ISIS LO CONSIDERO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!