43.240.280
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

DRAGHI POTENZIA ALL'ESTREMO IL MECCANISMO CHE FINORA NON HA DATO ALCUN RISULTATO E GLI SPECULATORI FANNO FESTA IN BORSA

giovedì 10 marzo 2016

FRANCOFORTE - Tanto tuonò, che piovve. Alla fine, Draghi ha deciso di potenziare il Quantitative Easing - ovvero l'acquisto diretto di bond sul mercato - della Bce portandolo, a un anno esatto dall'inizio di questa operazione finanziaria, a 80 miliardi di euro al mese in contanti.

Non basta.

Draghi ha anche deciso portare a zero piatto i tassi d'interesse sul denaro prestato - in euro - nell'intera eurozona. 

Terza mossa: Draghi a spinto ancor più verso il basso il tasso d'interesse - già negativo - che le banche devono pagare per depositare denaro alla Bce, meccanismo ampiamente usato da moltissimi istituti di credito dell'eurozona che così "parcheggiano" capitali anzichè investirli. Adesso, costerà loro un -0,4% che non è davvero poco.

Quarta mossa: Draghi ha annunciato - tutte le altre fin qua scritte sono operative da subito - di varare da giugno un altro LTRO, ossia prestiti diretti alle banche della zona euro per dar loro liquidità a fronte di garanzie delle stesse banche, ad esempio loro obbligazioni. E' un modo perfetto per ridar fiato ad istituti, come molti italiani purtroppo, a un solo passo dal bail in.

Dulcis in fundo, Draghi ha allargato anche alle obbligazioni delle aziende - non più solo degli Stati e delle banche - il paniere degli acquisti della Bce per il Quantitative Easing. Un po' come dire che la Bce adesso inizia a finanziare direttamente le aziende e non solo le banche e (indirettamente) gli Stati.

Detto tutto questo, sembrerebbe che Draghi, Babbo Natale in periodo pasquale, sia arrivato carico di doni e tutti adesso facciano festa. E' davvero così?

La Borsa di Milano, assieme a tutte le altre della zona euro, ovviamente festeggiano perchè praticamente tutte le aziende quotate hanno emesso prestiti obbligazionari e vederseli comprare - gli attuali e i futuri per almeno due anni - da un acquirente che si chiama Bce sulla cui solvibilità non c'è discussione e per di più con un annuncio ufficiale, oggi, è evidente sia un'ottima notizia.

Festeggia molto meno l'euro, che in meno di un'ora dopo l'annuncio e mentre stiamo scrivendo, perde già quasi due figure sul mercato dei cambi, passando da 1,1 sul dollaro Usa a 1,08.

Ma a non festeggiare per niente sono tanto le banche quanto i cittadini, specialmente italiani. Le prime, perchè con la mannaia dell'interesse negativo portato a -0,4% si vedono aumentare le perdite anzichè diminuire. Inoltre, con gli interessi piallati a zero dalla Bce sul denaro prestato, le banche a loro volta vedono diminuire ancor di più l'unico cespite attivo, remunerativo, ovvero gli interessi sui prestiti.

La domanda in fondo, è semplice: su cosa guadagna una banca? Sui prestiti. Se tiri un colpo di falce agli interessi come ha fatto la Bce lo tiri contemporaneamente sugli introiti del già pericolante sistema bancario italiano. Meno guadagni, più devi ridurre le spese, e per le banche significa licenziamenti e riduzioni strutturali. Inoltre, obbligare le banche a investire avendo portato a -0,4% il parcheggio del contante alla Bce non è mai una buona decisione. 

Quanto ai cittadini, le mosse attuate oggi dalla Bce lasciano quello che trovano, perchè non sono i cittadini l'obbiettivo a cui sono rivolte, ma le strutture finanziarie. I cittadini invece si spettavano una sconfitta della deflazione che invece non c'è stata.

La deflazione - che è il pericolo mortale di ogni economia - dopo un anno di azione sempre in questa direzione da parte della Bce non solo non è stata sconfitta, ma si è stabilizzata come criterio dentro l'eurozona. Nessuna delle mosse di oggi di Draghi la batterà per il semplice motivo che queste mosse sono niente di più di un potenziamento di un meccanismo sbagliato e la prova che sia sbagliato è data proprio dalla realtà,dai numeri, dai dati: la deflazione regna sovrana dentro la zona euro.

Quindi, mentre le speculazioni in Borsa galoppano, mentre gli speculatori oggi stappano Champagne, per gli italiani non è cambiata una sola virgola.

Resta un fatto, indiscutibile: o questa "ultima mano" di Draghi porta a un qualche risultato positivo nel giro di poco, o è davvero la sua ultima mano. 

Max Parisi

 


DRAGHI POTENZIA ALL'ESTREMO IL MECCANISMO CHE FINORA NON HA DATO ALCUN RISULTATO E GLI SPECULATORI FANNO FESTA IN BORSA


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DRAGHI   BCE   BOND   OBBLIGAZIONI   QE   PRESTITI   BILANCI   ITALIANI   FRANCOFORTE   BANCHE   INTERESSI   NEGATIVI    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA RISPARMIATO 240 MILIARDI!

SORPRESA: E' LA GERMANIA CHE HA I MAGGIORI BENEFICI DAI TASSI A ZERO DELLA BCE. LA MERKEL HA

lunedì 16 gennaio 2017
BERLINO - Volendo usare una pittoresca espressione napoletana, si potrebbe dire che la Germania che continua a lamentarsi dei tassi di interesse portati a zero dalla Bce perchè questo
Continua
 
L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI DELLA COSTITUZIONE

L'FMI TAGLIA LE STIME DELL'ITALIA, COLPEVOLE DI NON AVERE VOTATO SI' AI DELIRANTI MANEGGIAMENTI

lunedì 16 gennaio 2017
Il Fondo Monetario Internazionale taglia di nuovo le stime di crescita del Pil italiano e prevede che quest'anno verra' registrata una crescita dello 0,7% anziche' dello 0,9%, che era la proiezione
Continua
RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN SALUTE (LEGGERE)

RADIOGRAFIA DELLE BANCHE ITALIANE: ALCUNE MALATE TERMINALI, ALTRE IN CONDIZIONI GRAVI, NESSUNA IN

lunedì 16 gennaio 2017
L'epicentro della catastrofe delle banche italiane resta sempre Siena, dove l'intervento dello Stato, seppure ha arrestato lo spettro del bail, in e' peraltro ancora da svolgersi, ma le situazioni
Continua
 
LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE DAL PESCECANE SOROS

LO HA GIA' FATTO CON FMI E BCE, ADESSO VIKTOR ORBAN CACCIA DALL'UNGHERIA ANCHE LE ONG FINANZIATE

lunedì 16 gennaio 2017
Mentre gli ultimi giorni della presidenza Obama consegneranno alla storia il peggior presidente che gli U.S.A. abbiano mai avuto, essendo impegnato allo spasimo a creare tensioni in mezzo mondo e
Continua
WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO IMMAGINARIO MAI ESISTITO''

WALL STREET JOURNAL: ''LA POLITICA DEI DEMOCRATICI E' VECCHIA, DEBOLE E SI RIFA' A UN PASSATO

lunedì 16 gennaio 2017
WASHINGTON - "Le elezioni presidenziali statunitensi coincidono assai di rado con una svolta permanente dell'ordine politico in quel paese - scrive l'editorialista John Steel Gordon sul Wall Street
Continua
 
DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA BIANCA (TENETEVI FORTE)

DONALD TRUMP RACCONTA AI QUOTIDIANI TEDESCHI E INGLESI COSA' FARA' APPENA INSEDIATO ALLA CASA

lunedì 16 gennaio 2017
La Brexit "una gran cosa" e con la Gran Bretagna Donald Trump vuole firmare un accordo commerciale vantaggioso per entrambi i Paesi, mentre l'Ue perderà altri pezzi e questo principalmente a
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
BLOOMBERG SHOCK: ''QUANTO FA LA BCE NON BASTA PIU' A DAR PROVA DELLA VOLONTA' DI MANTENERE IN PIEDI L'EURO'' (MICIDIALE)

BLOOMBERG SHOCK: ''QUANTO FA LA BCE NON BASTA PIU' A DAR PROVA DELLA VOLONTA' DI MANTENERE IN PIEDI
Continua

 
LA GERMANIA SI RIBELLA A DRAGHI: BANCHE, COMMERCIO, INDUSTRIA PRONTE A BOICOTTARE LA BCE. ''E' UNA CATASTROFE'' DICONO.

LA GERMANIA SI RIBELLA A DRAGHI: BANCHE, COMMERCIO, INDUSTRIA PRONTE A BOICOTTARE LA BCE. ''E' UNA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!