68.270.595
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FINLANDIA MESSA IN GINOCCHIO DALL'EURO: TAGLIO DI STIPENDI, FERIE, CONTRIBUTI, 24 ORE DI LAVORO GRATIS L'ANNO (DISASTRO)

mercoledì 9 marzo 2016

LONDRA - Diversi anni fa Romano Prodi dichiaro' che con l'euro gli italiani avrebbero lavorato un giorno in meno e guadagnato un giorno in piu'.

Ovviamente le cose non sono andate affatto cosi'. L'euro si è dimostrato essere una vera sciagura per l'Italia, ma non solo per l'Italia: anche le nazioni del Nord Europa stanno soffrendo le pene dell'inferno per colpa dell'euro.

L'ultimo esempio a riguardo viene dalla Finlandia dove i lavoratori sono costretti a lavorare molto piu' a lungo con salari piu' bassi al fine di guadagnare "competitività". E dire che la Finlandia era portata ad esempio del successo della valuta unica europea.

Un accordo capestro per i lavoratori della Finlandia e' stato recentemente raggiunto tra la SAK, la piu' grande confederazione sindacale finlandese composta da 14 sindacati e rappresentante il 60% dei lavoratori, e la Confindustria finlandese, ma in tanti  non condividono questa decisione e questo mette in dubbio le trattative che le due parti sociali devono portare avanti al fine di tradurre tale accordo in contratti di lavoro che possano essere accettati dai lavoratori.

Questo accordo prevede che i lavoratori lavorino 24 ore in piu' all'anno senza salario, tagli ai bonus per le ferie dei dipendenti statali, aumento delle tasse sulle buste paga a carico dei lavoratori e niente aumenti salariali per il prossimo anno.

Tali misure dovrebbero abbassare i costi del lavoro del 4% e creare 35mila nuovi posti di lavoro per il 2020, solito sistema per dire: oggi vi massacriamo, in futuro starere meglio. Ma non serve citare il poeta per dire che "del doman non v'è certezza": è assolutamente certo che davanti a sè l'eurozona ha un futuro uguale o peggiore del già pessimo presente. L'eurozona si aspetta come minimo un decennio di stagnazione e deflazione.

In ogni caso per la Finlandia l'aumento - praticamente gratuito - delle ore lavorative rappresenta una inversione di tendenza rispetto al passato, visto che fino ad ora l'orario di lavoro e' diminuito e questo la dice lunga sugli effetti che l'euro sta avendo sull'economia finlandese gia' messa in ginocchio dalla crisi della Nokia e dell'industria della carta.

Non tutti i sindacati pero' approvano questo accordo e difatti Akava, il secondo sindacato per numero di iscritti, ha chiesto al governo tagli fiscali per un miliardo di euro per compensare i lavoratori di queste perdite salariali, ma il governo ha respinto tale proposta perche' deve ridurre il deficit.

Come andra' a finire questa situazione non e' chiaro, ma quel che e' certo e' che mentre la Finlandia soffre la vicina Svezia ha una economia che va a gonfie vele grazie al fatto di essere fuori dall'euro.

Quanto all'Italia, la "cura finlandese" è fin troppo delicata. E' molto più probabile arrivi quella "greca".

 

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra


FINLANDIA MESSA IN GINOCCHIO DALL'EURO: TAGLIO DI STIPENDI, FERIE, CONTRIBUTI, 24 ORE DI LAVORO GRATIS L'ANNO (DISASTRO)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

FINLANDIA   EURO   CRISI   STIPENDI   TAGLIO   FERIE   STRAORDINARI   GRATIS   SINDACATI   RECESSIONE   SVEZIA   CONFINDUSTRIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA GERMANIA S'E' ARRICCHITA

L'EURO E' UFFICIALMENTE UNA SCIAGURA PER L'EUROPA, LA PIU' DANNEGGIATA E' L'ITALIA, SOLO LA

martedì 26 febbraio 2019
BERLINO - Fino a ieri, gli "europeisti" lo consideravano un attacco politico, una posizione nazionalista e sovranista, cose da campagna elettorale, da oggi invece, è niente di meno che una
Continua
 
DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO SOCIALDEMOCRATICO (BOOM!)

DURISSIMA LEGGE ANTI IMMIGRAZIONE IN DANIMARCA, APPROVATA CON I VOTI IN PARLAMENTO DEL PARTITO

lunedì 25 febbraio 2019
LONDRA - Da tempo la Danimarca attira l'attenzione degli osservatori politici internazionali per via delle sue leggi severe sull'immigrazione ma lungi dal fermarsi i legislatori danesi hanno deciso
Continua
FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA SAREBBE L'UNIONE EUROPEA?

FRANCIA E GERMANIA SI ''ACCORDANO'' PER IMPORRE LE LORO ''REGOLE'' SUL BILANCIO UE. E QUESTA

mercoledì 20 febbraio 2019
BERLINO -  Come al solito, Germania e Francia pensano di essere padroni dell'Europa e senza chiedere permesso a nessuno, e figuriamoci invitare al dibattito altre nazioni, si sono "accordati"
Continua
 
LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI TARGATI ''PD'' DALLA LIBIA

LA MAFIA NIGERIANA E' LA PRINCIPALE MINACCIA CRIMINALE STRANIERA IN ITALIA ARRIVATA SUI BARCONI

lunedì 18 febbraio 2019
Sui barconi fatti arrivare in Italia dai precedenti governi Pd, a decine di migliaia erano nigeriani, e tra loro migliaia di delinquenti arrivati così in Italia per impiantare potenti
Continua
LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E ALLA SICUREZZA

LA SVEZIA CHIUDE LE FRONTIERE AL LIBERO TRANSITO: SCHENGEN E' UNA MINACCIA ALL'ORDINE PUBBLICO E

lunedì 18 febbraio 2019
LONDRA - Sono tanti i Paesi che negli ultimi anni hanno reintrodotto controlli alla frontiera mettendo fine alla libera circolazione stabilita dal trattato di Schengen e l'ultimo paese che ha agito
Continua
 
LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE SALVANO LA GERMANIA

LA LOCOMOTIVA TEDESCA DERAGLIA: PIL A ZERO, NE' L'EURO-MARCO NE' L'EGEMONIA SULLA COMMISSIONE UE

giovedì 14 febbraio 2019
BERLINO -  A Bruxelles tacciono, nessuno se l'è sentita di commentare il tracollo della Germania, economicamente parlando. D'altra parte, se l'avessero fatto, poi come giustificare le
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''BANCHE ITALIANE A RISCHIO SOPRAVVIVENZA, CORRENTISTI IN FUGA, CREDITI MARCI ENORMI''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''BANCHE ITALIANE A RISCHIO SOPRAVVIVENZA, CORRENTISTI IN FUGA,
Continua

 
SPESE PAZZE DELLA UE / AUMENTATA A 10 MILIONI L'ANNO LA SPESA PER LE AUTO BLU A BRUXELLES, TANTO PAGANO I CONTRIBUENTI

SPESE PAZZE DELLA UE / AUMENTATA A 10 MILIONI L'ANNO LA SPESA PER LE AUTO BLU A BRUXELLES, TANTO
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

IN ARRIVO DALL'AUSTRALIA UN TERREMOTO NELLA CHIESA (A ROMA)

26 febbraio - A poche ore dal vertice contro la pedofilia in Vaticano, nella Chiesa
Continua

MANCAVA SOLO IL VELO ISLAMICO DA CORSA, NEL REPERTORIO DELLE

26 febbraio - PARIGI - 'No al velo islamico da footing': dure polemiche in Francia
Continua

PROCURA DI FIRENZE DA' PARERE NEGATIVO: GENITORI DI RENZI RESTINO

26 febbraio - FIRENZE - La procura di Firenze ha dato parere negativo sulla richiesta
Continua

RIXI: CENTRODESTRA E' UN MODELLO SUPERATO A LIVELLO DI GOVERNO

26 febbraio - GENOVA - ''I risultati danno ragione a Salvini: credo che oggi a livello
Continua

SALVINI: QUOTA 100, GIA' 70.000 ADESIONI, QUASI 8.000 IN LOMBARDIA,

26 febbraio - Il vicepresidente del Consiglio e ministro dell'Interno, Matteo Salvini,
Continua

GERMANIA: IL PRINCIPALE INDICATORE ECONOMICO ORA SEGNA CRISI.

22 febbraio - BERLINO - L'indice Ifo, uno dei principali barometri dell'economia
Continua

APPROVATO ALLA CAMERA IN PRIMA LETTURA IL REFERENDUM POPOLARE

21 febbraio - Con 272 voti favorevoli, 141 contrari (Pd e Fi) e 17 astenuti (Leu e
Continua

LA FRANCIA FORNISCE SEI MOTOVEDETTE ANTI BARCONI ALLA LIBIA (MOLTO

21 febbraio - PARIGI - La Francia ha ufficializzato la decisione di fornire alla
Continua

PREMIER CONTE: NESSUNA MANOVRA CORRETTIVA. MISURE PRUDENZIALI GIA'

21 febbraio - ROMA - ''Abbiamo presente il quadro macro-economico in Italia e nel
Continua

CONTINUANO SENZA SOSTA GLI SGOMBERI DI OCCUPAZIONI ABUSIVE A FIRENZE

21 febbraio - FIRENZE - Sesto sgombero in sei mesi a Firenze. Questa volta
Continua
Precedenti »