44.199.547
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

BLOOMBERG SHOCK: ''QUANTO FA LA BCE NON BASTA PIU' A DAR PROVA DELLA VOLONTA' DI MANTENERE IN PIEDI L'EURO'' (MICIDIALE)

lunedì 7 marzo 2016

NEW YORK - La più importante agenzia finanziaria del mondo, Bloomberg, senza troppi giri di parole arriva la dunque: l'euro non funziona più, non sta più in piedi, e la Bce è finita in un vicolo cieco.

Il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha tentato per anni di sostenere l'inflazione nell'eurozona, perlopiu' senza successo. Coi tassi di riferimento bancari gia' sotto lo zero, scrive Richard Jones su "Bloomberg", il meeting politico dell'Eurotower in programma per giovedi' non potra' che partire da un rafforzamento del quantitative easing basato sul debito sovrano dei paesi periferici dell'euro, a partire dall'Italia.

Ma ha ancora senso procedere alla rinanimazione di un "paziente" che appare in tutta evidenza defunto?

Un ulteriore taglio ai tassi di deposito e' gia' dato per assodato dai mercati: la Bce, dunque, non ha scelta se non tentare qualcosa di drastico e inviso ai tutori del rigore: secondo Jones, la Banca centrale dovrebbe "non soltanto estendere l'acquisto di obbligazioni di almeno 10 miliardi di euro al mese (dagli attuali 60), ma anche orientare il programma di quantitative easing sul debito dei paesi periferici, come Spagna, Italia e Portogallo, a spese della Germania".

Una via estema che rimarebbe l'unica con un senso, benchè politicamente avversata dalla Germania, azionista di maggioranza della Bce.

Questi paesi, sostiene l'economista, "hanno bisogno di un sostegno sul fronte dei tassi di rifinanziamento del debito", specie dal 21 gennaio scorso, quando l'ultima decisione sui tassi da parte della Bce ha esibito diverse resistenze dei debiti sovrani nell'eurozona alle turbolenze globali.

I Paesi piu' indebitati dell'eurozona, avverte l'autore dell'editoriale, hanno bisogno di molto ossigeno: la Spagna, ad esempio, quest'anno vedra' giungere a maturazione titoli di debito sovrano per ben 140 miliardi di euro. Ovviamente, per sostenere maggiormente i paesi periferici la Bce dovrebbe rivedere la sua "capital key", ovvero i criteri che sostanzialmente legano l'acquisto delle obbligazioni sovrane alle dimensioni delle rispettive economie.

Si tratta di un sistema "che ovviamente favorisce la Germania, prima economia dell'eurozona" per volume di pil. La Bce ha istituito questo criterio per non dare l'impressione di essere impegnata nel finanziamento monetario dei governi; l'ambiente globale, pero', e' cambiato in peggio, e quanto messo in campo dalla Bce - avverte Jones - non basta piu' a dar prova della sua determinazione a tenere in piedi il progetto dell'euro. 

Per Bloomberg, che è la più seguita e autorevole fonte di analisi e giudizio in tempo reale dei mercati finanziari. il progetto dell'euro quindi non sta più in piedi e la Bce per quanto faccia non riesce a supportarlo. E' la prima volta che viene esplicitamente detto.

E' chiaro che Bloomberg dia praticamente per scontato il rifiuto della Germania ad autorizzare il finanziamento diretto della Bce ai debiti pubblici degli stati del sud dell'eurozona, principalmente di Italia, Spagna e Portogallo, lasciando pur perdere la Grecia ormai senza speranza di salvezza. 

Per conseguenza, l'euro in quanto tale "non restando più in piedi" ha il destino segnato.

Redazione Milano


BLOOMBERG SHOCK: ''QUANTO FA LA BCE NON BASTA PIU' A DAR PROVA DELLA VOLONTA' DI MANTENERE IN PIEDI L'EURO'' (MICIDIALE)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

DRAGHI   BCE   EURO   SALVATAGGIO   ITALIA   SPAGNA   PORTOGALLO   GRECIA   GERMANIA   DEBITO   BLOOMBERG   FRANCOFORTE   BRUXELLES    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN EURO (QUESTO TEME LA UE)

PER ABBANDONARE L'EURO BASTA UN DECRETO LEGGE E IL 96% DEI TITOLI DI STATO NON VA RIMBORSATO IN

mercoledì 22 febbraio 2017
Mentre si avvicinano le elezioni olandesi dove è molto probabile che il partito anti euro e anti Ue di Wilders, alleato di Salvini e della Le Pen, ottenga un risultato incoraggiante e quelle
Continua
 
COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA TROIKA IN ITALIA)

COMMISSIONE EUROPEA: L'ITALIA E' UNA MINACCIA PER LA STABILITA' DELLA ZONA EURO (E ANNUNCIA LA

mercoledì 22 febbraio 2017
BRUXELLES - La Commissione europea oggi ha deciso nuovamente di avviare un monitoraggio approfondito nei confronti dell'Italia per i suoi squilibri macroeconomici eccessivi che potrebbero avere - a
Continua
NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E' STATA CENSURATA

NUBE RADIOATTIVA CARICA DI IODIO 131 SI AGGIRA PER I CIELI D'EUROPA DA SETTIMANE, MA LA NOTIZIA E'

mercoledì 22 febbraio 2017
Un misterioso aumento della radioattività è stato segnalato da gennaio in vaste aree dell'Europa senza motivo apparente. "Piccole quantità" di Iodio 131, materiale radioattivo di
Continua
 
CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'': PRESIDIARE I CONFINI FUNZIONA

CROLLATE IN SVIZZERA LE ''RICHIESTE DI ASILO'': CHIUSI DECINE DI CENTRI DI ''ACCOGLIENZA'':

martedì 21 febbraio 2017
LONDRA - La chiusura della rotta balcanica ha scatenato accese polemiche tra i sostenitori dell'accoglienza a tutti i costi, ma tale blocco ha avuto risultati positivi in Svizzera visto che ha
Continua
MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO, ITALIA RISCHIO PRINCIPALE)

MOODY'S: ''L'USCITA DELL'ITALIA DALL'EURO NON LA PORTEREBBE AL DEFUALT'' (DEUTSCHE BANK: EURO,

martedì 21 febbraio 2017
BERLINO - "L'Italia e' il 'rischio principale' della stabilita' dell'euro". Lo scrive il senior economist di Deutsche Bank Marco Stringa in un report, secondo quanto riporta l'agenzia internazionale
Continua
 
MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA DEI TASSISTI

MENTRE IL GOVERNO TENTA LA MARCIA INDIETRO SUL ''PASTICCIO UBER'' DOMANI CI SARA' LA MARCIA SU ROMA

lunedì 20 febbraio 2017
Qualcuno nel Pd non ci sta a sentirsi responsabile del pasticcio combinato dal governo sulla questione Uber: "In questi giorni la città è bloccata dai tassisti, ma non hanno torto loro:
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
CLAMOROSA RIFORMA FISCALE DI ORBAN: IRPEF AL 15% PER TUTTI, RIMBORSI ASILO A FAMIGLIE CON FIGLI, BENEFIT AI CONTRIBUENTI

CLAMOROSA RIFORMA FISCALE DI ORBAN: IRPEF AL 15% PER TUTTI, RIMBORSI ASILO A FAMIGLIE CON FIGLI,
Continua

 
DRAGHI POTENZIA ALL'ESTREMO IL MECCANISMO CHE FINORA NON HA DATO ALCUN RISULTATO E GLI SPECULATORI FANNO FESTA IN BORSA

DRAGHI POTENZIA ALL'ESTREMO IL MECCANISMO CHE FINORA NON HA DATO ALCUN RISULTATO E GLI SPECULATORI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!