50.002.516
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

GRECIA: STALLO CON LA TROIKA CHE VUOLE TAGLI ALLE PENSIONI E MACELLERIA SOCIALE, CAOS NEL PAESE TRA MIGRATI E BARRICATE

venerdì 4 marzo 2016

ATENE - Mentre non si fa altro che parlare di Brexit, la Grecia precipita sempre di più nel caos che la sta spingendo velocemente al Grexit. I rappresentanti dei creditori internazionali della Grecia dovrebbero tornare ad Atene la prossima settimane per riprendere i negoziati con il governo, interrotti un mese fa da un muro contro muro su nuovi tagli alle pensioni che la Troika vorrebbe imporre al popolo greco.

E' quanto riferisce il quotidiano locale "Kathimerini". Secondo le fonti, i principali rappresentanti del Fondo monetario internazionale (Fmi), Commissione europea, Banca centrale europea (Bce) e Meccanismo europeo di stabilita' (Mes) torneranno in Grecia dopo la riunione dell'Eurogruppo di lunedi', (forse gia' martedi'), anche se nessuno ha fornito ulteriori dettagli sulla data.

I creditori non hanno ancora trovato un accordo su una posizione comune nei confronti del governo greco. Il Fmi insiste per una linea dura - delineata il mese scorso dal suo capo europeo Poul Thomsen - chiedendo nuove misure dal valore di 7,5-9 miliardi di euro entro il 2018 insieme al taglio alle pensioni. Allo stesso tempo, la zona euro, tra cui Berlino, sta inviando segnali che suggeriscono invece una maggiore flessibilita' nel modo in cui verra' attuata la revisione della sicurezza sociale, fermo restando che Schaeuble ha dichiarato: "Non si crei un fraintendimento sul fatto che la Grecia stia usando la crisi dei profughi per non rispettare gli impegni che abbiamo tutti assunto per il superamento della crisi dell'Eurozona". Una disgustosa precisazione, questa di Schaeuble, che non ha mancato di alzare ulteriormente il muro di disprezzo tra la Grecia e la Germania.

l Fmi ha insistito ieri, attraverso il portavoce Gerry Rice, sui 9 miliardi di euro di misure richieste entro il 2018, aggiungendo che "il Fmi non sta chiedendo eventuali misure aggiuntive a quelle concordate in estate". Rice ha anche osservato che "le riforme necessarie sarebbero meno impegnative se ci fosse piu' riduzione del debito". Tuttavia ha messo in chiaro che il Fmi non prendera' parte a questo dibattito, che dovrebbe aver luogo tra le autorita' greche e quelle della zona euro.

Ieri intanto il ministro delle Finanze greco, Euclide Tsakalotos, parlando in parlamento ha fortemente criticato il Fmi per la posizione dura espressa verso la Grecia, con la richiesta di ulteriori misure di austerita'. D'altra parte "le nostre posizioni sono molto vicine" con quelle del Mes, Bce e la Commissione europea mentre le differenze esistenti rientrano nel quadro dei negoziati e potranno essere discusse, ha detto Tsakalotos. Discusse sta per rifiutate.

Il ministro greco ha espresso "forte preoccupazione" per il fatto che "le istituzioni internazionali sono venute in Grecia i primi di febbraio e da allora e' passato un mese". Tsakalotos ha detto che e' difficile comprendere il motivo per cui il Fmi ha chiesto piu' misure rispetto a quelle concordate la scorsa estate, in considerazione del fatto che non c'e' un economista che suggerisca che le nostre performance siano peggiori del previsto", ha continuato.

Infine il ministro delle Finanze ha ribadito che la Grecia non puo' accettare le richieste da parte del Fmi di tagliare ulteriormente le pensioni per raggiungere l'obiettivo di avanzo primario in due anni. Il ministro ha detto che "il Fmi pensa che le cifre non tornano per raggiungere (un avanzo primario) del 3,5 per cento del Pil nel 2018 e sostiene che, visto che abbiamo tagliato su tutto il resto, perche' non farlo anche per le pensioni", ha dichiarato Tsakalotos in parlamento. Tuttavia, il taglio delle pensioni non è richiesto solo dall'Fmi, ma da tutta la Troika, ovvero anche dalla Bce e alla Ue.

"Le pensioni in Grecia sono state tagliate 11 volte da quando il Paese ha firmato il suo primo piano di salvataggio nel 2010 e Atene non puo' abbassare ulteriormente", ha sottolineato Tsakalotos.

Inoltre ieri il ministro del Lavoro, George Katrougalos, ha dichiarato che "la votazione sul disegno di legge per la riforma delle pensioni e' stato notevolmente ritardato a causa della posizione del Fmi e per le sue richieste irragionevoli". La trattativa con i creditori e' stata ed e' difficile, ha ribadito Katrougalos, ma potrebbe essere raggiunto un accordo, se non fosse per la posizione dell'Fmi. Lunedi' 7 marzo inoltre il programma di aggiustamento economico della Grecia sara' uno dei temi al centro della riunione dell'Eurogruppo di Bruxelles.

Durante l'incontro, i ministri dell'Economia dell'eurozona avranno uno scambio di opinioni sulle riforme necessarie - da imporre alla Grecia -  per portare a termine la prima revisione del programma. Tra queste ci sono la riforma del sistema pensionistico con il taglio delle pensioni al lavoratori agricoli, le privatizzazioni e il problema delle sofferenze bancarie, una bomba innescata pronta ad esplodere. Non e' prevista, invece, una discussione sull'ipotesi di un alleggerimento, o quantomeno di un rallentamento del programma di riforme a causa degli alti costi della crisi dei rifugiati, inchinati quindi al volere di Schaeuble. 

Questo quadro a dir poco desolante si sovrappone a una situazione sociale caotica, dove regna l'aperta ribellione popolare contro il diktat della Troika. Continuano i posti di blocco dei contadini sulle strade, i sindacati sono mobilitati 24 ore su 24 in attesa del ritorno della Troika ad Atene per accoglierla "come si merita", tutte le categorie economiche, inclusi i notai e i direttori di banca, annunciano scioperi a catena. E' impensabile che il governo Tsipras sia in grado di applicare la macelleria sociale che la Ue, la Bce e l'Fmi vorrebbero facesse.

Ecco perchè il Grexit è l'unica via davanti alla Grecia. Anche se nessno in Europa - e figuriamci in Italia - lo scrive.

Redazione Milano

 


GRECIA: STALLO CON LA TROIKA CHE VUOLE TAGLI ALLE PENSIONI E MACELLERIA SOCIALE, CAOS NEL PAESE TRA MIGRATI E BARRICATE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

GRECIA   GREXIT   TROIKA   UE   BCE   FMI   TSIPRAS   SCIOPERI   BARRICATE   TAGLI   PENSIONI   CONTADINI   SINDACATI   MIGRANTI   CAOS   BRUXELLES   SCHAEUBLE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
 
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
 
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua
 
A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU RADDOPPIATA, IVA 25%)

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU

venerdì 21 luglio 2017
In queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL PARLAMENTO SVIZZERO HA DELIBERATO LA RINUNCIA ETERNA AD ADERIRE ALL'UNIONE EUROPEA (QUAND'E' CHE SI VOTA IN ITALIA?)

IL PARLAMENTO SVIZZERO HA DELIBERATO LA RINUNCIA ETERNA AD ADERIRE ALL'UNIONE EUROPEA (QUAND'E' CHE
Continua

 
ELEZIONI IN SLOVACCHIA: POTENTE VIRATA A DESTRA DEGLI ELETTORI, SOCIALDEMOCRATICI PERDONO IL 50% DEI SEGGI

ELEZIONI IN SLOVACCHIA: POTENTE VIRATA A DESTRA DEGLI ELETTORI, SOCIALDEMOCRATICI PERDONO IL 50%
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!