50.005.712
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA BANCHE / PER LA COMMISSIONE UE IL ''BAIL IN'' NON SI TOCCA, E A RISCHIO SONO ANCHE LE GRANDI BANCHE ITALIANE

giovedì 25 febbraio 2016

Mentre Confindustria, ABI, mondo industriale e parte del mondo politico invocavano la modifica del bail in, il tristemente famoso metodo di prelievo forzoso a obbligazionisti e correntisti delle banche in crisi, l’oligarca europea Margrethe Vestagher rispondeva a stretto giro di posta che qualsiasi modifica della normativa in essere era semplicemente impensabile.

Come mai, con notevole, eccessivo, ritardo, il mondo imprenditoriale italiano si è destato dal torpore dell’ubriacatura pro-euro ed ha iniziato a lanciare segnali allarmati verso il IV Reich di Strasburgo?

Semplice: perché si è reso conto che con 350 miliardi di crediti marci, di cui oltre 200 ormai in fase di decomposizione ed il restante in coma profondo, il sistema bancario italiano è prossimo al collasso e se venisse applicato il bail in, rappresenterebbe la fine del tessuto sociale oltre che economico del paese.

Da un’implosione del sistema bancario non si salverebbe nessuno, né impresa, né privato cittadino, che vedrebbe volatilizzarsi in una notte anni ed anni di sacrifici per accantonare i propri sudati risparmi.

Il tragico è lche a classe imprenditoriale italiana sia arrivata a rendersi conto di questo con colpevole ed inaccettabile ritardo, quando ormai è tardi per provare a cambiare le regole del gioco. Ed è ancor più allucinante che solo ora si siano resi conto delle condizioni di favore che sono state riservate alla Germania ed alle sue banche, Deutsche Bank in primis.

Forse, se Cofindustria, ABI e associazioni di categoria varie avessero alzato la voce ben prima e non avessero avvallato il colpo di stato messo in atto dalla Germania con la complicità dell’allora presidente della repubblica che defenestrò un presidente del consiglio regolarmente eletto per sostituirlo con un oligarca amico dei potentati economici germanici, non saremmo ridotti in questa situazione, con un’economia devastata, un tessuto sociale disgregato, un tasso di mortalità tornato ai livelli della fine della seconda guerra mondiale ed un governo che pensa di introdurre una patrimoniale ed imposte fino al 45% sulle eredità, ovvero sui sudati risparmi delle famiglie italiani, costituiti per creare un salvagente per i propri figli e nipoti.

D’altra parte, stiamo parlando della stessa classe imprenditoriale che brindò all’introduzione dell’euro, quando tutti gli economisti di fama mondiale ne preannunciavano la pericolosità ed i danni che avrebbe provocato e di quella che in un modo o nell’altro ha gestito le banche nazionali, zavorrandole di crediti marci a seguito delle folli politiche dei governi Monti-Letta-Renzi.

Ricordiamo qualche dato riguardo le sofferenze dei principali istituti di credito nazionali:

UBI:  13,838 miliardi di euro (sofferenze nette 4,187, crediti deteriorati netti 9,651)

Banco Popolare: 14,109 miliardi di euro (sofferenze 6,276, inadempienze probabili 7,493)

Unicredit: 52,143 (esposizione lorda)

MPS: 23,699 (crediti deteriorati)

Numeri da conflitto mondiale, che i cittadini saranno chiamati a ripianare di tasca propria, a differenza di quelli tedeschi, dove ha provveduto e provvede tuttora il governo, con buona pace dei proclami di Schaeuble, che pretende austerità e sacrifici per tutti, tranne che per il suo Paese che risulta essere il peggiore al mondo in termini di corruzione e opacità del sistema finanziario.

La realtà è che, stante questa classe politica, l’italico stivale è destinato a finire peggio della Grecia in quanto incapace di sapersi imporre a livello internazionale come, ad esempio ha saputo fare l’Inghilterra. Anche perché quando ci ha provato il premier non eletto, l’ha fatto in modo scomposto, approssimativo, impacciato: l’esatto opposto di quello che serve per battere gli oligarchi del IV Reich che non vedono l’ora di espropriare i risparmi degli italiani per sistemare le banche tedesche.

Luca Campolongo

https://www.ubibanca.it/contenuti/file/Gruppo%20UBI_Relazione%20Semestrale%2006%202015.pdf

http://www.gruppobancopopolare.it/media/RFS_30-06-2015_WEB.pdf

https://www.unicreditgroup.eu/content/dam/unicreditgroup/documents/it/Investitori/Bilanci_e_Relazioni/2015/2Q15/Relazione-finanziaria-semestrale-consolidata-al-30-giugno-2015.pdf

https://www.mps.it/investors/investor-relations/bilanci-relazioni/BilanciOK/2015/Relazione_Semestrale.pdf

http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/banche-sbancate-mps-cede-deutsche-bank-miliardo-sofferenze-18-115795.htm

http://www.ilgiornale.it/news/politica/arriva-patrimoniale-stangata-sulle-polizze-vita-1228138.html

 

 


INCHIESTA BANCHE / PER LA COMMISSIONE UE IL ''BAIL IN'' NON SI TOCCA, E A RISCHIO SONO ANCHE LE GRANDI BANCHE ITALIANE


Cerca tra gli articoli che parlano di:

COMMISSIONE   UE   BAIL IN   UNICREDIT   UBI   BANCA   BANCO   POPOLARE   MPS   OBBLIGAZIONI   AZIONI   CONTI   CORRENTI   ITALIA   RENZI   GERMANIA   MERKEL   SCHEUBLE   MONTI   LETTA   GRECIA    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
 
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
 
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua
 
A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU RADDOPPIATA, IVA 25%)

A OTTOBRE IL PD DI RENZI DOVRA' VARARE UNA ''MANOVRA'' DA 48 MILIARDI IMPOSTA DALLA UE (IMU

venerdì 21 luglio 2017
In queste settimane, l’ex sindaco di firenze e mai rimpianto premier, si muove sottotraccia per far star sereno Gentiloni, alla stessa maniera in cui fece star sereno Letta, ovvero trovare
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
MICIDIALE ACCUSA DEL FINANCIAL TIMES: ''BANCHE ITALIANE HANNO 360 MILIARDI DI CREDITI A RISCHIO, RENZI PUO' DERAGLIARE''

MICIDIALE ACCUSA DEL FINANCIAL TIMES: ''BANCHE ITALIANE HANNO 360 MILIARDI DI CREDITI A RISCHIO,
Continua

 
SERVIZI SEGRETI ITALIANI, DRAMMATICO DOCUMENTO SU MIGRANTI E TERRORISMO: MINACCIA REALE, ORGANIZZAZIONI ANCHE IN ITALIA

SERVIZI SEGRETI ITALIANI, DRAMMATICO DOCUMENTO SU MIGRANTI E TERRORISMO: MINACCIA REALE,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!