50.025.245
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

FALLISCE L'INCONTRO TSIPRAS-AGRICOLTORI, CONTINUANO BARRICATE, BLOCCHI STRADALI E DELLE FRONTIERE: E' LA RIVOLUZIONE

martedì 23 febbraio 2016

ATENE - La Grecia di fatto è in una condizione rivoluzionaria, con barricate e blocchi insormontabili che paralizzano strade nazionali e autostrade, frontiere e valichi. Blocchi stradali che proseguono, organizzati dagli agricoltori greci che ieri, dopo la riunione tra il governo e i rappresentanti della categoria, non hanno comunque raggiunto un accordo con il primo ministro Alexis Tsipras.

Come riferisce l'agenzia di stampa "Ana mpa", entrambe le parti hanno affermato che i colloqui sono stati significativi, ma che manca un consenso esplicito tra gli agricoltori circa l'esito della riunione. Una parte dei lavoratori sono favorevoli ad intensificare le azioni di protesta sulle autostrade, non volendo retrocedere sulle loro richieste.

Altri hanno invece espresso delusione perche' il governo non sarebbe in grado di aggirare i suoi impegni in merito al salvataggio, e quindi sono ancor più arrabbiati di prima.

Ieri gli agricoltori al valico di frontiera greco-bulgara di Promachonas hanno annunciato che chiuderanno nuovamente la strada a tempo indeterminato, causando nuovi gravissimi disagi ai camionisti e alle auto su entrambi i lati della frontiera. Gli agricoltori al secondo valico di frontiera di Exohi dovrebbero fare lo stesso.

La decisione dei Comitati di agricoltori greci arriva dopo che il traffico e' stato ripristinato in entrambi i valichi di frontiera domenica pomeriggio, dopo che i camionisti bulgari hanno organizzato dei contro-blocchi per protestare contro la azioni greche che stanno danneggiando i loro business, e dopo il sostanziale fallimento dell'incontro con Tsipras.

"Le proposte portate sul tavolo dagli agricoltori greci sono state definite una buona base di partenza per avviare il dialogo", ha detto ieri Tsipras. Secondo il premier le richieste e le proposte degli agricoltori sono una buona base per le discussioni, aggiungendo che questo dialogo sarebbe dovuto pero' iniziare molto tempo fa.

E' infatti da oltre un mese che va avanti a oltranza la protesta degli agricoltori contro il taglio delle pensioni e l'aumento delle tasse su tutti i lavoratori del settore agrucoltura, che in Grecia rappresentano quasi la metà, ormai, degli occupati.

E' la Bce, con la Ue e l'Fmi che vorrebbero imporre agli agricoltori greci il taglio delle loro pensioni, già falcidiate da precedenti tagli fatti dai governi di centrodestra sempre sotto diktat della Troika, ed è  la reazione popolare di massa a questa follia e che ha generato blocchi stradali nelle principali arterie stradali del paese e al confine con l'ex Repubblica jugoslava di Macedonia e la Bulgaria, oltre a scioperi generali a catena che proseguono senza sosta, con violentissimi scontri di piazza.

Tsipras alla fien della riunione con i Comitati degli agricoltori ha aggiunto che "non possiamo elaborare una politica per la ristrutturazione produttiva del Paese senza prendere in considerazione le vostre proposte e le vostre posizioni, ma allo stesso tempo si deve prendere in considerazione il problema generale del paese e le condizioni fiscali in esame da parte della Troika".

La paralisi produttiva e dei trasporti in tutta la Grecia continua, mentre sabato scorso il governo Tsipras ha fatto approvare in Parlamento una nuova legge che cancella i tagli alla sanità pubblica che erano stati imposti due anni fa dalla famigerata Troika. Questo, ha ulteriormente irrigidito le posizioni già divergenti tra la Commissione europea e la Grecia. 

A questa situazione esplosiva sul piano sociale, economico e finanziario, si aggiunge la catastrofe dei migranti che in più di 100.000 da gennaio 2016 sono sbarcati in Grecia e la maggior parte vi sono rimasti, data la chiusura selettiva delle frontiere degli stati balcanici, dell'Austria, della Slovenia, e di molti altri Paesi Ue, come la Francia. La Grecia si può dire sia in una condizione rivoluzionaria dalel conseguenze ben più potenti e destabilizzanti per la Ue perfino del Grexit.

Redazione Milano


FALLISCE L'INCONTRO TSIPRAS-AGRICOLTORI, CONTINUANO BARRICATE, BLOCCHI STRADALI E DELLE FRONTIERE: E' LA RIVOLUZIONE




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN LIBIA E GRANDI AFFARI

LA STAMPA TEDESCA E BRITANNICA SOTTOLINEANO IL NAZIONALISMO FRANCESE A DISCAPITO DELL'ITALIA IN

venerdì 28 luglio 2017
Il presidente della Francia, Emmanuel Macron, riferiscono i quotidiani britannici "Financial Times", "The Guardian" e "The Telegraph", e' intervenuto per la prima volta nell'industria nazionalizzando
Continua
 
ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE PROFUGHI DA MIGRANTI''

ANNUNCIO-BOMBA DI MACRON: ''ENTRO L'ESTATE LA FRANCIA CREERA' IN LIBIA HOTSPOT PER SELEZIONARE

giovedì 27 luglio 2017
PARIGI -  Certamente possiede una insospettata capacità diplomatica e lo ha dimostrato con il vertice di Parigi con il premier libico Fayez Serraj e il generale Khalifa Haftar, e
Continua
DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE SOPHIA AL 31.12.2018''

DER SPIEGEL: ''IL GOVERNO ITALIANO HA RINUNCIATO A PORRE IL VETO AL PROLUNGAMENTO DELLA MISSIONE

mercoledì 26 luglio 2017
BERLINO - La missione navale europea Sophia al largo della Libia continuera' fino alla fine del 2018. Lo hanno riferito al settimanale tedesco Der Spiegel fonti diplomatiche, secondo quali l'Italia
Continua
 
DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA CATASTROFE SENZA FINE.

DAL 1° GENNAIO AL 30 GIUGNO 2017 SONO FALLITE IN ITALIA 6.188 IMPRESE: 35 AL GIORNO. UNA

martedì 25 luglio 2017
Nel secondo trimestre del 2017 sono state 3.190 le aziende che hanno portato i libri in tribunale (facendo così salire a 6.188 il numero nei primi sei mesi dell'anno). Una cifra che, dopo il
Continua
''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE'' (NEW YORK TIMES)

''CRISI IN LIBIA: MACRON SPIAZZA IL GOVERNO PD ITALIANO CHE VIVE ORA UNA PROFONDA FRUSTRAZIONE''

martedì 25 luglio 2017
NEW YORK - La decisione del governo francese di organizzare oggi a Parigi un incontro tra il premier libico sostenuto dall'Onu, Fayez al Serraj, e il generale Khalifa Haftar, "uomo forte" della Libia
Continua
 
NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA ACCADE IN MALESIA

NIENTE ACCOGLIENZA: I CLANDESTINI VENGONO ARRESTATI ED ESPULSI, NEGLI STATI ISLAMICI. ECCO COSA

lunedì 24 luglio 2017
I mass media non fanno che ripetere fino alla nausea che l'Italia deve accogliere tutti gli immigrati che arrivano e convenientemente ignorano il fatto che altri paesi usano la mano dura per cacciare
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
LA STAMPA TEDESCA VUOLE CHE LA UE IMPONGA AGLI STATI (COME L'ITALIA) IL PUGNO DI FERRO USATO NEL 1945 CON LA GERMANIA

LA STAMPA TEDESCA VUOLE CHE LA UE IMPONGA AGLI STATI (COME L'ITALIA) IL PUGNO DI FERRO USATO NEL
Continua

 
VENERDI' ELEZIONI POLITICHE IN IRLANDA: LA SINISTRA CROLLERA' E SI PROFILA LA VITTORIA DEL FRONTE ''NO AUSTERITY, NO UE''

VENERDI' ELEZIONI POLITICHE IN IRLANDA: LA SINISTRA CROLLERA' E SI PROFILA LA VITTORIA DEL FRONTE
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!