43.410.893
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

INCHIESTA / FONDI COMUNI D'INVESTIMENTO, ASSICURAZIONI, FONDI GESTIONE: AFFIDARE I RISPARMI A LORO E' AD ALTO RISCHIO

giovedì 18 febbraio 2016

Mentre si sta consumando l’ennesimo attacco alla sovranità nazionale per mano del ministro tedesco Schauble, dei suoi gerarchi all’interno della UE e delle quinte colonne italiane alla Monti che invocano un tetto al possesso di titoli di stato da parte delle banche, tetto che se passasse, porterebbe il paese dritto alla bancarotta in meno di 48 ore, i risparmiatori italiani sono alle prese con una minaccia ancora più incombente ed immediata e riguarda il rischio di ristrutturazione delle banche italiane legato ai crediti marci per oltre 200 miliardi di euro che tengono in pancia. Crediti deteriorati che secondo l'autorevole Financial Times viceversa arrivano a 360 miliardi di euro.

Il rischio - comunque - non riguarda solamente gli azionisti, gli obbligazionisti ed i correntisti delle banche esposte, nel caso di "bail in" ma l’intera platea di risparmiatori ed investitori.

Vi starete domandando: perché io, che non ho alcun legame con una banca marcia. potrei perdere i miei soldi?

Il legame è dato dalle obbligazioni di questi istituti di credito pericolanti, obbligazioni che non sono state acquistate esclusivamente dai clienti delle banche che le hanno emesse per fare un investimento di risparmi, ma anche da investitori istituzionali, quali fondi comuni d’investimento, assicurazioni, gestioni separate, tutti operatori dei mercati finanziari che le hanno comprate in quantità enormi per la gestione dei propri portafogli d’investimento.

Prima di spiegare come avverrebbe il contagio, diamo qualche numero, aggiornato a dicembre 2014 (ultimo bilancio disponibile sui siti delle banche) sulle obbligazioni emesse ed in circolazione:

Unicredit: 101.653.726.000 € 

Banco Popolare: 14.644.594.000 €

UBI: 41.600.000.000 €

BPM: 8.650.512.000 €

Si tratta di numeri da capogiro che, appunto sono distribuiti tra piccoli, grandi ed investitori istituzionali.

Ora, veniamo al punto: come potrebbe avvenire il contagio, in caso di bail in di uno di questi istituti di credito?

Si chiarisce con un esempio:

La compagnia di assicurazione X ha acquistato 1 miliardo di obbligazioni della banca Y per garantire il rendimento delle polizze vita dei propri clienti. Questo miliardo, per comodità, ipotizziamo che rappresenti il 50% dell’intero portafoglio investimenti. In caso di bail in che coinvolga anche le obbligazioni della banca Y, l’assicurazione X si troverà a registrare una perdita del 50% del proprio portafoglio che riverserà sui propri clienti (se le polizze vita NON prevedono la garanzia di capitale) o che dovrà fronteggiare con le proprie riserve e patrimonio (se le polizze prevedono invece la garanzia di capitale), mettendo a rischio la propria sopravvivenza e subendo pesanti perdite in conto capitale che si rifletteranno sul valore delle azioni e quindi sul patrimonio degli azionisti, che a loro volta potrebbero essere fondi comuni d’investimento le cui quote sono state vendute a piccoli risparmiatori che vedranno ridursi il valore delle quote del fondo e quindi i propri risparmi.

Come appare chiaro da questo esempio, non è necessario essere obbligazionisti di una banca sottoposta a bail in per rischiare di perdere tutti o buona parte dei propri risparmi.

Il guaio è che l’economia e gli investimenti sono talmente interconnessi, che, parafrasando un noto detto, un bail in tedesco, potrebbe provocare il fallimento di uno stato mediterraneo.

Perché ho citato la Germania? Perché Detusche Bank ha collocato sul mercato obbligazioni proprie assolutamente tossiche per un importo tale che in caso di suo default, provocherebbe il collasso della maggior parte degli investimenti nei Paesi Occidentali, mandando in rovina decine di persone, soprattutto pensionati, perché i prodotti finanziari della Deutsche Bank sono stati acquistati proprio dai fondi pensione, data la presunta “sicurezza” di questo istituto di credito tedesco.

Ora, forse vi risulta più chiaro perché il IV Reich e le sue quinte colonne alla Monti siano così solerti nel cercare di massacrare l’italico stivale: per distogliere l’attenzione dal vero cancro che sta devastando il mondo, ovvero le banche tedesche.

La favola del bue che dà del cornuto all’asino riproposta su scala planetaria.

Un ultimo suggerimento in chiusura: cercate di mantenere più liquidità possibile, fuori dal sistema bancario.

Luca Campolongo

Fonti:

Tutti i valori riportati nel presente articolo sono stati estrapolati dalle relazioni e dai bilanci al 31/12/2014 degli istituti di credito citati, reperibili sui rispettivi siti internet istituzionali.


INCHIESTA / FONDI COMUNI D'INVESTIMENTO, ASSICURAZIONI, FONDI GESTIONE: AFFIDARE I RISPARMI A LORO E' AD ALTO RISCHIO




 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

lunedì 23 gennaio 2017
Donald Trump? "Sono abbastanza ottimista, sembra un moderato". Vladimir Putin? "In politica estera e' quello che dice le cose piu' sensate". Dal settimanale francese Le Journal du Dimanche Beppe
Continua
 
SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO

lunedì 23 gennaio 2017
Mentre i giudici della Consulta preparano le loro toghe in vista della seduta di domani, nasce un  asse tra Lega e Movimento cinque stelle sulla legge elettorale. Tanto Beppe Grillo quanto
Continua
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
 
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
 
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
WALL STREET JOURNAL: ''SISTEMA BANCARIO ITALIANO E' TUTTO SULLA STESSA BARCA, ISTITUTI SANI E IN DISSESTO CADONO INSIEME''

WALL STREET JOURNAL: ''SISTEMA BANCARIO ITALIANO E' TUTTO SULLA STESSA BARCA, ISTITUTI SANI E IN
Continua

 
MARKIT ECONOMICS: ''IL 2016 E' DI STAGNAZIONE E DEFLAZIONE, NELLA ZONA EURO, MALISSIMO LA FRANCIA, DEBOLE LA GERMANIA''.

MARKIT ECONOMICS: ''IL 2016 E' DI STAGNAZIONE E DEFLAZIONE, NELLA ZONA EURO, MALISSIMO LA FRANCIA,
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!

FINANCIAL TIMES: GRANDI BANCHE SI PREPARANO ALLA FINE DELL'EURO NEL

23 gennaio - LONDRA - La notizia è clamorosa, ma come sempre accade in questi casi,
Continua

E IL GOVERNO LA CHIAMA ''RIPRESA'': RALLENTERA' LA CRESCITA DEI

20 gennaio - Rallenta la crescita dei consumi delle famiglie, che si stabilizzerà
Continua

EUROPOL: ''34.000 POTENZIALI TERRORISTI ISLAMICI ARRIVATI COI

19 gennaio - ''Un esercito di 34 mila potenziali terroristi è sbarcato in Europa
Continua

AUMENTATI I LICENZIAMENTI NEL 2016 ALLA FACCIA DELLO STROMBAZZATO

19 gennaio - Nei primi undici mesi del 2016 i licenziamenti complessivi relativi a
Continua

CONTINUA LA CADUTA DEI PREZZI DELLE CASE CON PUNTE DEL -10% IN

19 gennaio - BRUXELLES - Prosegue l'aumento dei prezzi delle case nel terzo trimestre
Continua

DONALD TRUMP: ''NON USEREI TWITTER SE LA STAMPA FOSSE ONESTA, MA

18 gennaio - WASHINGTON - Nonostante ne faccia un uso quasi compulsivo, il futuro
Continua

L'M5S STA COL PD E VOTA CONTRO I CIE COME VUOLE LA SERRACCHIANI (5

18 gennaio - ''Al M5S non basta l'invasione incontrollata di clandestini che sta
Continua

PADOAN A DAVOS LASCIA INTENDERE CHE STA PREPARANDO UNA RAPINA AGLI

18 gennaio - DAVOS - SVIZZERA - Padoan ha fatto una dichiarazione sibillina poco fa
Continua

SALVINI: ''TAJANI E' SOLO L'ENNESIMO DOMESTICO AL SERVIZIO DELLA

18 gennaio - ''La Lega si è rifiutata di votare due servi dello stesso padrone
Continua

BORIS JOHNSON: ''CODA DI STATI PER SIGLARE ACCORDI COMMERCIALI CON

18 gennaio - LONDRA - Dopo il chiarificatore discorso di ieri del primo ministro
Continua
Precedenti »