47.314.771
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA UE HA PAURA DELLA ''BOMBA SPAGNA'' DOVE POTREBBE GOVERNARE PODEMOS E RENZI PENSA DI APPROFITTARNE (STAMPA SPAGNOLA)

mercoledì 17 febbraio 2016

MADRID - I leader europei ufficialmente mantengono la totale neutralità in merito agli sviluppi politici in Spagna. L'unico imperativo, dopo le inconcludenti elezioni del dicembre scorso, e' la creazione di "un governo stabile".

Ma la verità è tutta un'altra.

Il quotidiano spagnolo Abc scrive che "nel privato i principali attori della scena politica europea cercano di influenzare i negoziati tra le forze parlamentari e prendono in esame con apprensione le possibili coalizioni di governo. Un eventuale approdo del partito anti-austerity Podemos al governo della Spagna, anche in un ruolo comprimario, vale a dire nell'ambito di una coalizione a trazione socialista, e' visto di buon occhio in Europa soltanto dal partito greco Syriza".

Secondo Abc, anche una "grande coalizione" che riunisca i tre maggiori partiti della Spagna - Partito popolare, Partito socialista e Cudadanos - non e' considerata da tutti gli attori europei una formula davvero auspicabile, data la distanza di vedute tra Popolari e Socialisti.

Una alto funzionario della squadra economica del governo tedesco ha affermato nei giorni scorsi che la formula della "grande coalizione", che sinora ha funzionato bene in Germania, potrebbe non essere appropriata nel caso della Spagna. "La grande coalizione - ha spiegato - e' una buona formula quando le parti coinvolte sono relativamente vicine sulle questioni fondamentali. Tuttavia, quando le posizioni sono cosi' lontane come nel caso di Pp e Psoe in Spagna, l'esito rischia di essere decisamente negativo".

E resta il fatto che in un momento cruciale della travagliata storia della Ue, la Spagna non ha un governo, ma soprattutto non ha un governo allienato alla Ue alle volontà della Germania, come era quello di Rajoy.

Il principale partito del Parlamento europeo, il Ppe, continua a sostenere i suoi partner spagnoli e spera che il premier uscente, Rajoy appunto, nonostante la sconfitta elettorale e i devastanti scandali per corruzione che hanno visto finire in carcere alcuni tra i massimi esponenti del suo partito, riesca in qualche modo a ottenere un altro mandato alla Moncloa. Ma la speranza accada è prossima allo zero.

Il leader socialista Pedro Sanchez da parte sua sta ricevendo un forte sostegno da alcuni dei leader socialisti piu' importanti in Europa, e tra questi c'è anche - per interesse, sottolinea Abc - l'italiano Matteo Renzi, che spera per mantenere il potere in Italia in una coalizione di governi del Sud del continente per contrastare la politica di austerita' imposta dalla Germania e arcignamente applicata dalla Commissione europea che tra poco "valuterà" il piano economico italiano voluto proprio da Renzi.

Per Renzi - conclude Abc - un governo socialista in Spagna, con o senza Podemos, darebbe vita ad un fronte anti-austerity che si estendera' dalla Grecia al Portogallo e che includera' anche la Francia, il cui presidente, il socialista Hollande, entrera' in campagna elettorale il prossimo anno.

Si puo' inoltre pensare, sottoliena il quotidiano, che i populisti greci stiano ritardando le riforme imposte ad Atene dalla "troika", nella speranza che un "miracolo" - cioe' un governo di sinistra in Spagna che includa Podemos - arrivi in tempo per cambiare la politica europea. 

Nel qual caso, il tracollo della guida "tedesca" è molto probabile che non sarà indolore.

Redazione Milano.


LA UE HA PAURA DELLA ''BOMBA SPAGNA'' DOVE POTREBBE GOVERNARE PODEMOS E RENZI PENSA DI APPROFITTARNE (STAMPA SPAGNOLA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

SPAGNA   RAJOY   PODEMOS   PSOE   SANCHEZ   SOCIALISTI   PPE   BRUXELLES   COMMISSIONE   UE   TSIPRAS   RENZI   GRECIA   PORTOGALLO   ITALIA   AUSTERITY   POPOLARI   MADRID  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO DEBITO-PIL AL 2,4%)

GOVERNO UNGHERESE TAGLIA LE TASSE E AUMENTA GLI AIUTI A FAMIGLIE, SCUOLA E SICUREZZA (CON RAPPORTO

mercoledì 24 maggio 2017
LONDRA - In diverse occasioni abbiamo parlato di miracolo economico ungherese perche', al contrario delle nazioni dell'area euro, l'Ungheria ha ridotto le tasse e le bollette di luce, acqua, gas e
Continua
 
VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA LE ALTRE DUE KAPUTT

VI SIETE SCORDATI DI MPS, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA? LA UE-BCE NO: LA PRIMA FORSE SI SALVA

mercoledì 24 maggio 2017
La vicenda delle tre banche italiane da salvare, MPS, BPVI e VenetoBanca sembra assumere sempre più i contorni della farsa se non della tragedia. Mentre i tedeschi hanno sistemato le loro
Continua
BCE VUOLE CONDIZIONARE LE SCELTE POLITICHE DEI PAESI DELL'EURO A PARTIRE DALL'ITALIA (CHI LE DA' IL DIRITTO DI FARLO?)

BCE VUOLE CONDIZIONARE LE SCELTE POLITICHE DEI PAESI DELL'EURO A PARTIRE DALL'ITALIA (CHI LE DA' IL

mercoledì 24 maggio 2017
FRANCOFORTE - Ormai, la Bce si comporta non più come una banca, ma come fosse a capo della Ue con il diritto di veto e critica su stati, governi, elezioni. Questa sua invadenza ormai non ha
Continua
 
LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA' L'INVASIONE DELL'ITALIA

LA DANIMARCA SBARRA LE FORNTIERE AI ''MIGRANTI'': BLOCCO SARA' ATTIVO FINCHE' LA UE NON FERMERA'

lunedì 22 maggio 2017
LONDRA - Tutto coloro che sono nauseati dall'arrivo di finti rifugiati sulle coste italiane trasportati dalla LIbia da una sorta di "agenzia viaggi" per metà formata dalla mafie islamiche sul
Continua
CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE DALLO STATO NEL 2016

CGIA DI MESTRE SCOPRE UN BUCO DI 46 MILIARDI NEI CONTI PUBBLICI DELL'ITALIA: FATTURE NON PAGATE

sabato 20 maggio 2017
La gravissima mancanza di liquidità, ovvero di denaro,  i ritardi burocratici, l'inefficienza di molte amministrazioni a emettere in tempi ragionevolmente brevi i certificati di pagamento
Continua
 
SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E' RIMASTO CONTRARIO

SONDAGGIO IN GRAN BRETAGNA: IL 68% DEI CITTADINI ORA E' FAVOREVOLE ALLA BREXIT! SOLO IL 22% E'

giovedì 18 maggio 2017
LONDRA - E' passato quasi un anno da quando il 52% dei cittadini britannici ha votato per far uscire la Gran Bretagna dalla UE, ma sarebbe un grave errore pensare che molti si siano pentiti di aver
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL CENTRODESTRA FRANCESE ''COPIA'' MARINE LE PEN: ''STOP A SCHENGEN E MIGRANTI DIFESA DELLE RADICI CRISTIANE DELLA FRANCIA''

IL CENTRODESTRA FRANCESE ''COPIA'' MARINE LE PEN: ''STOP A SCHENGEN E MIGRANTI DIFESA DELLE RADICI
Continua

 
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''LA UE E' TERRIBILMENTE DIVISA E VICINA AL PUNTO DI ROTTURA. LA MERKEL MAI COSI' SOLA''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''LA UE E' TERRIBILMENTE DIVISA E VICINA AL PUNTO DI ROTTURA. LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!