43.421.361
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

LA UE HA PAURA DELLA ''BOMBA SPAGNA'' DOVE POTREBBE GOVERNARE PODEMOS E RENZI PENSA DI APPROFITTARNE (STAMPA SPAGNOLA)

mercoledì 17 febbraio 2016

MADRID - I leader europei ufficialmente mantengono la totale neutralità in merito agli sviluppi politici in Spagna. L'unico imperativo, dopo le inconcludenti elezioni del dicembre scorso, e' la creazione di "un governo stabile".

Ma la verità è tutta un'altra.

Il quotidiano spagnolo Abc scrive che "nel privato i principali attori della scena politica europea cercano di influenzare i negoziati tra le forze parlamentari e prendono in esame con apprensione le possibili coalizioni di governo. Un eventuale approdo del partito anti-austerity Podemos al governo della Spagna, anche in un ruolo comprimario, vale a dire nell'ambito di una coalizione a trazione socialista, e' visto di buon occhio in Europa soltanto dal partito greco Syriza".

Secondo Abc, anche una "grande coalizione" che riunisca i tre maggiori partiti della Spagna - Partito popolare, Partito socialista e Cudadanos - non e' considerata da tutti gli attori europei una formula davvero auspicabile, data la distanza di vedute tra Popolari e Socialisti.

Una alto funzionario della squadra economica del governo tedesco ha affermato nei giorni scorsi che la formula della "grande coalizione", che sinora ha funzionato bene in Germania, potrebbe non essere appropriata nel caso della Spagna. "La grande coalizione - ha spiegato - e' una buona formula quando le parti coinvolte sono relativamente vicine sulle questioni fondamentali. Tuttavia, quando le posizioni sono cosi' lontane come nel caso di Pp e Psoe in Spagna, l'esito rischia di essere decisamente negativo".

E resta il fatto che in un momento cruciale della travagliata storia della Ue, la Spagna non ha un governo, ma soprattutto non ha un governo allienato alla Ue alle volontà della Germania, come era quello di Rajoy.

Il principale partito del Parlamento europeo, il Ppe, continua a sostenere i suoi partner spagnoli e spera che il premier uscente, Rajoy appunto, nonostante la sconfitta elettorale e i devastanti scandali per corruzione che hanno visto finire in carcere alcuni tra i massimi esponenti del suo partito, riesca in qualche modo a ottenere un altro mandato alla Moncloa. Ma la speranza accada è prossima allo zero.

Il leader socialista Pedro Sanchez da parte sua sta ricevendo un forte sostegno da alcuni dei leader socialisti piu' importanti in Europa, e tra questi c'è anche - per interesse, sottolinea Abc - l'italiano Matteo Renzi, che spera per mantenere il potere in Italia in una coalizione di governi del Sud del continente per contrastare la politica di austerita' imposta dalla Germania e arcignamente applicata dalla Commissione europea che tra poco "valuterà" il piano economico italiano voluto proprio da Renzi.

Per Renzi - conclude Abc - un governo socialista in Spagna, con o senza Podemos, darebbe vita ad un fronte anti-austerity che si estendera' dalla Grecia al Portogallo e che includera' anche la Francia, il cui presidente, il socialista Hollande, entrera' in campagna elettorale il prossimo anno.

Si puo' inoltre pensare, sottoliena il quotidiano, che i populisti greci stiano ritardando le riforme imposte ad Atene dalla "troika", nella speranza che un "miracolo" - cioe' un governo di sinistra in Spagna che includa Podemos - arrivi in tempo per cambiare la politica europea. 

Nel qual caso, il tracollo della guida "tedesca" è molto probabile che non sarà indolore.

Redazione Milano.


LA UE HA PAURA DELLA ''BOMBA SPAGNA'' DOVE POTREBBE GOVERNARE PODEMOS E RENZI PENSA DI APPROFITTARNE (STAMPA SPAGNOLA)


Cerca tra gli articoli che parlano di:

SPAGNA   RAJOY   PODEMOS   PSOE   SANCHEZ   SOCIALISTI   PPE   BRUXELLES   COMMISSIONE   UE   TSIPRAS   RENZI   GRECIA   PORTOGALLO   ITALIA   AUSTERITY   POPOLARI   MADRID  


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
 
IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER LASCIARE LA UE''

IL MINISTRO DELL'ECONOMIA PADOAN AMMETTE: ''CI POSSONO ESSERE NUOVI REFERENDUM IN EUROPA PER

venerdì 20 gennaio 2017
Il "rischio politico" rappresentato dall'ascesa dei movimenti populisti ed euroscettici nell'Unione Europea e' al centro delle interviste concesse al "Wall Street Journal" e a "Bloomberg" dal
Continua
GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI NEGOZIATI PER LA BREXIT''

GOVERNO MAY: ''ABBIAMO AFFRONTATO I NAZISTI NELLA GUERRA MONDIALE, NON SAREMO SCHIACCIATI DAI

giovedì 19 gennaio 2017
Brexit in evidenza sulla stampa britannica, ma stavolta per le reazioni europee al discorso della premier del Regno Unito, Theresa May, e agli interventi di alcuni dei suoi ministri delle ultime
Continua
 
PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI POSTI DI LAVORO

PER LES ECHOS POTREBBE ARRIVARE PRESTO L'ITALEXIT MENTRE NEL REGNO UNITO COL BREXIT 387.000 NUOVI

martedì 17 gennaio 2017
Dopo la Brexit, potrebbe arrivare presto una Italexit, ovvero l'uscita dell'Italia dalla Ue, questioen che si riaffaccia regolarmente sulle prime pagine dei giornali europei: lo scrive il quotidiano
Continua
IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META' FUORI'' (THERESA MAY)

IL GOVERNO BRITANNICO HA DECISO: BREXIT DURA SENZA COMPROMESSI: ''NON STAREMO META' DENTRO E META'

martedì 17 gennaio 2017
LONDRA - La premier del Regno Unito, Theresa May, riferisce il Financial Times  questa mattina, mettera' alla prova i mercati valutari oggi, quando annuncera' un taglio netto con l'Unione
Continua
 
IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA DETTO ''SOVRANISTA'')

IL 28 GENNAIO A ROMA MANIFESTAZIONE NAZIONALISTA DI FDI E LEGA (MA GUAI AD USARE QUESTA PAROLA: VA

martedì 17 gennaio 2017
ROMA - "I sovranisti sono tutti quelli che vogliono mettere al centro della propria proposta gli interessi nazionali, la tutela delle nostre imprese, del made in Italy, la difesa dei confini, la
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
IL CENTRODESTRA FRANCESE ''COPIA'' MARINE LE PEN: ''STOP A SCHENGEN E MIGRANTI DIFESA DELLE RADICI CRISTIANE DELLA FRANCIA''

IL CENTRODESTRA FRANCESE ''COPIA'' MARINE LE PEN: ''STOP A SCHENGEN E MIGRANTI DIFESA DELLE RADICI
Continua

 
FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''LA UE E' TERRIBILMENTE DIVISA E VICINA AL PUNTO DI ROTTURA. LA MERKEL MAI COSI' SOLA''

FRANKFURTER ALLGEMEINE ZEITUNG: ''LA UE E' TERRIBILMENTE DIVISA E VICINA AL PUNTO DI ROTTURA. LA
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!