43.446.561
Segui il Nord.it con il Feed RSS
I fatti e le opinioni del Nord - ilNord.it

 
LE NOTIZIE CHE GLI ALTRI NON SCRIVONO
Max Parisi

CONFERENZA EPISCOPALE TEDESCA CONTRO LA MERKEL E IL PAPA: ''BASTA ACCOGLIENZA LA GERMANIA NON PUO' ACCOGLIERE CHIUNQUE''

martedì 9 febbraio 2016

LONDRA - Non solo i cittadini tedeschi, che ormai in maggioranza non vogliono più Angela Merkel a capo del governo, ma anche la chiesa cattolica tedesca critica la politica dei rifugiati della Cancelliera tedesca.

In una recente intervista rilasciata al Passauer Neue Presse il cardinale Reinhard Marx, presidente della Conferenza Episcopale di Germania, ha invitato il governo ad accogliere meno rifugiati giustificando tale posizione col fatto che il Paese non puo' accogliere tutti coloro che hanno bisogno di aiuto.

"La questione dei rifugiati - ha aggiunto il cardinale Marx - va vista e gestita con la ragione e non con la pieta' e la compassione".

Ovviamente il cardinale ha anche condannato la crescente xenofobia che alimenta odio e intolleranza, ma chiaramente si e' reso conto che questa situazione non puo' andare avanti e ha usato parole forti per chiedere ai politici tedeschi di usare il buon senso.

Al momento non e' chiaro cosa abbia spinto la chiesa tedesca ad assumere questa posizione, ma di certo tale dichiarazione di buon senso e' lontana anni luce dalla chiesa italiana la quale non fa altro che predicare l'accoglienza e dire che gli immigrati sono una risorsa.

E chi pensasse che la pur autorevole presa di posizione del presidente della Conferenza Episcopale tedesca sia una specie di fulmine nel ciel sereno della Chiesa cattolica tutta dalla parte dell'accoglienza senza limiti e criteri di selezione dei migranti da Africa e Medio Oriente, si sbaglia. E di grosso.

La presa di posizione del cardinale Marx echeggia nelle dichiarazioni - della scorsa estate -  di diversi vescovi ungheresi che hanno applaudito la decisione del presidente Orbán di far costruire  a tempo di record un muro lungo il confine con la Serbia, muro che ha bloccato l'invasione dell'Ungheria da parte di orde di decine di migliaia di migranti, la maggior parte poi scoperti per essere solo economici e non profughi in fuga dalle guerre.

“Papa Francesco ha torto e i rifugiati ci invadono” dichiarò in quella circostanza il vescovo László Kiss-Rigo, e lo dichiarò niente di meno che al Washington Post. Il monsiglore aggiunse: "Vengono qui al grido di Allahu Akbar, ci vogliono conquistare. Sono totalmente d’accordo con il primo ministro, i rifugiati minacciano i valori universali, cristiani, dell’Europa".

E l'arcivescovo di Budapest, monsignor János Székely rincarò la dose: “Con una difesa fisica il processo d’immigrazione illegale si ferma. E’ una soluzione forte ma efficace. E vorrei conoscere le sorti dei cristiani in medio oriente” aggiunse.

Come si vede, solo in Italia la grancassa dell'informazione di regime terzomondista afferma che l'accoglienza sia un dovere cristiano, innanzitutto. 

Da parte nostra segnalismo anche come l'aspetto piu' interessante di questa storia della Conferenza Episcopale tedesca che si schiera contro Papa Bergoglio sia il fatto che e' stata riportata da diversi giornali britannici, ma completamente censurata in Italia a dimostrazione dell'essenza un'informazione libera, sostituita ormai da un'accozzaglia di giornali di regime.

Noi ovviamente non ci stiamo e speriamo che questa storia possa svegliare i tanti italiani che sono di fede cattolica e credono alle menzogne della chiesa di Roma.

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra.


CONFERENZA EPISCOPALE TEDESCA CONTRO LA MERKEL E IL PAPA: ''BASTA ACCOGLIENZA LA GERMANIA NON PUO' ACCOGLIERE CHIUNQUE''


Cerca tra gli articoli che parlano di:

CARDINALE   MARX   GERMANIA   CONFERENZA   EPISCOPALE   PAPA   BERGOGLIO   MIGRANTI   RIFUGIATI   ORBAN   UNGHERIA   MURO   VESCOVI   UE   IMMIGRAZIONE    


 
Gli ultimi articoli sull'argomento
CAPO SINDACATO EGIZIANO AMBULANTI: ''REGENI ERA UNA SPIA, L'HO REGISTRATO E L'HO DENUNCIATO ALLA POLIZIA''

CAPO SINDACATO EGIZIANO AMBULANTI: ''REGENI ERA UNA SPIA, L'HO REGISTRATO E L'HO DENUNCIATO ALLA

martedì 24 gennaio 2017
IL CAIRO - EGITTO - Giulio Regeni "era una spia, l'ho indotto a parlare e l'ho registrato". Resta convinto della sua versione il capo del sindacato dei venditori ambulanti egiziano, Muhammad
Continua
 
AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI PERICOLOSI DELINQUENTI)

AVANTI CON LE ESPULSIONI: LA GERMANIA RISPEDISCE IN AFGHANISTAN FALSI ''PROFUGHI'' (MA VERI

martedì 24 gennaio 2017
BERLINO -  Detto e fatto: come aveva promesso rivolgendosi alla Csu, componente di destra del blocco centrista Cdu che sorregge il suo governo, Angela Merkel ha dato il via alle espulsioni di
Continua
DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

DOPPIO SALTO CARPIATO AVVITATO DI BEPPE GRILLO: ''DONALD TRUMP DICE COSE ABBASTANZA SENSATE''

lunedì 23 gennaio 2017
Donald Trump? "Sono abbastanza ottimista, sembra un moderato". Vladimir Putin? "In politica estera e' quello che dice le cose piu' sensate". Dal settimanale francese Le Journal du Dimanche Beppe
Continua
 
SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO ALLONTANANDO (CASTA IMPERA)

SULLA LEGGE ELETTORALE SALVINI E GRILLO SU POSIZIONI MOLTO SIMILI, MA LE ELEZIONI SI STANNO

lunedì 23 gennaio 2017
Mentre i giudici della Consulta preparano le loro toghe in vista della seduta di domani, nasce un  asse tra Lega e Movimento cinque stelle sulla legge elettorale. Tanto Beppe Grillo quanto
Continua
DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE DI AGIRE NEL PAESE

DOPO RUSSIA E UNGHERIA, ANCHE LA MACEDONIA VUOLE VIETARE A SOROS E ALLE SUE ORGANIZZAZIONI GOLPISTE

lunedì 23 gennaio 2017
LONDRA - Dopo Russia e Ungheria anche la Macedonia si appresta a vietare tutti gli enti non governativi finanziati da George Soros e a tale proposito e' stata lanciata l'operazione SOS, Stop
Continua
 
DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO PRESIDENTE DEL PAESE''

DONALD TRUMP: ''IL 20 GENNAIO 2017 SARA' RICORDATO COME IL GIORNO IN CUI IL POPOLO DIVENNE DAVVERO

venerdì 20 gennaio 2017
WASHINGTON - "Il 20 gennaio del 2017 sarà ricordato come il giorno in cui il popolo divenne di nuovo davvero il presidente del Paese. Le persone dimenticate in questi anni non lo saranno
Continua

 
Articolo precedente  Articolo Successivo
ANALISI-BOMBA DEL FINANCIAL TIMES: ''ALL'EUROPA PER RIPRENDERSI SERVE UN BANCHIERE COME SHACHT, QUELLO DI HITLER''

ANALISI-BOMBA DEL FINANCIAL TIMES: ''ALL'EUROPA PER RIPRENDERSI SERVE UN BANCHIERE COME SHACHT,
Continua

 
BLOOMBERG: ''RISCHIO INSOLVENZA PER DEUTSCHE BANK, POTREBBE NON RIUSCIRE A PAGARE GLI INTERESSI DELLE SUE OBBLIGAZIONI''

BLOOMBERG: ''RISCHIO INSOLVENZA PER DEUTSCHE BANK, POTREBBE NON RIUSCIRE A PAGARE GLI INTERESSI
Continua


 

 
Segui I Feed delle Brevi!
Brevi, quasi brevi? Brevissime!